Home » Rubriche »Very Important Planet » Carlo Gabardini: un coming out per l’ambiente:

Carlo Gabardini: un coming out per l’ambiente

novembre 6, 2015 Rubriche, Very Important Planet

Il volto di Olmo Ghesizzi di Camera Café, ma anche il barista di Benvenuti al Nord, nonché il protagonista e autore del video contro il bullismo La marmellata e la Nutella. Sono solo alcune delle tante attività in cui si è impegnato Carlo Gabardini, attuale conduttore del programma radiofonico Si può fare con Alessio Maurizi su Radio 24 e soprattutto autore del libro Fossi in te io insisterei, che sta presentando in un tour dedicato attraverso tutta l’Italia. A Greenews.info ne racconta le motivazioni.

D) Carlo, perché hai deciso di scrivere questo libro?

R) Perché sentivo la mia vita in stand-by e col passare degli anni continuavo a incontrare  uomini e donne altrettanto bloccati, quasi sedati, come se fossimo tutti impauriti dall’unica vita che abbiamo; perché penso che passare indenni l’esistenza sia un piano molto poco saggio; perché penso che prendere la propria vita in mano sia un dovere di ognuno e soprattutto è foriero di un’energia incredibile e quindi ci tenevo a testimoniarlo; perché dovevo dire delle cose a mio padre, forse addirittura freudianamente ammazzarlo di nuovo, per smetterla di essergli figlio e solo così poter pensare a diventare padre a mia volta.

D) Che tipo di riscontri hai avuto quando lo hai presentato ai più giovani?

R) Commoventi e straordinari. Mi invitano spesso nei licei e io ci vado volentierissimo: sono le ragazze e i ragazzi che mi hanno fatto capire – spesso proprio dicendomelo, senza tanti giri di parole – quanto per loro il libro sia stato utile. Proprio oggi una ragazza mi ha scritto annunciandomi con una foto che si era appena fatta tatuare “Fossi in te io insisterei”, su due righe, sul collo. Tutta la mia commozione è nel post di risposta che le ho dedicato.

D) Quale sarà il tuo prossimo progetto in ambito scrittura?

R) Non lo so. Sto scrivendo per Vanity Fair e ritrovarmi in edicola mi piace moltissimo, però al momento è solo un inizio. Ho in ballo progetti di sceneggiatura, ma quello fa parte della mia quotidianità. Se parli di pubblicazioni, devo dire che siccome questo mio primo libro è mio padre ma contemporaneamente è anche mio figlio, quando mi chiedono se ne scriverò un secondo mi sento come una puerpera che ha appena partorito e all’improvviso spalanca la porta il medico che le urla: “Signora, ne vuole un altro?!”. Diciamo che vorrei intanto godermi questo, ecco.

D) Hai mai pensato di lavorare su qualche tematica ambientale?

R) Non mi sento minimamente titolato a parlare in maniera approfondita di salvaguardia del pianeta o disastri ambientali, però penso che ognuno di noi, soprattutto vista la situazione attuale, dovrebbe porre attenzione all’ambiente qualunque cosa faccia, dica, scriva. Ciononostante molti anni fa scrissi assieme a Fabrizio Pagella uno spettacolo sull’ACNA di Cengio, fabbrica chimica accusata di aver devastato il fiume Bormida. È un monologo che amo tantissimo e si intitolava “Acqua porca”, riprendendo una famosa definizione del gigantesco Beppe Fenoglio.

D) Nel tuo libro parli di coming out nel senso di riappropriazione dei propri sogni e della propria identità. Pensando all’ambiente, secondo te qual è il coming out che si dovrebbe fare e da parte di chi?

R) Sì, io penso che la questione del coming-out non dovrebbe essere un’esclusiva di noi omosessuali, ma di tutti. Credo che pure gli eterosessuali dovrebbero appropriarsene. Perché «venir fuori», mostrarsi per chi si è realmente, urlare cosa si desidera per la propria esistenza, non concerne solo la sfera sessuale, riguarda il nostro senso di stare al mondo. Fare coming-out significa cominciare a vivere. E se finalmente cominci a vivere e dunque a comprendere l’importanza e l’unicità dell’esistenza, mi sembra impossibile che ciò non si riverberi sull’ambiente. Come scrivo nelle pagine finali del mio libro, io penso che la vita sia sostanzialmente relazione: con l’Altro, col tutto, con se stessi. Il coming-out da fare credo che sia quello di comprendere che ognuno di noi è parte della Natura, quindi danneggiarla sarebbe come passare la giornata a tirarsi dei pugni molto forti su tutto il corpo. È semplicemente stupido.

D) Qual è il tuo rapporto personale con l’ambiente? Quali sono i gesti quotidiani che compi per rispettarlo?

R) Vorrei dirti che faccio con attenzione la differenziata, ma se ti elencassi tutti gli oggetti che non ho la certezza di dove si buttino, mi bocceresti di sicuro. Diciamo che ci provo. E poi, essendo un fumatore accanito, ho un’attenzione piuttosto insistente a non gettare la cicca in terra: la schiaccio fino a espellere il residuo di tabacco incandescente (che può tranquillamente cadere al suolo perché biodegradabile) ma poi cerco una spazzatura pubblica per liberarmi del mozzicone. Poi, mentre fumo la successiva, penso a dove comunque finirà la mia cicca messa diligentemente nel secchio.

D) Tu hai lavorato con tanti media diversi, dal teatro alla radio al cinema alla televisione. Quale pensi sia il più adatto e il più efficace per un’informazione che contribuisca a creare una coscienza ambientale?

R) Tutti; non mi sembra per nulla saggio scegliere un media piuttosto che un altro, già ci si occupa troppo poco di ambiente (o forse troppo male), mettersi anche a fare gli schizzinosi fra mezzi di comunicazione non mi pare una buona idea. Il mezzo è il mezzo, non è né buono né cattivo; è il contenuto che può essere salutare oppure dannoso.

D) Tu sei vicino anche al mondo del giornalismo: come pensi che venga trattato dal giornalismo in Italia il tema ambientale?

R) Non sono un giornalista anche se certamente faccio cose affini. Nella trasmissione “Si può fare” che conduco assieme ad Alessio Maurizi tutti i sabati e le domeniche mattina su Radio24, ci occupiamo molto di temi ambientali, di soluzioni alternative, di progetti innovativi attraverso i quali “si può fare” diversamente e meglio, anche per ciò che concerne la sostenibilità dell’uomo su questo pianeta. Però, in generale, ho la sensazione che il tema dell’ambiente sia in Italia spesso trattato con sufficienza, senza l’attenzione che meriterebbe, senza una reale spinta per risolvere il problema o almeno una parte. Ma il dato grave mi pare essere che tutto ciò avviene nonostante si dia l’impressione che di ambiente si parli tantissimo e sia una vera preoccupazione di ognuno..

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

giugno 20, 2018

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

Come dare nuova vita agli spazi dismessi delle città? Come riempire i vuoti urbani non solo attraverso una riqualificazione fisica ma anche culturale, sociale e ambientale? Quale futuro collettivo immaginare per le aree abbandonate? Come creare rete tra istituzioni e associazioni cittadine per intervenire in modo partecipato nei processi di riattivazione degli immobili inutilizzati, come [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende