Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Chamois, il paese valdostano senza auto. Un divieto che genera turismo:

Chamois, il paese valdostano senza auto. Un divieto che genera turismo

marzo 16, 2016 Campioni d'Italia, Rubriche

Ci sono sindaci a cui sono caduti i capelli per lo stress nella battaglia per attivare poche decine di metri di strada pedonale, ci sono amministrazioni comunali che hanno perso le elezioni per aver chiuso minime porzioni di città al traffico automobilistico. Per non parlare dei tanti amministratori ignavi che, nonostante il favore dei cittadini, hanno subito il ricatto di pochi ed evitato di limitare la circolazione a motore. Fortunato, quindi, Remo Ducly, primo cittadino di Chamois,  in Valtournenche nella Valle d’Aosta,  l’unico paese italiano non raggiungibile dalle automobili. Una conquista merito dei suoi concittadini, un centinaio di abitanti e veri Campioni d’Italia, che a metà degli anni settanta hanno confermato, in una consultazione, la scelta degli anni Cinquanta di tenere lontano le automobili per “accontentarsi” della mulattiera e della funivia che partono dal vicino centro di Buisson o di piccoli aerei a elica dell’altiporto (così viene definita la pista) della frazione di Suisse.

Una scelta di tranquillità in nome dello sviluppo, alla faccia di coloro che lo vedono solo a forma di marmitta, visto che del divieto, in questo paese a 1.800 metri di quota, ne fanno un richiamo turistico. Basta leggere il sito Internet comunale che sbandiera: Zero pericolo per i piccoli = zero stress per i grandi“, ovvero venite a trovarci perchè “Chamois è a misura dei bambini e delle bambine, della loro salute, della loro sicurezza, della loro libertà, della loro voglia di giocare… al sole, con l’acqua o con la neve. In estate, il parco giochi del capoluogo, le strade e la piazza sono a loro disposizione“. Parole che suonano particolarmente intelligenti nel giorno di pubblicazione del nuovo report dell’OMS sulle morti per inquinamento ambientali e incidenti stradali.

Il sindaco Ducly  è convinto di questa scelta: “Con il senno del poi, costruire una strada come gli altri comuni, sarebbe stato penalizzante. Aver intrapreso questo sentiero oggi ci permette di essere un comune verde che attrae visitatori che scelgono Chamois per questo motivo, per la tranquillità che garantiamo”. Sul paese a macchine zero credono anche gli operatori turistici che nelle loro pubblicità mettono in evidenza la mancanza di mezzi a motori. Un vero e proprio investimento: “la nostra economia – sottolinea il sindaco – è legata per l’80% al turismo. La mobilità dolce non si ferma alla mancanza di auto, ma investiamo negli itinerari con le bici, a piedi, con le ciaspole. Una strategia sostenibile giocata su molti fronti”. Naturalmente qualche mezzo a motore circola per Chamois “Qualche trattore delle aziende agricole e dei mezzi di servizio del Comune”. Lo stretto necessario, niente più.

Scegliere lo sviluppo sostenibile non è però a costo zero e qualche disagio pesa sulle spalle degli abitanti: La funivia è aperta dalle 7 alle 22 – in alcuni periodi dell’anno sono previste delle corse straordinarie alle 23 – quindi si è limitati negli spostamenti. Ma è un costo che siamo ben disposti a pagare“. L’impegno però non si ferma alla rinuncia della strada: “Puntiamo sulle energie rinnovabili, ora stiamo studiando il nuovo appalto per i rifiuti che oggi si trasportano a valle. Vogliamo pensare ad una gestione interna di una quota dell’umido, incentivare la raccolta differenziata”. Non sarà un’impresa difficile in una comunità ad alto coinvolgimento ambientale.

Un problema di Chamois, come di tutti i paesi montani, è lo spopolamento: nel 1886 si contavano 346 abitanti, scesi a 151 nel 1951. L’emorragia si è un po’ arrestata, ma il problema resta e si pensano soluzioni: “Con il telelavoro che può permettere di superare i limiti negli spostamenti quotidiani, poi puntiamo alla valorizzazione dell’agricoltura e al recupero dell’architettura tradizionale“. Tradizione ed innovazione grazie alle “autostrade” virtuali presenti nel paese con  il wi-fi a banda larga che permette una connessione web veloce, pubblica e gratuita.

C’è tanto lavoro da fare per ottimizzare questo modello che a Chamois trova il consenso dei suoi abitanti. Una conquista di civiltà da premiare e pure da “esportare”, seppure il sindaco riconosca che non sia una strada facile: Non è facile far accettare ai cittadini i limiti alla mobilità tradizionale, ma può essere un fattore di successo anche economico“. Si può fare, Yes We Can, è il messaggio lanciato dai 1815 metri sul livello del mare di Chamois. Comune felice e de-automobilizzato.

Gian Basilio Nieddu

 

 

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

dicembre 5, 2016

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

Il tempo è scaduto, le isole rischiano di sparire a causa degli effetti dei cambiamenti climatici. Le istituzioni a livello internazionale dovrebbero prenderne atto e agire velocemente per contrastare il fenomeno e supportare l’innovazione tecnologica nelle isole. È l’appello che arriva dalle istituzioni e popolazioni delle isole che oggi sono in prima linea ad affrontare, [...]

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

dicembre 5, 2016

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

Immaginate una nazione di medie dimensioni, come l’Ungheria, il Portogallo o la Repubblica Ceca. Ora immaginate l’intera area di quella nazione ricoperta da cemento e asfalto: è grossomodo la superficie di suoli agricoli che negli ultimi 50 anni è stata “consumata” da insediamenti e infrastrutture nei 28 paesi dell’Unione Europea. Il suolo continua ad essere [...]

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

novembre 29, 2016

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

Treedom, la piattaforma web nata nel 2010 a Firenze, che permette a persone e aziende di finanziare la piantumazione di alberi a livello globale, ha lanciato la campagna 2016 per un regalo di Natale insolito quanto utile: da oggi è on-line “We make it real”, un servizio che permetterà agli utenti di regalare a parenti e [...]

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

novembre 29, 2016

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

Lunedi 5 dicembre 2016 presso la Sede romana di Intesa Sanpaolo, in via Del Corso, verrà firmata la Convenzione tra Federparchi, FITS! (Fondazione per l’Innovazione del Terzo Settore) e Rinnovabili.it. I tre partner si faranno promotori di un nuovo progetto dedicato al supporto di iniziative di conservazione, sviluppo e tutela del patrimonio ambientale e territoriale. L’obiettivo della Convenzione [...]

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

novembre 28, 2016

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

In occasione della ricorrenza dei 30 anni dalla Carta di Ottawa, ISDE Italia, l’Associazione Medici per l’Ambiente, ASL Sud Est Toscana e Regione Toscana organizzano il 29 novembre, nel contesto del 11° Forum Risk Management alla Fortezza da Basso di Firenze, la 6° Conferenza Nazionale sulla Salute Globale, dal titolo “Costruire una politica pubblica per la [...]

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

novembre 25, 2016

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

“Il cerchio del compost: riciclare per la Terra”. Si terrà sabato 26 novembre dalle 9 alle 12 a Villa Argentina a Viareggio il convegno di approfondimento di RicicLAB, il ciclo di laboratori creativi sul riuso a ingresso libero realizzato da Sea Risorse e Sea Ambiente e organizzato dallo spazio smartCO2 COworking+Community insieme ad una rete di associazioni [...]

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

novembre 25, 2016

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

Una nuova ricerca pubblicata ieri da Greenpeace Germania, alla vigilia del “Black Friday”, la giornata che negli Stati Uniti segna l’inizio dello shopping natalizio e che sta diventando popolare anche in Italia – con sconti selvaggi e istigazione all’acquisto compulsivo – evidenzia le gravi conseguenze sull’ambiente dell’eccessivo consumo, in particolare di capi d’abbigliamento. “Difficile resistere [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende