Home » Rubriche »Very Important Planet » Chiara Maci: “Finalmente la genuinità è tornata di moda”:

Chiara Maci: “Finalmente la genuinità è tornata di moda”

febbraio 8, 2013 Rubriche, Very Important Planet

Ogni nuova tendenza ha i suoi protagonisti, volti noti e conosciuti al grande pubblico. Chiara Maci è fra coloro che hanno contribuito a diffondere quella passione per la cucina che oggi spopola in Italia (tanto da diventare oggetto di satira di Maurizio Crozza). Blogger, consulente, sommelier e giudice del programma di La7 “Cuochi e Fiamme“, condotto da Simone Rugiati, Chiara gestisce con la sorella Angela uno dei blog di cucina di maggiore successo e recentemente ha pubblicato un libro di ricette ispirato al lavoro nato online (“Sorelle in pentola“, Newton Compton). “L’idea è arrivata dalla gente – racconta – dai lettori del blog, che chiedevano un supporto cartaceo per le nostre ricette”. Perché è vero che i blog di cucina hanno avvicinato anche i più giovani alla gastronomia casalinga ma “non tutti usano internet con fluidità e dimestichezza: il libro rimane un punto fermo per chi, come me e mia sorella, ama creare piatti sempre nuovi”.

D) Libri, tv, blog: l’offerta di cucina “di qualità” sui media continua a crescere. Quali sono le ragioni di questo successo?

R) Le ragioni sono diverse, ma la prima è che ormai la cucina è accessibile a tutti. Oggi le persone preferiscono rimanere in casa e imparare a cucinare piuttosto che comprare un prodotto già pronto. Questo perché la tradizione, la genuinità e la naturalità del cibo sono tornate finalmente di moda.

D) Sperando che non sia solo una moda..

R) Certamente: in fondo tutti possono imparare a cucinare, perché non provarci? Fra blog, libri e tv ormai è quasi impossibile resistere.

D) Il cibo biologico e locale sta lentamente conquistando gli italiani: secondo lei cosa influisce maggiormente sulle scelte quando si fa la spesa?

R) Credo che la situazione sia diversa nelle diverse regioni e città. Quando vivevo al Sud avevo accesso più facilmente a prodotti buoni e locali. Ora a Milano – soprattutto nei supermercati – le verdure sono insapore. Bisognerebbe prendere l’abitudine di fare la spesa al mercato, dove si riesce a spendere meno e avere un prodotto migliore. Per quanto riguarda il biologico, invece, c’è una grande offerta in centri dedicati mentre deve ancora migliorare nella grande distribuzione.

D) Pensa che la crescita del “biologico” sia un bene per l’industria del cibo (agricoltori, produttori e ristoranti)?

R) Non posso dire se sia un bene o no, quello che so è che il consumatore è molto confuso e ancora oggi non riconosce i meriti del biologico: spesso lo vede come un prodotto “di nicchia” e troppo costoso. Il prezzo più alto è ovvio, ma lo è anche la qualità. Credo dovrebbe cambiare la comunicazione in materia, magari partendo proprio dal punto di vista degli agricoltori.

D) Che parte ha il biologico nella tua vita – privata e professionale – in cucina?

R) Il biologico è stato una scoperta degli ultimi anni, grazie ad un’azienda per cui lavoro. Io però sono cresciuta tra la Campania e l’Emilia, a pane e genuinità, si può dire: solo verdure dei contadini, solo prodotti di stagione, solo chilometro zero. Diciamo che, prima ancora di scoprire il bio, il cibo sano ha sempre fatto parte della mia vita.

D) Da sommelier, qual è la tua opinione sui vini biologici?

R) Credo fermamente che le pratiche enologiche debbano essere moderate e controllate. Spesso l’intervento troppo deciso dell’enologo, soprattutto in grandi cantine, rende impersonale il prodotto finale. Più che parlare di vini bio o naturali, è importante lavorare per mantenere le caratteristiche proprie delle uve e il rispetto del territorio, cosa che è sempre più difficile.

D) L’agricoltura “sostenibile” in genere può avere un ruolo di difesa del territorio?

R) Attraverso l’agricoltura si possono rispettare l’ambiente e la biodiversità, ed è il mezzo da potenziare per far fronte ai bisogni mondiali. Renderla il più sostenibile possibile sarebbe un ottimo inizio per una politica di difesa del territorio.

D) Dulcis in fundo, ci consiglieresti un piatto e un vino in abbinamento fra i tuoi preferiti?

R) Le mie tortine biologiche alla confettura, da abbinare magari ad un moscato passito bio. Penso potrebbero essere una buona idea per chiudere!

Matteo Acmè

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Bikeconomy Forum 2018: ecco come far girare l’economia su due ruote

novembre 14, 2018

Bikeconomy Forum 2018: ecco come far girare l’economia su due ruote

Si svolgerà il 16 novembre, a Roma presso il Museo MAXXI, la terza edizione del Bikeconomy Forum, il più importante evento nazionale dedicato all’economia che ruota attorno alla bicicletta. Ideato dalla Fondazione Manlio Masi e Osservatorio Bikeconomy, con il Patrocinio della Regione Lazio, di Roma Capitale, del CONI e della Federazione Ciclistica Italiana, il Forum quest’anno si concentra su [...]

“Science and the Future” 2, torna al Politecnico di Torino il dibattito su cambiamenti climatici e sostenibilità

novembre 12, 2018

“Science and the Future” 2, torna al Politecnico di Torino il dibattito su cambiamenti climatici e sostenibilità

Sono trascorsi cinque anni dal convegno Internazionale “Science and the future. Impossible, likely, desirable. Economic growth and physical constraints”, che si tenne al Politecnico di Torino nell’ottobre del 2013. Quanto in questi cinque anni ci siamo avvicinati ai “futuri desiderabili” delineati allora? Oppure, al contrario, continuiamo a dirigerci a grandi passi verso quei “futuri impossibili” legati [...]

Il futuro del fotovoltaico al 2030, tra nuovi obiettivi e fine vita degli impianti

novembre 9, 2018

Il futuro del fotovoltaico al 2030, tra nuovi obiettivi e fine vita degli impianti

Nel mese di settembre 2018, con 2,35 miliardi di chilowattora prodotti (+14,4% rispetto a un anno fa), il fotovoltaico ha coperto l’8% della produzione elettrica nazionale con una potenza complessiva di circa 20 GW. Il parco italiano conta oggi 815.000 impianti, i quali ogni anno possono produrre circa 25 miliardi di chilowattora. Tuttavia, con la [...]

A Ecomondo 2018 gli Stati Generali della Green Economy parlano di “nuova occupazione”

novembre 6, 2018

A Ecomondo 2018 gli Stati Generali della Green Economy parlano di “nuova occupazione”

Torna a Ecomondo, dal 6 al 9 novembre 2018 alla Fiera di Rimini, l’appuntamento con gli Stati Generali della Green Economy, un incontro promosso dal Consiglio Nazionale della Green Economy in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente e con il supporto tecnico della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile. Giunti alla settima edizione gli Stati Generali saranno [...]

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

ottobre 18, 2018

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

L’associazione Music Theatre International presenta il 26 ottobre 2018, in prima nazionale al Teatro Centrale Preneste di Roma, lo spettacolo “I 4 elementi“, idea artistica di Stefania Toscano, che ne cura la parte coreografica, con drammaturgia e regia di Paola Sarcina, progetto video di Federico Spirito. La teoria dei “4 elementi” della natura costituisce il “pretesto creativo” a cui s’ispira la [...]

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

ottobre 17, 2018

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

Si terrà a Roma, il 19 e il 20 ottobre prossimi, un convegno organizzato dall’Ordine dei Medici di Roma e da ISDE, l’Associazione Medici per l’Ambiente, sul delicato tema ambiente e salute. I “determinanti di salute” e, in particolare, il binomio ambiente-salute sono, infatti, secondo ISDE, scarsamente considerati nei programmi di studio delle facoltà universitarie di [...]

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

ottobre 16, 2018

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

Insieme per lo sviluppo delle “Terre Alte”. Oggi, agli Stati generali della Montagna, convocati a Roma dal Ministro delle Autonomie e degli Affari Regionali Erika Stefani, UNCEM e Confindustria Belluno Dolomiti (coordinatrice della rete nazionale di “Confindustria per la Montagna”), presenteranno un documento che evidenzia la necessità di attivare sui territori sinergie tra pubblico e privato per identificare strategie e politiche coerenti a [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende