Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Casa Scaparone, storia e futuro di un sogno coltivato tra terra e anima:

Casa Scaparone, storia e futuro di un sogno coltivato tra terra e anima

gennaio 11, 2017 Campioni d'Italia, Rubriche

Il 20 dicembre il corpo di Batista ha smesso di funzionare, ma di uno come lui non puoi mai dire che “si è spento”. La brutta malattia si è presa prematuramente, a soli 49 anni, le spoglie mortali, ma non è riuscita a rubare i frutti di un instancabile “coltivatore diretto di sogni, un costruttore di case già costruite, un esploratore di quel che esiste già” – come amava definirsi, alla sua maniera eclettica e un po’ poetica.

Giovanni Battista Cornaglia, oltre che un amico, per me e per Greenews.info, fonte di ispirazione per chiunque lo abbia frequentato, è stato, insieme alla moglie Alessandra Biglino, il fondatore, nel 2000, di Casa Scaparone, rubricato per semplicità, come agriturismo, ma in realtà un mondo infinito di idee e progetti costruiti intorno al concetto di simbiosi tra uomo e terra e di ritorno alle origini più autentiche - che non sono necessariamente quelle filologiche degli studiosi e dei restauratori, ma quelle che racchiudono l’essenza della persona. Casa Scaparone può sembrare infatti, ad un primo sguardo, una tradizionale cascina piemontese ristrutturata, ma quando ci entri, la visiti, ci dormi e ci mangi, capisci che è la fotografia di Batista e Alessandra, delle loro origini tra Langhe e Roero, ma anche della loro passione per la filosofia steineriana e della vita in Africa, tra il 1988 e il 2000, materialmente presente nello stile di alcune decorazioni con oggetti di recupero, ma anche nelle mani della giovane cuoca afro-piemontese, che cucina con la sapienza culinaria delle nonne del primo Novecento. Il glocal nella sua massima e migliore espressione, come formula di perfetta sintesi tra innovazione e tradizione del Made in Italy. Per questo ai tavoli trovi russi, giapponesi, americani, svizzeri, tedeschi e gente da ogni parte del mondo e da ogni regione d’Italia, incantati dal fascino unico e irripetibile che questo luogo emana a chi è sulla stessa “lunghezza d’onda”.

Ma Casa Scaparone nasce innanzitutto come azienda agricola e come comunità dove sperimentare la coltivazione, in regime biodinamico, di antiche varietà di cereali, andate perdute nei secoli a vantaggio di quelle più “commerciali”, anche se meno nutrienti. Nel 2014, dopo l’esperienza di Urtica (una chicca di “festa dell’uomo e delle piante spontanee commestibili”), il ristorante di Scaparone diventa il primo, nella zona albese, a proporre un menu totalmente vegano, fatto con verdure, cereali, erbe, frutta e altre materie prime locali, fresche e di stagione. Non una cosa da frustarsi in ginocchio sui ceci, ma una serie di piatti che non fanno rimpiangere, per gustosità, il menu tradizionale piemontese, mai abbandonato. La “carne cruda” vegana rimane un’esperienza indimenticabile, che appaga l’occhio con le sue sembianze da classica carne cruda battuta al coltello, ma ti stupisce, appena l’assaggi, con il gusto della barbabietola!

Uno scherzo da ragazzi per un creativo come Batista, sempre sul crinale tra la celebrazione dei forestieri e degli “irregolari” e la feroce critica dei benpensanti e dei compaesani, come quando fece affiggere, per le strade di Alba, i manifesti della sua campagna più nota e dissacrante: “Guida poco che devi bere” (solo in seguito utilizzata da Mauro Corona come titolo del suo libro, come mi confessò una volta, un po’piccato, ma in fondo orgoglioso di quella “condivisione” di proprietà intellettuale).

Non sempre rose e fiori: Batista e Alessandra sono passati, come tutti i comuni mortali e come tutti gli imprenditori, attraverso mille difficoltà burocratiche e famigliari. Da veri “Campioni d’Italia” si sono confrontati con le follie e la rigidità delle normative italiane – incapaci di lasciare spazio a nuovi modelli di business o, semplicemente, a chi voglia fare diversamente - e per ultimo hanno vissuto la lacerazione di una malattia incurabile. Eppure tornando a Casa Scaparone ti rendi conto che nulla di quello che è stato creato è morto. Sopravvive in ogni dettaglio degli edifici e della nuova “villa”, finita pochi mesi fa, nella passione dei ragazzi che ci lavorano e che “ci credono” e nella determinazione di Alessandra, che non ha intenzione di rinunciare a quel sogno. Anzi. “Voglio potenziare la produzione di cereali e delle vigne – ci racconta – ma sopratutto voglio che Scaparone diventi sempre più un luogo di nutrimento non solo del corpo, ma anche dello spirito, un centro di vivacità artistica e culturale, oltre che agricola e gastronomica“.  Non sarà sola, ora ad affiancarla ci saranno i figli: Carolina (20), Umberto (18) e “la mascotte”, Giovannino, di neanche 10 anni, quello che più ricorda il papà, nel sorriso e nella fantasia. Lunga vita a Casa Scaparone, che ora più che mai resterà la nostra “seconda redazione”!

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Spinetti (AIGAE) sulla Riforma dei Parchi: “un vero attentato alla figura delle guide”

maggio 30, 2017

Spinetti (AIGAE) sulla Riforma dei Parchi: “un vero attentato alla figura delle guide”

“In Italia invece di valorizzare le figure che tutelano il territorio, si pensa ad affossarle. Alla Camera si sta consumando un vero attentato alla sopravvivenza dei Parchi, delle Aree Naturali, del Turismo Ambientale. I toni trionfalistici di alcuni deputati del PD non li comprendiamo dal momento in cui non ci sarà nulla da festeggiare qualora [...]

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende