Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » “Con l’acqua alla gola”. Tutti i responsabili dell’emergenza climatica:

“Con l’acqua alla gola”. Tutti i responsabili dell’emergenza climatica

ottobre 20, 2015 Racconti d'Ambiente, Rubriche

“Con l’acqua alla gola” ci dice, con vigore polemico e solide argomentazioni, cosa occorre fare, subito, per consegnare un pianeta sano e vivibile alle generazioni future; ci parla di “Global Warming”, di equilibrio ecologico stravolto, del rapporto tra uomo e ambiente che si sta compromettendo. Daniele Pernigotti invita a implementare energie alternative ai combustibili fossili, a stimolare nei cittadini pratiche sostenibili, a non arrendersi al fatalismo e offrire risposte alternative al paradigma della crescita a ogni costo. Promuovere economie a basso impatto ambientale, può salvaguadare la biodiversità. È una sfida che interessa tutti i paesi del mondo. E’ un impegno che riguarda ognuno di noi. Per la rubrica Racconti d’Ambiente pubblichiamo, come estratto del libro, edito da Giunti Editore, l’introduzione di Luca Mercalli.

Ogni giorno la nostra vita si complica per contorti processi burocratici, per mancanza di flessibilità, buon senso, fantasia e innovazione, anche allorché le soluzioni sono sotto gli occhi di tutti. Per un certificato, un contrattino di lavoro occasionale, tocca compilare decine di moduli cartacei, metterli in una busta, acquistare un francobollo, spedire in posta. Oltre al tempo buttato, si producono con questi gesti un po’ di rifiuti e di emissioni climalteranti evitabili. Oggi si possono spedire i moduli compilati e firmati con una semplice email, un clic di mouse e via, sapendo che il valore “legale” del documento elettronico con firma scansionata dovrebbe essere del tutto analogo a quello di un originale cartaceo. Io provo sempre a migliorare il mio piccolo pezzetto di realtà, e chiedo di sostituire alla busta ottocentesca con recapito differito mototrasportato un moderno file digitale, immediato, semplice, efficace. Apriti cielo! Imbarazzatissime segretarie o inflessibili funzionari, pubblici e privati, mi spiegano che è impossibile.– Perché? – rilancio io. Perché non è previsto dal regolamento, perché abbiamo sempre fatto così, perché non so aprire il file,  perché non mi fido, perché non so se c’è una legge che lo vieta ma è meglio pararsi le spalle (o altro).

Mi piego sconfitto al volere della gabbia burocratica sociale, ben sapendo che solo la termodinamica sarebbe così inflessibile e irrevocabile. Provo un senso di amara frustrazione: come pensare di risolvere i giganteschi, globali e inediti problemi climatici e ambientali, se non sappiamo trovare soluzione a minuscole faccende quotidiane negoziabili tra un paio di individui senza diminuzione della qualità di vita ma con un evidente miglioramento tramite un mezzo disponibile attraverso un clic di mouse? Non è ipocrita attendere che i leader politici si mettano d’accordo alle conferenze internazionali, che le lobby petrolifere rinuncino a un po’ del loro potere economico, che si facciano leggi impopolari per aumentare la tassazione sull’energia fossile, quando non sappiamo cambiare con estrema facilità nemmeno un pezzetto di mondo piccolo come un granello di sabbia? Ecco perché questo libro del collega Daniele Pernigotti è importante ed esplicito. Ci troviamo “Con l’acqua alla gola” e siamo tutti responsabili del problema climatico.

Queste pagine iniziano con l’affrontare il tema della consapevolezza (spesso negata) e con il connettere un grande e irreversibile processo fisico non negoziabile (eh sì, non si gioca con la termodinamica!) ai nostri comportamenti e gesti quotidiani. Poi proseguono con la spinta all’azione: ora che so, dove posso agire per fare la mia parte, e –poiché sono responsabile del danno – diventare anche responsabile della soluzione? Le conclusioni della disamina delle problematiche ambientali, contenuta nella prima parte del libro, che conducono alla sezione “Che fare”, recitano così:“Ogni cambiamento potrà avere luogo solo a partire dalla piena assunzione delle proprie  responsabilità personali, attuando un comportamento quantomeno coerente con ciò che esigiamo dal settore produttivo.”[…] “Gli effetti altamente nocivi di ognuno di quei gesti all’apparenza insignificanti, così come lo sono lo spreco di energia e quello di risorse naturali, testimoniano quanto un modello di sviluppo sostenibile, e connesso alla lotta al cambiamento climatico, sia un’esigenza non più derogabile”. Pernigotti ribadisce: “Le ricadute investono ogni aspetto del nostro vivere quotidiano. Come ci muoviamo, come usiamo l’energia nelle nostre abitazioni e sul posto di lavoro, ciò che compriamo e ciò che mangiamo. Ognuno di noi deve essere parte attiva di questa transizione, stimolare la consapevolezza e l’azione da parte degli altri”. Ora capite perché anche un’email al posto di una busta farebbe subito la differenza, piccola ma concreta, senza aspettare le decisioni dei grandi leader politici alla COP21 di Parigi.

Luca Mercalli*

*Presidente della Società Meteorologica Italiana

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

aprile 26, 2017

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

In occasione della Giornata della Terra del 22 aprile Legambiente si è mobilitata in tutta Italia per incrementare le adesioni alla petizione popolare europea People4Soil. Nelle piazze i volontari del cigno verde hanno raccolto le firme per chiedere all’Unione Europea di introdurre una legislazione specifica sul suolo, riconoscendolo e tutelandolo come patrimonio comune. Il traguardo da [...]

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

aprile 24, 2017

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

Domenica 23 aprile è partita da Città di Castello in Umbria la 38°Discesa Internazionale del Tevere, per arrivare il 1 maggio a Roma e attraversare la Città Eterna in canoa, in bici e a piedi. Lungo il percorso visite ad ecomusei e borghi, pasti con prodotti biologici locali e anche “la cena di Wolfgang Goethe“, per celebrare, in [...]

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

aprile 24, 2017

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

Adidas ha presentato in occasione dell’Earth Day 2017 le edizioni Parley delle iconiche scarpe running UltraBOOST, UltraBOOST X e UltraBOOST Uncaged, realizzate utilizzando i rifiuti plastici che inquinano gli oceani (simboleggiati dalle tonalità blu e azzurre dei nuovi modelli), disponibili nei negozi e online a partire dal 10 maggio. Ricavando uno speciale filato destinato ai dettagli [...]

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

aprile 21, 2017

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

Salvatore Ferragamo e Orange Fiber, l’azienda che produce innovativi tessuti eco-sostenibili, lanceranno il 22 aprile la prima collezione moda realizzata con tessuti ottenuti dai sottoprodotti della spremitura delle arance. Una data scelta appositamente per la coincidenza con la Giornata della Terra, che ricorda a tutti la necessità della tutela dell’ambiente e della ricerca di fonti [...]

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

aprile 21, 2017

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

Il laboratorio urbano di Veglie, in provincia di Lecce, diventa un cantiere aperto per la trasformazione di rifiuti in nuovi oggetti con BEA – Bottega dell’EcoArredo, il laboratorio partecipato di design ecologico. Creatività, upcycling e life-coaching per un progetto promosso da CulturAmbiente onlus insieme a Urban Lab e Laboratorio Linfa nell’ambito dell’avviso pubblico della Regione Puglia [...]

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

aprile 21, 2017

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

“Futuro al lavoro”: è questo in duplice accezione, il tema scelto per la XII edizione della Fiera4passi, organizzata dalla Cooperativa Pace e Sviluppo di Treviso (prima organizzazione di commercio equo e solidale in Veneto per attività, fatturato e numero di volontari e terza in Italia) al Parco Sant’Artemio di Treviso – sede della Provincia – [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende