Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » “Corporation 2020″. Una rivoluzione nel modo di fare impresa:

“Corporation 2020″. Una rivoluzione nel modo di fare impresa

settembre 8, 2015 Racconti d'Ambiente, Rubriche

L’attuale modello economico scricchiola. Come dimostrano le vicende degli ultimi anni, è esposto al rischio di recessione, e crea disoccupazione e sottoccupazione. Allarga le diseguaglianze tra ricchi e poveri. Sfrutta e degrada gli ecosistemi da cui dipende, ed è il principale responsabile dei cambiamenti climatici in atto. È chiaro che occorre cambiare con urgenza il modo in cui funziona. Ed è sempre più evidente che per farlo è indispensabile partire dai suoi attori principali, le aziende. Pavan Sukhdev, che con il rapporto The Economics of Ecosystems and Biodiversity (Teeb) ha ridefinito il modo in cui diamo valore agli ecosistemi e ai loro servizi, in “Corporation 2020″ distingue tra il modello tradizionale d’impresa, la Corporation 1920, e la Corporation 2020. La prima definisce priorità e strategie sulla base dell’interesse degli azionisti, e punta a una crescita infinita sostenuta da un crescente indebitamento. Spende somme enormi in pubblicità, con cui impone un consumismo sfrenato, e in lobbying, per far modificare a proprio vantaggio le regole del gioco e ottenere sussidi perversi e trattamenti fiscali di favore. Sfrutta le risorse e scarica gli scarti delle sue attività sui più deboli. La Corporation 2020 si sforza invece di incorporare le proprie esternalità, dando loro un prezzo adeguato. Allinea i suoi obiettivi con quelli della società, genera ricchezza reale e non solo spazzatura finanziaria. Fa crescere i propri dipendenti e produce capitale sociale senza saccheggiare il capitale naturale. Ricchissimo di esempi e indicazioni pratiche, Corporation 2020 presenta un proposta dettagliata di un nuovo modo di fare impresa, elaborando un modello “scalabile”, buono per le grandi quanto per le medie e piccole aziende, premessa indispensabile per arrivare a un sistema economico sostenibile ed equo. Per la rubrica Racconti d’Ambiente pubblichiamo la prefazione di Nicholas Stern.

I nostri oceani sono sovrasfruttati, la deforestazione continua a ritmo sostenuto, la biodiversità sta crollando e le concentrazioni di gas serra continuano ad aumentare. Le vite e i mezzi di sussistenza di molte persone nel mondo sono sempre più a rischio a causa dei danni che le nostre attività stanno arrecando agli ecosistemi e all’ambiente del pianeta. Cresce il rischio di superare dei tipping point. L’inazione è pericolosa: i pericoli sono in aumento per l’effetto combinato dell’accumulo dei gas a effetto serra e degli inquinanti a lunga persistenza. I più poveri sono, e saranno, colpiti per primi e più duramente. Ma saremo tutti coinvolti se continueremo a ignorare i fenomeni e a ritardare l’azione, anche per effetto degli esodi delle popolazioni e per le tensioni e i conflitti che ne deriveranno. Molti (o la maggior parte) dei nostri problemi derivano da fallimenti del mercato, da comportamenti irresponsabili e dalla prevalenza di visioni a breve termine. Possiamo risolvere questi problemi con una politica sana, collaborando e adottando un approccio più lungimirante. Possiamo farlo servendoci della tecnologia, dell’organizzazione e della politica. Questi strumenti si rafforzano a vicenda. E possono migliorare gli standard di vita materiale, in particolare per i poveri, possono darci inclusività ed equità sociali ed economiche, oltre a un ambiente più piacevole e ospitale. In altre parole, possono darci una maggiore sostenibilità economica, sociale e ambientale. In effetti, se non li consideriamo come un’unica cosa, ognuno di loro rischia di essere compromesso. Questo libro espone con forza e chiarezza queste tesi. E spiega quali sono le azioni e gli strumenti di cui abbiamo più bisogno. Gli strumenti sono progettati per affrontare i fallimenti del mercato. Corporation 2020 mostra come lo spirito imprenditoriale e la creatività delle aziende, degli individui e delle comunità possono essere usati per riparare i danni causati dalle distorsioni dei mercati e dai comportamenti irresponsabili, arrecando benefici alle aziende, agli individui,alle comunità e al mondo intero. Se non riusciremo a correggere le distorsioni più grossolane del mercato, riusciremo solo ad aggravarle ancor di più. Se lo faremo, creeremo un modo di produrre e consumare più efficace, forte e attraente: più sicuro, più pulito, più silenzioso, più ricco di biodiversità e più equo. Corporation 2020 sostiene che la Green Economy Initiative dell’Unep ha dimostrato che la costruzione di un’economia che promuove lo sviluppo economico e l’equità sociale, riducendo i rischi ambientali e la scarsità ecologica, non solo è possibile, ma è necessaria per la sostenibilità. Per troppo tempo abbiamo però parlato di cambi di direzione a livello “macro”, senza riconoscere che il cambiamento a livello di economia può avvenire solo a partire dal livello“micro, cioè da buone micro-politiche che possono affrontare la questione dei fallimenti del mercato. Questo ci conduce ai principali protagonisti dell’economia: le corporation. Come cambierà il loro comportamento? Come qualsiasi specie biologica, il loro“ambiente”, che comprende le istituzioni e le politiche dei prezzi, deve cambiare per permettere loro di evolversi. Ma servono anche discussioni più aperte, oltre a un maggior impegno sociale su ciò che funziona e ciò che è sostenibile. Corporation 2020 propone quattro principali modifiche a quelle che potrebbero essere chiamate le “condizioni abilitanti” per lo sviluppo di un tipo di società più responsabile.

Rivelare le esternalità: in modo da fornire a investitori e consumatori ulteriori informazioni, e per consentirgli di scegliere sulla base di criteri più ampi di quelli del prezzo sugli scaffali o del ritorno sugli investimenti.

La tassazione delle risorse: tassare i “mali” piuttosto che “i beni” (goods).

Una pubblicità responsabile: bisogna dare ai consumatori informazioni reali,e non solo annunci di vendita.

Limitare la leva finanziaria: questo vale in particolare per le aziende considerate too big to fail (“troppo grandi per fallire”), il cui indebitamento è essenzialmente un’esternalità negativa scaricata sulle spalle dei contribuenti.

Il momento è critico. Non possiamo aspettare fino al 2050 o 2100 per migliorare le performance ambientali. La scienza ci dice che, se vogliamo conservare la speranza di costruire un’economia sostenibile, il business as usual deve essere rivoluzionato entro il prossimo decennio. Nel programmare l’azione tenere a mente alcuni punti.

I negoziati internazionali tendono a parlare genericamente e al livello “macro”di un paese. Per ottenere un vero cambiamento dobbiamo anche guardare al livello “micro”, cioè anche a quello delle aziende.

La concorrenza produce efficienza a patto che alle risorse venga dato il valore corretto. Il sistema attualmente dominante sottovaluta le forme non monetariedi ricchezza nonché il capitale pubblico in generale.

• Non dovremmo preoccuparci se le politiche Corporation 2020 “fanno male alla crescita”. Spesso crescita e sviluppo vengono confusi. Le azioni descritte sono essenziali se vogliamo innalzare gli standard di vita e se vogliamo superare la povertà. Naturalmente i metodi per misurare il progresso devono essere più ampi del Pil e della sua visione ristretta, come in effetti ha da tempo capito la maggior parte di quelli che pensano seriamente allo sviluppo e agli standard di vita.

Il settore privato, la società civile e i governi devono lavorare insieme per apportare modifiche significative al business as usual. Non ci sono “proiettili d’argento”, e nessuna istituzione è in grado di risolvere da sola i problemi complessi del mondo di oggi. Abbiamo gli strumenti per creare un mondo migliore, più giusto e più produttivo. Abbiamo davanti agli occhi la distruttività del percorso che abbiamo imboccato e conosciamo le sue cause. Corporation 2020 spiega cosa dobbiamo fare, e illustra con chiarezza il ruolo dei mercati e delle società. Non ci sono più scuse per non agire.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

febbraio 5, 2018

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

Il 2018 sarà l’anno zero per le rilevazioni sullo spreco del cibo in Italia: perché per la prima volta arrivano i dati reali sullo spreco alimentare nelle nostre case, integrati da rilevazioni nella grande distribuzione e nelle mense scolastiche. Gli innovativi monitoraggi, su campione statistico di 400 famiglie di tutta Italia e su campioni significativi [...]

Ricerca Schneider Electric: le grandi aziende fanno progressi sulla sostenibilità ma non sono ancora “smart”

febbraio 1, 2018

Ricerca Schneider Electric: le grandi aziende fanno progressi sulla sostenibilità ma non sono ancora “smart”

Una nuova ricerca resa nota da Schneider Electric, leader mondiale dell’automazione e trasformazione digitale dell’energia, rivela che benché la gran parte delle grandi aziende si sentano pronte per affrontare un futuro decentralizzato, decarbonizzato e digitalizzato, molte, in realtà, non stanno ancora prendendo le necessarie misure per integrare e fare evolvere i loro programmi energetici e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende