Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Cleto, il comune calabrese rinato grazie a un Festival culturale:

Cleto, il comune calabrese rinato grazie a un Festival culturale

dicembre 6, 2017 Campioni d'Italia, Rubriche

C’è chi porta dal pollaio  50 uova, chi regala qualche chilo di marmellata o una cassetta di patate, poi ci sono quelli che aprono casa per ospitare un’artista o danno una mano a montare il palco. Prodotti dei campi, lavoro, ospitalità ma pure offerte in denaro per accendere i riflettori su Cleto. Siamo in provincia di Cosenza, regione Calabria1.268 anime che nel mese di agosto si danno da fare per rendere bello e accogliente il paese per Cleto Festival: tre giorni di incontri, musica, cultura e soprattutto socializzazione con l’obiettivo di far lievitare il turismo; non quello di massa, non quello del mordi e fuggi, ma di chi ama i centri fuori dalle grandi rotte ed è ancora convinto che “piccolo è bello“. Porte aperte dunque ai vacanzieri, ma rispettando ritmi e sensibilità locali. E nel Festival si affrontano temi seri, non per forza facili e abbordabili a tutti i costi. Nell’ultima edizione ci si è concentrati su una parola sdoppiata particolarmente densa di significati: «In- Differenza», nel rapporto tra l’umano, la natura e la società.

Il mix di ingredienti di questa  ricetta c’è la spiega Franco Roppo Valente, dell’Associazione culturale La Piazza, che dal 2010 monta lo striscione del festival: “Sostenibilità ambientale, tradizioni e antimafia sono la sostanza dei 3 giorni di Festival. Agli ospiti offriamo il Cialecca, il pane appena sfornato con aglio e olio”. Un segno di accoglienza, ma anche di attenzione all’economia locale, come sottolinea Franco: “Puntiamo alla valorizzazione dell’agricoltura, in particolare l’olivicultura, con il recupero di un bene tradizionale. E’ un’offerta veramente a chilometro zero: la farina per il pane è quella di Isola Capo Rizzuto ottenuta nei terreni confiscati alla criminalità organizzata e gestiti dall’associazione Libera. Con la parte gastronomica cerchiamo di valorizzare le aziende locali con un commercio equo e solidale che ci porta ad un menù socialmente corretto“.

In questi anni di crisi economica i piccoli e grandi eventi nel territorio sono una boccata di ossigeno importante per i protagonisti di questa economia informale, che riesce a resistere grazie a feste, sagre, festival. A Cleto però si va oltre il dato economico, pur importante, e in quei tre giorni si crea una piccola comunità. Il festival ha mobilitato energie sociali. All’inizio l’idea dell’invasione di “stranieri” non era molto gradita: “C’era un po’ di diffidenza, non si era abituati a tanta gente, ma si è superata con il tempo – sottolinea Franco – Oggi tutta la comunità da una mano, un paese totalmente dimenticato ha avuto e vive  un momento  importante di rilancio sociale e culturale“. Si è avviato anche il motore del turismo, lavorano i B&B e gli agriturismo, con villeggianti che apprezzano il festival, ma poi si trattengono anche una settimana perché vicino c’è il mare, si spende poco e si mangia bene. E poi il 25 aprile si organizza anche il trekking urbano, un escursionismo facile, per valorizzare panorami e monumenti storici e naturali.

Questo festival è stata la miccia che ha smosso le acque sociali del paese e oggi la sede de La Piazza è spesso aperta: “C’è una piccola biblioteca, viene frequentata da persone della terza età che con il lavoro manuale producono manufatti artigianali. Nell’associazione siamo 10 persone, ma senza l’aiuto della comunità non saremmo mai riusciti a fare nulla“.

Tanto lavoro, buoni risultati e tutto senza un centesimo di finanziamento pubblico, contrariamente allo stereotipo del Sud drogato di assistenzialismo. “Non è che diciamo no a priori, ma spesso significa entrare in discorsi di affiliazione, legati alle elezioni, a conoscenze e favoritismi che io non ho cercato neanche per il lavoro“. Come dire che a certe condizioni è meglio stare a debita distanza dai finanziamenti regionali… La filosofia di Franco e compagni è chiarissima. “Non abbiamo la presunzione che con un festival si possano cambiare le cose, ma aver fatto parlare di Cleto ci inorgoglisce“.

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ricerca PoliMI: con l’auto elettrica si risparmiano 12.000 euro in 10 anni

settembre 18, 2019

Ricerca PoliMI: con l’auto elettrica si risparmiano 12.000 euro in 10 anni

Il costo di utilizzo è uno dei principali fattori di convenienza nell’usare un’auto elettrica, da preferire a una con motore a scoppio, benzina o Diesel. Questo è solo uno degli aspetti che emerge dallo Smart Mobility Report 2019, l’analisi che l’Energy & Strategy Group del Politecnico di Milano ha dedicato alla mobilità elettrica e che sarà presentata nella [...]

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende