Home » Bollettino Europa »Rubriche » COP 21, un accordo “storico” con tanti limiti e incertezze sul futuro:

COP 21, un accordo “storico” con tanti limiti e incertezze sul futuro

dicembre 14, 2015 Bollettino Europa, Rubriche

“Le parole devono ora essere tradotte in atti concreti”, con questa frase Monica Frassoni – Copresidente del Partito Verde Europeo – ha commentato l’accordo sul clima raggiunto nella giornata di sabato alla COP21 di Parigi. E forse non c’è sintesi più efficace. “L’Unione Europea – ha aggiunto – ha ora un obbligo di coerenza con quanto adottato”.

In effetti, al di là del contenuto specifico del documento, il succo sta tutto qui. Negli sforzi e nella concreta volontà che verranno profusi da qui in avanti. I risultati della conferenza di Parigi – per quanto significativi dal punto di vista della diplomazia internazionale – non garantiscono, infatti, che riusciremo a evitare il cambiamento climatico galoppante.

Chiarito questo punto fondamentale, vediamo quali obiettivi contiene l’accordo. Il testo prevede l’imperativo di contenere l’aumento della temperatura globale del pianeta “ben al di sotto dei 2°C”, perseguendo idealmente il più ambizioso goal di +1,5°C, in linea con quanto suggerito anche dalle ultime ricerche scientifiche. Tuttavia, non viene fornita una chiara road map, né obiettivi a breve termine. Eppure per limitare il riscaldamento a 2°C dobbiamo tagliare le emissioni, rispetto al 2010, del 40-70% entro il 2050. Per raggiungere il target di 1,5°C il taglio, poi, deve essere ancora più sostanziale: tra il 70 e il 95%, sempre entro il 2050. A poco, quindi è servito il tentativo dell’Unione Europea, a metà dei negoziati, di unire le forze con 79 nazioni più povere e vulnerabili al fine di riuscire a strappare un accordo più ambizioso.

Mancano anche obiettivi in merito alle emissioni dei trasporti internazionali per via area e marittima, che erano invece parte del testo di Copenhagen, e questa è una sconfitta per l’UE, che si era portata avanti su questo piano.

Le associazioni ambientaliste europee, sostanzialmente soddisfatte, sottolineano però altri punti deboli dell’accordo. Il fatto, per esempio, che trascuri i popoli più vulnerabili agli impatti dei cambiamenti climatici non risolvendo un’intrinseca e radicata ingiustizia. Secondo il testo, infatti, i paesi sviluppati possono limitarsi a “fornire le risorse finanziarie per assistere i Paesi in via di sviluppo”. I 100 miliardi l’anno, a partire dal 2020 (previsti dall’100 billion goal), sono un punto di partenza e ulteriori fondi dovranno essere stanziati in una misura che sarà decisa nel 2025. Tuttavia, mancano dettagli sulle effettive dimensioni di questi singoli finanziamenti, su quando e su come saranno forniti. Mentre è noto che non saranno interamente “donazioni” a fondo perduto, ma anche prestiti a titolo oneroso. Il tema più delicato è stato proprio quello dei risarcimenti climatici per le perdite e i danni irreparabili (loss and damage) subìti dai Paesi vulnerabili a un cambiamento climatico innescato dalle economie avanzate, a causa della forte opposizione di Unione Europea e degli Stati Uniti a qualsiasi sistema coercitivo che li esponga a richieste di indennizzo da parte dei Paesi poveri.

L’accordo di Parigi, benché definito “storico” – non senza ragioni – è dunque un testo molto più debole di quanto sperato dagli osservatori più attenti e soprattutto di quanto realmente necessario.

La cerimonia ufficiale di firma sarà il 22 aprile 2016 a New York e l’entrata in vigore del trattato, non prima del 2020, avverrà a 30 giorni da quando almeno 55 parti responsabili di almeno il 55% delle emissioni di gas serra lo avranno ratificato.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

dicembre 19, 2018

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

La Camera dei Deputati ha approvato a grande maggioranza, nei giorni scorsi, il testo unificato delle proposte di legge “Disposizioni per la tutela, lo sviluppo e la competitività della produzione agricola, agroalimentare e dell’acquacoltura con metodo biologico”, che prevede l’introduzione di un logo nazionale e il riconoscimento del ruolo ambientale dell’agricoltura biologica, oltre a quello economico-sociale [...]

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

dicembre 19, 2018

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

Reborn Ideas è la nuova start up marchigiana nata con l’obiettivo di aggregare e vendere prodotti “ecochic”, 100% Made in Italy, ispirati all’upcycling, al recycling, o realizzati con nuovi materiali ecosostenibili, grazie alla riscoperta della sapiente manualità artigianale italiana. L’upcycling, in particolare, è il processo di conversione di materie prime di scarto o prodotti dismessi [...]

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

dicembre 14, 2018

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

Privati cittadini, operatori commerciali e liberi professionisti residenti o domiciliati a Torino potranno chiedere di disporre di una colonnina di ricarica elettrica sotto la propria abitazione o davanti al negozio o all’ufficio. Si tratta del nuovo progetto “Torino ti dà la carica“, presentato oggi dall’amministrazione comunale guidata da Chiara Appendino. Lo scorso 28 settembre la Città [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende