Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » “Corpi di scarto”, nella discarica di Elisabetta Bucciarelli:

“Corpi di scarto”, nella discarica di Elisabetta Bucciarelli

febbraio 21, 2012 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Per la rubrica “Racconti d’Ambiente” pubblichiamo oggi un estratto del  libro “Corpi di scarto” di Elisabetta Bucciarelli, edito da Edizioni Ambiente (pag. 224 , euro 15.00).

Lo ziggurat formava un bastione di controllo sul lato a sinistra. Saddam lo zoppo, era seduto sul primo gradone, non riusciva ad arrampicarsi se non aiutato almeno da due altri. Ma una volta arrivato sulla cima restava per ore da solo, a guardare l’orizzonte, da tutti i lati. Gli strati erano cinque, sovrapposti uno sull’altro, e formavano una piramide perfettamente simmetrica. La prima di dieci, allineate e pronte per l’uso. Gli abitanti della discarica ci saltavano sopra quando l’umore era alto.

C’era poco da trovare, ormai la compressione aveva reso tutto omogeneo, tuttavia poteva sempre capitare di sfilare qualcosa di utile. Dalle zone off limits soprattutto, quelle che venivano bruciate di nascosto, alle prime ore del mattino, quando nessuno avrebbe né visto, né sentito. Nessuno tranne loro, gli abitanti della zona viva: Saddam lo zoppo, Lira Funesta, Argo Zimba e Iac. Disomogenei per età e provenienza. Ma stabili sul territorio. Ognuno con la propria baracca. La casa, come la chiamava Saddam. Il covo, quello di Argo. E il rifugio, quello di Iac. Lira Funesta invece, era in transito provvisorio, non aveva ancora deciso di abbandonare il tetto solido della casa materna. Andava e veniva.

Lo ziggurat consentiva sempre di osservare la superficie dall’alto. Sull’ultimo gradone si riusciva persino a verificare l’arrivo dei camion. La discarica era estesa qualche chilometro, forse sette, in teoria avrebbe dovuto rimanere nei confini del muro, ma nella pratica proseguiva fino quasi a lambire i termovalorizzatori. A terra, nella parte ovest, quella degli ziggurat come l’aveva denominata il turco, c’erano i rifiuti già trattati, in belle porzioni quadrangolari, tenuti insieme e compattati come fossero mattoni da costruzione. Saddam sosteneva di aver visto sul volantino di un’agenzia viaggi, dei templi antichissimi con quella identica forma architettonica.

Montagne sacre dall’alto delle quali si dominava il mondo. Nella zona chiamata la putrida, rasente al muro nord, erano ammucchiati i sacchetti sfatti, quelli brodosi e marcescenti sommati ad altro materiale non ben precisato. Limitrofi alla putrida, verso il centro della discarica, venivano appoggiati i sacchetti della pattumiera integri, gli uni sugli altri. Colorati e sfacciati nei loro odorosi rigonfiamenti, ma anche solidi e puntuti. Tutto il resto era anarchia. L’insieme creava un panorama disomogeneo e globalmente effervescente, ci ritrovavi la Mesoamerica, l’India e l’Argentina. Ti pareva di rivedere l’Africa e la Sicilia, l’Egitto e il Brasile. Ombre di gabbiani, escavatori e scavi, memorie quasi d’altri tempi.

Elisabetta Bucciarelli*

*Elisabetta Bucciarelli vive e lavora a Milano. Ha scritto per il teatro, la televisione e il cinema. Tra i suoi romanzi: Dalla parte del torto (Mursia), Femmina de luxe (Perdisa Pop), Io ti perdono (ColoradoNoir / Kowalski, vincitore del Premio Fedeli) e Ti voglio credere (ColoradoNoir / Kowalski). Collabora con la Rai e si occupa di approfondimento culturale per Booksweb.tv. Vincitrice del Premio Scerbanenco 2010.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

maggio 13, 2019

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

Per la comunità scientifica italiana, in particolare quella che studia i Poli, si tratta di un grande risultato, che aprirà la strada a nuovi studi. L’OGS, Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – grazie ad un finanziamento di 12 milioni di euro ricevuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – ha acquistato dalla norvegese Rieber [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende