Home » Rubriche »Very Important Planet » Carlot-ta: nel nuovo album la montagna si veste di immaginario pop folk:

Carlot-ta: nel nuovo album la montagna si veste di immaginario pop folk

settembre 26, 2014 Rubriche, Very Important Planet

L’ispirazione è venuta dalla Valsesia, Alpi occidentali piemontesi, ma poi l’immaginazione, la composizione e la rielaborazione digitale l’hanno trasformata in qualcos’altro. Una montagna mitica, intima, romantica e idealizzata concentrata negli undici pezzi che compongono “Songs of Mountain Stream”, il secondo album di Carlotta Sillano, in arte Carlot-ta, in uscita oggi, 26 settembre. La cantautrice, che presto partirà per un tour di presentazione dell’album, racconta a Greenews.info la genesi dell’album, a partire dal suo rapporto con l’ambiente montano e da quel filtro che – forse inevitabilmente – ha dovuto porre tra sé è il paesaggio per idealizzarlo e trasformarlo in un prodotto artistico. Vercellese, 24 anni, Carlot-ta è cantante, pianista e polistrumentista, compone canzoni da sempre. A maggio scorso è stata invitata a esibirsi al Liverpool Sound City, uno dei più grandi festival musicali inglesi; il mese successivo durante il Festival dei Due Mondi di Spoleto ha ricevuto, da una giuria presieduta da Gino Paoli, il Premio SIAE alla Creatività, dedicato ai giovani autori nell’ambito della musica, del teatro, della danza. “Songs of Mountain Stream”, prodotto da Rob Ellis (già al lavoro con PJ Harvey, Anna Calvi, Marianne Faithfull, Placebo), arriva dopo l’album d’esordio “Make Me a Picture of the Sun”, insignito del Premio Ciampi – Città di Livorno e della Targa M.E.I. Supersounds come miglior debutto discografico del 2011, e viene segnalato per lo stesso motivo tra i cinque candidati alla Targa Tenco.

D) Carlotta, oggi esce il tuo nuovo album, “Song of Mountain Stream”. Al di là del titolo, in che modo la montagna è presente nel tuo disco?

R) Il disco è ambientato in montagna. Sono molto legata al territorio alpino, in particolare alla Valsesia, nelle Alpi occidentali. L’ispirazione proviene da quel posto specifico e reale, che poi però diventa qualcos’altro attraverso la scrittura della canzone. Il mio non vuole essere un esperimento di etno-musicologia: non sono andata a riprendere la musica tradizionale delle Alpi, ma attraverso un pop folk contemporaneo ho voluto raccontare il mio legame reale con la montagna, idealizzandolo allo stesso tempo.

D) Qual è il tuo rapporto con questi luoghi?

R) Ho una visione un po’ mitica di questi luoghi. Li vivo, ma non ho il punto di vista di un autoctono: per questo probabilmente mi appaiono così belli. Questo disco non racconta però la cultura specifica della Valsesia, né nomina luoghi specifici: piuttosto qui racconto la mia montagna, filtrata attraverso l’immaginazione, la composizione della canzone e gli strumenti tecnici e musicali.

D) Che cosa della montagna ti ha ispirato di più per questo disco?

R) Ho attinto molto dal repertorio di leggende delle Alpi. In “Basiliscus“, per esempio, una donna racconta di come un rettile con la cresta da gallo, un essere della mitologia alpina, si è insediato nella sua tomba. E poi dalla montagna vengono anche suggestioni, immagini, paesaggi che mi hanno colpito. Compongo sempre a casa, al mio pianoforte: per questo mi baso sempre su ciò che mi ha particolarmente colpito, mettendo il filtro dell’immaginazione tra me e le Alpi. Tra l’altro, nel mio disco c’è anche una canzone dedicata al mio piano, “Carl Holz”: è il nome del mio pianoforte, ma “holz” significa anche bosco.

D) Nel disco sono presenti anche i rumori della montagna. In che modo?

R) Tutta la parte ritmica e percussiva  è stata realizzata partendo da field recordings: io stessa sono andata in montagna con un registratore per raccogliere quei suoni, che poi sono stati digitalizzati e rielaborati al computer.

D) Sulla copertina del tuo nuovo disco c’è l’immagine di una foresta, su quella del primo album c’erano degli alberi stilizzati. Perchè questa scelta?

R) Il primo disco si basava sull’idea di una situazione in cui non si può vivere la vita vera, e allora la si immagina attraverso l’arte e la letteratura. Gli alberi stilizzati rappresentavano quindi questa artificiosità. In questo nuovo disco il legame con la natura è più diretto e concreto. In copertina c’è la fotografia di una foresta virata sul rosso, quasi a voler inserire, di nuovo, un filtro, una mediazione. Non è un effetto di Photoshop, ma il frutto di un processo di sviluppo della foto come se fosse una diapositiva. Mentre scrivevo le canzoni, mi ero già fatta un’idea precisa dell’artwork, poi ho chiesto al fotografo Stefano Schiaffonati di immortalare il bosco.

D) L’ultima traccia del disco si intitola “Waldeinsamkeit”, un termine tedesco che indica la sensazione di trovarsi soli nel bosco. Perché hai deciso di inserire questa idea nel tuo disco?

R) “Waldeinsamkeit” è il titolo di una poesia di Ralph Emerson. Un giorno ho letto di questo concetto e mi è sembrato giusto usarlo per chiudere il disco. È una sensazione molto legata a un sentire romantico, che io stessa ho sperimentato quando mi sono trovata da sola nella foresta per registrare i suoni.

D) Oltre al paesaggio alpino, ci sono altri tipi di ambiente che attirano il tuo interesse compositivo?

R) Sono molto affascinata dai luoghi in cui la natura è protagonista, ma mi interessano anche le città. Mi interessa molto l’ambiente come contesto abitativo, il paesaggio urbano ed extraurbano. Mi attira osservare e capire i luoghi abitati, il modo in cui la gente li abita e il rapporto che si instaura tra la gente e il luogo dove vive.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

agosto 9, 2018

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

E’ salpato sabato 21 luglio il primo Corso di Navigazione, Ambiente e Cultura del Centro Velico Caprera. Un’assoluta novità per la più prestigiosa scuola di vela del Mediterraneo che ha pensato di unire i contenuti di un classico corso di cabinato ad un’esperienza formativa dal punto di vista culturale e naturalistico, grazie alla presenza di un esperto [...]

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende