Home » Bollettino Europa »Rubriche » COP21: come si presenta l’UE all’appuntamento di Parigi:

COP21: come si presenta l’UE all’appuntamento di Parigi

novembre 30, 2015 Bollettino Europa, Rubriche

L’UE punta ad un accordo globale vincolante al termine della Conferenza di Parigi. Siamo stati i primi a definire il nostro impegno a favore del clima nel marzo scorso e il nostro è ancora il contributo più significativo. Il nostro obiettivo di mantenere l’aumento della temperatura globale al di sotto di 2 ºC da qui alla fine del secolo è ancora a portata di mano. Stiamo assistendo alla nascita di un movimento mondiale senza precedenti. Spero che ciò si traduca in azioni concrete nel corso dei negoziati. Se si otterranno risultati fattivi a Parigi, l’umanità avrà a sua disposizione un sistema internazionale per contrastare efficacemente i cambiamenti climatici”. Queste le parole del Presidente della Commissione Europea Juncker alla vigilia della COP21.

Al quale si aggiunge il Commissario responsabile dell’azione per il clima e l’energia Arias Cañete che a Parigi è anche capo negoziatore per l’UE. Cañete considera la conferenza un’opportunità storica che non possiamo sprecare. E, ha sostenuto, che la credibilità dell’accordo dipenderà da tre elementi chiave: un obiettivo di lungo termine, analisi periodiche per rafforzare l’ambizione nel corso del tempo e norme rigorose in materia di trasparenza e responsabilità.

La Commissione Europea sembra quindi convinta – almeno nelle dichiarazioni ufficiali – che alla conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, che si terrà nella capitale francese dal 30 novembre all’11 dicembre, l’accordo globale sarà raggiunto e conterrà degli impegni vincolanti. Ma al di là dell’autocompiacimento qual è la posizione con la quale l’UE arriva a Parigi?

Per l’Unione Europea, il nuovo accordo deve essere un chiaro segnale della volontà dei governi di ridurre le emissioni in misura sufficiente a mantenere, da qui alla fine del secolo, l’aumento della temperatura al di sotto del limite concordato (2 ºC). Per ‘accordo credibile’ si intende: 1. una visione globale per un obiettivo a lungo termine, che funga da segnale per le parti interessate, tra cui le imprese, gli investitori e il pubblico, della volontà di passare a un’economia a basse emissioni di carbonio; 2. un meccanismo di valutazione periodica; 3. un solido sistema di trasparenza e responsabilità affinché le parti e i soggetti interessati possano ragionevolmente sperare che le promesse saranno mantenute.

Sul fronte del finanziamenti a favore del clima, invece, l’UE mantiene il proprio impegno per conseguire, congiuntamente agli Stati più ricchi, l’obiettivo di mobilitare 100 miliardi di dollari l’anno entro il 2020 a favore dell’azione per il clima nei Paesi in via di sviluppo.

C’è poi il capitolo dedicato all’adattamento. L’Unione Europea ritiene, infatti, che un’azione ambiziosa per prepararsi e rispondere agli effetti dei cambiamenti climatici costituisca l’elemento centrale di un accordo equilibrato.

Ma quali saranno gli ostacoli che la proposta europea incontrerà in fase negoziale?

Prima di tutto c’è da capire la posizione degli Stati Uniti. Il segretario di Stato USA John Kerry ha già messo in dubbio, nelle settimane scorse, il carattere vincolante dell’accordo. Gli Usa “sono contrari a un accordo vincolante” per motivi interni legati alla ricerca del consenso al Congresso, il negoziato però “si basa sul consenso di oltre 190 Paesi” e ancora oggi gli statunitensi “non hanno presentato un approccio alternativo” ha detto il Commissario europeo al Clima, ricordando che non solo l’UE, ma anche molti Paesi in via di sviluppo, dalle isole del Pacifico al gruppo africano, “vogliono un accordo vincolante che includa gli Stati Uniti”. Perché l’UE vuole evitare di ripetere l’esperienza di Kyoto, il trattato internazionale sul clima firmato nel 1997 e non sottoscritto dagli Stati Uniti per la presunta assenza di impegni chiari e vincolanti per i Paesi meno sviluppati in termini di riduzione delle emissioni di gas a effetto serra. L’Europa è poi consapevole che un coinvolgimento delle economia emergenti – su tutti i Paesi cosiddetti “Brics” (Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica) – si lega all’eventuale impegno statunitense.

Tuttavia, i problemi non sono solo esterni all’UE, ma anche interni. Due in particolare. Il primo riguarda la Polonia. La quale, per mano del nuovo presidente Andrzej Duda, ha posto il veto all’emendamento di Doha, che proroga il protocollo di Kyoto. Cañete sembra però convinto che la Polonia “onorerà i suoi impegni” con l’UE. “Abbiamo un nostro mandato per i negoziati e Varsavia è stata molto attiva nel modellare la versione finale” ha sottolineato il Commissario, affermando che quindi a Parigi “la Polonia sarà sulla stessa barca” dell’Unione Europea.

Il secondo fianco debole in seno al Vecchio Continente è, un po’ a sorpresa, il Belgio. Un Paese a forte tradizione green che però, in questa occasione paga lo scotto di avere un sistema amministrativo talmente frammentato da non riuscire a trovare una voce unica a livello federale. Il Governo, infatti, non è ancora riuscito a formulare un documento che metta d’accordo le diverse Regioni autonome che compongono lo Stato. Va ricordato, infatti che, con la nuova formula ogni Paese ha pubblicato o sta pubblicando il proprio contributo nazionale che presenta gli sforzi che si impegna a realizzare. Sono infatti 196 i firmatari (195 Stati più l’Unione Europea).

In contemporanea con l’apertura della COP21 la Commissione Europea ha, inoltre, ufficialmente inaugurato l’Istituito ICOS RIIntegrated Carbon Observation System (Sistema Integrato di Osservazione sul Carbonio), una nuova infrastruttura di ricerca pan- europea che ha l’obiettivo di fornire osservazioni di lungo periodo sui gas serra in tutta Europa. I membri fondatori di ICOS ERIC sono otto: Belgio, Francia, Germania, Italia, Olanda, Norvegia, Svezia e Finlandia (sede dell’istituto), e Svizzera, che al momento fa parte dell’iniziativa in qualità di osservatore. Uno strumento importante che, se l’accordo di Parigi sarà vincolante, permetterà al Vecchio Continente di monitorare gli eventuali progressi in maniera ancor più efficace.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“M’illumino di Meno” 2018: è ora di cambiare passo per salvare la Terra

febbraio 23, 2018

“M’illumino di Meno” 2018: è ora di cambiare passo per salvare la Terra

Quest’anno Caterpillar e RAI Radio2 dedicano l’iniziativa “M’illumino di Meno“ alla bellezza del camminare e dell’andare a piedi. Perché sotto i nostri piedi, ricordiamocelo, c’è la Terra e per salvarla bisogna cambiare passo. Entro fine giornata del 23 febbraio 2018, la quattordicesima edizione di “M’illumino di Meno” ha dunque l’obiettivo di raggiungere la Luna a piedi con 555 [...]

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

febbraio 20, 2018

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

Il 13 febbraio la Città di Torino ha lanciato “Muoversi a Torino”, il nuovo servizio di infomobilità in linea con le principali città europee: un portale web istituzionale, interamente orientato a fornire indicazioni utili e informazioni sempre aggiornate per muoversi agevolmente in città e nell’area metropolitana. Il nuovo sito – realizzato e gestito dalla partecipata 5T - si [...]

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende