Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Città del Bio: 200 Comuni per far quadrare economia ed ecologia:

Città del Bio: 200 Comuni per far quadrare economia ed ecologia

febbraio 18, 2015 Campioni d'Italia, Rubriche

Quando è stata creata l’associazione, più di dieci anni fa, nessuno forse pensava di poter riferire alle città l’aggettivo “biologico”. Di agricoltura urbana ancora non si parlava e pochi erano sensibili al tema del cibo biologico nelle mense scolastiche. Oggi le cose sono diverse, ma il lavoro di sensibilizzazione di questi anni si deve anche a Città del Bio. “Siamo nati a fine 2003 a Grugliasco, il primo Comune, insieme a Cesena, a introdurre cibi bio nei pasti dei bambini a scuola. All’inizio eravamo un gruppo di una trentina di Comuni, c’erano già grandi città come Roma. Oggi siamo arrivati a 200 adesioni e stiamo lavorando per internazionalizzare la nostra rete”, sintetizzaIgnazio Garau, ex presidente e oggi direttore dell’associazione.

Il punto di partenza è stato il tema dell’alimentazione a scuola, per muoversi poi anche su altri fronti: “Man mano che hanno aderito nuove realtà, sono cambiati anche gli obiettivi dell’associazione, che oltre alle coltivazioni biologiche oggi promuove anche il contenimento dei consumi, la produzione di energia da fonti rinnovabili, la riduzione e il riciclo dei rifiuti”. Un percorso in cui l’agricoltura bio “è diventata il punto di partenza per un nuovo paradigma, in cui l’impegno sociale è centrale e l’economia non è più sconnessa dall’ecologia”.

Per attuare questi nuovi modelli, i Comuni, livello di amministrazione più vicino ai cittadini, possono fare molto. E le buone pratiche degli aderenti alla rete Città del Bio mostrano come, anche partendo dalle piccole cose, si possa dare il via al cambiamento. “Il piccolo Comune molisano di Castel del Giudice, per esempio, ha recuperato dei terreni incolti sia pubblici che privati e avviato una produzione di mele biologiche gestita da una cooperativa di giovani del luogo. Il Comune di Castelbuono, in provincia di Palermo, è stato il primo ad avviare la raccolta differenziata con gli asini, mentre il vicino Comune di Collesano si sta impegnando in prima persona per recuperare un podere confiscato alla mafia e avviare la produzione di olio d’oliva biologico”, racconta Garau. E le buone pratiche non finiscono qui. Dal comune di Sant’Antantonino di Susa, di cui è stato sindaco per dieci anni il neo presidente di Città del Bio, Antonio Ferrentino, arriva un modello virtuoso nel campo della ristorazione scolastica. “Dieci anni fa abbiamo fatto un capitolato che prevedeva l’utilizzo di prodotti biologici e locali, provenienti da un raggio di non oltre 100 chilometri, dimostrando che è possibile usare cibi del territorio senza aumentare i costi”, spiega Ferrentino, che oggi è consigliere comunale di Sant’Antonino e consigliere regionale in quota PD. “Stiamo lavorando con l’Anci e la Lega delle Autonomie per espandere questo modello, che ha anche un impatto economico positivo sulle aziende agricole del territorio”.

In più di dieci anni di attività, Città del Bio ha puntato molto sulla sensibilizzazione delle persone, attraverso la promozione di premi per prodotti biologici – “l’obiettivo è sempre dimostrare che non sono solo più sani, ma anche superiori dal punto di vista organolettico” –, mercati dei produttori, messa in rete di buone pratiche. Per il futuro, i progetti aperti sono molti. Proprio in questi giorni Ferrentino ha firmato una convenzione con il Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti per la creazione di “Distretti del Bio” di montagna, anche in vista di Expo: “Con questo accordo – spiegano dal Ministero – saranno individuate le realtà su cui definire il modello più adeguato ai territori di montagna, capace di innescare progetti di filiera che vanno dalla produzione agricola alla trasformazione dei prodotti, dal commercio specializzato alla ristorazione e all’ospitalità”. Connettendo così l’agricoltura senza chimica al turismo: “Un turismo – è scritto nel testo dell’accordo – che non sia solo consumo di territorio, provvisoria e illusoria alternativa al degrado metropolitano, ma che sia strettamente legato alle culture locali”. Ferrentino ha incontrato di recente anche il Viceministro alle Politiche Agricole Andrea Olivero: “Con il suo dicastero promuoveremo progetti di agricoltura sociale. Ci piacerebbe per esempio realizzare un allevamento di lumache, che consentirebbe di impiegare persone in carrozzina”.

A queste attività si aggiunge il lavoro di internazionalizzazione dell’associazione, in vista anche del III Forum dello Sviluppo Economico Locale che si svolgerà a Torino dal 13 al 16 ottobre 2015 e nel cui ambito si terranno gli Stati Generali dei Sindaci e delle Città del Bio: “Stiamo mettendo le radici in otto Paesi, tra cui Francia, Austria, Germania, Grecia e Romania”, spiega Garau. “A Torino i temi del cibo e della collaborazione tra territori urbani e rurali saranno al centro della discussione. Sarà interessante confrontare le nostre esperienze con quelle di persone provenienti da tutto il mondo”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

maggio 8, 2017

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

Edilizia off-site è il concetto chiave del cambiamento proposto negli appuntamenti 2017 di REbuild, l’evento dedicato al settore delle costruzioni e riqualificazioni, in programma a Riva del Garda il 22 e 23 giugno prossimi. La produzione tende infatti a spostarsi in fabbrica, mentre il cantiere diviene il luogo dell’assemblaggio di parti prodotte industrialmente. Già in [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende