Home » Bollettino Europa »Rubriche » Conferenze sul clima: a Doha l’UE ci riprova:

Conferenze sul clima: a Doha l’UE ci riprova

novembre 12, 2012 Bollettino Europa, Rubriche

L’Unione Europea ci riprova al prossimo summit Onu sul Clima che si terrà dal 26 novembre al 7 dicembre a Doha in Qatar. L’obiettivo è quello di puntare ad un taglio del 30% delle emissioni globali di CO2 entro il 2020. Lo stimolo è partito dagli Eurodeputati della Commissione Ambiente in una risoluzione adottata a larga maggioranza, che dovrebbe arrivare all’esame di tutta l’Assemblea durante la prossima plenaria del 19-22 novembre.

Il Parlamento Europeo preme dunque, di nuovo, sull’acceleratore  - dopo gli insuccessi di Copenhagen, Cancun e Durban – consapevole del fatto che ci si sta avvicinando al limite dei 2 gradi, la soglia critica di non ritorno del riscaldamento globale. “È tempo di muoversi”, ha ricordato il Presidente della Commissione Ambiente del PE, Matthias Groote, che guiderà la delegazione dell’Unione Europea al vertice, che tenterà, per l’ennesima volta, di stimolare le nazioni del pianeta a limitare le emissioni inquinanti e frenare le conseguenze negative innescate dal cambiamento climatico e dall’innalzamento della temperatura (Sandy docet). L’obiettivo è trovare l’accordo globale (vincolante) attorno ad un “secondo” Protocollo di Kyoto, in modo da portare a termine, con coerenza, i progetti iniziati negli anni passati, che avranno scadenza alla fine di quest’anno.

Pieno sostegno, da parte della Commissione ENVI, anche all’inclusione dell’aviazione nel mercato UE delle emissioni di CO2 nonostante le ritorsioni commerciali che paesi come Stati Uniti, Cina e India stanno portando avanti da gennaio, da quando, cioè, l’Unione Europea ha imposto un regime di tassazione alle compagnie aeree internazionali che decollano o atterrano in scali europei, per la compensazione delle emissioni rilasciate durante le tratte percorse. Rimane aperta la questione dell’inquinamento provocato dai trasporti via mare, tema che gli eurodeputati auspicano si possa discutere al più presto a livello internazionale.

Il summit di Doha, tuttavia, non ha catturato l’attenzione solo degli europarlamentari, ma è stato argomento di discussione anche durante l’ultimo Consiglio Ambiente UE. Nelle Conclusioni dei Ministri emerge, infatti, quanto l’incontro sia strategico per le decisioni future in materia climatica e di come l’Unione Europea sia decisa ad adottare posizioni di leadership per portare verso un maggiore coinvolgimento il numero più ampio possibile di Stati del mondo.

L’impegno internazionale giunge, non a caso, in concomitanza con la pubblicazione, da parte dell’Agenzia Europea dell’Ambiente (EEA) di due nuovi studi: “Approximated EU greenhouse gas inventory: early estimates for 2011” e “Greenhouse gas emission trends and projections in Europe 2012”, che dimostrano come le emissioni di gas a effetto serra all’interno dell’Unione Europea siano diminuite in media del 2,5% dal 2010 al 2011 e di ben il 17,6% rispetto al 1990 (anno di riferimento).
 L’UE, nel suo insieme, ha dunque superato gli obiettivi sanciti dal Protocollo di Kyoto: ridurre, tra il 2008 e il 2012, le emissioni totali dei Paesi sviluppati di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990.  Quasi tutti gli Stati membri, perciò, sono individualmente sulla buona strada per quanto riguarda gli impegni assunti e per quelli che non hanno raggiunto il loro target sulle emissioni i meccanismi di flessibilità rimangono in vigore fino al 2015.

Secondo le stime dell’EEA, le maggiori riduzioni relative sono state registrate a Cipro, seguito da Belgio, Finlandia e Danimarca. Il Regno Unito si aggiudica invece il primo posto in termini assoluti: 36 milioni di tonnellate di CO2 (6%). In nove Stati membri si è registrato, al contrario, un aumento delle emissioni tra il 2010 e il 2011. Bulgaria +11%, Lituania +3% e Romania +2%. Tuttavia, questi paesi hanno fatto alcuni dei più profondi tagli alle emissioni complessive dal 1990. In ritardo anche Spagna e Italia, che rischiano di fallire gli obiettivi di Kyoto. Il Belpaese, in particolare, deve ancora tagliare 14,1 milioni di tonnellate di CO2 (6,5%). Un dato che scatena le critiche dell’Agenzia sulla politica italiana in campo ambientale. “Nell’UE a 15 l’Italia è l’unico paese che utilizza i meccanismi flessibili di Kyoto senza fornire informazioni in merito all’assegnazione delle risorse finanziarie per il loro utilizzo”, si legge senza mezzi termini nella relazione dell’EEA.
 Il nostro Paese non ha, infatti, ancora illustrato un piano per arrivare a centrare l’obiettivo. Se poi Italia e Spagna non si allineeranno, tutti gli altri Paesi europei che hanno sottoscritto il Protocollo saranno costretti a pagare, con il grave rischio di mettere a repentaglio il raggiungimento degli obiettivi complessivi successivi.

Per adesso gli aiuti sembrano arrivare solamente da fattori “esterni”: il caldo inverno scorso, che ha accompagnato la maggior parte dei Paesi europei, è stato senza dubbio un fattore chiave nella riduzione delle emissioni, in quanto la domanda di combustibili fossili per il riscaldamento è stata inferiore rispetto agli anni precedenti. Un contributo è poi giunto anche dalla crisi economica, che ha spinto il settore industriale a produrre meno e quindi a consumare meno energia. Dalla metà del 2013, inoltre, le cifre saranno ancora più precise grazie alla nascita di un database aggiornato che raccoglierà tutti i diversi tipi di gas a effetto serra.

Connie Hedegaard, Commissaria UE all’Azione per il Clima ha intanto ricordato, ancora una volta, con la massima chiarezza, come sia possibile ridurre le emissioni senza sacrificare l’economia, che deve sempre più essere legata al concetto di sostenibilità.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende