Home » Off the Green »Rubriche » COP23, l’ennesimo siparietto inutile e inconcludente:

COP23, l’ennesimo siparietto inutile e inconcludente

novembre 20, 2017 Off the Green, Rubriche

Forse sarebbe ora di cambiare il “format”. Perché il Pianeta ha un limite e anche la pazienza dei cittadini, degli imprenditori, degli amministratori locali più virtuosi e di tutti coloro che qualcosa di concreto – per ridurre i rischi dei cambiamenti climatici – lo stanno già facendo da anni. Lo spettacolo della “COP” (la Conferenza delle Parti delle Nazioni Unite) è diventato una farsa patetica almeno dal 2009, anno del fallimento della COP 15 di Copenhagen, sulla quale la “società civile” e le associazioni ambientaliste avevano riversato grandi aspettative.

Il copione è sempre lo stesso: nessuna nazione che ospita il meeting ha intenzione di ammettere il fallimento e, al termine di ogni plenaria finale, bisogna sempre trovare qualcosa di buono, rivendicare un qualche “importante passo avanti”, di cui nessuno, in realtà, vedrà mai i risultati.

La COP21 di Parigi, in particolare, secondo la grandeur e l’ambizione francesi, doveva essere un successo. Doveva, anche per restituire un minimo di credibilità alla diplomazia climatica internazionale, e quindi le si è attribuito ad honorem, un successo tutt’altro che evidente. “Parigi – scrive l’ex ministro Alberto Clò nel nuovo saggio “Energia e Clima” – segna, in sostanza, l’affermazione di un nuovo paradigma nella politica climatica (ma meglio sarebbe parlare di rottura di quello precedente), ove a quel che era ambientalmente e scientificamente desiderabile si è sostituito quel che si ritiene politicamente e pragmaticamente fattibile”. Vale a dire il primato delle esigenze politiche ed elettorali sulle urgenze ambientali. Come se al Pianeta importasse qualcosa di quanto è politicamente fattibile. O come se un tumore attendesse a colpire per lasciarci comodamente realizzare, nella vita, quello che desideriamo, senza fretta e ai nostri ritmi. Sarebbe bello, ma il mondo non funziona così. Ecco perché il climatologo James Hansen ha definito, senza mezzi termini, l’Accordo di Parigi: «una frode […] nessuna azione, solo promesse».

Il famoso “vincolo” emerso (a fatica) da Parigi riguarda, del resto, il contenimento della temperatura globale entro i 2°C di innalzamento, ma non i target di emissioni necessari a raggiungere quell’obiettivo! Dopo la COP 21 di Parigi, sembrava dunque non si potesse fare a meno della COP 22 di Marrakech, nel 2016, per “dare le gambe” al precedente accordo. Ma anche qui, come scrivevamo un anno fa, “la decisione più ‘importante’, presa dai 196 stati partecipanti, è stata quella di definire che, entro dicembre 2018, andrà fissato il regolamento che dovrà determinare in quale modo i Paesi monitoreranno i loro impegni per la riduzione dei gas serra“. Leggi: palla in avanti. E la COP 23 di Bonn, chiusasi venerdì scorso sotto la presidenza delle Isole Fiji? Che altro ha fatto? Niente, se non passare il cerino, come previsto, alla COP 24 del 2018 a Katowice, in Polonia. Altri 12 mesi, 365 giorni, 8.760 ore di emissioni, inquinamento, consumo di risorse naturali.

Non credo possa esistere un’immagine peggiore di inconcludenza agli occhi di cittadini già stremati, quanto mai, dall’inefficacia e inadeguatezza delle rispettive politiche nazionali ad affrontare la complessità degli anni di crisi economica, ambientale, sociale. All’immagine del politico nostrano, incollato al cadreghino e al vitalizio e attento solo ai venti elettorali, si aggiunge, nell’immaginario collettivo, quella del “diplomatico del clima”, un personaggio distinto e sempre posato (e chi gli mette fretta!), quasi aristocratico, intento a fare tanti bei viaggi in giro per il mondo e coniare tante eleganti formule vuote, per dilatare all’infinito il tempo delle decisioni.

Visto che gli Obama sono serviti a poco forse l’ultima salvezza per il clima rimane veramente Donald Trump. Chissà che continuando a snobbare i cambiamenti climatici il presidente americano più insensibile di sempre ai temi ambientali non riesca – come già sta succedendo con il US Climate Action Network - a stimolare una seria ed efficace coalizione di imprenditori, cittadini e amministratori locali, che per forma mentale non riescono proprio (per nostra fortuna) a stare fermi ad aspettare.

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

ottobre 29, 2021

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

L’ambiente e il clima sono ormai diventati temi “mainstream”. Anche se pochissimi fanno, tutti ne parlano! Soprattutto le aziende, che hanno intercettato da tempo la crescente attenzione di consumatori sempre più critici e sensibili all’ecosostenibilità di prodotti e servizi.  Vi viene in mente un’azienda che oggi non si dica in qualche modo “green” o “ecofriendly”? [...]

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende