Home » Rubriche »Very Important Planet » Carlo Gabardini: un coming out per l’ambiente:

Carlo Gabardini: un coming out per l’ambiente

novembre 6, 2015 Rubriche, Very Important Planet

Il volto di Olmo Ghesizzi di Camera Café, ma anche il barista di Benvenuti al Nord, nonché il protagonista e autore del video contro il bullismo La marmellata e la Nutella. Sono solo alcune delle tante attività in cui si è impegnato Carlo Gabardini, attuale conduttore del programma radiofonico Si può fare con Alessio Maurizi su Radio 24 e soprattutto autore del libro Fossi in te io insisterei, che sta presentando in un tour dedicato attraverso tutta l’Italia. A Greenews.info ne racconta le motivazioni.

D) Carlo, perché hai deciso di scrivere questo libro?

R) Perché sentivo la mia vita in stand-by e col passare degli anni continuavo a incontrare  uomini e donne altrettanto bloccati, quasi sedati, come se fossimo tutti impauriti dall’unica vita che abbiamo; perché penso che passare indenni l’esistenza sia un piano molto poco saggio; perché penso che prendere la propria vita in mano sia un dovere di ognuno e soprattutto è foriero di un’energia incredibile e quindi ci tenevo a testimoniarlo; perché dovevo dire delle cose a mio padre, forse addirittura freudianamente ammazzarlo di nuovo, per smetterla di essergli figlio e solo così poter pensare a diventare padre a mia volta.

D) Che tipo di riscontri hai avuto quando lo hai presentato ai più giovani?

R) Commoventi e straordinari. Mi invitano spesso nei licei e io ci vado volentierissimo: sono le ragazze e i ragazzi che mi hanno fatto capire – spesso proprio dicendomelo, senza tanti giri di parole – quanto per loro il libro sia stato utile. Proprio oggi una ragazza mi ha scritto annunciandomi con una foto che si era appena fatta tatuare “Fossi in te io insisterei”, su due righe, sul collo. Tutta la mia commozione è nel post di risposta che le ho dedicato.

D) Quale sarà il tuo prossimo progetto in ambito scrittura?

R) Non lo so. Sto scrivendo per Vanity Fair e ritrovarmi in edicola mi piace moltissimo, però al momento è solo un inizio. Ho in ballo progetti di sceneggiatura, ma quello fa parte della mia quotidianità. Se parli di pubblicazioni, devo dire che siccome questo mio primo libro è mio padre ma contemporaneamente è anche mio figlio, quando mi chiedono se ne scriverò un secondo mi sento come una puerpera che ha appena partorito e all’improvviso spalanca la porta il medico che le urla: “Signora, ne vuole un altro?!”. Diciamo che vorrei intanto godermi questo, ecco.

D) Hai mai pensato di lavorare su qualche tematica ambientale?

R) Non mi sento minimamente titolato a parlare in maniera approfondita di salvaguardia del pianeta o disastri ambientali, però penso che ognuno di noi, soprattutto vista la situazione attuale, dovrebbe porre attenzione all’ambiente qualunque cosa faccia, dica, scriva. Ciononostante molti anni fa scrissi assieme a Fabrizio Pagella uno spettacolo sull’ACNA di Cengio, fabbrica chimica accusata di aver devastato il fiume Bormida. È un monologo che amo tantissimo e si intitolava “Acqua porca”, riprendendo una famosa definizione del gigantesco Beppe Fenoglio.

D) Nel tuo libro parli di coming out nel senso di riappropriazione dei propri sogni e della propria identità. Pensando all’ambiente, secondo te qual è il coming out che si dovrebbe fare e da parte di chi?

R) Sì, io penso che la questione del coming-out non dovrebbe essere un’esclusiva di noi omosessuali, ma di tutti. Credo che pure gli eterosessuali dovrebbero appropriarsene. Perché «venir fuori», mostrarsi per chi si è realmente, urlare cosa si desidera per la propria esistenza, non concerne solo la sfera sessuale, riguarda il nostro senso di stare al mondo. Fare coming-out significa cominciare a vivere. E se finalmente cominci a vivere e dunque a comprendere l’importanza e l’unicità dell’esistenza, mi sembra impossibile che ciò non si riverberi sull’ambiente. Come scrivo nelle pagine finali del mio libro, io penso che la vita sia sostanzialmente relazione: con l’Altro, col tutto, con se stessi. Il coming-out da fare credo che sia quello di comprendere che ognuno di noi è parte della Natura, quindi danneggiarla sarebbe come passare la giornata a tirarsi dei pugni molto forti su tutto il corpo. È semplicemente stupido.

D) Qual è il tuo rapporto personale con l’ambiente? Quali sono i gesti quotidiani che compi per rispettarlo?

R) Vorrei dirti che faccio con attenzione la differenziata, ma se ti elencassi tutti gli oggetti che non ho la certezza di dove si buttino, mi bocceresti di sicuro. Diciamo che ci provo. E poi, essendo un fumatore accanito, ho un’attenzione piuttosto insistente a non gettare la cicca in terra: la schiaccio fino a espellere il residuo di tabacco incandescente (che può tranquillamente cadere al suolo perché biodegradabile) ma poi cerco una spazzatura pubblica per liberarmi del mozzicone. Poi, mentre fumo la successiva, penso a dove comunque finirà la mia cicca messa diligentemente nel secchio.

D) Tu hai lavorato con tanti media diversi, dal teatro alla radio al cinema alla televisione. Quale pensi sia il più adatto e il più efficace per un’informazione che contribuisca a creare una coscienza ambientale?

R) Tutti; non mi sembra per nulla saggio scegliere un media piuttosto che un altro, già ci si occupa troppo poco di ambiente (o forse troppo male), mettersi anche a fare gli schizzinosi fra mezzi di comunicazione non mi pare una buona idea. Il mezzo è il mezzo, non è né buono né cattivo; è il contenuto che può essere salutare oppure dannoso.

D) Tu sei vicino anche al mondo del giornalismo: come pensi che venga trattato dal giornalismo in Italia il tema ambientale?

R) Non sono un giornalista anche se certamente faccio cose affini. Nella trasmissione “Si può fare” che conduco assieme ad Alessio Maurizi tutti i sabati e le domeniche mattina su Radio24, ci occupiamo molto di temi ambientali, di soluzioni alternative, di progetti innovativi attraverso i quali “si può fare” diversamente e meglio, anche per ciò che concerne la sostenibilità dell’uomo su questo pianeta. Però, in generale, ho la sensazione che il tema dell’ambiente sia in Italia spesso trattato con sufficienza, senza l’attenzione che meriterebbe, senza una reale spinta per risolvere il problema o almeno una parte. Ma il dato grave mi pare essere che tutto ciò avviene nonostante si dia l’impressione che di ambiente si parli tantissimo e sia una vera preoccupazione di ognuno..

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

luglio 27, 2017

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

Con la collaborazione diretta della casa madre italiana Tere Group Srl, detentrice della tecnologia e insieme ad UNIMORE (Università di Modena e Reggio Emilia), L.I.S.T. (Luxembourg Institute of Science and Technology) e altri partner lussemburghesi, la nuova società Tere Group Lux S.A avvierà un innovativo progetto rivolto alla costruzione di MEMO (Mezzo Operativo Mobile), un [...]

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende