Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Cleto, il comune calabrese rinato grazie a un Festival culturale:

Cleto, il comune calabrese rinato grazie a un Festival culturale

dicembre 6, 2017 Campioni d'Italia, Rubriche

C’è chi porta dal pollaio  50 uova, chi regala qualche chilo di marmellata o una cassetta di patate, poi ci sono quelli che aprono casa per ospitare un’artista o danno una mano a montare il palco. Prodotti dei campi, lavoro, ospitalità ma pure offerte in denaro per accendere i riflettori su Cleto. Siamo in provincia di Cosenza, regione Calabria1.268 anime che nel mese di agosto si danno da fare per rendere bello e accogliente il paese per Cleto Festival: tre giorni di incontri, musica, cultura e soprattutto socializzazione con l’obiettivo di far lievitare il turismo; non quello di massa, non quello del mordi e fuggi, ma di chi ama i centri fuori dalle grandi rotte ed è ancora convinto che “piccolo è bello“. Porte aperte dunque ai vacanzieri, ma rispettando ritmi e sensibilità locali. E nel Festival si affrontano temi seri, non per forza facili e abbordabili a tutti i costi. Nell’ultima edizione ci si è concentrati su una parola sdoppiata particolarmente densa di significati: «In- Differenza», nel rapporto tra l’umano, la natura e la società.

Il mix di ingredienti di questa  ricetta c’è la spiega Franco Roppo Valente, dell’Associazione culturale La Piazza, che dal 2010 monta lo striscione del festival: “Sostenibilità ambientale, tradizioni e antimafia sono la sostanza dei 3 giorni di Festival. Agli ospiti offriamo il Cialecca, il pane appena sfornato con aglio e olio”. Un segno di accoglienza, ma anche di attenzione all’economia locale, come sottolinea Franco: “Puntiamo alla valorizzazione dell’agricoltura, in particolare l’olivicultura, con il recupero di un bene tradizionale. E’ un’offerta veramente a chilometro zero: la farina per il pane è quella di Isola Capo Rizzuto ottenuta nei terreni confiscati alla criminalità organizzata e gestiti dall’associazione Libera. Con la parte gastronomica cerchiamo di valorizzare le aziende locali con un commercio equo e solidale che ci porta ad un menù socialmente corretto“.

In questi anni di crisi economica i piccoli e grandi eventi nel territorio sono una boccata di ossigeno importante per i protagonisti di questa economia informale, che riesce a resistere grazie a feste, sagre, festival. A Cleto però si va oltre il dato economico, pur importante, e in quei tre giorni si crea una piccola comunità. Il festival ha mobilitato energie sociali. All’inizio l’idea dell’invasione di “stranieri” non era molto gradita: “C’era un po’ di diffidenza, non si era abituati a tanta gente, ma si è superata con il tempo – sottolinea Franco – Oggi tutta la comunità da una mano, un paese totalmente dimenticato ha avuto e vive  un momento  importante di rilancio sociale e culturale“. Si è avviato anche il motore del turismo, lavorano i B&B e gli agriturismo, con villeggianti che apprezzano il festival, ma poi si trattengono anche una settimana perché vicino c’è il mare, si spende poco e si mangia bene. E poi il 25 aprile si organizza anche il trekking urbano, un escursionismo facile, per valorizzare panorami e monumenti storici e naturali.

Questo festival è stata la miccia che ha smosso le acque sociali del paese e oggi la sede de La Piazza è spesso aperta: “C’è una piccola biblioteca, viene frequentata da persone della terza età che con il lavoro manuale producono manufatti artigianali. Nell’associazione siamo 10 persone, ma senza l’aiuto della comunità non saremmo mai riusciti a fare nulla“.

Tanto lavoro, buoni risultati e tutto senza un centesimo di finanziamento pubblico, contrariamente allo stereotipo del Sud drogato di assistenzialismo. “Non è che diciamo no a priori, ma spesso significa entrare in discorsi di affiliazione, legati alle elezioni, a conoscenze e favoritismi che io non ho cercato neanche per il lavoro“. Come dire che a certe condizioni è meglio stare a debita distanza dai finanziamenti regionali… La filosofia di Franco e compagni è chiarissima. “Non abbiamo la presunzione che con un festival si possano cambiare le cose, ma aver fatto parlare di Cleto ci inorgoglisce“.

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

dicembre 19, 2018

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

La Camera dei Deputati ha approvato a grande maggioranza, nei giorni scorsi, il testo unificato delle proposte di legge “Disposizioni per la tutela, lo sviluppo e la competitività della produzione agricola, agroalimentare e dell’acquacoltura con metodo biologico”, che prevede l’introduzione di un logo nazionale e il riconoscimento del ruolo ambientale dell’agricoltura biologica, oltre a quello economico-sociale [...]

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

dicembre 19, 2018

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

Reborn Ideas è la nuova start up marchigiana nata con l’obiettivo di aggregare e vendere prodotti “ecochic”, 100% Made in Italy, ispirati all’upcycling, al recycling, o realizzati con nuovi materiali ecosostenibili, grazie alla riscoperta della sapiente manualità artigianale italiana. L’upcycling, in particolare, è il processo di conversione di materie prime di scarto o prodotti dismessi [...]

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

dicembre 14, 2018

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

Privati cittadini, operatori commerciali e liberi professionisti residenti o domiciliati a Torino potranno chiedere di disporre di una colonnina di ricarica elettrica sotto la propria abitazione o davanti al negozio o all’ufficio. Si tratta del nuovo progetto “Torino ti dà la carica“, presentato oggi dall’amministrazione comunale guidata da Chiara Appendino. Lo scorso 28 settembre la Città [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende