Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Ciò Che Vale: da Pistaaa! all’Accademia del Dialogo. I primi tre anni di un’associazione vulcanica:

Ciò Che Vale: da Pistaaa! all’Accademia del Dialogo. I primi tre anni di un’associazione vulcanica

marzo 27, 2019 Campioni d'Italia, Rubriche

Tre anni fa un primo nucleo di giovani volontari rispondeva alla chiamata del vulcanico Alberto Guggino, promotore di una nuova iniziativa aggregativa per riscoprire valori fondanti come l’ambiente, la salute, la socialità. Nasceva così l’Associazione Ciò Che Vale, che sabato 23 aprile ha inaugurato la sua nuova sede a Chieri, nel torinese.

Tre anni senza fermarsi, con un focus particolare sul progetto di mobilità sostenibile Pistaaa! (una ciclovia tra Torino e il Monferrato formata dalla messa in rete di sentieri e strade bianche già esistenti), affiancato da tante altre iniziative in campi diversi, dalla bioedilizia all’agricoltura.

Alberto, che è anche ambasciatore del “Terzo Paradiso“, il progetto artistico-ambientale del maestro Michelangelo Pistoletto, ha indirizzato l’associazione verso la riscoperta dei grani antichi, ma anche alla valorizzazione della canapa – con uno slogan chiaro e preciso: canapa da pregiudizio a risorsa – un messaggio che punta a utilizzare questo bene naturale come cibo, nell’edilizia, nel tessile. Ora in agenda c’è anche il frutteto naturale didattico. Iniziative per migliorare la qualità della vita dei singoli e delle comunità, con tanta cultura (anche materiale).

Ma non è finita: l’associazione, in occasione dell’inaugurazione della nuova sede, ha presentato il progetto dell’Accademia del Dialogo, coordinata dal socio Pietro Liotta: “Stiamo organizzando 25 incontri divisi in 4 sezioni: Andiamo incontro al futuro; Regola d’arte; Abitare sostenibile; Rripartiamo dal cibo. Momenti di condivisione che si basano sulle testimonianze delle persone che vivono queste esperienze – spiega Liotta - Un dialogare che si basa su piccoli laboratori di pensiero e di iniziativa. Il cuore dell’accademia del dialogo è mettere in relazione i contrapposti… Dove c’è la diversità c’è possibilità di varietà”.

Via quindi anche alla conciliazione di tradizione e innovazione. Da un lato si va alla riscoperta di grani antichi, dall’altro si ragiona sull’utilizzo virtuoso di Internet. “Affronteremo temi come i big data o l’internet delle cose”, spiega Pietro. “Il primo incontro è fissato per l’11 aprile (alle 20,30) con lingegner Angelo Tartaglia (docente del Politecnico di Torino) che parlerà del fenomeno delle comunità energetiche e della dipendenza dai combustibili fossili”.

I progetti dell’associazione puntano ad una aggregazione sociale basata su stili di vita sostenibili, come ci spiega ancora Pietro: “Puntiamo sull’autoproduzione alimentare, la riduzione degli sprechi, fare innovazione con la tutela ambientale. Promuoviamo progetti di permacoltura, basati sul biologico. Sono realtà che esistevano sul territorio, ma a cui è fondamentale dare voce”. “La promozione di ogni iniziativa – prosegue Liotta – deve  favorire la tutela dell’ambiente e dell’ecosistema, con particolare attenzione alla valorizzazione dei territori e delle piccole comunità, all’ecoturismo, alla realizzazione di modelli sistemici in campo economico”. Un focus innovativo molto interessante è quello della promozione di filiere di cibo nutraceutico con un’agricoltura che rispetti la microbiologia del suolo e che segua i dettami della permacultura.

Oltre alle belle parole, in questa associazione si coltivano le buone pratiche e gli esempi di coerenza, a partire da quello del fondatore, Guggino, che anni fa ha deciso di lasciare un ruolo di alta responsabilità nella multinazionale in cui lavorava alla ricerca attiva di un’economia che rispetti le persone – siano queste lavoratori o consumatori – e che rispetti l’ambiente e la biodiversità, preservandoli per le generazioni future.

Se proprio si deve individuare un “faro culturale”, una fonte di ispirazione intellettuale, dietro l’operato dell’associazione chierese, il riferimento cade su Gunter Pauli, il teorico della blue economy. Ma per portare a termine i progetti non bastano le buone idee, c’è necessità di un lavoro culturale quotidiano basato sul confronto: ”Il dialogo – sottolinea Liotta – è lo strumento per inserire dentro ad un unico contenitore le menti, le conoscenze e le curiosità di persone diverse, attente nell’ascolto e capaci di cogliere la sintesi di proposte inizialmente distanti e contrapposte. Idealmente, la nostra Accademia del Dialogo rappresenta il Terzo Paradiso di Pistoletto, dove le differenze si incontrano generando nuove conoscenze e consapevolezze”.

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

maggio 13, 2019

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

Per la comunità scientifica italiana, in particolare quella che studia i Poli, si tratta di un grande risultato, che aprirà la strada a nuovi studi. L’OGS, Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – grazie ad un finanziamento di 12 milioni di euro ricevuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – ha acquistato dalla norvegese Rieber [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende