Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » “Cosmetici sicuri?”: una guida per orientarsi tra migliaia di additivi:

“Cosmetici sicuri?”: una guida per orientarsi tra migliaia di additivi

febbraio 25, 2014 Racconti d'Ambiente, Rubriche

A come Abies Balsamea, Z come Zinc Sulphate. In mezzo ci sono migliaia di additivi contenuti nelle decine di prodotti cosmetici con cui entriamo in contatto ogni giorno, spesso senza conoscerne il vero contenuto. Alcuni ingredienti di shampoo e dentifrici sono stati associati per esempio all’insorgenza di asma, nausea e dermatite; i coloranti per capelli possono essere cancerogeni. Le etichette dei prodotti spesso non aiutano. “Cosmetici sicuri?“, da poco pubblicato dalla casa editrice Terre di Mezzo, vuole aiutare i consumatori a districarsi in un labirinto di sigle e nomi impronunciabili. Grazie alla sua grafica intuitiva, permette di individuare a colpo d’occhio i componenti pericolosi , quelli da evitare e quelli innocui , indicando quali cosmetici li contengono e quali problemi per la salute comportano. Di seguito pubblichiamo l’introduzione, scritta dall’autore del volume Bill Statham, ricercatore, scrittore ed editore australiano.

L’uso degli additivi alimentari e degli ingredienti cosmetici è in una certa misura avvolto nella confusione. Da una parte le “grandi aziende” ci assicurano che tutte queste sostanze chimiche sono completamente sicure, mentre dall’altra ci sono quanti sostengono che tutti gli additivi e gli ingredienti sintetici sono dannosi. La verità sta da qualche parte nel mezzo, e questo libro rappresenta un tentativo di guidare all’acquisto consapevole nel caos delle informazioni conflittuali.

Certo, in un mondo ideale non avremmo bisogno di libri come questo. Il cibo che mangeremmo sarebbe prodotto da ingredienti naturali, senza il ricorso a pesticidi, fungicidi, erbicidi chimici, né ormoni della crescita e antibiotici. Inoltre, gli alimenti sarebbero privi di coloranti sintetici, conservanti, esaltatori di gusto, riempitivi e molti altri additivi usati per trasformare sostanze poco appetibili, altamente lavorate e prive di nutrienti nell’illusione di qualcosa di buono da mangiare. Sempre nel mondo ideale, i cosmetici e i prodotti per la cura della persona conterrebbero solo estratti vegetali puri e non tossici, e sarebbero privi di ingredienti sgradevoli o pericolosi contaminanti.

Purtroppo, il nostro mondo è lontano dall’ideale di chiunque. Viviamo a un ritmo frenetico e le auto, i computer, il denaro e i cibi veloci potrebbero non portare a una vita sana e felice. La ricchezza ha la precedenza sulla salute; il progresso scientifico è normalmente guidato da potenti multinazionali che mirano al profitto; i legislatori sembrano ignorare le richieste dei consumatori e prendere le parti delle “grandi aziende”; anche in questo caso il profitto regna sovrano.

Viviamo tutti continuamente circondati da molte migliaia di agenti chimici, un’impressionante percentuale dei quali pericolosa per la salute e l’ambiente. In un database sono registrati quasi 25 milioni di nomi di agenti chimici. L’inadeguatezza dei test condotti sulle sostanze chimiche è reale oggi come ieri, e alcune di queste sostanze finisce nei nostri cibi e nei prodotti cosmetici. Molti scienziati, preoccupati, ritengono che dovremmo adottare il principio, o l’approccio precauzionale, secondo cui se si sospetta che un’azione o una politica rischi di causare danni alle persone o all’ambiente, in assenza di consenso scientifico sul fatto che l’azione o la politica sia effettivamente pericolosa, l’onere della prova sulla non pericolosità ricade su quanti intraprendono questa azione. O, detto in parole più semplici, l’incertezza scientifica sommata al sospetto pericolo richiedono cautela. L’approccio opposto è stato ed è tuttora la norma. Ne sono due esempi lampanti le sigarette e l’asbesto. Queste due sostanze sono state affibbiate ai consumatori ignari per molto tempo dopo che i pericoli associati al loro uso erano stati riconosciuti e compresi appieno.

Quindi, finché non arriverà il momento in cui vivremo in un mondo ideale, Mangiasano vi aiuterà a rendere il viaggio in questo mondo un pochino più sicuro e facile. Vi aiuterà a riconoscere i cibi sicuri, affinché possiate tutelare la vostra salute, quella della vostra famiglia e quella dell’ambiente.

Bill Statham*

*Vive in Australia. Ricercatore, scrittore ed editore, si interessa in particolare di educazione alla salute. Per oltre dieci anni ha studiato e praticato l’omeopatia. “Cosmetioci sicuri?” e “Mangia sano, leggi l’etichetta!” (entrambi pubblicati in Italia da Terre di mezzo Editore), inizialmente autoprodotti, sono diventati ben presto dei bestseller in patria, con edizioni in altri nove Paesi.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende