Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Cleto, il comune calabrese rinato grazie a un Festival culturale:

Cleto, il comune calabrese rinato grazie a un Festival culturale

dicembre 6, 2017 Campioni d'Italia, Rubriche

C’è chi porta dal pollaio  50 uova, chi regala qualche chilo di marmellata o una cassetta di patate, poi ci sono quelli che aprono casa per ospitare un’artista o danno una mano a montare il palco. Prodotti dei campi, lavoro, ospitalità ma pure offerte in denaro per accendere i riflettori su Cleto. Siamo in provincia di Cosenza, regione Calabria1.268 anime che nel mese di agosto si danno da fare per rendere bello e accogliente il paese per Cleto Festival: tre giorni di incontri, musica, cultura e soprattutto socializzazione con l’obiettivo di far lievitare il turismo; non quello di massa, non quello del mordi e fuggi, ma di chi ama i centri fuori dalle grandi rotte ed è ancora convinto che “piccolo è bello“. Porte aperte dunque ai vacanzieri, ma rispettando ritmi e sensibilità locali. E nel Festival si affrontano temi seri, non per forza facili e abbordabili a tutti i costi. Nell’ultima edizione ci si è concentrati su una parola sdoppiata particolarmente densa di significati: «In- Differenza», nel rapporto tra l’umano, la natura e la società.

Il mix di ingredienti di questa  ricetta c’è la spiega Franco Roppo Valente, dell’Associazione culturale La Piazza, che dal 2010 monta lo striscione del festival: “Sostenibilità ambientale, tradizioni e antimafia sono la sostanza dei 3 giorni di Festival. Agli ospiti offriamo il Cialecca, il pane appena sfornato con aglio e olio”. Un segno di accoglienza, ma anche di attenzione all’economia locale, come sottolinea Franco: “Puntiamo alla valorizzazione dell’agricoltura, in particolare l’olivicultura, con il recupero di un bene tradizionale. E’ un’offerta veramente a chilometro zero: la farina per il pane è quella di Isola Capo Rizzuto ottenuta nei terreni confiscati alla criminalità organizzata e gestiti dall’associazione Libera. Con la parte gastronomica cerchiamo di valorizzare le aziende locali con un commercio equo e solidale che ci porta ad un menù socialmente corretto“.

In questi anni di crisi economica i piccoli e grandi eventi nel territorio sono una boccata di ossigeno importante per i protagonisti di questa economia informale, che riesce a resistere grazie a feste, sagre, festival. A Cleto però si va oltre il dato economico, pur importante, e in quei tre giorni si crea una piccola comunità. Il festival ha mobilitato energie sociali. All’inizio l’idea dell’invasione di “stranieri” non era molto gradita: “C’era un po’ di diffidenza, non si era abituati a tanta gente, ma si è superata con il tempo – sottolinea Franco – Oggi tutta la comunità da una mano, un paese totalmente dimenticato ha avuto e vive  un momento  importante di rilancio sociale e culturale“. Si è avviato anche il motore del turismo, lavorano i B&B e gli agriturismo, con villeggianti che apprezzano il festival, ma poi si trattengono anche una settimana perché vicino c’è il mare, si spende poco e si mangia bene. E poi il 25 aprile si organizza anche il trekking urbano, un escursionismo facile, per valorizzare panorami e monumenti storici e naturali.

Questo festival è stata la miccia che ha smosso le acque sociali del paese e oggi la sede de La Piazza è spesso aperta: “C’è una piccola biblioteca, viene frequentata da persone della terza età che con il lavoro manuale producono manufatti artigianali. Nell’associazione siamo 10 persone, ma senza l’aiuto della comunità non saremmo mai riusciti a fare nulla“.

Tanto lavoro, buoni risultati e tutto senza un centesimo di finanziamento pubblico, contrariamente allo stereotipo del Sud drogato di assistenzialismo. “Non è che diciamo no a priori, ma spesso significa entrare in discorsi di affiliazione, legati alle elezioni, a conoscenze e favoritismi che io non ho cercato neanche per il lavoro“. Come dire che a certe condizioni è meglio stare a debita distanza dai finanziamenti regionali… La filosofia di Franco e compagni è chiarissima. “Non abbiamo la presunzione che con un festival si possano cambiare le cose, ma aver fatto parlare di Cleto ci inorgoglisce“.

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Bikeconomy Forum 2018: ecco come far girare l’economia su due ruote

novembre 14, 2018

Bikeconomy Forum 2018: ecco come far girare l’economia su due ruote

Si svolgerà il 16 novembre, a Roma presso il Museo MAXXI, la terza edizione del Bikeconomy Forum, il più importante evento nazionale dedicato all’economia che ruota attorno alla bicicletta. Ideato dalla Fondazione Manlio Masi e Osservatorio Bikeconomy, con il Patrocinio della Regione Lazio, di Roma Capitale, del CONI e della Federazione Ciclistica Italiana, il Forum quest’anno si concentra su [...]

“Science and the Future” 2, torna al Politecnico di Torino il dibattito su cambiamenti climatici e sostenibilità

novembre 12, 2018

“Science and the Future” 2, torna al Politecnico di Torino il dibattito su cambiamenti climatici e sostenibilità

Sono trascorsi cinque anni dal convegno Internazionale “Science and the future. Impossible, likely, desirable. Economic growth and physical constraints”, che si tenne al Politecnico di Torino nell’ottobre del 2013. Quanto in questi cinque anni ci siamo avvicinati ai “futuri desiderabili” delineati allora? Oppure, al contrario, continuiamo a dirigerci a grandi passi verso quei “futuri impossibili” legati [...]

Il futuro del fotovoltaico al 2030, tra nuovi obiettivi e fine vita degli impianti

novembre 9, 2018

Il futuro del fotovoltaico al 2030, tra nuovi obiettivi e fine vita degli impianti

Nel mese di settembre 2018, con 2,35 miliardi di chilowattora prodotti (+14,4% rispetto a un anno fa), il fotovoltaico ha coperto l’8% della produzione elettrica nazionale con una potenza complessiva di circa 20 GW. Il parco italiano conta oggi 815.000 impianti, i quali ogni anno possono produrre circa 25 miliardi di chilowattora. Tuttavia, con la [...]

A Ecomondo 2018 gli Stati Generali della Green Economy parlano di “nuova occupazione”

novembre 6, 2018

A Ecomondo 2018 gli Stati Generali della Green Economy parlano di “nuova occupazione”

Torna a Ecomondo, dal 6 al 9 novembre 2018 alla Fiera di Rimini, l’appuntamento con gli Stati Generali della Green Economy, un incontro promosso dal Consiglio Nazionale della Green Economy in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente e con il supporto tecnico della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile. Giunti alla settima edizione gli Stati Generali saranno [...]

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

ottobre 18, 2018

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

L’associazione Music Theatre International presenta il 26 ottobre 2018, in prima nazionale al Teatro Centrale Preneste di Roma, lo spettacolo “I 4 elementi“, idea artistica di Stefania Toscano, che ne cura la parte coreografica, con drammaturgia e regia di Paola Sarcina, progetto video di Federico Spirito. La teoria dei “4 elementi” della natura costituisce il “pretesto creativo” a cui s’ispira la [...]

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

ottobre 17, 2018

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

Si terrà a Roma, il 19 e il 20 ottobre prossimi, un convegno organizzato dall’Ordine dei Medici di Roma e da ISDE, l’Associazione Medici per l’Ambiente, sul delicato tema ambiente e salute. I “determinanti di salute” e, in particolare, il binomio ambiente-salute sono, infatti, secondo ISDE, scarsamente considerati nei programmi di studio delle facoltà universitarie di [...]

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

ottobre 16, 2018

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

Insieme per lo sviluppo delle “Terre Alte”. Oggi, agli Stati generali della Montagna, convocati a Roma dal Ministro delle Autonomie e degli Affari Regionali Erika Stefani, UNCEM e Confindustria Belluno Dolomiti (coordinatrice della rete nazionale di “Confindustria per la Montagna”), presenteranno un documento che evidenzia la necessità di attivare sui territori sinergie tra pubblico e privato per identificare strategie e politiche coerenti a [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende