Home » Bollettino Europa »Rubriche » Conferenze sul clima: a Doha l’UE ci riprova:

Conferenze sul clima: a Doha l’UE ci riprova

novembre 12, 2012 Bollettino Europa, Rubriche

L’Unione Europea ci riprova al prossimo summit Onu sul Clima che si terrà dal 26 novembre al 7 dicembre a Doha in Qatar. L’obiettivo è quello di puntare ad un taglio del 30% delle emissioni globali di CO2 entro il 2020. Lo stimolo è partito dagli Eurodeputati della Commissione Ambiente in una risoluzione adottata a larga maggioranza, che dovrebbe arrivare all’esame di tutta l’Assemblea durante la prossima plenaria del 19-22 novembre.

Il Parlamento Europeo preme dunque, di nuovo, sull’acceleratore  - dopo gli insuccessi di Copenhagen, Cancun e Durban – consapevole del fatto che ci si sta avvicinando al limite dei 2 gradi, la soglia critica di non ritorno del riscaldamento globale. “È tempo di muoversi”, ha ricordato il Presidente della Commissione Ambiente del PE, Matthias Groote, che guiderà la delegazione dell’Unione Europea al vertice, che tenterà, per l’ennesima volta, di stimolare le nazioni del pianeta a limitare le emissioni inquinanti e frenare le conseguenze negative innescate dal cambiamento climatico e dall’innalzamento della temperatura (Sandy docet). L’obiettivo è trovare l’accordo globale (vincolante) attorno ad un “secondo” Protocollo di Kyoto, in modo da portare a termine, con coerenza, i progetti iniziati negli anni passati, che avranno scadenza alla fine di quest’anno.

Pieno sostegno, da parte della Commissione ENVI, anche all’inclusione dell’aviazione nel mercato UE delle emissioni di CO2 nonostante le ritorsioni commerciali che paesi come Stati Uniti, Cina e India stanno portando avanti da gennaio, da quando, cioè, l’Unione Europea ha imposto un regime di tassazione alle compagnie aeree internazionali che decollano o atterrano in scali europei, per la compensazione delle emissioni rilasciate durante le tratte percorse. Rimane aperta la questione dell’inquinamento provocato dai trasporti via mare, tema che gli eurodeputati auspicano si possa discutere al più presto a livello internazionale.

Il summit di Doha, tuttavia, non ha catturato l’attenzione solo degli europarlamentari, ma è stato argomento di discussione anche durante l’ultimo Consiglio Ambiente UE. Nelle Conclusioni dei Ministri emerge, infatti, quanto l’incontro sia strategico per le decisioni future in materia climatica e di come l’Unione Europea sia decisa ad adottare posizioni di leadership per portare verso un maggiore coinvolgimento il numero più ampio possibile di Stati del mondo.

L’impegno internazionale giunge, non a caso, in concomitanza con la pubblicazione, da parte dell’Agenzia Europea dell’Ambiente (EEA) di due nuovi studi: “Approximated EU greenhouse gas inventory: early estimates for 2011” e “Greenhouse gas emission trends and projections in Europe 2012”, che dimostrano come le emissioni di gas a effetto serra all’interno dell’Unione Europea siano diminuite in media del 2,5% dal 2010 al 2011 e di ben il 17,6% rispetto al 1990 (anno di riferimento).
 L’UE, nel suo insieme, ha dunque superato gli obiettivi sanciti dal Protocollo di Kyoto: ridurre, tra il 2008 e il 2012, le emissioni totali dei Paesi sviluppati di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990.  Quasi tutti gli Stati membri, perciò, sono individualmente sulla buona strada per quanto riguarda gli impegni assunti e per quelli che non hanno raggiunto il loro target sulle emissioni i meccanismi di flessibilità rimangono in vigore fino al 2015.

Secondo le stime dell’EEA, le maggiori riduzioni relative sono state registrate a Cipro, seguito da Belgio, Finlandia e Danimarca. Il Regno Unito si aggiudica invece il primo posto in termini assoluti: 36 milioni di tonnellate di CO2 (6%). In nove Stati membri si è registrato, al contrario, un aumento delle emissioni tra il 2010 e il 2011. Bulgaria +11%, Lituania +3% e Romania +2%. Tuttavia, questi paesi hanno fatto alcuni dei più profondi tagli alle emissioni complessive dal 1990. In ritardo anche Spagna e Italia, che rischiano di fallire gli obiettivi di Kyoto. Il Belpaese, in particolare, deve ancora tagliare 14,1 milioni di tonnellate di CO2 (6,5%). Un dato che scatena le critiche dell’Agenzia sulla politica italiana in campo ambientale. “Nell’UE a 15 l’Italia è l’unico paese che utilizza i meccanismi flessibili di Kyoto senza fornire informazioni in merito all’assegnazione delle risorse finanziarie per il loro utilizzo”, si legge senza mezzi termini nella relazione dell’EEA.
 Il nostro Paese non ha, infatti, ancora illustrato un piano per arrivare a centrare l’obiettivo. Se poi Italia e Spagna non si allineeranno, tutti gli altri Paesi europei che hanno sottoscritto il Protocollo saranno costretti a pagare, con il grave rischio di mettere a repentaglio il raggiungimento degli obiettivi complessivi successivi.

Per adesso gli aiuti sembrano arrivare solamente da fattori “esterni”: il caldo inverno scorso, che ha accompagnato la maggior parte dei Paesi europei, è stato senza dubbio un fattore chiave nella riduzione delle emissioni, in quanto la domanda di combustibili fossili per il riscaldamento è stata inferiore rispetto agli anni precedenti. Un contributo è poi giunto anche dalla crisi economica, che ha spinto il settore industriale a produrre meno e quindi a consumare meno energia. Dalla metà del 2013, inoltre, le cifre saranno ancora più precise grazie alla nascita di un database aggiornato che raccoglierà tutti i diversi tipi di gas a effetto serra.

Connie Hedegaard, Commissaria UE all’Azione per il Clima ha intanto ricordato, ancora una volta, con la massima chiarezza, come sia possibile ridurre le emissioni senza sacrificare l’economia, che deve sempre più essere legata al concetto di sostenibilità.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“M’illumino di Meno” 2018: è ora di cambiare passo per salvare la Terra

febbraio 23, 2018

“M’illumino di Meno” 2018: è ora di cambiare passo per salvare la Terra

Quest’anno Caterpillar e RAI Radio2 dedicano l’iniziativa “M’illumino di Meno“ alla bellezza del camminare e dell’andare a piedi. Perché sotto i nostri piedi, ricordiamocelo, c’è la Terra e per salvarla bisogna cambiare passo. Entro fine giornata del 23 febbraio 2018, la quattordicesima edizione di “M’illumino di Meno” ha dunque l’obiettivo di raggiungere la Luna a piedi con 555 [...]

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

febbraio 20, 2018

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

Il 13 febbraio la Città di Torino ha lanciato “Muoversi a Torino”, il nuovo servizio di infomobilità in linea con le principali città europee: un portale web istituzionale, interamente orientato a fornire indicazioni utili e informazioni sempre aggiornate per muoversi agevolmente in città e nell’area metropolitana. Il nuovo sito – realizzato e gestito dalla partecipata 5T - si [...]

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende