Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Casa Scaparone, storia e futuro di un sogno coltivato tra terra e anima:

Casa Scaparone, storia e futuro di un sogno coltivato tra terra e anima

gennaio 11, 2017 Campioni d'Italia, Rubriche

Il 20 dicembre il corpo di Batista ha smesso di funzionare, ma di uno come lui non puoi mai dire che “si è spento”. La brutta malattia si è presa prematuramente, a soli 49 anni, le spoglie mortali, ma non è riuscita a rubare i frutti di un instancabile “coltivatore diretto di sogni, un costruttore di case già costruite, un esploratore di quel che esiste già” – come amava definirsi, alla sua maniera eclettica e un po’ poetica.

Giovanni Battista Cornaglia, oltre che un amico, per me e per Greenews.info, fonte di ispirazione per chiunque lo abbia frequentato, è stato, insieme alla moglie Alessandra Biglino, il fondatore, nel 2000, di Casa Scaparone, rubricato per semplicità, come agriturismo, ma in realtà un mondo infinito di idee e progetti costruiti intorno al concetto di simbiosi tra uomo e terra e di ritorno alle origini più autentiche - che non sono necessariamente quelle filologiche degli studiosi e dei restauratori, ma quelle che racchiudono l’essenza della persona. Casa Scaparone può sembrare infatti, ad un primo sguardo, una tradizionale cascina piemontese ristrutturata, ma quando ci entri, la visiti, ci dormi e ci mangi, capisci che è la fotografia di Batista e Alessandra, delle loro origini tra Langhe e Roero, ma anche della loro passione per la filosofia steineriana e della vita in Africa, tra il 1988 e il 2000, materialmente presente nello stile di alcune decorazioni con oggetti di recupero, ma anche nelle mani della giovane cuoca afro-piemontese, che cucina con la sapienza culinaria delle nonne del primo Novecento. Il glocal nella sua massima e migliore espressione, come formula di perfetta sintesi tra innovazione e tradizione del Made in Italy. Per questo ai tavoli trovi russi, giapponesi, americani, svizzeri, tedeschi e gente da ogni parte del mondo e da ogni regione d’Italia, incantati dal fascino unico e irripetibile che questo luogo emana a chi è sulla stessa “lunghezza d’onda”.

Ma Casa Scaparone nasce innanzitutto come azienda agricola e come comunità dove sperimentare la coltivazione, in regime biodinamico, di antiche varietà di cereali, andate perdute nei secoli a vantaggio di quelle più “commerciali”, anche se meno nutrienti. Nel 2014, dopo l’esperienza di Urtica (una chicca di “festa dell’uomo e delle piante spontanee commestibili”), il ristorante di Scaparone diventa il primo, nella zona albese, a proporre un menu totalmente vegano, fatto con verdure, cereali, erbe, frutta e altre materie prime locali, fresche e di stagione. Non una cosa da frustarsi in ginocchio sui ceci, ma una serie di piatti che non fanno rimpiangere, per gustosità, il menu tradizionale piemontese, mai abbandonato. La “carne cruda” vegana rimane un’esperienza indimenticabile, che appaga l’occhio con le sue sembianze da classica carne cruda battuta al coltello, ma ti stupisce, appena l’assaggi, con il gusto della barbabietola!

Uno scherzo da ragazzi per un creativo come Batista, sempre sul crinale tra la celebrazione dei forestieri e degli “irregolari” e la feroce critica dei benpensanti e dei compaesani, come quando fece affiggere, per le strade di Alba, i manifesti della sua campagna più nota e dissacrante: “Guida poco che devi bere” (solo in seguito utilizzata da Mauro Corona come titolo del suo libro, come mi confessò una volta, un po’piccato, ma in fondo orgoglioso di quella “condivisione” di proprietà intellettuale).

Non sempre rose e fiori: Batista e Alessandra sono passati, come tutti i comuni mortali e come tutti gli imprenditori, attraverso mille difficoltà burocratiche e famigliari. Da veri “Campioni d’Italia” si sono confrontati con le follie e la rigidità delle normative italiane – incapaci di lasciare spazio a nuovi modelli di business o, semplicemente, a chi voglia fare diversamente - e per ultimo hanno vissuto la lacerazione di una malattia incurabile. Eppure tornando a Casa Scaparone ti rendi conto che nulla di quello che è stato creato è morto. Sopravvive in ogni dettaglio degli edifici e della nuova “villa”, finita pochi mesi fa, nella passione dei ragazzi che ci lavorano e che “ci credono” e nella determinazione di Alessandra, che non ha intenzione di rinunciare a quel sogno. Anzi. “Voglio potenziare la produzione di cereali e delle vigne – ci racconta – ma sopratutto voglio che Scaparone diventi sempre più un luogo di nutrimento non solo del corpo, ma anche dello spirito, un centro di vivacità artistica e culturale, oltre che agricola e gastronomica“.  Non sarà sola, ora ad affiancarla ci saranno i figli: Carolina (20), Umberto (18) e “la mascotte”, Giovannino, di neanche 10 anni, quello che più ricorda il papà, nel sorriso e nella fantasia. Lunga vita a Casa Scaparone, che ora più che mai resterà la nostra “seconda redazione”!

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

luglio 27, 2017

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

Con la collaborazione diretta della casa madre italiana Tere Group Srl, detentrice della tecnologia e insieme ad UNIMORE (Università di Modena e Reggio Emilia), L.I.S.T. (Luxembourg Institute of Science and Technology) e altri partner lussemburghesi, la nuova società Tere Group Lux S.A avvierà un innovativo progetto rivolto alla costruzione di MEMO (Mezzo Operativo Mobile), un [...]

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende