Home » Bollettino Europa »Rubriche » Ciolos gioca di sponda: alla società civile il compito di salvare la PAC:

Ciolos gioca di sponda: alla società civile il compito di salvare la PAC

luglio 16, 2012 Bollettino Europa, Rubriche

Un’agricoltura europea verde, ecologica e sostenibile, più equa e che garantisca la sicurezza alimentare, lontana dalla produzione nociva di tipo industriale, per riportare una “vitalità rurale”. Queste sono state, in sintesi, le richieste dei gruppi di ambientalisti, agricoltori e rappresentanti della società civile, durante la conferenza “The CAP towards 2020 – taking stock with civil society”, che si è tenuta a Bruxelles lo scorso 13 giugno, con la promozione della Commissione Europea, per discutere sul futuro dell’agricoltura comunitaria e della nuova Politica Agricola Comune (PAC).

La conferenza, voluta dallo stesso Dacian Ciolos, il Commissario europeo all’Agricoltura (estensore della proposta di riforma in discussione), è nata con l’obiettivo di dare voce alla società civile proprio durante il processo di formazione della nuova PAC, dal momento che quest’ultima – ha dichiarato il Commissario –  “deve trarre la sua legittimità proprio dalla società civile”.

L’occasione si è prestata anche per fare il punto sullo stato dei negoziati tra gli Stati membri, con i quali le frizioni dell’esecutivo europeo non sembrano esaurite. ”La PAC non è solo una politica economica. La PAC non è solo una politica per il cibo, per le nostre terre e risorse naturali, o per l’occupazione – ha dichiarato in apertura dei lavori Ciolos – ma è una politica per l’intera società europea proprio per tutti questi motivi”. Il Commissario, per rispondere anche ai tiepidi giudizi delle associazioni ambientaliste,  ha premuto il tasto sui “notevoli sforzi” compiuti dal suo gruppo di lavoro per tener conto proprio delle aspettative della società civile: la produzione di cibo, la tutela delle risorse naturali, l’apertura al mondo, le radici locali, la diversità culturale, l’invecchiamento nelle zone rurali, la semplificazione burocratica. Ma, soprattutto, per “trovare un equilibrio” tra la modernità, da un lato, e la tradizione nazionale, dall’altro.

Ciolos ha forse intuito che “giocare di sponda” può ancora salvare lo spirito originario della proposta di riforma della PAC (sottoposta al logorio di Consiglio e Parlamento europei), aprendo le porte alla società civile. Dal canto loro i gruppi di ambientalisti non hanno perso l’occasione e si sono adoperati per chiedere di “aggiustare”, con una vera riforma, l’attuale modello europeo di agricoltura, di produzione e consumo di cibo.

“Il dibattito su cibo e agricoltura in Europa – spiega Magda Stoczkiewicz, direttrice del gruppo ambientalista Friends of the Earth Europe - ha bisogno di un cambio di rotta. I legislatori devono spingere per una riforma radicale della Politica Agricola Comune. Agli Stati membri e ai Parlamentari non deve essere lasciata la possibilità di eludere le responsabilità verso i cittadini europei, che vogliono vedere un’agricoltura verde e giusta, che fornisca cibo sano per i consumatori e che protegga davvero l’ambiente”. La direzione in cui si è ultimamente indirizzato il dibattito sulla PAC sembra infatti, in tutta evidenza, che non porterà al tipo di cibo e di agricoltura che i cittadini europei sperano. “Le proposte della Commissione Europea rischiano di essere annacquate dal Parlamento e dal Consiglio, la nuova PAC dovrebbe promuovere un’agricoltura più verde e più equa che fornisca cibo sano per i consumatori, garantisca la sicurezza alimentare a lungo termine, protegga l’ambiente e crei comunità rurali varie e determinate”, ribadisce Samuel Féret, membro di Arc2020, la piattaforma di stakeholders per una PAC più giusta: “la Commissione Europea dovrebbe garantire che le sue proposte siano rafforzate, non indebolite. La priorità deve essere ringiovanire l’agricoltura e le comunità rurali, garantendo allo stesso tempo un sostentamento decente per tutti i contadini in un ambiente sano, non il solito business”.

Ciò che sembra emergere dalla conferenza è dunque il timore dei cittadini che la riforma della PAC, così come sembra delinearsi, possa incoraggiare, invece che frenare, pratiche agricole che danneggino l’ambiente, come l’intensificazione delle colture – accompagnata da un uso eccessivo di sostanze chimiche – e la perdita di diversità del paesaggio. Si ha cioè l’impressione che il capitolo dell’inverdimento della Pac sia sottoposto a una vera e propria azione di greenwashing, ovvero che vengano mantenute le rituali dichiarazioni di facciata, mentre si lavora invece, per indebolirne l’effetto reale.

La rotta, secondo l’associazione BirdLife, si potrà invertire solamente se vi sarà la volontà, da parte dei responsabili politici, di imporre criteri di condizionalità al pagamento di tutte le sovvenzioni. Una posizione e una richiesta comuni a tutte le organizzazioni ambientaliste presenti al dibattito: i pagamenti diretti dovrebbero, quindi, essere collegati alle buone pratiche agronomiche, e gli agricoltori che agiscono tramite specifiche strategie di gestione per migliorare l’ambiente, dovrebbero essere ricompensati. Semplice e lineare.

Tra i sostenitori di questa linea “ambientalista” ha fatto sentire la propria voce anche Slow Food che, insieme a numerose altre organizzazioni non governative aderirà alla “Good Food March”, la marcia che partirà a fine agosto e si concluderà il 19 settembre a Bruxelles, coinvolgendo tutti coloro che vorranno portare le proprie richieste per il futuro del cibo e dell’agricoltura europei direttamente alla sede dell’Unione Europea. Un solo rammarico sulla conferenza del 13 luglio di cui vi abbiamo dato notizia: nonostante la dichiarazione di apertura alla “società civile”, l’incontro di Bruxelles era rigorosamente su invito e non c’è stato modo, per la stampa indipendente come la nostra, di accreditarsi per l’evento. 

Donatella Scatamacchia

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

dicembre 11, 2018

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

GBC Italia con UNESCO e il Comune di Ferrara organizzano dall’11 al 13 dicembre 2018 “Heritage & Sustainability“, un workshop internazionale incentrato sugli strumenti energetico-ambientali per la governance sostenibile del patrimonio architettonico esistente. L’evento, in collaborazione con la fiera RemTech Expo, si svolgerà tra due dei più prestigiosi edifici storici della città di Ferrara, il Castello Estense e il Palazzo Ducale. [...]

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

dicembre 7, 2018

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

Dopo la positiva esperienza del 2017, anche nel 2018, la Fondazione CRC (Cassa di Risparmio di Cuneo) prosegue e rafforza il suo impegno a favore del contesto ambientale e paesaggistico della provincia di Cuneo promuovendo il “Bando Distruzione“, con il duplice obiettivo di distruggere le brutture e ripristinare la bellezza di un contesto paesaggistico e [...]

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

dicembre 6, 2018

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

I “muretti a secco” sono  stati inseriti, nei giorni scorsi, nel Patrimonio immateriale dell’Umanità dall’UNESCO, confermando le motivazioni dei Paesi europei che congiuntamente ne avevano presentato la candidatura - Italia, Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Slovenia, Spagna e Svizzera – facendo leva sulla “relazione armoniosa tra l’uomo e la natura”. L’arte dei muretti a secco, come si [...]

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

dicembre 3, 2018

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

Dopo il successo della prima edizione torna mercoledì 5 dicembre 2018, all’Environment Park di Torino, l’EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte, un momento di confronto e dibattito sulla gestione virtuosa dei rifiuti con i principali operatori locali del settore (aziende, pubblica amministrazione, consorzi), per concentrarsi sulle criticità del ciclo dei rifiuti e sulle soluzioni per minimizzare lo smaltimento [...]

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

novembre 30, 2018

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

MOTUS-E, l’associazione costituita da operatori industriali, mondo accademico e associazionismo ambientale e consumeristico con l’obiettivo di accelerare lo sviluppo della mobilità elettrica in Italia attraverso il dialogo con le Istituzioni, il coinvolgimento del pubblico e programmi di formazione e informazione, ha rilasciato un comunicato stampa in cui rileva che la manovra finanziaria arrivata in Parlamento [...]

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

novembre 30, 2018

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

Ieri a Bruxelles è stata ufficialmente lanciata l’ICE (Iniziativa dei Cittadini Europei) EAToriginal, la campagna di Coldiretti e altre associazioni europee per chiedere alla Commissione Europea di introdurre un’etichettatura obbligatoria sull’origine del cibo. La contraffazione e l’adulterazione di prodotti alimentari rappresentano infatti un grave rischio per la salute dei consumatori, soprattutto quando vengono utilizzati ingredienti di bassa [...]

Dissalatori, soluzione alla carenza d’acqua? Ma serve una normativa sugli scarichi

novembre 28, 2018

Dissalatori, soluzione alla carenza d’acqua? Ma serve una normativa sugli scarichi

Con la siccità che, ogni anno, coinvolge anche il nostro Paese, a causa dei cambiamenti climatici, il mare potrebbe diventare la principale risorsa idrica disponibile. La dissalazione dell’acqua marina può dunque rappresentare una valida soluzione alla crisi idrica che quasi sicuramente ci troveremo ad affrontare. Serve però una normativa specifica sul funzionamento degli impianti e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende