Home » Rubriche »Very Important Planet » Carlo Crisci: ecco come ho riportato le erbe selvatiche in cucina:

Carlo Crisci: ecco come ho riportato le erbe selvatiche in cucina

ottobre 17, 2014 Rubriche, Very Important Planet

Carlo Crisci è uno dei dieci migliori cuochi elvetici. 58 anni, nato in Svizzera da genitori italiani, lo chef è stato scelto quest’anno come padrino della Settimana del Gusto, che si è tenuta in tutto il Paese dal 18 al 28 settembre. A rendere speciali la sua cucina, oltre ai molti riconoscimenti ricevuti – tra questi, le due stelle Michelin per il suo ristorante Le Cerf, di Cossonay, vicino a Losanna –, è l’uso delle erbe spontanee, raccolte appositamente per il suo ristorante da due “coglitrici”, Nicole e Anne-Marie. “E’ stato come per un pittore scoprire nuovi colori. Le erbe selvatiche sono quanto di più bello ci offre il nostro territorio, e nello stesso tempo rappresentano anche qualcosa di molto esotico perché certi gusti sono stati completamente dimenticati. Non ne faccio un’ossessione, ma ci sono quasi sempre delle erbe nei miei piatti, alcune hanno addirittura sostituito altri ingredienti, ad esempio il geum comune ha preso il posto del chiodo di garofano”, ha spiegato Crisci in occasione della manifestazione. Lo chef sarà presente anche al Salone del Gusto per un laboratorio, lunedì 27 ottobre alle 12: proporrà tre piatti a base di erbe selvatiche e prodotti locali, accompagnati da altrettanti vini svizzeri.

D) Crisci, come ha iniziato a cucinare?

R) Mio papà quando partì dall’Italia faceva il calzolaio. Poi in Svizzera ha imparato a cucinare ed ha aperto un ristorante. La sua cucina era il risultato della sua storia: svizzera, ma con un tocco italiano. Era un contadino nell’animo, lavorava l’orto e produceva molto di quello che poi usava in cucina. Io ho iniziato a fare questo lavoro a 16 anni: all’inizio volevo fare il designer, ma il mio professore di disegno mi consigliò di imparare un mestiere sicuro prima di dedicarmi al lavoro artistico, in modo che se l’esperienza di designer fossa andata male avrei potuto rilevare il locale della mia famiglia. All’inizio però, non mi piacque molto: all’epoca la cucina era stabilizzata, classica, francese, rigorosa, anche se il mestiere permetteva di viaggiare un po’, e questo era positivo. Negli anni ’76-’77 poi è arrivata la Nouvelle cuisine, che ha dato la possibilità al cuoco di giocare con i prodotti, riflettere sul proprio lavoro. Questa cosa mi piacque molto: da lì in poi la cucina per me è diventata una passione.

D) Lei è molto conosciuto per l’utilizzo di erbe spontanee. Quando ha iniziato a introdurle nella sua cucina?

R) Le uso da 15 anni. Tutto è iniziato dall’incontro con Francois Couplan, etnobotanista conosciuto in tutto il mondo: è lui che ha formato i pochi cuochi che oggi lavorano con le piante selvatiche. Un giorno è venuto a mangiare da me e mi ha iniziato a questo mondo. Spesso le piante spontanee non sono conosciute: i nostri nonni le adoperavano, tutti le sapevano riconoscere. Oggi queste conoscenze sono scomparse. In questo senso, la mia è stata una riscoperta di qualcosa di molto antico. Poco tempo fa io e Couplan abbiamo abbiamo scritto insieme un libro, “Vertiges des Saveurs”: lui ha curato le schede tecniche delle piante e io le ricette con le piante selvatiche.

D) Che cosa le è piaciuto delle erbe spontanee?

R) Mi è piaciuto l’odore. Le erbe spontanee mi hanno dato altri colori, altri sapori da scoprire. Io ho fatto un solo apprendistato prima di cominciare a lavorare. Quello che so l’ho imparato con mio papà e poi da solo: ho sempre dovuto scoprire anche i prodotti classici, e per questo non ero spaventato da un prodotto nuovo come le erbe selvatiche. All’inizio è stato come esplorare un terreno sconosciuto.

D) Come è cambiata la gastronomia in questi anni? Oggi c’è molta attenzione verso questi temi, complice anche la tv, che ne pensa?

R) La gastronomia non è mai stata così importante per i media. Non si può accendere la tv senza vedere una cucina, che però spesso è lontana dalla realtà: i giovani quando vengono in una cucina che lavora normalmente prendono paura, perché quello che hanno visto in tv era completamente diverso. Nei programmi di cucina, poi, si viene sempre giudicati: e ormai anche il cliente fa lo stesso con i locali, non viene più a sperimentare il ristorante, ma a giudicarlo.

D) Il ridotto impatto ambientale e la salute sono due criteri da seguire per la cucina di domani?

R) Sì, la cucina di domani è quella semplice e sana, di cibi prodotti con rispetto e coscienza. Per esserci cucina e personalità, dai piatti deve trasparire la storia della persona. Deve esserci un rapporto stretto con l’agricoltore e il pescatore. Il prodotto è la base: senza un prodotto buono e sano, non si fa un buon piatto. Io ho imparato la cucina anche da mio nonno, che coltivava l’orto, e solo guardando gli ortaggi sapeva distinguerli per i diversi usi. Riusciva a capire subito il prodotto e questo oggi manca, anche se non bisogna dimenticare che anche la tecnica è importante, perché dà la possibilità di rispettare il prodotto. Più la cucina è semplice, forse più c’è tecnica dietro. E la cucina semplice dietro ha sempre molto lavoro che non si vede. Io faccio per esempio molti sughi di verdura: li riduco a soli 30 gradi, in modo che questa cottura a bassissima temperatura conservi tutte le sostanze termolabili.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

settembre 15, 2016

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

Mai provata un’auto a emissioni zero? Come ha scritto il direttore editoriale di Greenews.info, Andrea Gandiglio, al rientro dalla 7° ECOdolomites, “è un’esperienza assolutamente da provare e suggerire a chiunque”. Il giorno del Battesimo Elettrico, per molti milanesi, potrebbe essere Sabato 17 settembre all’appuntamento che Share’ngo ha organizzato dalle 9.30 alle 13.00  presso l’Isola Digitale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende