Home » Rubriche »Very Important Planet » Cinquant’anni al suon della tromba. Intervista a Paolo Fresu:

Cinquant’anni al suon della tromba. Intervista a Paolo Fresu

luglio 22, 2011 Rubriche, Very Important Planet

Ora è impegnato con il bilancio della propria vita. Cinquant’anni suonati: Paolo Fresu, uno dei più famosi jazzisti al mondo, festeggia il mezzo secolo con 50 concerti a basso impatto ambientale nella sua amata Sardegna. Cinquanta tappe sparse nei posti più belli e incontaminati di tutta l’isola, alla ricerca del connubio perfetto tra musica e terra. Paolo Fresu e cinquant’anni  passati tra concerti e il suo amatissimo Festival di Berchidda. “E’ la campagna del mio paese natale ad avermi forgiato prima della musica. La sua lingua ad avermi suggerito valori e tradizioni che solo successivamente ho potuto traslare in suoni e in emozioni”. Il suo impegno, oggi, è quello di mettere la musica al servizio della vita, per raccontare questo momento così difficile per l’Isola e per il mondo più vasto. “Giuro a me stesso che in ogni esibizione – racconta nel suo sito – il primo pensiero sarà per i bimbi Rom morti bruciati a Roma, per gli operai delle industrie sarde, per i pastori in difficoltà, per l’ambiente minacciato dalle tante macchie nere. Quelle vicine e quelle lontane”.

D) Adesso che è a quasi a metà del suo tour-anniversario è in grado di fare un bilancio?

R) Nessun vero bilancio, ma una consapevolezza. Sono oggi più cosciente che la più grande fortuna che ho avuto in questi quasi trent’anni di carriera è il regalo di poter suggerire riflessioni senza le parole, attraverso il suono della mia tromba. Un messaggio diretto e più efficace.

D) Concerti in tutto il mondo, collaborazioni prestigiose con i grandi del jazz. Però poi ogni anno, ad agosto, un tuffo nella sua amata Sardegna…

R) Ho scelto di fare il mio festival a Berchidda perché la mia terra è un approdo necessario, da quando c’è il festival è diventato un approdo obbligato. Non mi immagino un altro luogo dove fare il festival. Il suo successo è che si fa in questi luoghi, nelle chiese di campagna, dove il rapporto con l’ambiente è un rapporto stretto e rispettoso. E’ così che concepisco l’uso del territorio: un uso delicato e che prende le dovute distanze. E per il mio festival l’ambiente è diventato fondamentale.

D) Tanto fondamentale da dedicare le edizioni ai quattro elementi naturali?

R) Certo. Proseguendo il percorso ideale dedicato ai quattro elementi naturali, inaugurato due anni fa, dopo Acqua e Aria il cartellone si annuncia stavolta all’insegna della Terra. Quest’anno avrà anche un senso più profondo: la terra di Gallura che in questi giorni ha subito la violenza più grande, quella del fuoco. Ho chiamato la mia famiglia il giorno del grande incendio che ha violentato la natura delle mie zone e mi hanno detto che ora il paesaggio è irriconoscibile, è un altro mondo. Sto pensando di organizzare un concerto durante il festival in queste zone bruciate.

D) Una tematica, quella ambientale, che è sempre stata presente nelle sue esibizioni?

R) E’ un argomento fondamentale che va di pari passo con la vita. Noi in Sardegna siamo pieni di “buchi neri” che martoriano l’ambiente, che di notte possono sembrare quasi poetici. Mi riferisco all’atmosfera surreale che può dare la raffineria della Saras al buio, con tutte le sue luci, la sua costruzione complessa, da città spaziale, ma che di giorno mostra tutta la ferocia sul territorio. Per non parlare dell’attualità di Quirra, delle basi militari. La Sardegna è un posto strano: da una parte vive la sua immobilità granitica con alcuni luoghi sempre uguali e immutati, dall’altra il progresso senza intelletto ha modificato i suoi spazi da renderli irriconoscibili e le sue coste stravolte.

D) Qual è dunque la sida per un futuro più sostenibile?

R) La sfida è nelle piccole cose. Oggi la sfida è realizzare ogni concerto con soli 5 Kw, audio, luci e video compresi.

Una sfida che il jazzista sardo sta riuscendo a vincere grazie ad un gruppo elettrogeno “ecologico”, che di giorno cattura l’energia del sole e del vento per poi restituirla la sera, durante il concerto, sotto forma di suoni e luci. Per fare questo vengono utilizzati solo 3 corpi illuminanti led  a bassa tensione (massimo 75w) e video proiettori di 300w al massimo. A fare il resto ci penserà l’arte. E l’impegno quotidiano.

Francesca Fradelloni

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende