Home » Rubriche »Very Important Planet » Conquisterò il Vietnam con l’ecodesign. Intervista a Miss Earth Italia.:

Conquisterò il Vietnam con l’ecodesign. Intervista a Miss Earth Italia.

ottobre 8, 2010 Rubriche, Very Important Planet

Ilenia Arnolfo, Courtesy of Letizia Tortello_

Bella, spigliata, ma soprattutto “impegnata”. Ilenia Arnolfo, 26 anni, nata a Savigliano (CN), 1 metro e 76, lunghi capelli castani e grandi occhi color nocciola delle Langhe. E’ lei la vincitrice della seconda edizione italiana del titolo “Miss Earth”, il concorso che unisce la bellezza all’impegno per l’ambiente. Ha conquistato la fascia presentando alla giuria il business plan per un progetto di eco-design. A dicembre partirà poi per il Vietnam per la finale mondiale, dove rappresenterà l’Italia. Con un piccolo sogno “verde” nel cassetto. Chissà se una buona dose di entusiasmo giovanile e gli studi universitari in comunicazione internazionale e gestione aziendale la aiuteranno a realizzarlo.

D) Ilenia, perché hai deciso di prendere parte alle selezioni?

R) A dir la verità è stato un caso. Qualche tempo fa mi sono presentata ad un colloquio alla sede Onu di Torino. Sceglievano i partecipanti per un concorso in collaborazione con l’Unep, il programma delle Nazioni Unite per l’Ambiente. Ho visto l’annuncio di Miss Earth e ho pensato “Perché no?”. Coniugava bellezza e contenuti più seri.

D) Hai già lavorato nel mondo della moda?

R) Sì, parecchie volte. Sono stata il volto di alcune pubblicità di Gucci, del gruppo Miroglio, della Ferrero, di Sky. Ho avuto una parte anche nel prossimo film della Littizzetto, “Fuoriclasse”: facevo ciò che non disprezzerei di fare nella vita, la presentatrice tv.

D) Come hai guadagnato la fascia di Miss Terra?

R) Alla commissione è piaciuto il mio studio aziendale di eco-design: ho progettato, con tanto di business plan, un salone dell’oggettistica a tema ambientale. Ho pensato a tutto: luogo, Torino; target dei frequentatori, giovani dai 18 ai 24 anni; canale di promozione a costo zero, i social network come Facebook; espositori, i piccoli artigiani d’Italia che producono pezzi di arredamento appetibili, ma a prezzi modici. Il ricavato della manifestazione, che secondo me potrebbe aggirarsi sui 5.000 euro, dovrebbe essere devoluto alla Regione Piemonte per la piantumazione degli alberi in città, o per lo sviluppo di nuove aree verdi. Ho realizzato anche un oggetto a basso costo che dovrebbe fare da mascotte: un fiore in alluminio, plastica e carta, tutto con materiali riciclati.

D) Tra tacchi alti e passerelle, per vincere, è servito più il progetto eco-sostenibile o la tua bellezza da “madre natura”? Dicci la verità…

R) Beh, senz’altro le sfilate non sono mancate. Come in ogni concorso di bellezza, hanno voluto farci indossare il costume da bagno e poi l’abito da sera. Abbiamo anche esibito i nostri talenti artistici: io ho portato una danza orientale, leggera, immediata, dal significato interculturale. Altre hanno cantato la lirica e ballato. Comunque ho incontrato gli amministratori delegati del gruppo sponsor, il Bonprix, e mi sono sembrati intenzionati a sostenere il mio impegno per l’ambiente. Magari diventerò testimonial.

D) A parte la modella, cos’altro fai nella vita?

R) Mi sono laureata in comunicazione internazionale con una tesi in economia gestionale, sviluppata per lo più in Spagna durante l’Erasmus. Ho studiato il caso del gruppo Zara, che ha messo a punto un piano pionieristico secondo un’economia sostenibile: tecnologie avanzate, ma basso consumo energetico. Sono molto interessata a questi argomenti, a capire come funzionano le aziende.

D) Vita da miss o carriera da manager? Cosa pensi sia meglio?

R) Ho lavorato molto nella moda per pagarmi gli studi. Il mio interesse è rivolto alle aziende. Sto facendo uno stage in L’Oreal, realtà che apprezzo anche per i progetti di solidarietà che porta avanti. Ad esempio, fanno uno studio sulla condizione della donna in paesi meno fortunati del nostro, un altro di bellezza rivolto alle donne malate di cancro. Apprezzo l’impegno.

D) Facciamo il test a Miss Earth. Da uno a dieci, quanto è ambientalista?

R) Non sono una convinta ambientalista. Ma amo gli animali. E non potrei stare senza la campagna. Bisognerebbe indire più giornate in bicicletta e costruire piste ciclabili ovunque. E poi, dovremmo imparare dai miei amici delle Canarie a risparmiare l’acqua. Loro, che ne hanno così poca, mi hanno insegnato che è un bene raro e prezioso, alle loro latitudini. Ma di questo noi ci rendiamo troppo poco conto.

Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ricerca PoliMI: con l’auto elettrica si risparmiano 12.000 euro in 10 anni

settembre 18, 2019

Ricerca PoliMI: con l’auto elettrica si risparmiano 12.000 euro in 10 anni

Il costo di utilizzo è uno dei principali fattori di convenienza nell’usare un’auto elettrica, da preferire a una con motore a scoppio, benzina o Diesel. Questo è solo uno degli aspetti che emerge dallo Smart Mobility Report 2019, l’analisi che l’Energy & Strategy Group del Politecnico di Milano ha dedicato alla mobilità elettrica e che sarà presentata nella [...]

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende