Home » Bollettino Europa »Rubriche » Cosa resta della COP21. La politica schizofrenica dell’UE sul clima:

Cosa resta della COP21. La politica schizofrenica dell’UE sul clima

marzo 7, 2016 Bollettino Europa, Rubriche

A qualche mese dall’accordo di Parigi sul clima quali sono i passi compiuti dall’Unione Europea per gli impegni presi, o almeno promessi?

Per trovare la risposta dobbiamo guardare fuori e dentro i confini dell’UE. Prima alla sua politica di vicinato, cioè alle azioni intraprese con i Paesi confinanti –  principalmente con quelli della riva Sud del Mediterraneo – e poi alle decisioni che riguardano i soli Stati Membri.

Sul primo fronte è senza dubbio da segnalare il progetto ClimaSouth appena presentato al Parlamento Europeo e finanziato anche dalla Commissione. Il cui obiettivo è quello di accompagnare i Paesi rivieraschi del Nord Africa e del Medio Oriente nell’implementazione delle politiche necessarie per contrastare gli effetti del riscaldamento del pianeta. ClimaSouth, punta a mettere in pista piani di sviluppo economico, ha spiegato il direttore Bernardo Sala, tramite azioni di “capacity building” e di sostegno alle istituzioni di Marocco, Algeria, Tunisia, Libia, Egitto, Palestina, Israele, Giordania e Libano.

Tra gli aspetti più sottovalutati del cambiamento climatico ci sono, infatti, le sue conseguenze sociali. La crisi siriana, per esempio, ha le sue radici nella crisi agricola precedente al 2011. 32,4 milioni di persone hanno dovuto abbandonare le loro case per calamità naturali: il climate change ha quindi effetti diretti sui fenomeni migratori.

“Gli accordi di Parigi – ha sottolineato Elina Bardram, capo Unità della DG Clima della Commissione UE – rappresentano un passo molto importante, un nuovo capitolo, il passaggio da azione di pochi paesi ad un’azione globale. In questo contesto, ClimaSouth ha un ruolo fondamentale: mostrare come la cooperazione possa essere efficace nella pratica per raggiungere gli obiettivi che ci siamo posti a livello globale”. Le intenzioni sono certamente nobili, ma quello che succede dall’altro lato del Mediterraneo sembra andare in direzione opposta.

E anche da questo lato l’incertezza non è minore. Contemporaneamente alla conferenza di presentazione del progetto ClimaSouth, il Commissario europeo al Clima, Miguel Arias Cañete ha annunciato che l’Unione Europea, per ora, non intende rivedere al rialzo gli obiettivi fissati per il 2030 sul fronte della lotta ai cambiamenti climatici, visto che “non ha ancora raggiunto quelli per il 2020″ e poi “perché l’impegno di riduzione del 40% di emissioni di CO2 rispetto al 1990 è di gran lunga il più ambizioso di tutti i 189 attualmente sul tavolo dell’ONU”. Quest’ultima affermazione risponde – noncurante e senza spazi alla speranza – alle accuse di scarsa ambizione mosse da Verdi europei e ambientalisti dopo la recente comunicazione dell’esecutivo UE sul futuro dell’accordo di Parigi.

Greenpeace ha, infatti, accusato la Commissione di “non aver mantenuto l’impegno a portare gli obiettivi climatici UE in linea con l’intesa di Parigi“. L’associazione considera deludente il documento che fa il punto sulle prossime tappe del processo e delle modalità e di messa in opera dell’Accordo di Parigi nell’UE e che è accompagnato da una proposta di firma dell’Accordo  da parte dell’Unione Europea. I Verdi dell’Europarlamento hanno, invece, accusato il sistema ETS di sforare di oltre 2 miliardi di tonnellate di CO2 gli obiettivi fissati dall’accordo della COP21.

Cañete però non ci sta a fare da bersaglio e, oltre a ribadire che la politica UE  è “pienamente in linea con gli obiettivi dell’accordo di Parigi” (e ricordare gli appuntamenti di revisione previsti nel  2018, 2020 e 2023), ha sottolineato che Bruxelles deve ancora varare una serie di misure che serviranno a centrare gli obiettivi fissati per il 2030. Si parla proprio della riforma, da tempo in discussione, del sistema ETS, cioè il mercato europeo della CO2, poi della proposta di direttiva sul cosiddetto ‘effort sharing‘ che interessa i settori esclusi dall’ETS, cioè trasporti, agricoltura ed edifici – molto delicata da negoziare con gli Stati Membri. Ci sono, infine, le revisioni in corso sulle direttive sulle rinnovabili e sull’efficienza energetica, ha aggiunto il Commissario. Il quale è assolutamente convinto che l’UE sia sulla rotta giusta per il contenimento del riscaldamento entro i 2 gradi e verso 1,5 gradi.

Tuttavia, sul post-Parigi, anche il Consiglio sembra diviso.Non è il momento di sollevare questioni divisive su come innalzare l’ambizione, ma di concentrarsi sulle regole per far funzionare l’accordo al meglio“, ha tagliato corto il Ministro dell’Ambiente italiano, Gian Luca Galletti (solitamente “grandioso” in Patria) nel corso del dibattito sul futuro dell’accordo sul clima, alla riunione del Consiglio Ambiente dell’UE a Bruxelles. Un’idea per molti versi simile a quella di Cañete. Mentre altri Paesi, come Germania, Austria e Lussemburgo, si sono già espressi per un maggiore impegno nella lotta all’emergenza clima da parte dell’UE, sulla scia della Conferenza ONU sul clima.

Beatrice Credi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende