Home » Rubriche »Very Important Planet » Cinquant’anni al suon della tromba. Intervista a Paolo Fresu:

Cinquant’anni al suon della tromba. Intervista a Paolo Fresu

luglio 22, 2011 Rubriche, Very Important Planet

Ora è impegnato con il bilancio della propria vita. Cinquant’anni suonati: Paolo Fresu, uno dei più famosi jazzisti al mondo, festeggia il mezzo secolo con 50 concerti a basso impatto ambientale nella sua amata Sardegna. Cinquanta tappe sparse nei posti più belli e incontaminati di tutta l’isola, alla ricerca del connubio perfetto tra musica e terra. Paolo Fresu e cinquant’anni  passati tra concerti e il suo amatissimo Festival di Berchidda. “E’ la campagna del mio paese natale ad avermi forgiato prima della musica. La sua lingua ad avermi suggerito valori e tradizioni che solo successivamente ho potuto traslare in suoni e in emozioni”. Il suo impegno, oggi, è quello di mettere la musica al servizio della vita, per raccontare questo momento così difficile per l’Isola e per il mondo più vasto. “Giuro a me stesso che in ogni esibizione – racconta nel suo sito – il primo pensiero sarà per i bimbi Rom morti bruciati a Roma, per gli operai delle industrie sarde, per i pastori in difficoltà, per l’ambiente minacciato dalle tante macchie nere. Quelle vicine e quelle lontane”.

D) Adesso che è a quasi a metà del suo tour-anniversario è in grado di fare un bilancio?

R) Nessun vero bilancio, ma una consapevolezza. Sono oggi più cosciente che la più grande fortuna che ho avuto in questi quasi trent’anni di carriera è il regalo di poter suggerire riflessioni senza le parole, attraverso il suono della mia tromba. Un messaggio diretto e più efficace.

D) Concerti in tutto il mondo, collaborazioni prestigiose con i grandi del jazz. Però poi ogni anno, ad agosto, un tuffo nella sua amata Sardegna…

R) Ho scelto di fare il mio festival a Berchidda perché la mia terra è un approdo necessario, da quando c’è il festival è diventato un approdo obbligato. Non mi immagino un altro luogo dove fare il festival. Il suo successo è che si fa in questi luoghi, nelle chiese di campagna, dove il rapporto con l’ambiente è un rapporto stretto e rispettoso. E’ così che concepisco l’uso del territorio: un uso delicato e che prende le dovute distanze. E per il mio festival l’ambiente è diventato fondamentale.

D) Tanto fondamentale da dedicare le edizioni ai quattro elementi naturali?

R) Certo. Proseguendo il percorso ideale dedicato ai quattro elementi naturali, inaugurato due anni fa, dopo Acqua e Aria il cartellone si annuncia stavolta all’insegna della Terra. Quest’anno avrà anche un senso più profondo: la terra di Gallura che in questi giorni ha subito la violenza più grande, quella del fuoco. Ho chiamato la mia famiglia il giorno del grande incendio che ha violentato la natura delle mie zone e mi hanno detto che ora il paesaggio è irriconoscibile, è un altro mondo. Sto pensando di organizzare un concerto durante il festival in queste zone bruciate.

D) Una tematica, quella ambientale, che è sempre stata presente nelle sue esibizioni?

R) E’ un argomento fondamentale che va di pari passo con la vita. Noi in Sardegna siamo pieni di “buchi neri” che martoriano l’ambiente, che di notte possono sembrare quasi poetici. Mi riferisco all’atmosfera surreale che può dare la raffineria della Saras al buio, con tutte le sue luci, la sua costruzione complessa, da città spaziale, ma che di giorno mostra tutta la ferocia sul territorio. Per non parlare dell’attualità di Quirra, delle basi militari. La Sardegna è un posto strano: da una parte vive la sua immobilità granitica con alcuni luoghi sempre uguali e immutati, dall’altra il progresso senza intelletto ha modificato i suoi spazi da renderli irriconoscibili e le sue coste stravolte.

D) Qual è dunque la sida per un futuro più sostenibile?

R) La sfida è nelle piccole cose. Oggi la sfida è realizzare ogni concerto con soli 5 Kw, audio, luci e video compresi.

Una sfida che il jazzista sardo sta riuscendo a vincere grazie ad un gruppo elettrogeno “ecologico”, che di giorno cattura l’energia del sole e del vento per poi restituirla la sera, durante il concerto, sotto forma di suoni e luci. Per fare questo vengono utilizzati solo 3 corpi illuminanti led  a bassa tensione (massimo 75w) e video proiettori di 300w al massimo. A fare il resto ci penserà l’arte. E l’impegno quotidiano.

Francesca Fradelloni

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

giugno 19, 2017

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

La Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, in collaborazione con Ecomondo, organizza anche per il 2017 il “Premio per lo Sviluppo Sostenibile“, che ha avuto nelle otto edizioni precedenti l’adesione del Presidente della Repubblica, richiesta anche per quest’anno. Il Premio ha lo scopo di promuovere le buone pratiche e le migliori tecniche delle imprese italiane che [...]

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

giugno 19, 2017

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

Intesa Sanpaolo ha collocato con successo un green bond da 500 milioni di euro, titolo legato a progetti di sostenibilità ambientale e climatica, raccogliendo ordini per circa 2 miliardi di euro e acquisendo il primato, ad oggi, di unica banca italiana a debuttare quale emittente “green”. L’importo raccolto tramite il green bond verrà utilizzato per il [...]

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

giugno 14, 2017

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

Aruba S.p.A., leader nei servizi di web hosting e tra le prime aziende al mondo per la crescita dei servizi di data center e cloud, ha annunciato la pre-apertura del più grande data center campus d’Italia, a Ponte San Pietro (Bergamo). Il Global Cloud Data Center, è stato concepito per andare incontro alle esigenze di colocation [...]

Roadmap per la mobilità sostenibile. Il Ministero presenta il documento di analisi

giugno 5, 2017

Roadmap per la mobilità sostenibile. Il Ministero presenta il documento di analisi

E’ stato presentato il 30 maggio a Roma, in un evento alla presenza del ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti e del viceministro ai Trasporti Riccardo Nencini, il documento “Elementi per una Road map della mobilità”, redatto con il supporto scientifico di RSE – Ricerca Sistema Energetico. Il testo è frutto dei contributi forniti dai partecipanti al [...]

Con il packaging “Attivo” di Bestack le fragole si conservano di più

giugno 5, 2017

Con il packaging “Attivo” di Bestack le fragole si conservano di più

Nell’aspetto sembra una cassetta qualunque, ma grazie a un innovativo brevetto, frutto di cinque anni di studi universitari, è uno strumento intelligente contro lo spreco alimentare: consente infatti di ridurlo in modo significativo. È il packaging “Attivo” che Bestack – il consorzio non profit dei produttori italiani di imballaggi in cartone ondulato per ortofrutta – ha messo [...]

TOBike: una caccia al tesoro urbana per festeggiare i 7 anni

giugno 1, 2017

TOBike: una caccia al tesoro urbana per festeggiare i 7 anni

Dopo i 20 anni di Cinemambiente, nella Torino “green” si celebra un altro compleanno: [TO]BIKE, il servizio di bike sharing cittadino, compie sette anni. Inaugurato nel 2010, dalla sua attivazione ad oggi ha registrato 27.500 abbonati annuali, che ogni anno percorrono sulle oltre 1.100 biciclette gialle circolanti in città circa 3.700.000 chilometri. Come già lo scorso anno l’intento [...]

Buon compleanno Cinemambiente! A Torino apre l’edizione n. 20

maggio 31, 2017

Buon compleanno Cinemambiente! A Torino apre l’edizione n. 20

La 20° edizione del Festival Cinemambiente è la prima che si tiene nell’Antropocene, la nuova epoca geologica segnata dalle attività umane, da poco formalmente riconosciuta dalla società scientifica internazionale. La coincidenza temporale sarà lo spunto ideale per “Il punto” di Luca Mercalli, che apre ufficialmente il cartellone degli appuntamenti (alle ore 21 di stasera al [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende