Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » Cercare il deserto nel chiasso della città. L’Eremo del Silenzio di Torino:

Cercare il deserto nel chiasso della città. L’Eremo del Silenzio di Torino

febbraio 24, 2015 Racconti d'Ambiente, Rubriche

A che cosa pensiamo quando pensiamo al Silenzio? A un barattolo in cui chiudere il boato delle metropoli? Ai pochi o tanti attimi che ci portano dalla veglia al sonno? Ad un’apnea subacquea o a quella volta a teatro in cui assistemmo alle mezze frasi intorno ad un certo Godot? Comunque la si veda, il silenzio sta sempre in rapporto con il suo contrario, in natura, nelle società e nei linguaggi. Non a caso, è nato un Eremo del Silenzio nel cuore rumoroso della città di Torino.  Ci sono andato a piedi, naturalmente. E’ il modo migliore per lasciare a casa il rumore.

Ma l’Eremo del Silenzio se ne sta in mezzo al chiasso cittadino, proprio a due passi da quell’arteria trafficata che è la Spina Centrale (ambizioso progetto di riqualificazione infrastrutturale ed urbana che ha cambiato il volto della città da Sud a Nord), in via Paolo Borsellino, e oppone il suo silenzio ai contrafforti del Potere:  quello giudiziario del Palazzo di Giustizia (C.so Vittorio Emanuele II ang. via Giovanni Falcone), quello economico del grattacielo Intesa Sanpaolo, quello scientifico-tecnologico del Politecnico di Torino. E del resto, anche l’Eremo è nato sulle ceneri del potere detentivo dell’ex carcere giudiziario Le Nuove. Per accedervi bisogna “andare dentro”.

Cammino lungo la Spina 1, in direzione Nord. La direttrice inconfondibile, posta tra Corso Mediterraneo e il successivo Corso Castelfidardo, è stata ribattezzata Viale della Spina e sormonta il lungo passante ferroviario interrato. In superficie giace la grande arteria di scorrimento a tre corsie, coi suoi larghi spartitraffico verdi, i marciapiedi e la pista ciclabile sul lato Est. Il colpo d’occhio è quello di una moderna Avenue metropolitana che coniuga lo scorrimento con le strutture e i servizi.  Oltrepasso l’incrocio tra Corso Mediterraneo e Corso Lione e mi dò appuntamento per una prima sosta all’Igloo, la celebre fontana realizzata da Mario Merz. Il traffico la circonda incessantemente – da Nord a Sud, da Est a Ovest – come attorno ad una porta a bussola della città.

C’è un cono verde tra corso Mediterraneo e corso Ferrucci, una minuta area intitolata ai Caduti di Cefalonia e di Corfù. All’interno, un po’ nascosta, una piccola oasi di pace e bellezza. L’Albero-Giardino di Giuseppe Penone è opera da vivere, esperire, attraversare a piedi. Immaginate una galleria di arbusti che riproduce in scala colossale un tralcio d’albero disteso, con le sue diramazioni e nervature, e noi a camminarci dentro come parassiti. La gente e i passanti ignorano per lo più questo prodigio di semplicità. Tirano dritto, senza curarsene. Gli unici avveduti sono – ahimè – gli esperti “pisciatori di cani”. Entrano in galleria con gli amici a quattro zampe ed escono poco dopo i bisogni. Ma, a parte qualche odorino di Natura, dentro il Giardino-Albero si sta miracolosamente protetti e isolati dal trambusto dei motoridai gas di scarico e dai rumori. E per un attimo sembra regnare il silenzio.

Sul Corso Castelfidardo passo in rassegna le O.G.R. – Officine Grandi Riparazioni, pezzo imponente di Storia industriale di Torino. Qui invece si è sempre fatto un gran baccano: già polo di manutenzione delle vetture ferroviarie dalla seconda metà dell’Ottocento, le O.G.R. sono rimaste in attività fino agli anni Settanta del Novecento. Dismesse negli anni Novanta, sono diventate nel 2012 teatro di festeggiamenti per i 150 anni dell’Unità d’Italia. Oggi sono al centro d’un progetto di restauro e riqualificazione ad uso artistico e culturale come Cantieri O.G.R.

Il carcere giudiziario Le Nuove chiude il poligono della vecchia area dei Servizi di una Torino che non c’è più. Anche il carcere non c’è più. Ci sono le mura, i bracci e i cortili della casa circondariale. E dentro c’è il Museo delle Nuove. In una palazzina destinata nel recente passato alla reclusione delle terroriste si trova l’Eremo del Silenzio. Quattro celle riscaldate, scabre ma accoglientiper stare, meditare, incontrare, leggere o pregare. Un luogoaperto a tutti: credenti, non credenti, indecisi, laici. L’unico comunue denominatore richiesto è il rispetto del luogo e, ovviamente, del silenzio altrui.

Un giorno, un giovane educatore sensibile al tema carcerario (galeotta fu una partita di calcio coi detenuti) ebbe due geniali intuizioni, nel corso di una visita al Museo delle Nuove.  La prima fu quella di riconsiderare con sguardo libero ciò che una cella poteva essereda luogo imposto di detenzione e di dolore a luogo volontario di raccoglimento, di silenzio e di ascolto. La seconda fu quella di accorgersi della presenza di tutti gli elementi topografici necessari alla definizione di un eremo. La palazzina infatti era distaccata dai bracci del carcere, proprio perchè luogo di Massima Sicurezza. Intorno alla palazzina avvizziva una piccola zona di terra e rifiuti, adibita un tempo a giardino e zona giochi per i neonati e bambini delle detenute. E infine, oltre “zona d’aria” troneggiava una piccola cappella per le funzioni religiose.

«Quando ho proposto l’idea dell’Eremo del Silenzio, Felice Tagliente - Presidente del Museo delle Nuove – ha sùbito accolto l’iniziativa con un sì condiscendente, ma dentro di se’ deve aver pensato di trovarsi di fronte a un pazzo. Credo d’averlo convinto una volta per tutte con la sola ostinazione. E adesso l’Eremo esiste» racconta Juri Nervo – il giovane educatore di cui sopra. «Ho voluto fortemente questo luogo perchè in anni d’esperienze e letture ho capito che la città è il posto più bisognoso di silenzio, come il nostro corpo e la nostra mente hanno bisogno del silenzio per dormire».

Nel cortiletto che circonda la palazzina ci sono un piccolo orticello, un ulivo piantato agli albori dell’impresa come radice di buon augurio e un’altalena di legno e corda, risalente ancora ai giochi di quei bambini reclusi e innocenti.  Nonostante la vocazione  e la destinazione del luogo, ho parlato due ore filate con Juri che si è rivelato una persona deliziosa, curiosa e vitale.«Qualcuno mi ha rassicurato sul fatto di non mettere cartelli o indicazioni dentro il complesso per trovare l’Eremo facilmente. Questo posto va cercato. Come un deserto nella città».

Orlando Manfredi

 

 

 

 

 

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

maggio 13, 2019

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

Per la comunità scientifica italiana, in particolare quella che studia i Poli, si tratta di un grande risultato, che aprirà la strada a nuovi studi. L’OGS, Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – grazie ad un finanziamento di 12 milioni di euro ricevuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – ha acquistato dalla norvegese Rieber [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende