Home » Bollettino Europa »Rubriche » Conferenze sul clima: a Doha l’UE ci riprova:

Conferenze sul clima: a Doha l’UE ci riprova

novembre 12, 2012 Bollettino Europa, Rubriche

L’Unione Europea ci riprova al prossimo summit Onu sul Clima che si terrà dal 26 novembre al 7 dicembre a Doha in Qatar. L’obiettivo è quello di puntare ad un taglio del 30% delle emissioni globali di CO2 entro il 2020. Lo stimolo è partito dagli Eurodeputati della Commissione Ambiente in una risoluzione adottata a larga maggioranza, che dovrebbe arrivare all’esame di tutta l’Assemblea durante la prossima plenaria del 19-22 novembre.

Il Parlamento Europeo preme dunque, di nuovo, sull’acceleratore  - dopo gli insuccessi di Copenhagen, Cancun e Durban – consapevole del fatto che ci si sta avvicinando al limite dei 2 gradi, la soglia critica di non ritorno del riscaldamento globale. “È tempo di muoversi”, ha ricordato il Presidente della Commissione Ambiente del PE, Matthias Groote, che guiderà la delegazione dell’Unione Europea al vertice, che tenterà, per l’ennesima volta, di stimolare le nazioni del pianeta a limitare le emissioni inquinanti e frenare le conseguenze negative innescate dal cambiamento climatico e dall’innalzamento della temperatura (Sandy docet). L’obiettivo è trovare l’accordo globale (vincolante) attorno ad un “secondo” Protocollo di Kyoto, in modo da portare a termine, con coerenza, i progetti iniziati negli anni passati, che avranno scadenza alla fine di quest’anno.

Pieno sostegno, da parte della Commissione ENVI, anche all’inclusione dell’aviazione nel mercato UE delle emissioni di CO2 nonostante le ritorsioni commerciali che paesi come Stati Uniti, Cina e India stanno portando avanti da gennaio, da quando, cioè, l’Unione Europea ha imposto un regime di tassazione alle compagnie aeree internazionali che decollano o atterrano in scali europei, per la compensazione delle emissioni rilasciate durante le tratte percorse. Rimane aperta la questione dell’inquinamento provocato dai trasporti via mare, tema che gli eurodeputati auspicano si possa discutere al più presto a livello internazionale.

Il summit di Doha, tuttavia, non ha catturato l’attenzione solo degli europarlamentari, ma è stato argomento di discussione anche durante l’ultimo Consiglio Ambiente UE. Nelle Conclusioni dei Ministri emerge, infatti, quanto l’incontro sia strategico per le decisioni future in materia climatica e di come l’Unione Europea sia decisa ad adottare posizioni di leadership per portare verso un maggiore coinvolgimento il numero più ampio possibile di Stati del mondo.

L’impegno internazionale giunge, non a caso, in concomitanza con la pubblicazione, da parte dell’Agenzia Europea dell’Ambiente (EEA) di due nuovi studi: “Approximated EU greenhouse gas inventory: early estimates for 2011” e “Greenhouse gas emission trends and projections in Europe 2012”, che dimostrano come le emissioni di gas a effetto serra all’interno dell’Unione Europea siano diminuite in media del 2,5% dal 2010 al 2011 e di ben il 17,6% rispetto al 1990 (anno di riferimento).
 L’UE, nel suo insieme, ha dunque superato gli obiettivi sanciti dal Protocollo di Kyoto: ridurre, tra il 2008 e il 2012, le emissioni totali dei Paesi sviluppati di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990.  Quasi tutti gli Stati membri, perciò, sono individualmente sulla buona strada per quanto riguarda gli impegni assunti e per quelli che non hanno raggiunto il loro target sulle emissioni i meccanismi di flessibilità rimangono in vigore fino al 2015.

Secondo le stime dell’EEA, le maggiori riduzioni relative sono state registrate a Cipro, seguito da Belgio, Finlandia e Danimarca. Il Regno Unito si aggiudica invece il primo posto in termini assoluti: 36 milioni di tonnellate di CO2 (6%). In nove Stati membri si è registrato, al contrario, un aumento delle emissioni tra il 2010 e il 2011. Bulgaria +11%, Lituania +3% e Romania +2%. Tuttavia, questi paesi hanno fatto alcuni dei più profondi tagli alle emissioni complessive dal 1990. In ritardo anche Spagna e Italia, che rischiano di fallire gli obiettivi di Kyoto. Il Belpaese, in particolare, deve ancora tagliare 14,1 milioni di tonnellate di CO2 (6,5%). Un dato che scatena le critiche dell’Agenzia sulla politica italiana in campo ambientale. “Nell’UE a 15 l’Italia è l’unico paese che utilizza i meccanismi flessibili di Kyoto senza fornire informazioni in merito all’assegnazione delle risorse finanziarie per il loro utilizzo”, si legge senza mezzi termini nella relazione dell’EEA.
 Il nostro Paese non ha, infatti, ancora illustrato un piano per arrivare a centrare l’obiettivo. Se poi Italia e Spagna non si allineeranno, tutti gli altri Paesi europei che hanno sottoscritto il Protocollo saranno costretti a pagare, con il grave rischio di mettere a repentaglio il raggiungimento degli obiettivi complessivi successivi.

Per adesso gli aiuti sembrano arrivare solamente da fattori “esterni”: il caldo inverno scorso, che ha accompagnato la maggior parte dei Paesi europei, è stato senza dubbio un fattore chiave nella riduzione delle emissioni, in quanto la domanda di combustibili fossili per il riscaldamento è stata inferiore rispetto agli anni precedenti. Un contributo è poi giunto anche dalla crisi economica, che ha spinto il settore industriale a produrre meno e quindi a consumare meno energia. Dalla metà del 2013, inoltre, le cifre saranno ancora più precise grazie alla nascita di un database aggiornato che raccoglierà tutti i diversi tipi di gas a effetto serra.

Connie Hedegaard, Commissaria UE all’Azione per il Clima ha intanto ricordato, ancora una volta, con la massima chiarezza, come sia possibile ridurre le emissioni senza sacrificare l’economia, che deve sempre più essere legata al concetto di sostenibilità.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

aprile 24, 2017

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

Domenica 23 aprile è partita da Città di Castello in Umbria la 38°Discesa Internazionale del Tevere, per arrivare il 1 maggio a Roma e attraversare la Città Eterna in canoa, in bici e a piedi. Lungo il percorso visite ad ecomusei e borghi, pasti con prodotti biologici locali e anche “la cena di Wolfgang Goethe“, per celebrare, in [...]

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

aprile 24, 2017

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

Adidas ha presentato in occasione dell’Earth Day 2017 le edizioni Parley delle iconiche scarpe running UltraBOOST, UltraBOOST X e UltraBOOST Uncaged, realizzate utilizzando i rifiuti plastici che inquinano gli oceani (simboleggiati dalle tonalità blu e azzurre dei nuovi modelli), disponibili nei negozi e online a partire dal 10 maggio. Ricavando uno speciale filato destinato ai dettagli [...]

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

aprile 21, 2017

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

Salvatore Ferragamo e Orange Fiber, l’azienda che produce innovativi tessuti eco-sostenibili, lanceranno il 22 aprile la prima collezione moda realizzata con tessuti ottenuti dai sottoprodotti della spremitura delle arance. Una data scelta appositamente per la coincidenza con la Giornata della Terra, che ricorda a tutti la necessità della tutela dell’ambiente e della ricerca di fonti [...]

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

aprile 21, 2017

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

Il laboratorio urbano di Veglie, in provincia di Lecce, diventa un cantiere aperto per la trasformazione di rifiuti in nuovi oggetti con BEA – Bottega dell’EcoArredo, il laboratorio partecipato di design ecologico. Creatività, upcycling e life-coaching per un progetto promosso da CulturAmbiente onlus insieme a Urban Lab e Laboratorio Linfa nell’ambito dell’avviso pubblico della Regione Puglia [...]

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

aprile 21, 2017

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

“Futuro al lavoro”: è questo in duplice accezione, il tema scelto per la XII edizione della Fiera4passi, organizzata dalla Cooperativa Pace e Sviluppo di Treviso (prima organizzazione di commercio equo e solidale in Veneto per attività, fatturato e numero di volontari e terza in Italia) al Parco Sant’Artemio di Treviso – sede della Provincia – [...]

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

aprile 20, 2017

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

  I viaggiatori italiani sembrano sempre più attenti all’impatto ambientale delle strutture in cui soggiornano e dei tour e attrazioni che prenotano durante il loro viaggio. È quanto emerge da un’indagine condotta da TripAdvisor, il sito per la pianificazione e prenotazione dei viaggi, su oltre 1.800 viaggiatori italiani in occasione dell’Earth Day del 22 aprile, la [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende