Home » Impressioni di viaggio »Rubriche » “Chi va veloce non vede nulla”. Viaggio lento nella Calabria greca:

“Chi va veloce non vede nulla”. Viaggio lento nella Calabria greca

luglio 16, 2015 Impressioni di viaggio, Rubriche

Pubblichiamo la seconda parte delle “Impressioni di Viaggio” di Veronica Ulivieri sulla Calabria grecanica. E’possibile leggere la prima parte in esclusiva nel canale Green News di LaStampa.it.

Il viaggio lento, di nicchia, a basso impatto ambientale è stato il cardine del rilancio del turismo nella Calabria greca. Ispirandosi alla cultura del posto – “Pis trechi glìgora de thorì tìpote”, Chi va veloce non vede nulla, recita un proverbio del luogo – ma anche alle strade percorse nel 1847 da Edward Lear, viaggiatore inglese che si avventurò alla scoperta dell’Aspromonte a piedi, con un cavallo che trasportava i bagagli e una guida, ospitato dalle persone del luogo.

Ancora oggi, il percorso forse più completo per conoscere l’area grecanica è il “sentiero dell’inglese”: un cammino di otto giorni che tocca i borghi più interessanti e attraversa i paesaggi più suggestivi. L’inizio è a Pentedattilo, che appare in tutto il suo fascino arcaico e misterioso dietro l’ultima curva della strada tortuosa. “Selvagge sommità di pietra spuntano nell’aria, aride e chiaramente definite in forma (come dice il nome) di una mano gigantesca contro il cielo, le case di Pentedattilo sono incuneate all’interno delle spaccature e dei crepacci di questa piramide spaventosamente selvaggia”, scriveva Lear nel suo “Diario di un viaggio a piedi”. Abbandonato nei primi anni Cinquanta perché dichiarato a rischio frana, oggi è al centro di un lento processo di rivalorizzazione, che va avanti da alcuni decenni, facilitato anche dal fatto che gli attestati di inagibilità non si sono mai trovati. Sono state riaperte alcune botteghe artigiane, e oggi contattando l’associazione Pro Pentedattilo è anche possibile soggiornare nelle abitazioni ristrutturate.

Il viaggio continua verso Bagaladi, la città dell’olio, circondata da olivi secolari e ancora oggi famosa per la sua produzione olearia. In un vecchio frantoio semindustriale, utilizzato in passato anche per l’estrazione dell’olio essenziale di bergamotto e la filatura della seta, la cooperativa Grecale gestisce la Porta del Parco nazionale dell’Aspromonte e offre ristoro ai visitatori. “Ogni anno recuperiamo un antico mestiere andato perduto. L’ultimo è l’allevamento dei bachi da seta, un tempo attività tipica dell’area. I bruchi si cibano solo di foglie di gelso fresche, mangiano dalle tre alle quattro volte al giorno. È un lavoro impegnativo, che si regge tutto solo sul volontariato”, racconta Danilo dando da mangiare agli animaletti.

Passando per la fiumara costellata di oleandri e nasili – le aree del letto del fiume coltivate a orto -  il percorso sale a Gallicianò, “il paese più greco d’Italia”. “È stato l’ultimo paese dell’area a uscire dall’isolamento, e ha conservato una sua identità molto forte, legata alla lingua e alla tradizione dei tamburelli”, racconta Peppe Battaglia, guida ambientale della cooperativa Naturaliter. La strada asfaltata che collega il borgo a Condofuri, a valle, è stata completata solo nel 2001. Mimmolino Nucera accompagna i visitatori nelle viuzze che salgono fino alla chiesetta ortodossa Panaghìa tis Elladas (Madonna dei Greci), realizzata in pietra nello stile del luogo e aperta al culto nel 1999, e poi, con il suono dei campanacci delle capre al pascolo negli orecchi, al museo delle tradizioni. “Fino a pochi decenni fa qui si filavano, oltre alla lana, anche la ginestra e la canapa”, dice Nucera mostrando coperte e tappeti con motivi tipici della cultura grecanica. Molti altri oggetti sono legati all’allevamento delle capre, da sempre tradizionale in questi luoghi. “Gli otri in pelle erano usati per fabbricare zampogne, ma anche per trasportare olio e vino. Per le ricotte si usavano forme in vimini intrecciati, mentre le figurine femminili intarsiate nel legno, chiamate musulupare, servivano a fabbricare il musulupu, un formaggio a pasta molle”.

Da Gallicianò il sentiero si dirige verso Bova, la capitale culturale – e anche politica ed economica in passato – dei greci di Calabria. Bova è ancora chiamata I Chora, la città, inserita tra i Borghi più belli d’Italia. Ci si può arrampicare per le stradine che salgono fino al santuario di San Leo, monaco basiliano vissuto nell’XI secolo in queste terre, e poi verso i resti del castello normanno, dove la vista spazia fino all’Etna e alle rocce di Pentedattilo. Come il resto dell’area, il paese è ancora crocevia di tradizioni pagane, bizantine e cristiane: un esempio sono le figure femminili in rami d’olivo addobbate con fiori e frutta e portate in processione la domenica delle Palme. “Sono chiamate pupazze, madame o Persefoni. Sono la trasposizione cristiana del mito di Persefone, qui adorata fin dall’antichità”, racconta Peppe Battaglia. Prima di toccare Palizzi, paese che sembra scolpito nella roccia famoso per il vino IGT, e poi terminare a Staiti, il Sentiero dell’Inglese porta a Roghudi vecchio. Nel borgo abbandonato all’inizio degli anni Settanta a causa di un’alluvione, aggrappato al crinale di uno sperone di roccia che emerge dalla fiumara Amendolea, si vive il silenzio. Nelle case con le porte aperte, i vetri rotti, rimangono frammenti di vita contadina e i primi accenni di una modernità che stava faticosamente arrivando al momento dell’abbandono. In estate, Roghudi è una tappa fissa di Paleariza, il festival che si svolge ogni anno in agosto in tutta l’area grecanica, coniugando un’offerta culturale internazionale di qualità con il trekking e la scoperta della gastronomia locale. Se si arriva in anticipo rispetto agli spettacoli si può scendere dal paese fino al letto della fiumara, riposarsi sui “sassi che sembrano pani” e rigenerare i piedi stanchi nelle acque gelate dell’Amendolea. La roccia e l’acqua che hanno modellato la storia e il paesaggio dell’Aspromonte greco.

Veronica Ulivieri

Leggi la guida alla Calabria greca del consorzio turistico Pucambù

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

marzo 15, 2019

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

Come sarà la viticoltura in Trentino nel 2099? A causa dei cambiamenti climatici tra 80 anni si vendemmierà con un anticipo fino alle 4 settimane. A calcolarlo è uno studio interdisciplinare condotto da Fondazione Edmund Mach e Centro C3A con l’Università di Trento e Fondazione Bruno Kessler. Lo studio indaga l’impatto dei cambiamenti climatici sulle fasi [...]

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

marzo 8, 2019

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

Dell Technologies, tra i maggiori produttori mondiali di soluzioni tecnologiche, ha lanciato nei giorni scorsi un appello ai Governi europei e all’intero settore IT per stimolare un maggiore impegno congiunto verso la sostenibilità, con particolare attenzione all’ambito del public procurement dei servizi IT. Si calcola infatti che, nell’Unione Europea, la spesa pubblica si aggiri intorno a [...]

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

marzo 7, 2019

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

“L’Italia produce ogni anno oltre 4.720 miliardi di bottiglie di acqua minerale in PET e ne rilascia oltre 132.000 tonnellate nelle acque costiere, che in termini di CO2 prodotta corrispondono a 472.000 tonnellate emesse per la loro produzione e 925.000 tonnellate emesse per il loro trasporto, per un totale di 1.397.000 tonnellate di CO2 emesse!”. [...]

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

marzo 1, 2019

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

Da area industriale a enorme quartiere dell’innovazione: NOI Techpark è il nuovo polo culturale e tecnologico di Bolzano nato per ospitare aziende, start up, centri di ricerca e università.  Nature Of Innovation: è questo il significato dell’acronimo NOI Techpark. Un’opera di rigenerazione urbana che già nel nome rivela la sua natura inclusiva, destinata a trasformare [...]

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

marzo 1, 2019

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

Il prossimo 12 aprile 2019 a Firenze, il Museo Salvatore Ferragamo inaugura “Sustainable Thinking“, un percorso narrativo che si snoda tra le pionieristiche intuizioni del fondatore Salvatore Ferragamo nella ricerca sui materiali naturali, di riciclo e innovativi, e le più recenti sperimentazioni in ambito “ecofashion”. Il progetto espositivo, ideato da Stefania Ricci, Direttore del Museo [...]

Ponte Morandi: rischio amianto nell’abbattimento. Esposto alla Procura di Genova

febbraio 21, 2019

Ponte Morandi: rischio amianto nell’abbattimento. Esposto alla Procura di Genova

Il Comitato ‘Liberi Cittadini di Certosa’ sostenuto dall’ONA (Osservatorio Nazionale Amianto) e assistito e difeso dal suo Presidente, Avv. Ezio Bonanni, ha presentato ieri mattina alla Procura della Repubblica di Genova un dettagliato esposto che fa riferimento al potenziale rischio amianto e presenza di polveri nocive in relazione al tragico crollo del ponte del 14 agosto 2018 che, oltre [...]

Zeolite cubana: un sistema naturale per proteggere i cereali immagazzinati

febbraio 20, 2019

Zeolite cubana: un sistema naturale per proteggere i cereali immagazzinati

Le infestazioni in magazzino sono uno dei problemi che più colpisce la filiera agroalimentare italiana. Dal campo alla tavola, il danno provocato durante lo stoccaggio rischia di compromettere intere produzioni. Per risolvere questa problematica l’azienda di San Marino Bioagrotech srl, specializzata nella produzione e commercializzazione di fertilizzanti e trattamenti organici per l’agricoltura biologica, ha introdotto sul [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende