Home » Off the Green »Rubriche » COP23, l’ennesimo siparietto inutile e inconcludente:

COP23, l’ennesimo siparietto inutile e inconcludente

novembre 20, 2017 Off the Green, Rubriche

Forse sarebbe ora di cambiare il “format”. Perché il Pianeta ha un limite e anche la pazienza dei cittadini, degli imprenditori, degli amministratori locali più virtuosi e di tutti coloro che qualcosa di concreto – per ridurre i rischi dei cambiamenti climatici – lo stanno già facendo da anni. Lo spettacolo della “COP” (la Conferenza delle Parti delle Nazioni Unite) è diventato una farsa patetica almeno dal 2009, anno del fallimento della COP 15 di Copenhagen, sulla quale la “società civile” e le associazioni ambientaliste avevano riversato grandi aspettative.

Il copione è sempre lo stesso: nessuna nazione che ospita il meeting ha intenzione di ammettere il fallimento e, al termine di ogni plenaria finale, bisogna sempre trovare qualcosa di buono, rivendicare un qualche “importante passo avanti”, di cui nessuno, in realtà, vedrà mai i risultati.

La COP21 di Parigi, in particolare, secondo la grandeur e l’ambizione francesi, doveva essere un successo. Doveva, anche per restituire un minimo di credibilità alla diplomazia climatica internazionale, e quindi le si è attribuito ad honorem, un successo tutt’altro che evidente. “Parigi – scrive l’ex ministro Alberto Clò nel nuovo saggio “Energia e Clima” – segna, in sostanza, l’affermazione di un nuovo paradigma nella politica climatica (ma meglio sarebbe parlare di rottura di quello precedente), ove a quel che era ambientalmente e scientificamente desiderabile si è sostituito quel che si ritiene politicamente e pragmaticamente fattibile”. Vale a dire il primato delle esigenze politiche ed elettorali sulle urgenze ambientali. Come se al Pianeta importasse qualcosa di quanto è politicamente fattibile. O come se un tumore attendesse a colpire per lasciarci comodamente realizzare, nella vita, quello che desideriamo, senza fretta e ai nostri ritmi. Sarebbe bello, ma il mondo non funziona così. Ecco perché il climatologo James Hansen ha definito, senza mezzi termini, l’Accordo di Parigi: «una frode […] nessuna azione, solo promesse».

Il famoso “vincolo” emerso (a fatica) da Parigi riguarda, del resto, il contenimento della temperatura globale entro i 2°C di innalzamento, ma non i target di emissioni necessari a raggiungere quell’obiettivo! Dopo la COP 21 di Parigi, sembrava dunque non si potesse fare a meno della COP 22 di Marrakech, nel 2016, per “dare le gambe” al precedente accordo. Ma anche qui, come scrivevamo un anno fa, “la decisione più ‘importante’, presa dai 196 stati partecipanti, è stata quella di definire che, entro dicembre 2018, andrà fissato il regolamento che dovrà determinare in quale modo i Paesi monitoreranno i loro impegni per la riduzione dei gas serra“. Leggi: palla in avanti. E la COP 23 di Bonn, chiusasi venerdì scorso sotto la presidenza delle Isole Fiji? Che altro ha fatto? Niente, se non passare il cerino, come previsto, alla COP 24 del 2018 a Katowice, in Polonia. Altri 12 mesi, 365 giorni, 8.760 ore di emissioni, inquinamento, consumo di risorse naturali.

Non credo possa esistere un’immagine peggiore di inconcludenza agli occhi di cittadini già stremati, quanto mai, dall’inefficacia e inadeguatezza delle rispettive politiche nazionali ad affrontare la complessità degli anni di crisi economica, ambientale, sociale. All’immagine del politico nostrano, incollato al cadreghino e al vitalizio e attento solo ai venti elettorali, si aggiunge, nell’immaginario collettivo, quella del “diplomatico del clima”, un personaggio distinto e sempre posato (e chi gli mette fretta!), quasi aristocratico, intento a fare tanti bei viaggi in giro per il mondo e coniare tante eleganti formule vuote, per dilatare all’infinito il tempo delle decisioni.

Visto che gli Obama sono serviti a poco forse l’ultima salvezza per il clima rimane veramente Donald Trump. Chissà che continuando a snobbare i cambiamenti climatici il presidente americano più insensibile di sempre ai temi ambientali non riesca – come già sta succedendo con il US Climate Action Network - a stimolare una seria ed efficace coalizione di imprenditori, cittadini e amministratori locali, che per forma mentale non riescono proprio (per nostra fortuna) a stare fermi ad aspettare.

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

maggio 13, 2019

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

Per la comunità scientifica italiana, in particolare quella che studia i Poli, si tratta di un grande risultato, che aprirà la strada a nuovi studi. L’OGS, Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – grazie ad un finanziamento di 12 milioni di euro ricevuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – ha acquistato dalla norvegese Rieber [...]

Clean Cliff Project: il progetto di salvaguardia delle scogliere nato da due tuffatori estremi

maggio 4, 2019

Clean Cliff Project: il progetto di salvaguardia delle scogliere nato da due tuffatori estremi

Per la prima volta dalla nascita di questa competizione sportiva, uno speciale progetto di salvaguardia ambientale, accompagnerà la Red Bull Cliff Diving World Series, il campionato mondiale di tuffo da scogliere naturali, per lanciare un forte messaggio in difesa degli oceani, grazie alla volontà e tenacia di due giovanissimi campioni: Eleanor Townsend Smart, high diver americana, e Owen Weymouth, [...]

Amianto: sono ancora 125 milioni i lavoratori esposti al “killer silenzioso”

aprile 29, 2019

Amianto: sono ancora 125 milioni i lavoratori esposti al “killer silenzioso”

Domenica 28 aprile si è celebrata la “Giornata Mondiale delle Vittime dell’Amianto”, una ricorrenza per ricordare che, ancora oggi, sono circa 125 milioni i lavoratori esposti alla fibra killer, che provoca non meno di 107.000 decessi ogni anno (secondo le stime OMS), di cui circa 6.000 solo in Italia. Una guerra al “killer silenzioso” che non può essere vinta [...]

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

aprile 15, 2019

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

Il neozelandese Mitch Evans, del team Panasonic Jaguar, si è aggiudicato sabato 13 aprile il Gran Premio di Roma, settima tappa del campionato mondiale ABB FIA Formula E, “la formula 1 delle auto elettriche”. Al secondo posto Andrè Lotterer su DS Techeetah e al terzo Stoffel Vandoorne del team HWA Racelab. Secondo le stime degli organizzatori la gara è stata seguita [...]

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

marzo 29, 2019

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

Dall’11 al 13 aprile la città di Catania si prepara a ospitare ECOMED, la prima “green expo” siciliana dedicata ai temi della green economy e dell’economia circolare, riletti in prospettiva mediterranea (e non solo nazionale). Per tre giorni il più grande centro fieristico ai piedi dell’Etna – le suggestive “Ciminiere” – sarà la casa di [...]

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

marzo 15, 2019

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

Come sarà la viticoltura in Trentino nel 2099? A causa dei cambiamenti climatici tra 80 anni si vendemmierà con un anticipo fino alle 4 settimane. A calcolarlo è uno studio interdisciplinare condotto da Fondazione Edmund Mach e Centro C3A con l’Università di Trento e Fondazione Bruno Kessler. Lo studio indaga l’impatto dei cambiamenti climatici sulle fasi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende