Home » Bollettino Europa »Rubriche » Cosa racconteranno i padiglioni di Expo 2015? Breve tour virtuale tra gli espositori europei:

Cosa racconteranno i padiglioni di Expo 2015? Breve tour virtuale tra gli espositori europei

febbraio 2, 2015 Bollettino Europa, Rubriche

Dal primo maggio al 31 ottobre 2015 l’Italia ospiterà l’Esposizione Universale. Per sei mesi Milano, con un’area espositiva di 1,1 milioni di metri quadri, diventerà una vetrina mondiale in cui più di 140 Paesi e Organizzazioni internazionali mostreranno “il meglio” (o ciò che ritengono tale) delle proprie tecnologie per cercare di dare risposta a un’esigenza vitale: garantire cibo sano, sicuro e sufficiente per tutti i popoli, nel rispetto del Pianeta e dei suoi equilibri. Expo 2015, con lo slogan “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita”, sarà, infatti, dedicato al confronto di idee e soluzioni su alimentazione e nutrizione.

Prima dell’apertura ufficiale è possibile fare un tour virtuale tra i padiglioni espositivi dei maggiori Paesi europei, per capire come racconteranno questa storia.

Partiamo da quello dell’Unione Europea. Affacciato alla Lake Arena il padiglione “Sarà l’occasione per presentare il valore aggiunto dell’Europa nelle sfide sulle tematiche di Expo” ha spiegato Bruno Marasà, direttore dell’Ufficio d’Informazione del Parlamento Europeo. Il tema sarà “Crescere il futuro dell’Europa insieme per un mondo migliore”. A promuovere il dibattito, formulare analisi e raccomandazioni per le future politiche dell’Unione sui temi di Expo sarà un Comitato Scientifico Europeo (Steering Committee of the EU Scientific Programme for Expo 2015) che si propone l’intento di far emergere problematicità e possibili soluzioni. Verranno approfonditi 7 grandi temi, un argomento diverso ogni settimana e organizzati 25 eventi in ambito nutrizionale, agricolo e ambientale. Il Comitato Scientifico Europeo produrrà anche un documento che verrà condiviso con la FAO e l’ONU. Proprio per questa commistione tra scienza e applicazione nella vita reale, l’Unione Europea verrà simbolicamente rappresentata, nel padiglione, dall’incontro di due personaggi: Alex, il contadino, e Sylvia, la ricercatrice. Personaggi che rappresentano due saperi, che non possono fare a meno l’uno dell’altro.

Anche il Parlamento Europeo stesso sarà coinvolto in Expo, partecipando ad eventi tematici. Il primo grande appuntamento sarà il 9 maggio, per la Giornata dell’Europa. Che l’Europa dedicherà al pane. Un alimento alla base della cultura europea, ma anche allegoria di pace e di incontro.

Sulla falsariga del tema UE il padiglione della Romania, il cui messaggio è vivere “In armonia con la natura”. Il Paese offrirà ai visitatori una visione completa del proprio spirito in cui convivono tradizione e contemporaneità. L’edificio espositivo metterà in mostra un Paese che dispone di risorse e potenzialità accessibili, sostenibili e che promuove l’utilizzo di energie pulite, della varietà offerta dalla biodiversità, dell’alimentazione sana e soprattutto mantiene vivi i valori culturali della tradizione e del folklore. Il design dell’edificio avrà, infatti, la forma di una casa tradizionale con elementi di architettura popolare, reinterpretati in chiave moderna, come il tetto in paglia e le pareti in vetro. Le sale espositive saranno divise in aree tematiche all’interno della struttura. “Biodiversità”, “Cultura ed energia verde”, “Frutta e verdura”, “Cultura e tradizione”, “Arte culinaria”.

Il padiglione della Francia dal titolo “Produrre e nutrire diversamente” trae, invece, ispirazione da quelli realizzati nella seconda metà dell’Ottocento su volere di Napoleone III per il grande mercato coperto parigino. Realizzato interamente in legno, si svilupperà su tre piani e ai soffitti saranno appesi i prodotti agroalimentari tipici per ricreare l’ambientazione “rovesciata” di un territorio modellato dall’agricoltura. Infatti, la configurazione del padiglione deriva da un’immagine tridimensionale di un terreno con rilievi e depressioni, sezionata e rovesciata per mostrarne l’interno ricco di concavità e convessità. Il tour del padiglione inizierà dal labirintico e lussureggiante giardino, in cui saranno in mostra la diversità e la molteplicità dei paesaggi delle regioni francesi. All’interno, il viaggio si sviluppa tra i pilastri della grande volta centrale, in cui il visitatore potrà vivere esperienze sensoriali, tattili e olfattive.
 Sulla struttura una grande e panoramica terrazza che ospiterà una vasta varietà di piante aromatiche. A conclusione dell’Expo la struttura del padiglione francese verrà smontata e riutilizzata in patria, secondo un’idea di recupero senza spreco.

El lenguaje del sabor” (Il linguaggio del gusto) sarà il tema del padiglione della Spagna caratterizzato da un cortile con alberi d’arancio, pianta simbolo dell’identità iberica.
 Il “guscio” del padiglione verrà realizzato in legno a vista e gli interni saranno di materiali riferiti alla tradizione come il sughero. Le finiture in acciaio inox lucido ricorderanno, invece, la fluidità dell’olio e del vino; alimenti simbolo della Spagna nel mondo.

Interessante, poi, l’idea del Regno Unito che ha lanciato per la progettazione del suo padiglione, una competizione vinta da Wolfgang Buttress, pittore e scultore di Nottingham. Si tratta di un’enorme sfera d’acciaio dorato che richiama i declivi delle colline inglesi.
L’importanza del ruolo delle api nell’ecosistema sono il concept del design del padiglione, che riproporrà le caratteristiche geometriche del favo e che avrà come tema “Coltivato in Gran Bretagna, condiviso globalmente“.

Merita, infine, una menzione preliminare anche il padiglione della Polonia. Nonostante la sua tardiva decisione di partecipare, il Paese ha sviluppato un design concepito sul fattore di produzione e d’esportazione di mele, alimento del quale la Polonia è leader in Europa.
 L’interno sarà completamente seminato a frutteto con filari di alberi di mele, il cui ciclo vegetativo sarà coincidente con la durata dell’Expo. I visitatori potranno così raccogliere personalmente i frutti dagli alberi e scoprire i processi di maturazione delle piante coltivate. Le pareti interne saranno rivestite da specchi per creare l’illusione amplificata di un frutteto che si estende all’orizzonte e per richiamare il titolo del padiglione: “La Polonia – dall’altro lato dello specchio”.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende