Home » Impressioni di viaggio »Rubriche » “Chi va veloce non vede nulla”. Viaggio lento nella Calabria greca:

“Chi va veloce non vede nulla”. Viaggio lento nella Calabria greca

luglio 16, 2015 Impressioni di viaggio, Rubriche

Pubblichiamo la seconda parte delle “Impressioni di Viaggio” di Veronica Ulivieri sulla Calabria grecanica. E’possibile leggere la prima parte in esclusiva nel canale Green News di LaStampa.it.

Il viaggio lento, di nicchia, a basso impatto ambientale è stato il cardine del rilancio del turismo nella Calabria greca. Ispirandosi alla cultura del posto – “Pis trechi glìgora de thorì tìpote”, Chi va veloce non vede nulla, recita un proverbio del luogo – ma anche alle strade percorse nel 1847 da Edward Lear, viaggiatore inglese che si avventurò alla scoperta dell’Aspromonte a piedi, con un cavallo che trasportava i bagagli e una guida, ospitato dalle persone del luogo.

Ancora oggi, il percorso forse più completo per conoscere l’area grecanica è il “sentiero dell’inglese”: un cammino di otto giorni che tocca i borghi più interessanti e attraversa i paesaggi più suggestivi. L’inizio è a Pentedattilo, che appare in tutto il suo fascino arcaico e misterioso dietro l’ultima curva della strada tortuosa. “Selvagge sommità di pietra spuntano nell’aria, aride e chiaramente definite in forma (come dice il nome) di una mano gigantesca contro il cielo, le case di Pentedattilo sono incuneate all’interno delle spaccature e dei crepacci di questa piramide spaventosamente selvaggia”, scriveva Lear nel suo “Diario di un viaggio a piedi”. Abbandonato nei primi anni Cinquanta perché dichiarato a rischio frana, oggi è al centro di un lento processo di rivalorizzazione, che va avanti da alcuni decenni, facilitato anche dal fatto che gli attestati di inagibilità non si sono mai trovati. Sono state riaperte alcune botteghe artigiane, e oggi contattando l’associazione Pro Pentedattilo è anche possibile soggiornare nelle abitazioni ristrutturate.

Il viaggio continua verso Bagaladi, la città dell’olio, circondata da olivi secolari e ancora oggi famosa per la sua produzione olearia. In un vecchio frantoio semindustriale, utilizzato in passato anche per l’estrazione dell’olio essenziale di bergamotto e la filatura della seta, la cooperativa Grecale gestisce la Porta del Parco nazionale dell’Aspromonte e offre ristoro ai visitatori. “Ogni anno recuperiamo un antico mestiere andato perduto. L’ultimo è l’allevamento dei bachi da seta, un tempo attività tipica dell’area. I bruchi si cibano solo di foglie di gelso fresche, mangiano dalle tre alle quattro volte al giorno. È un lavoro impegnativo, che si regge tutto solo sul volontariato”, racconta Danilo dando da mangiare agli animaletti.

Passando per la fiumara costellata di oleandri e nasili – le aree del letto del fiume coltivate a orto -  il percorso sale a Gallicianò, “il paese più greco d’Italia”. “È stato l’ultimo paese dell’area a uscire dall’isolamento, e ha conservato una sua identità molto forte, legata alla lingua e alla tradizione dei tamburelli”, racconta Peppe Battaglia, guida ambientale della cooperativa Naturaliter. La strada asfaltata che collega il borgo a Condofuri, a valle, è stata completata solo nel 2001. Mimmolino Nucera accompagna i visitatori nelle viuzze che salgono fino alla chiesetta ortodossa Panaghìa tis Elladas (Madonna dei Greci), realizzata in pietra nello stile del luogo e aperta al culto nel 1999, e poi, con il suono dei campanacci delle capre al pascolo negli orecchi, al museo delle tradizioni. “Fino a pochi decenni fa qui si filavano, oltre alla lana, anche la ginestra e la canapa”, dice Nucera mostrando coperte e tappeti con motivi tipici della cultura grecanica. Molti altri oggetti sono legati all’allevamento delle capre, da sempre tradizionale in questi luoghi. “Gli otri in pelle erano usati per fabbricare zampogne, ma anche per trasportare olio e vino. Per le ricotte si usavano forme in vimini intrecciati, mentre le figurine femminili intarsiate nel legno, chiamate musulupare, servivano a fabbricare il musulupu, un formaggio a pasta molle”.

Da Gallicianò il sentiero si dirige verso Bova, la capitale culturale – e anche politica ed economica in passato – dei greci di Calabria. Bova è ancora chiamata I Chora, la città, inserita tra i Borghi più belli d’Italia. Ci si può arrampicare per le stradine che salgono fino al santuario di San Leo, monaco basiliano vissuto nell’XI secolo in queste terre, e poi verso i resti del castello normanno, dove la vista spazia fino all’Etna e alle rocce di Pentedattilo. Come il resto dell’area, il paese è ancora crocevia di tradizioni pagane, bizantine e cristiane: un esempio sono le figure femminili in rami d’olivo addobbate con fiori e frutta e portate in processione la domenica delle Palme. “Sono chiamate pupazze, madame o Persefoni. Sono la trasposizione cristiana del mito di Persefone, qui adorata fin dall’antichità”, racconta Peppe Battaglia. Prima di toccare Palizzi, paese che sembra scolpito nella roccia famoso per il vino IGT, e poi terminare a Staiti, il Sentiero dell’Inglese porta a Roghudi vecchio. Nel borgo abbandonato all’inizio degli anni Settanta a causa di un’alluvione, aggrappato al crinale di uno sperone di roccia che emerge dalla fiumara Amendolea, si vive il silenzio. Nelle case con le porte aperte, i vetri rotti, rimangono frammenti di vita contadina e i primi accenni di una modernità che stava faticosamente arrivando al momento dell’abbandono. In estate, Roghudi è una tappa fissa di Paleariza, il festival che si svolge ogni anno in agosto in tutta l’area grecanica, coniugando un’offerta culturale internazionale di qualità con il trekking e la scoperta della gastronomia locale. Se si arriva in anticipo rispetto agli spettacoli si può scendere dal paese fino al letto della fiumara, riposarsi sui “sassi che sembrano pani” e rigenerare i piedi stanchi nelle acque gelate dell’Amendolea. La roccia e l’acqua che hanno modellato la storia e il paesaggio dell’Aspromonte greco.

Veronica Ulivieri

Leggi la guida alla Calabria greca del consorzio turistico Pucambù

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende