Home » Campioni d'Italia »Rubriche » COSMOS: la ricetta italiana per le ceneri leggere:

COSMOS: la ricetta italiana per le ceneri leggere

marzo 2, 2011 Campioni d'Italia, Rubriche

L'inceneritore di Brescia, Courtesy of Alessandro IngegnoRendere inerti le ceneri leggere, prodotte in seguito allo smaltimento dei rifiuti solidi urbani negli inceneritori, potrebbe diventare presto una realtà. E’ questo l’obiettivo di COSMOS, un progetto finanziato dall’Unione Europea nell’ambito del programma LIFE+, che vede come protagonista il CSMT (Centro Servizi Multisettoriale e Tecnologico) dell’Università di Brescia.

Il finanziamento previsto – che ammonta a 1 milione di Euro per una durata di tre anni e si chiuderà formalmente il 31 dicembre 2012 – coinvolge anche la Contento, una società di Udine che si occupa di processi innovativi per lo smaltimento dei rifiuti, e il laboratorio spagnolo per il trasferimento tecnologico, Tekniker.

Per capire di cosa si tratta e quali sono i vantaggi derivanti dalla realizzazione e dall’implementazione del progetto COSMOS, abbiamo intervistato Marco Alberti e Giuseppe Tomasoni, docenti presso il dipartimento di Ingegneria Meccanica e Industriale dell’Università di Brescia, entrambi coinvolti nella ricerca e responsabili del LCA (Life Cycle Assessment) del progetto.

D) Professor Alberti, prima di entrare nel merito della ricerca, che cosa sono, in concreto, le ceneri leggere di cui si sente spesso parlare?

 

R) Gli inceneritori dei rifiuti solidi urbani producono due tipi di ceneri: quelle pesanti, che in seguito al processo di smaltimento si accumulano alla base della ciminiera dell’inceneritore, e quelle leggere, le quali si addensano sui filtri posti nella parte alta delle ciminiere. Queste ultime, che costituiscono l’oggetto di studio della nostra ricerca, sono altamente nocive, e vengono prodotte in quantità enormi, milioni di tonnellate per anno, nella sola Europa. Di fatto, lo smaltimento dei rifiuti solidi dà origine ad un altro rifiuto, le ceneri appunto, che ha semplicemente un volume e un peso minore rispetto al rifiuto solido smaltito nell’inceneritore.

 

D) Attualmente come vengono smaltite le ceneri leggere provenienti dagli inceneritori italiani?

 

R) Vengono trasportate in Germania, dove sono riposte nelle vecchie e profonde miniere di salgemma. Si tratta di un processo di smaltimento che prevede alti costi economici derivanti dal trasporto, ed anche un forte impatto ambientale.

 

D) Professor Tomasoni, in che cosa consiste invece il processo di smaltimento COSMOS?

 

R) Nel nostro impianto, che è stato già progettato, le ceneri leggere vengono lavorate con altri prodotti, come ad esempio la silice colloidale, per bloccare i metalli pesanti presenti nelle polveri, consentendo così di ottenere un materiale inerte chiamato, appunto, Cosmos. Il trattamento avviene ad una temperatura relativamente bassa (100 gradi centigradi) e con un minimo utilizzo di energia elettrica. I nostri studi dimostrano che, tramite questo procedimento, le ceneri vengono inertizzate e rese disponibili per altri utilizzi. Inoltre, attraverso una valutazione integrata del ciclo di vita del prodotto (LCA) che ci permette di confrontare le tecniche esistenti con le nuove tecnologie sulla base del loro impatto economico/sociale/ambientale, stiamo cercando di dimostrare che il processo di smaltimento COSMOS porta dei benefici ambientali, rispetto ai processi esistenti.

 

D) Si tratta dunque di un duplice obiettivo: inertizzazione e riciclaggio?

 

R) In realtà gli obiettivi sono tre. Prima di tutto rendere le ceneri leggere non più tossiche e quindi inerti. In secondo luogo, trasformare le ceneri da rifiuti in risorse primarie per la produzione di altri prodotti, come il cemento, alcune materie plastiche, le piastrelle. E infine, individuare altre possibilità di impiego delle ceneri inertizzate, in qualità di materia primaria riutilizzabile e, dunque, riciclata. Dal punto di vista ambientale sarebbe un risultato importante, in quanto comporterebbe la riduzione dell’impatto ambientale delle ceneri e il risparmio dell’utilizzo di materie prime in natura.

 

D) A che punto siete con la fase sperimentale del progetto?

 

R) Siamo in fase di realizzazione dell’impianto. E’ stato progettato un impianto piccolo ma funzionale alla sperimentazione della ricerca. E’ inoltre in procinto di essere firmata una convenzione con un’azienda primaria, ossia produttrice di ceneri leggere. L’impianto verrà costruito presso la sede dell’azienda e gestito dai ricercatori.

 

D) E i risultati di laboratorio?

 

R) I risultati parziali ottenuti dimostrano effettivamente che il prodotto lavorato con la tecnica “COSMOS” è inerte e quindi riutilizzabile come materia prima. Ad ogni modo, l’equipe che si occupa della fase di processo, sta verificando che il processo valga per tutti i tipi di ceneri leggere. Tramite l’elaborazione di “ricette”, dove per ricetta si intendono le dosi degli elementi che vengono utilizzati per inertizzare le ceneri, bisognerebbe arrivare a delle soluzioni adatte per le diverse ceneri.

 

D) A proposito di aziende del settore, che genere di interesse avete riscontrato in ambito pubblico e privato?

 

R) Un notevole interesse da parte degli inceneritori della Lombardia, che sono organizzati in una sorta di conferenza che ne riunisce tutti i gestori a livello regionale.

 

D) In termini economici, qual è la praticabilità industriale del progetto e quali costi comporta?

 

R) Oltre al vantaggio ambientale, il progetto COSMOS comporta anche un vantaggio economico. Infatti, a livello di praticabilità industriale, i costi di attuazione sono più bassi rispetto ai costi che comportano gli attuali processi di smaltimento delle ceneri leggere. Inoltre, non bisogna dimenticare che il vantaggio ambientale del riutilizzo delle ceneri come prodotti primario, comporta anche un ulteriore vantaggio economico.

Donatella Scatamacchia

 

 

 

 

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende