Home » Off the Green »Rubriche » COP23, l’ennesimo siparietto inutile e inconcludente:

COP23, l’ennesimo siparietto inutile e inconcludente

novembre 20, 2017 Off the Green, Rubriche

Forse sarebbe ora di cambiare il “format”. Perché il Pianeta ha un limite e anche la pazienza dei cittadini, degli imprenditori, degli amministratori locali più virtuosi e di tutti coloro che qualcosa di concreto – per ridurre i rischi dei cambiamenti climatici – lo stanno già facendo da anni. Lo spettacolo della “COP” (la Conferenza delle Parti delle Nazioni Unite) è diventato una farsa patetica almeno dal 2009, anno del fallimento della COP 15 di Copenhagen, sulla quale la “società civile” e le associazioni ambientaliste avevano riversato grandi aspettative.

Il copione è sempre lo stesso: nessuna nazione che ospita il meeting ha intenzione di ammettere il fallimento e, al termine di ogni plenaria finale, bisogna sempre trovare qualcosa di buono, rivendicare un qualche “importante passo avanti”, di cui nessuno, in realtà, vedrà mai i risultati.

La COP21 di Parigi, in particolare, secondo la grandeur e l’ambizione francesi, doveva essere un successo. Doveva, anche per restituire un minimo di credibilità alla diplomazia climatica internazionale, e quindi le si è attribuito ad honorem, un successo tutt’altro che evidente. “Parigi – scrive l’ex ministro Alberto Clò nel nuovo saggio “Energia e Clima” – segna, in sostanza, l’affermazione di un nuovo paradigma nella politica climatica (ma meglio sarebbe parlare di rottura di quello precedente), ove a quel che era ambientalmente e scientificamente desiderabile si è sostituito quel che si ritiene politicamente e pragmaticamente fattibile”. Vale a dire il primato delle esigenze politiche ed elettorali sulle urgenze ambientali. Come se al Pianeta importasse qualcosa di quanto è politicamente fattibile. O come se un tumore attendesse a colpire per lasciarci comodamente realizzare, nella vita, quello che desideriamo, senza fretta e ai nostri ritmi. Sarebbe bello, ma il mondo non funziona così. Ecco perché il climatologo James Hansen ha definito, senza mezzi termini, l’Accordo di Parigi: «una frode […] nessuna azione, solo promesse».

Il famoso “vincolo” emerso (a fatica) da Parigi riguarda, del resto, il contenimento della temperatura globale entro i 2°C di innalzamento, ma non i target di emissioni necessari a raggiungere quell’obiettivo! Dopo la COP 21 di Parigi, sembrava dunque non si potesse fare a meno della COP 22 di Marrakech, nel 2016, per “dare le gambe” al precedente accordo. Ma anche qui, come scrivevamo un anno fa, “la decisione più ‘importante’, presa dai 196 stati partecipanti, è stata quella di definire che, entro dicembre 2018, andrà fissato il regolamento che dovrà determinare in quale modo i Paesi monitoreranno i loro impegni per la riduzione dei gas serra“. Leggi: palla in avanti. E la COP 23 di Bonn, chiusasi venerdì scorso sotto la presidenza delle Isole Fiji? Che altro ha fatto? Niente, se non passare il cerino, come previsto, alla COP 24 del 2018 a Katowice, in Polonia. Altri 12 mesi, 365 giorni, 8.760 ore di emissioni, inquinamento, consumo di risorse naturali.

Non credo possa esistere un’immagine peggiore di inconcludenza agli occhi di cittadini già stremati, quanto mai, dall’inefficacia e inadeguatezza delle rispettive politiche nazionali ad affrontare la complessità degli anni di crisi economica, ambientale, sociale. All’immagine del politico nostrano, incollato al cadreghino e al vitalizio e attento solo ai venti elettorali, si aggiunge, nell’immaginario collettivo, quella del “diplomatico del clima”, un personaggio distinto e sempre posato (e chi gli mette fretta!), quasi aristocratico, intento a fare tanti bei viaggi in giro per il mondo e coniare tante eleganti formule vuote, per dilatare all’infinito il tempo delle decisioni.

Visto che gli Obama sono serviti a poco forse l’ultima salvezza per il clima rimane veramente Donald Trump. Chissà che continuando a snobbare i cambiamenti climatici il presidente americano più insensibile di sempre ai temi ambientali non riesca – come già sta succedendo con il US Climate Action Network - a stimolare una seria ed efficace coalizione di imprenditori, cittadini e amministratori locali, che per forma mentale non riescono proprio (per nostra fortuna) a stare fermi ad aspettare.

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

marzo 15, 2019

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

Come sarà la viticoltura in Trentino nel 2099? A causa dei cambiamenti climatici tra 80 anni si vendemmierà con un anticipo fino alle 4 settimane. A calcolarlo è uno studio interdisciplinare condotto da Fondazione Edmund Mach e Centro C3A con l’Università di Trento e Fondazione Bruno Kessler. Lo studio indaga l’impatto dei cambiamenti climatici sulle fasi [...]

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

marzo 8, 2019

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

Dell Technologies, tra i maggiori produttori mondiali di soluzioni tecnologiche, ha lanciato nei giorni scorsi un appello ai Governi europei e all’intero settore IT per stimolare un maggiore impegno congiunto verso la sostenibilità, con particolare attenzione all’ambito del public procurement dei servizi IT. Si calcola infatti che, nell’Unione Europea, la spesa pubblica si aggiri intorno a [...]

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

marzo 7, 2019

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

“L’Italia produce ogni anno oltre 4.720 miliardi di bottiglie di acqua minerale in PET e ne rilascia oltre 132.000 tonnellate nelle acque costiere, che in termini di CO2 prodotta corrispondono a 472.000 tonnellate emesse per la loro produzione e 925.000 tonnellate emesse per il loro trasporto, per un totale di 1.397.000 tonnellate di CO2 emesse!”. [...]

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

marzo 1, 2019

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

Da area industriale a enorme quartiere dell’innovazione: NOI Techpark è il nuovo polo culturale e tecnologico di Bolzano nato per ospitare aziende, start up, centri di ricerca e università.  Nature Of Innovation: è questo il significato dell’acronimo NOI Techpark. Un’opera di rigenerazione urbana che già nel nome rivela la sua natura inclusiva, destinata a trasformare [...]

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

marzo 1, 2019

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

Il prossimo 12 aprile 2019 a Firenze, il Museo Salvatore Ferragamo inaugura “Sustainable Thinking“, un percorso narrativo che si snoda tra le pionieristiche intuizioni del fondatore Salvatore Ferragamo nella ricerca sui materiali naturali, di riciclo e innovativi, e le più recenti sperimentazioni in ambito “ecofashion”. Il progetto espositivo, ideato da Stefania Ricci, Direttore del Museo [...]

Ponte Morandi: rischio amianto nell’abbattimento. Esposto alla Procura di Genova

febbraio 21, 2019

Ponte Morandi: rischio amianto nell’abbattimento. Esposto alla Procura di Genova

Il Comitato ‘Liberi Cittadini di Certosa’ sostenuto dall’ONA (Osservatorio Nazionale Amianto) e assistito e difeso dal suo Presidente, Avv. Ezio Bonanni, ha presentato ieri mattina alla Procura della Repubblica di Genova un dettagliato esposto che fa riferimento al potenziale rischio amianto e presenza di polveri nocive in relazione al tragico crollo del ponte del 14 agosto 2018 che, oltre [...]

Zeolite cubana: un sistema naturale per proteggere i cereali immagazzinati

febbraio 20, 2019

Zeolite cubana: un sistema naturale per proteggere i cereali immagazzinati

Le infestazioni in magazzino sono uno dei problemi che più colpisce la filiera agroalimentare italiana. Dal campo alla tavola, il danno provocato durante lo stoccaggio rischia di compromettere intere produzioni. Per risolvere questa problematica l’azienda di San Marino Bioagrotech srl, specializzata nella produzione e commercializzazione di fertilizzanti e trattamenti organici per l’agricoltura biologica, ha introdotto sul [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende