Home » Rubriche »Very Important Planet » Chiara Maci: “Finalmente la genuinità è tornata di moda”:

Chiara Maci: “Finalmente la genuinità è tornata di moda”

febbraio 8, 2013 Rubriche, Very Important Planet

Ogni nuova tendenza ha i suoi protagonisti, volti noti e conosciuti al grande pubblico. Chiara Maci è fra coloro che hanno contribuito a diffondere quella passione per la cucina che oggi spopola in Italia (tanto da diventare oggetto di satira di Maurizio Crozza). Blogger, consulente, sommelier e giudice del programma di La7 “Cuochi e Fiamme“, condotto da Simone Rugiati, Chiara gestisce con la sorella Angela uno dei blog di cucina di maggiore successo e recentemente ha pubblicato un libro di ricette ispirato al lavoro nato online (“Sorelle in pentola“, Newton Compton). “L’idea è arrivata dalla gente – racconta – dai lettori del blog, che chiedevano un supporto cartaceo per le nostre ricette”. Perché è vero che i blog di cucina hanno avvicinato anche i più giovani alla gastronomia casalinga ma “non tutti usano internet con fluidità e dimestichezza: il libro rimane un punto fermo per chi, come me e mia sorella, ama creare piatti sempre nuovi”.

D) Libri, tv, blog: l’offerta di cucina “di qualità” sui media continua a crescere. Quali sono le ragioni di questo successo?

R) Le ragioni sono diverse, ma la prima è che ormai la cucina è accessibile a tutti. Oggi le persone preferiscono rimanere in casa e imparare a cucinare piuttosto che comprare un prodotto già pronto. Questo perché la tradizione, la genuinità e la naturalità del cibo sono tornate finalmente di moda.

D) Sperando che non sia solo una moda..

R) Certamente: in fondo tutti possono imparare a cucinare, perché non provarci? Fra blog, libri e tv ormai è quasi impossibile resistere.

D) Il cibo biologico e locale sta lentamente conquistando gli italiani: secondo lei cosa influisce maggiormente sulle scelte quando si fa la spesa?

R) Credo che la situazione sia diversa nelle diverse regioni e città. Quando vivevo al Sud avevo accesso più facilmente a prodotti buoni e locali. Ora a Milano – soprattutto nei supermercati – le verdure sono insapore. Bisognerebbe prendere l’abitudine di fare la spesa al mercato, dove si riesce a spendere meno e avere un prodotto migliore. Per quanto riguarda il biologico, invece, c’è una grande offerta in centri dedicati mentre deve ancora migliorare nella grande distribuzione.

D) Pensa che la crescita del “biologico” sia un bene per l’industria del cibo (agricoltori, produttori e ristoranti)?

R) Non posso dire se sia un bene o no, quello che so è che il consumatore è molto confuso e ancora oggi non riconosce i meriti del biologico: spesso lo vede come un prodotto “di nicchia” e troppo costoso. Il prezzo più alto è ovvio, ma lo è anche la qualità. Credo dovrebbe cambiare la comunicazione in materia, magari partendo proprio dal punto di vista degli agricoltori.

D) Che parte ha il biologico nella tua vita – privata e professionale – in cucina?

R) Il biologico è stato una scoperta degli ultimi anni, grazie ad un’azienda per cui lavoro. Io però sono cresciuta tra la Campania e l’Emilia, a pane e genuinità, si può dire: solo verdure dei contadini, solo prodotti di stagione, solo chilometro zero. Diciamo che, prima ancora di scoprire il bio, il cibo sano ha sempre fatto parte della mia vita.

D) Da sommelier, qual è la tua opinione sui vini biologici?

R) Credo fermamente che le pratiche enologiche debbano essere moderate e controllate. Spesso l’intervento troppo deciso dell’enologo, soprattutto in grandi cantine, rende impersonale il prodotto finale. Più che parlare di vini bio o naturali, è importante lavorare per mantenere le caratteristiche proprie delle uve e il rispetto del territorio, cosa che è sempre più difficile.

D) L’agricoltura “sostenibile” in genere può avere un ruolo di difesa del territorio?

R) Attraverso l’agricoltura si possono rispettare l’ambiente e la biodiversità, ed è il mezzo da potenziare per far fronte ai bisogni mondiali. Renderla il più sostenibile possibile sarebbe un ottimo inizio per una politica di difesa del territorio.

D) Dulcis in fundo, ci consiglieresti un piatto e un vino in abbinamento fra i tuoi preferiti?

R) Le mie tortine biologiche alla confettura, da abbinare magari ad un moscato passito bio. Penso potrebbero essere una buona idea per chiudere!

Matteo Acmè

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende