Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » Cercare il deserto nel chiasso della città. L’Eremo del Silenzio di Torino:

Cercare il deserto nel chiasso della città. L’Eremo del Silenzio di Torino

febbraio 24, 2015 Racconti d'Ambiente, Rubriche

A che cosa pensiamo quando pensiamo al Silenzio? A un barattolo in cui chiudere il boato delle metropoli? Ai pochi o tanti attimi che ci portano dalla veglia al sonno? Ad un’apnea subacquea o a quella volta a teatro in cui assistemmo alle mezze frasi intorno ad un certo Godot? Comunque la si veda, il silenzio sta sempre in rapporto con il suo contrario, in natura, nelle società e nei linguaggi. Non a caso, è nato un Eremo del Silenzio nel cuore rumoroso della città di Torino.  Ci sono andato a piedi, naturalmente. E’ il modo migliore per lasciare a casa il rumore.

Ma l’Eremo del Silenzio se ne sta in mezzo al chiasso cittadino, proprio a due passi da quell’arteria trafficata che è la Spina Centrale (ambizioso progetto di riqualificazione infrastrutturale ed urbana che ha cambiato il volto della città da Sud a Nord), in via Paolo Borsellino, e oppone il suo silenzio ai contrafforti del Potere:  quello giudiziario del Palazzo di Giustizia (C.so Vittorio Emanuele II ang. via Giovanni Falcone), quello economico del grattacielo Intesa Sanpaolo, quello scientifico-tecnologico del Politecnico di Torino. E del resto, anche l’Eremo è nato sulle ceneri del potere detentivo dell’ex carcere giudiziario Le Nuove. Per accedervi bisogna “andare dentro”.

Cammino lungo la Spina 1, in direzione Nord. La direttrice inconfondibile, posta tra Corso Mediterraneo e il successivo Corso Castelfidardo, è stata ribattezzata Viale della Spina e sormonta il lungo passante ferroviario interrato. In superficie giace la grande arteria di scorrimento a tre corsie, coi suoi larghi spartitraffico verdi, i marciapiedi e la pista ciclabile sul lato Est. Il colpo d’occhio è quello di una moderna Avenue metropolitana che coniuga lo scorrimento con le strutture e i servizi.  Oltrepasso l’incrocio tra Corso Mediterraneo e Corso Lione e mi dò appuntamento per una prima sosta all’Igloo, la celebre fontana realizzata da Mario Merz. Il traffico la circonda incessantemente – da Nord a Sud, da Est a Ovest – come attorno ad una porta a bussola della città.

C’è un cono verde tra corso Mediterraneo e corso Ferrucci, una minuta area intitolata ai Caduti di Cefalonia e di Corfù. All’interno, un po’ nascosta, una piccola oasi di pace e bellezza. L’Albero-Giardino di Giuseppe Penone è opera da vivere, esperire, attraversare a piedi. Immaginate una galleria di arbusti che riproduce in scala colossale un tralcio d’albero disteso, con le sue diramazioni e nervature, e noi a camminarci dentro come parassiti. La gente e i passanti ignorano per lo più questo prodigio di semplicità. Tirano dritto, senza curarsene. Gli unici avveduti sono – ahimè – gli esperti “pisciatori di cani”. Entrano in galleria con gli amici a quattro zampe ed escono poco dopo i bisogni. Ma, a parte qualche odorino di Natura, dentro il Giardino-Albero si sta miracolosamente protetti e isolati dal trambusto dei motoridai gas di scarico e dai rumori. E per un attimo sembra regnare il silenzio.

Sul Corso Castelfidardo passo in rassegna le O.G.R. – Officine Grandi Riparazioni, pezzo imponente di Storia industriale di Torino. Qui invece si è sempre fatto un gran baccano: già polo di manutenzione delle vetture ferroviarie dalla seconda metà dell’Ottocento, le O.G.R. sono rimaste in attività fino agli anni Settanta del Novecento. Dismesse negli anni Novanta, sono diventate nel 2012 teatro di festeggiamenti per i 150 anni dell’Unità d’Italia. Oggi sono al centro d’un progetto di restauro e riqualificazione ad uso artistico e culturale come Cantieri O.G.R.

Il carcere giudiziario Le Nuove chiude il poligono della vecchia area dei Servizi di una Torino che non c’è più. Anche il carcere non c’è più. Ci sono le mura, i bracci e i cortili della casa circondariale. E dentro c’è il Museo delle Nuove. In una palazzina destinata nel recente passato alla reclusione delle terroriste si trova l’Eremo del Silenzio. Quattro celle riscaldate, scabre ma accoglientiper stare, meditare, incontrare, leggere o pregare. Un luogoaperto a tutti: credenti, non credenti, indecisi, laici. L’unico comunue denominatore richiesto è il rispetto del luogo e, ovviamente, del silenzio altrui.

Un giorno, un giovane educatore sensibile al tema carcerario (galeotta fu una partita di calcio coi detenuti) ebbe due geniali intuizioni, nel corso di una visita al Museo delle Nuove.  La prima fu quella di riconsiderare con sguardo libero ciò che una cella poteva essereda luogo imposto di detenzione e di dolore a luogo volontario di raccoglimento, di silenzio e di ascolto. La seconda fu quella di accorgersi della presenza di tutti gli elementi topografici necessari alla definizione di un eremo. La palazzina infatti era distaccata dai bracci del carcere, proprio perchè luogo di Massima Sicurezza. Intorno alla palazzina avvizziva una piccola zona di terra e rifiuti, adibita un tempo a giardino e zona giochi per i neonati e bambini delle detenute. E infine, oltre “zona d’aria” troneggiava una piccola cappella per le funzioni religiose.

«Quando ho proposto l’idea dell’Eremo del Silenzio, Felice Tagliente - Presidente del Museo delle Nuove – ha sùbito accolto l’iniziativa con un sì condiscendente, ma dentro di se’ deve aver pensato di trovarsi di fronte a un pazzo. Credo d’averlo convinto una volta per tutte con la sola ostinazione. E adesso l’Eremo esiste» racconta Juri Nervo – il giovane educatore di cui sopra. «Ho voluto fortemente questo luogo perchè in anni d’esperienze e letture ho capito che la città è il posto più bisognoso di silenzio, come il nostro corpo e la nostra mente hanno bisogno del silenzio per dormire».

Nel cortiletto che circonda la palazzina ci sono un piccolo orticello, un ulivo piantato agli albori dell’impresa come radice di buon augurio e un’altalena di legno e corda, risalente ancora ai giochi di quei bambini reclusi e innocenti.  Nonostante la vocazione  e la destinazione del luogo, ho parlato due ore filate con Juri che si è rivelato una persona deliziosa, curiosa e vitale.«Qualcuno mi ha rassicurato sul fatto di non mettere cartelli o indicazioni dentro il complesso per trovare l’Eremo facilmente. Questo posto va cercato. Come un deserto nella città».

Orlando Manfredi

 

 

 

 

 

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende