Home » Campioni d'Italia »Rubriche » D-Orbit: la tecnologia italiana contro i detriti spaziali:

D-Orbit: la tecnologia italiana contro i detriti spaziali

giugno 25, 2014 Campioni d'Italia, Rubriche

Oggi nello spazio ci sono circa 6.000 satelliti: di questi, solo 900 funzionano, mentre gli altri, arrivati a fine vita, sono arenati intorno alla Terra. Mentre la discussione sulla crescente colonizzazione dello spazio va avanti, contrapponendo chi è a favore dei satelliti a chi vorrebbe la sospensione totale dei lanci, bisogna ricordare che gran parte delle tecnologie che usiamo – dai telefoni cellulari al navigatore GPS, fino all’antifurto satellitare delle auto – viene da lassù. Dunque, che fare? Accanto alle due scelte alternative – rinunciare alle tecnologie o rinunciare a proteggere ciò che sta oltre l’atmosfera – Luca Rossettini, ingegnere aerospaziale fondatore di D-Orbit, ha trovato una terza via: portare la sostenibilità nello spazio.

La sua azienda, nata nel 2011 e vincitrice di numerosi premi nazionali e internazionali, ha inventato un dispositivo che permette di richiamare a Terra in modo veloce, sicuro ed economico i satelliti alla fine della missione, evitando la proliferazione dei detriti spaziali e aprendo anzi prospettive interessanti per un loro recupero, in futuro, direttamente in orbita.

“Oggi stiamo rendendo lo spazio inquinato, così come abbiamo già fatto con i fiumi e i mari. Di fronte a questa situazione, mi sono chiesto se non era possibile applicare allo spazio i principi di sostenibilità strategica che usiamo sulla Terra. Io sono tra i fondatori di The Natural Step Italia, organizzazione che sostiene imprese e comunità nella transizione verso modelli più sostenibili. Applicando allo spazio i principi alla base dell’approccio di The Natural Step, è nato D-Orbit”, racconta Rossettini.

La lampadina si accende nel 2008, dopo il dottorato in Ingegneria e un master in Sostenibilità strategica, e prende forma negli Stati Uniti, dove Rossettini arriva grazie al programma Fullbright BEST. “La rimozione dei rifiuti spaziali è un tema che preoccupa tutti coloro che lavorano nel settore dello Spazio. Grazie a un tirocinio alla NASA, ho avuto modo di capire quali erano i punti da approfondire”. Così, nasce il progetto di una tecnologia in grado di riportare un satellite “a casa”, gestibile dalla Terra. Messo insieme un team di alto livello – “ci sono anche italiani tornati nel nostro Paese per lavorare a D-Orbit” – l’azienda è nata ufficialmente nel 2011. “Nel 2012 abbiamo testato il primo prototipo del motore, mentre l’anno scorso abbiamo messo a punto il cervello che lo comanda e lo abbiamo lanciato nello spazio. Adesso stiamo lavorando per la prima missione vera e propria: nel 2015 sarà lanciato il primo satellite con a bordo il nostro dispositivo”. Di pari passo, alle sedi italiane di D-Orbit, si sono aggiunte quella statunitense e, ultima, quella portoghese.

Il dispositivo D-Orbit, composto da un modulo di telecomunicazione abbinato a un motore, può offrire una soluzione a queste criticità. “La tecnologia viene installata sul satellite prima del lancio in orbita, ma è indipendente da esso. Arrivato a destinazione, il satellite fa il suo lavoro, mentre il nostro dispositivo rimane dormiente. Fino a quando il satellite giunge a fine vita o ha un guasto: a quel punto, D-Orbit viene ‘svegliato’ da Terra e guida lo spostamento del satellite”. Ci sono due possibilità, in base alla sua posizione: “Se è vicino a Terra, il nostro motore lo pone in una traiettoria controllata per il suo rientro, che avviene velocemente e in modo sicuro. Se invece il satellite si trova lontano dalla Terra, attraverso D-Orbit può essere temporaneamente parcheggiato in un’orbita-cimitero”, in attesa che in futuro sia possibile riciclarlo. Su questa prospettiva, Rossettini non ha dubbi: “Non ha senso bruciare la materia: è lo stesso concetto per cui si preferisce il riciclo all’inceneritore. Visto l’alto costo di una missione, è molto meglio recuperare le parti che funzionano direttamente in orbita, piuttosto che vedere un satellite disintegrarsi e bruciare a causa dell’impatto con l’atmosfera”. L’altro progetto a cui sta lavorando l’azienda è lo sviluppo di un de-orbiting kit: “In futuro sarà possibile mandare nello spazio un veicolo con a bordo decine di nostri dispositivi, che saranno installati su satelliti morti per il loro recupero”.

Ogni giorno, almeno un rifiuto spaziale cade sulla Terra e, con l’aumento dei detriti spaziali, crescono i rischi di danni a persone o cose, ma anche all’ambiente. “I satelliti sono alimentati con un carburante molto tossico e pericoloso: l’idrozina. Se dovesse rimanere nei serbatoi quando il satellite cade, potrebbe contaminare il terreno”. E i rischi vengono anche dai satelliti russi: “A bordo hanno reattori nucleari per produrre energia. Negli anni ’70, uno cadde su una foresta canadese e contaminò l’area”. Per rispondere a questi pericoli ed evitare la proliferazione dei rifiuti, oggi la NASA e l’ESA (Agenzia spaziale europea) progettano missioni per recuperare i satelliti, ma le operazioni sono costose e inefficienti, visto che un mezzo lanciato nello spazio riesce a recuperare un solo satellite. Per non parlare dei problemi politici e legali: una missione europea, per esempio, non può toccare un satellite russo, e viceversa.

Ai vantaggi ambientali, si accompagnano quelli economici per le aziende che progettano le missioni: “Si riducono i costi per far rientrare il satellite, che rimane in orbita più a lungo. In caso di fallimento del lancio, D-Orbit può aiutare a posizionare il satellite. Inoltre, il dispositivo mette al riparo il proprietario da eventuali danni causati dal satellite quando questo non funziona più”.

D-Orbit è stato sviluppato grazie agli investimenti di alcuni venture capitalist, per un totale di 1,5 milioni. “In questa fase stiamo raccogliendo altri 7 milioni per commercializzare il prodotto. Il team è composto da 15 persone, ma dopo aver raccolto gli investimenti faremo altre assunzioni”, promette Rossettini. I premi collezionati sono già numerosi: tra i tanti riconoscimenti, D-Orbit è stata finalista alla Mind the Bridge Business Plan Competition ed è stata premiata al Red Herring Global tra le 100 aziende al mondo più innovative e promettenti. In attesa del lancio sul mercato, è già arrivata la legittimazione dell’ESA, che nel 2013 ha condotto uno studio indipendente sulla tecnologia, dimostrando come essa sia il modo più efficiente per rimuovere i satelliti a fine vita.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Spinetti (AIGAE) sulla Riforma dei Parchi: “un vero attentato alla figura delle guide”

maggio 30, 2017

Spinetti (AIGAE) sulla Riforma dei Parchi: “un vero attentato alla figura delle guide”

“In Italia invece di valorizzare le figure che tutelano il territorio, si pensa ad affossarle. Alla Camera si sta consumando un vero attentato alla sopravvivenza dei Parchi, delle Aree Naturali, del Turismo Ambientale. I toni trionfalistici di alcuni deputati del PD non li comprendiamo dal momento in cui non ci sarà nulla da festeggiare qualora [...]

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende