Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Cleanap: la guerriglia di civiltà che sta mobilitando Napoli:

Cleanap: la guerriglia di civiltà che sta mobilitando Napoli

novembre 26, 2014 Campioni d'Italia, Rubriche

Nella città tristemente simbolo delle emergenze rifiuti hanno mobilitato i cittadini per il decoro di piazze e strade. E nello stesso posto, dopo tre anni di flashmob, associazioni dimostrative, corsi di educazione ambientale nelle scuole, stanno portando anche il bike sharing, un progetto su cui in pochi avrebbero scommesso per Napoli. L’associazione napoletana Cleanap, che oggi conta una ventina di soci under 35, nasce nel 2011 dal desiderio di un gruppo di amici di fare qualcosa di concreto per la propria città assediata dalla monnezza, una “guerriglia di civiltà”, come riassumono loro in tre parole.

“Cleanap nasce nel 2011 come una proposta di performance socialmente utile durante l’ennesima ordinaria emergenza rifiuti di Napoli. La qualità della vita diventava ogni giorno più invivibile, il nostro patrimonio sempre più mortificato dalla scelleratezza dell’uomo che tradisce l’uomo, speculando sul sistema rifiuti. Un pomeriggio, decidiamo di lanciare una sfida: Come fare per riprendere possesso della nostra città? Come fare per affermare il nostro amore e la voglia di impegnarsi in prima persona? Come fare a opporsi all’intollerabile situazione dei rifiuti di Napoli, proponendo un’alternativa fattiva e non una “mera” protesta? Creammo un evento su Facebook, scegliendo di chiamarlo Cleanap|Piazza pulita. Sostanzialmente si trattava di un invito alla cittadinanza attiva per scendere in piazza, muniti di scope, palette, piantine da innestare, strumenti funzionali per prendere possesso della piazza prescelta, piazza Bellini, una piazza centralissima, molto frequentata da giovani, area in cui si trovano edifici storici e resti archeologici, quindi che  - forse più delle altre – doveva essere tutelata”, spiega oggi Emilana Mellone, ideatrice del progetto. Lo stesso nome è tutto un programma: “Cleanap è una crasi tra il verbo to Clean e Nap(oli). Se lo andate a pronunciare “cleanap”, diventa “clean up”, i cui svariati significati rimandano a: moralizzare, pulire, raccogliere, regolare, ripulire”.

Dopo il primo evento, che raccoglie circa 80 persone in una sola settimana, se ne susseguono altri nelle piazze del centro storico, che nel 1995 l’Unesco ha dichiarato Patrimonio dell’umanità: largo Banchi Nuovi e largo San Giovanni Maggiore Pignatelli, Porta Capuana (piazza San Francesco a Capuana; piazza Enrico de Nicola), largo Santa Maria La Nova, piazza Mercato. “Sempre più persone partecipavano alle iniziative per fare “piazza pulita” dei luoghi comuni che attanagliano ancora oggi la città partenopea, sempre più persone parteciparono in prima persona, ognuna portando strumenti per sé e per chi ne era sprovvisto”. Nasce così un vero e proprio esperimento di innovazione sociale guidato da under 30, poi sfociato nell’associazione Cleanap. Che però, ci tengono sempre a precisare i responsabili, non vuole assolutamente sostituirsi alle istituzioni, ma anzi sollecitarle a intervenire per la cura dell’ambiente e del patrimonio artistico, sensibilizzando allo stesso tempo i cittadini sulla responsabilità collettiva dei beni comuni.

In questi anni l’associazione ha promosso diverse attività: “Dal 2011 collaboriamo con le scuole, lavorando ai nostri progetti di eco-orienteering, riqualificazione del verde scolastico e compostaggio, per incoraggiare i genitori e insegnare ai bambini un nuovo approccio in nome della sostenibilità e del riuso creativo”. Dallo stesso anno  “siamo promotori e partner italiani del movimento Let’s Do It!World, un’organizzazione nata in Estonia nel 2008 con l’intento di realizzare l’ambizioso progetto di ripulire il proprio paese in un solo giorno”. In questo ambito, l’edizione dell’anno scorso è stata dedicata alla pulizia del parco naturale del Vesuvio.

Ma il progetto principale e più interessante, insieme all’impegno per il decoro di Napoli, è senza dubbio quello del bike sharing, su cui pochi prima sarebbero stati disposti a scommettere. Un progetto in via di realizzazione grazie al bando MIUR “Smart Cities and Communities and Social Innovation” per le Regioni della Convergenza, che Cleanap vince nel 2012. “Il nostro compito è stato quello di creare ex novo il servizio di sharing: abbiamo in primis fatto ricerca, comparando le esperienze nazionali e internazionali, approfondendo le best practices e anche le worst, per cercare di evitare gli errori commessi dagli altri, il tutto rapportandolo al nostro contesto complesso, ma stimolante”, continua Emiliana.

Bike Sharing Napoli è costituito da una rete di dieci ciclostazioni che fungono da punti di prelievo e consegna per cento biciclette dotate di GPS per il monitoraggio dei flussi in tempo reale, affiancate da un’app che permette agli utenti di verificare  la disponibilità di bici e parcheggi nelle diverse stazioni. Attualmente è in corso la fase di testing del sistema: “Abbiamo installato l’infrastruttura per il servizio pilota e – insieme ad  un gruppo di tester selezionati – stiamo utilizzando il servizio. Dopo due mesi di installazione, nessuna bicicletta, né componenti sono state rubate, i piccoli atti vandalici che sono stati registrati si sono verificati a causa della concentrazione di ragazzini e fan di Justin Bieber sotto l’Hotel Vesuvio sul lungomare, quindi più che inciviltà congenita, relegherei questo comportamento a immaturità adolescenziale!”. Dopo la fine del periodo di test, partirà il servizio: “Si tratterà di un servizio pilota, quindi sperimentale e gratuito fino a maggio 2015, il cui scopo è portare all’attenzione e alla fruizione della cittadinanza napoletana un metodo alternativo, ecologico, economico e sostenibile di mobilità”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende