Home » Impressioni di viaggio »Rubriche » Da Sumatra l’S.O.S. degli orangotango:

Da Sumatra l’S.O.S. degli orangotango

Addentratami nella foresta del Gunung Leuser National Park a Bukit Lawang, Sumatra Settentrionale, sono le infinite tonalità del verde a colpirmi immediatamente. Ammaliata dalle mille sfumature di questo colore,  quasi non mi rendo conto di essere circondata da tronchi di diametro e altezza immensi, che coprono ogni scorcio di cielo.

Eccomi sovrastata dalla maestosità e l’imponenza della giungla. Radici che da sottoterra escono prepotentemente e si appropriano del terreno creando salite, discese e scalini. Radici che dalla terra salgono e si arrampicano sui tronchi. Alberi secolari, ombre, sprazzi di luce che filtrano nel sottobosco. Sento le grida delle scimmie, il rumoroso vociare di uccelli di ogni colore e dimensione, intravedo figure pelose rossicce che incorniciano gli sguardi profondi di orangutan che mi osservano silenziosamente dall’alto e vengo distratta dall’inseguirsi delle farfalle. Scorgo, d’un tratto, un fiume che attraversa la giungla ed ecco bufali con il naso a pelo d’acqua, di nuovo il contrasto con il verde incredibile dopo la pioggia, rampicanti e mangrovie, fiori e radici, nuvole e ora anche cielo.

Il Gunung Leuser National Park è uno dei pochi luoghi al mondo dove è ancora possibile osservare gli orangotango e altre specie animali protette e in via di estinzione nel loro habitat naturale. In particolare gli orangutan, una volta presenti in tutto il sud-est asiatico, si trovano oggi solo in due isole: Sumatra e il Borneo.

Quando ero piccolo vicino a casa mia vivevano molti animali come orangotango e maiali selvatici, ma ora la maggior parte della terra è stata convertita in piantagioni di olio di palma e gomma e la foresta non c’è più; gli orangotango se ne sono dovuti andare.” dice Poli, originario di un villaggio a 4-5 ore da Bukit Lawang. Incontro Poli nel S.O.S. Jungle Shop di Ubud, dove gestisce la sezione balinese della Sumatran Orangutans Society. Il negozio di Ubud è un punto vendita importante per la raccolta fondi dell’organizzazione; per ogni acquisto viene piantato un albero a Sumatra e si finanziano le attività della S.O.S. Inoltre, il Jungle Shop è la sede, fuori Sumatra, della S.O.S., il luogo dove Poli e i suoi colleghi  organizzano le campagne e i percorsi educativi portati avanti in alcune scuole internazionali a Bali e all’hotel Alam Kul Kul, dove ogni settimana si svolgono incontri informativi.

A Sumatra l’organizzazione, in collaborazione con l’Orangutan Information Centre (OIC), lavora principalmente per sensibilizzare abitanti e turisti sulla situazione della foresta e per preservarne l’habitat, promuovendo la figura dell’orangutan quale ambasciatore della foresta tropicale. E’ stata creata una rete di villaggi “modello” che applicano i principi di eco-sostenibilità e diffondono l’educazione ambientale, promuovendo lo sviluppo di attività economiche sostenibili. Oltre ad agevolare la partecipazione degli abitanti locali nel progetto e organizzare corsi di formazione rivolti a guide forestali e abitanti, la S.O.S. finanzia progetti di riforestazione ed eco-turismo, i quali a loro volta generano reddito per la comunità locale. L’eco-turismo ha infatti sia il potenziale di tutelare gli orangotango e le altre specie in via di estinzione, che di soddisfare gli obiettivi di sviluppo locale.

Secondo Poli, lo sviluppo di una consapevolezza comune è fondamentale per la salvaguardia a lungo termine della foresta e dei suoi abitanti. “Lo scopo principale delle nostre attività a Bali, -mi spiega – è di far conoscere agli studenti la situazione della foresta tropicale in Indonesia, il paese in cui vivono.”

La forza della foresta e lo stupore nel saperla in pericolo colpisce maggiormente quando la si vede, la si tocca, la si odora, e non mi stupisce sapere che il coinvolgimento degli studenti è aumentato dopo il campo estivo che li ha portati al Gunung Leuser National Park alla fine del percorso educativo seguito in classe. Durante il corso sono stati introdotti alla questione della deforestazione e delle specie in via d’estinzione e hanno imparato l’importanza di alcuni animali per l’ecosistema di una delle ultime riserve naturali del pianeta, ma è stato andare nella foresta che ha fatto scattare il desiderio di fare di più una volta tornati a casa.

La S.O.S. di Bali ha anche iniziato importanti collaborazioni con agenzie di viaggio che operano a livello nazionale. I turisti apprezzano i percorsi di eco-turismo e allo stesso tempo sono informati rispetto ai problemi di deforestazione causati dalle piantagioni di palme da olio, che si espandono senza il benché minimo rispetto nei confronti dell’ambiente. L’orangotango di Sumatra, ma anche la tigre, il rinoceronte e l’elefante fanno parte di quelle specie che una volta popolavano a grandi numeri la giungla indonesiana e che oggi sono ridotti a pochi esemplari.
Oggi ci sono solo 450 esemplari di tigri a Sumatra; la tigre non riceve tanta attenzione come gli orangotango perché quest’ultimi sono i responsabili dell’equilibrio dell’ecosistema della foresta. Ma anche le tigri sono in grave pericolo e la foresta ha bisogno anche di loro, come ha bisogno di rinoceronti e elefanti.” continua Poli.

La consapevolezza individuale è il motore che fa girare e procedere la lenta macchina verso un futuro sostenibile per la foresta tropicale e i suoi abitanti; dal consumo critico ad un uso moderato di energia elettrica nella vita di tutti i giorni, Poli mi spiega che non è necessario fare chissà cosa per alimentare questa macchina. Si può militare silenziosamente attraverso scelte consapevoli. La spinta che mantiene viva la scintilla è la vita stessa emanata dalla giungla, la stessa che hanno respirato gli studenti al campo estivo e io nella mia passeggiata nella foresta intorno a Bukit Lawang.

Per Poli, la motivazione è ancora più profonda: “Per me questo non è un lavoro, ma un contributo per riparare la mia isola. Vengo da quell’isola e con quello che faccio mi batto per la mia terra. E’ casa mia e tocca a me aggiustarla, riportarla a com’era“, conclude sorridendo.

Marcella Segre

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

dicembre 11, 2018

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

GBC Italia con UNESCO e il Comune di Ferrara organizzano dall’11 al 13 dicembre 2018 “Heritage & Sustainability“, un workshop internazionale incentrato sugli strumenti energetico-ambientali per la governance sostenibile del patrimonio architettonico esistente. L’evento, in collaborazione con la fiera RemTech Expo, si svolgerà tra due dei più prestigiosi edifici storici della città di Ferrara, il Castello Estense e il Palazzo Ducale. [...]

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

dicembre 7, 2018

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

Dopo la positiva esperienza del 2017, anche nel 2018, la Fondazione CRC (Cassa di Risparmio di Cuneo) prosegue e rafforza il suo impegno a favore del contesto ambientale e paesaggistico della provincia di Cuneo promuovendo il “Bando Distruzione“, con il duplice obiettivo di distruggere le brutture e ripristinare la bellezza di un contesto paesaggistico e [...]

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

dicembre 6, 2018

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

I “muretti a secco” sono  stati inseriti, nei giorni scorsi, nel Patrimonio immateriale dell’Umanità dall’UNESCO, confermando le motivazioni dei Paesi europei che congiuntamente ne avevano presentato la candidatura - Italia, Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Slovenia, Spagna e Svizzera – facendo leva sulla “relazione armoniosa tra l’uomo e la natura”. L’arte dei muretti a secco, come si [...]

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

dicembre 3, 2018

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

Dopo il successo della prima edizione torna mercoledì 5 dicembre 2018, all’Environment Park di Torino, l’EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte, un momento di confronto e dibattito sulla gestione virtuosa dei rifiuti con i principali operatori locali del settore (aziende, pubblica amministrazione, consorzi), per concentrarsi sulle criticità del ciclo dei rifiuti e sulle soluzioni per minimizzare lo smaltimento [...]

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

novembre 30, 2018

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

MOTUS-E, l’associazione costituita da operatori industriali, mondo accademico e associazionismo ambientale e consumeristico con l’obiettivo di accelerare lo sviluppo della mobilità elettrica in Italia attraverso il dialogo con le Istituzioni, il coinvolgimento del pubblico e programmi di formazione e informazione, ha rilasciato un comunicato stampa in cui rileva che la manovra finanziaria arrivata in Parlamento [...]

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

novembre 30, 2018

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

Ieri a Bruxelles è stata ufficialmente lanciata l’ICE (Iniziativa dei Cittadini Europei) EAToriginal, la campagna di Coldiretti e altre associazioni europee per chiedere alla Commissione Europea di introdurre un’etichettatura obbligatoria sull’origine del cibo. La contraffazione e l’adulterazione di prodotti alimentari rappresentano infatti un grave rischio per la salute dei consumatori, soprattutto quando vengono utilizzati ingredienti di bassa [...]

Dissalatori, soluzione alla carenza d’acqua? Ma serve una normativa sugli scarichi

novembre 28, 2018

Dissalatori, soluzione alla carenza d’acqua? Ma serve una normativa sugli scarichi

Con la siccità che, ogni anno, coinvolge anche il nostro Paese, a causa dei cambiamenti climatici, il mare potrebbe diventare la principale risorsa idrica disponibile. La dissalazione dell’acqua marina può dunque rappresentare una valida soluzione alla crisi idrica che quasi sicuramente ci troveremo ad affrontare. Serve però una normativa specifica sul funzionamento degli impianti e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende