Home » Bollettino Europa »Rubriche » Cascade, il software per ridurre le emissioni degli aeroporti europei:

Cascade, il software per ridurre le emissioni degli aeroporti europei

agosto 4, 2014 Bollettino Europa, Rubriche

Negli aeroporti di Milano Malpensa e Roma Fiumicino è atterrato CASCADE. Il progetto – finanziato con 2,6 milioni di Euro dalla Commissione europea e al quale lavorano partner di Germania, Italia, Irlanda e Serbia – consentirà di abbattere del 20% le emissioni di CO2 e i costi energetici degli aeroporti grazie a un software innovativo in grado di individuare guasti (ad esempio degli impianti di riscaldamento o raffreddamento), per poi suggerire azioni correttive.

I due scali italiani rappresentano gli apripista, ma, l’obiettivo di Bruxelles è quello di diffondere il sistema CASCADE in tutti gli scali dell’Unione Europea. “Desideriamo sfruttare le conoscenze acquisite replicando la soluzione in altri aeroporti” ha affermato Nicolas Réhault, coordinatore del progetto CASCADE presso l’Istituto Fraunhofer per i sistemi a energia solare di Friburgo, in Germania. Il nuovo sistema permetterà agli aeroporti italiani di risparmiare ogni anno almeno 6.000 MWh, equivalenti a 42.000 tonnellate di CO2 e 840.000 Euro.

Il trasporto aereo è solitamente associato a notevoli emissioni e ad un alto consumo di energia e di gas serra. Non solo prodotti dagli aerei però. Anche gli aeroporti sono responsabili di una notevole quantità di emissioni CO2: il consumo tipico di elettricità di un aeroporto è 100 -300 GWh/anno, che è quanto possono consumare 100.000 famiglie. Ogni estate, inoltre, milioni di cittadini europei si imbarcano negli aeroporti del Vecchio Continente per andare in vacanza. Con l’aumento esponenziale del numero di utenti crescono a dismisura anche i costi di gestione e l’impronta ambientale degli aeroporti.

Una parte significativa dell’alto consumo di energia deriva dallo scarso rendimento dei sistemi energetici come refrigeratori, circuiti di riscaldamento e raffreddamento, unità di trattamento aria e sistemi di illuminazione.

Attualmente, due sistemi sono operativi, il Building Automation Systems (BAS) and Building Management Systems (BMS), e hanno la capacità di integrare numerose componenti eterogenee, ma nella maggior parte dei casi essi non sono progettati per eseguire un monitoraggio dettagliato dell’energia rilevando anomalie e malfunzionamenti come importanti perdite energetiche.

CASCADE sviluppa, invece, soluzioni ICT che permettono di rilevare i guasti rapidamente, in modo sistematico e – per quanto possibile – automaticamente prima di ulteriori danni al sistema o prima che il sistema sprechi troppa energia, riducendo, in questo modo, radicalmente i consumi energetici (20%) e le emissioni di CO2 (20%). “Le infrastrutture saranno dotate di sensori e contatori che trasmetteranno le informazioni a una banca dati centrale. – Spiega Nicolas Réhault – Un software innovativo è in grado di rilevare i guasti (ad esempio ventilatori in funzione quando non dovrebbero, riscaldamento e raffreddamento simultanei, errori di controllo) e quindi di suggerire azioni correttive alle squadre incaricate della gestione e della manutenzione dei sistemi energetici, come ad esempio la reimpostazione dei controlli o la sostituzione dei rilevatori difettosi”.

Inoltre “le soluzioni sperimentate possono essere replicate in altri edifici molto complessi, come gli ospedali e le banche“,  ha aggiunto Réhault.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende