Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Città del Bio: 200 Comuni per far quadrare economia ed ecologia:

Città del Bio: 200 Comuni per far quadrare economia ed ecologia

febbraio 18, 2015 Campioni d'Italia, Rubriche

Quando è stata creata l’associazione, più di dieci anni fa, nessuno forse pensava di poter riferire alle città l’aggettivo “biologico”. Di agricoltura urbana ancora non si parlava e pochi erano sensibili al tema del cibo biologico nelle mense scolastiche. Oggi le cose sono diverse, ma il lavoro di sensibilizzazione di questi anni si deve anche a Città del Bio. “Siamo nati a fine 2003 a Grugliasco, il primo Comune, insieme a Cesena, a introdurre cibi bio nei pasti dei bambini a scuola. All’inizio eravamo un gruppo di una trentina di Comuni, c’erano già grandi città come Roma. Oggi siamo arrivati a 200 adesioni e stiamo lavorando per internazionalizzare la nostra rete”, sintetizzaIgnazio Garau, ex presidente e oggi direttore dell’associazione.

Il punto di partenza è stato il tema dell’alimentazione a scuola, per muoversi poi anche su altri fronti: “Man mano che hanno aderito nuove realtà, sono cambiati anche gli obiettivi dell’associazione, che oltre alle coltivazioni biologiche oggi promuove anche il contenimento dei consumi, la produzione di energia da fonti rinnovabili, la riduzione e il riciclo dei rifiuti”. Un percorso in cui l’agricoltura bio “è diventata il punto di partenza per un nuovo paradigma, in cui l’impegno sociale è centrale e l’economia non è più sconnessa dall’ecologia”.

Per attuare questi nuovi modelli, i Comuni, livello di amministrazione più vicino ai cittadini, possono fare molto. E le buone pratiche degli aderenti alla rete Città del Bio mostrano come, anche partendo dalle piccole cose, si possa dare il via al cambiamento. “Il piccolo Comune molisano di Castel del Giudice, per esempio, ha recuperato dei terreni incolti sia pubblici che privati e avviato una produzione di mele biologiche gestita da una cooperativa di giovani del luogo. Il Comune di Castelbuono, in provincia di Palermo, è stato il primo ad avviare la raccolta differenziata con gli asini, mentre il vicino Comune di Collesano si sta impegnando in prima persona per recuperare un podere confiscato alla mafia e avviare la produzione di olio d’oliva biologico”, racconta Garau. E le buone pratiche non finiscono qui. Dal comune di Sant’Antantonino di Susa, di cui è stato sindaco per dieci anni il neo presidente di Città del Bio, Antonio Ferrentino, arriva un modello virtuoso nel campo della ristorazione scolastica. “Dieci anni fa abbiamo fatto un capitolato che prevedeva l’utilizzo di prodotti biologici e locali, provenienti da un raggio di non oltre 100 chilometri, dimostrando che è possibile usare cibi del territorio senza aumentare i costi”, spiega Ferrentino, che oggi è consigliere comunale di Sant’Antonino e consigliere regionale in quota PD. “Stiamo lavorando con l’Anci e la Lega delle Autonomie per espandere questo modello, che ha anche un impatto economico positivo sulle aziende agricole del territorio”.

In più di dieci anni di attività, Città del Bio ha puntato molto sulla sensibilizzazione delle persone, attraverso la promozione di premi per prodotti biologici – “l’obiettivo è sempre dimostrare che non sono solo più sani, ma anche superiori dal punto di vista organolettico” –, mercati dei produttori, messa in rete di buone pratiche. Per il futuro, i progetti aperti sono molti. Proprio in questi giorni Ferrentino ha firmato una convenzione con il Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti per la creazione di “Distretti del Bio” di montagna, anche in vista di Expo: “Con questo accordo – spiegano dal Ministero – saranno individuate le realtà su cui definire il modello più adeguato ai territori di montagna, capace di innescare progetti di filiera che vanno dalla produzione agricola alla trasformazione dei prodotti, dal commercio specializzato alla ristorazione e all’ospitalità”. Connettendo così l’agricoltura senza chimica al turismo: “Un turismo – è scritto nel testo dell’accordo – che non sia solo consumo di territorio, provvisoria e illusoria alternativa al degrado metropolitano, ma che sia strettamente legato alle culture locali”. Ferrentino ha incontrato di recente anche il Viceministro alle Politiche Agricole Andrea Olivero: “Con il suo dicastero promuoveremo progetti di agricoltura sociale. Ci piacerebbe per esempio realizzare un allevamento di lumache, che consentirebbe di impiegare persone in carrozzina”.

A queste attività si aggiunge il lavoro di internazionalizzazione dell’associazione, in vista anche del III Forum dello Sviluppo Economico Locale che si svolgerà a Torino dal 13 al 16 ottobre 2015 e nel cui ambito si terranno gli Stati Generali dei Sindaci e delle Città del Bio: “Stiamo mettendo le radici in otto Paesi, tra cui Francia, Austria, Germania, Grecia e Romania”, spiega Garau. “A Torino i temi del cibo e della collaborazione tra territori urbani e rurali saranno al centro della discussione. Sarà interessante confrontare le nostre esperienze con quelle di persone provenienti da tutto il mondo”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

febbraio 5, 2018

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

Il 2018 sarà l’anno zero per le rilevazioni sullo spreco del cibo in Italia: perché per la prima volta arrivano i dati reali sullo spreco alimentare nelle nostre case, integrati da rilevazioni nella grande distribuzione e nelle mense scolastiche. Gli innovativi monitoraggi, su campione statistico di 400 famiglie di tutta Italia e su campioni significativi [...]

Ricerca Schneider Electric: le grandi aziende fanno progressi sulla sostenibilità ma non sono ancora “smart”

febbraio 1, 2018

Ricerca Schneider Electric: le grandi aziende fanno progressi sulla sostenibilità ma non sono ancora “smart”

Una nuova ricerca resa nota da Schneider Electric, leader mondiale dell’automazione e trasformazione digitale dell’energia, rivela che benché la gran parte delle grandi aziende si sentano pronte per affrontare un futuro decentralizzato, decarbonizzato e digitalizzato, molte, in realtà, non stanno ancora prendendo le necessarie misure per integrare e fare evolvere i loro programmi energetici e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende