Home » Impressioni di viaggio »Rubriche » Da Sumatra l’S.O.S. degli orangotango:

Da Sumatra l’S.O.S. degli orangotango

Addentratami nella foresta del Gunung Leuser National Park a Bukit Lawang, Sumatra Settentrionale, sono le infinite tonalità del verde a colpirmi immediatamente. Ammaliata dalle mille sfumature di questo colore,  quasi non mi rendo conto di essere circondata da tronchi di diametro e altezza immensi, che coprono ogni scorcio di cielo.

Eccomi sovrastata dalla maestosità e l’imponenza della giungla. Radici che da sottoterra escono prepotentemente e si appropriano del terreno creando salite, discese e scalini. Radici che dalla terra salgono e si arrampicano sui tronchi. Alberi secolari, ombre, sprazzi di luce che filtrano nel sottobosco. Sento le grida delle scimmie, il rumoroso vociare di uccelli di ogni colore e dimensione, intravedo figure pelose rossicce che incorniciano gli sguardi profondi di orangutan che mi osservano silenziosamente dall’alto e vengo distratta dall’inseguirsi delle farfalle. Scorgo, d’un tratto, un fiume che attraversa la giungla ed ecco bufali con il naso a pelo d’acqua, di nuovo il contrasto con il verde incredibile dopo la pioggia, rampicanti e mangrovie, fiori e radici, nuvole e ora anche cielo.

Il Gunung Leuser National Park è uno dei pochi luoghi al mondo dove è ancora possibile osservare gli orangotango e altre specie animali protette e in via di estinzione nel loro habitat naturale. In particolare gli orangutan, una volta presenti in tutto il sud-est asiatico, si trovano oggi solo in due isole: Sumatra e il Borneo.

Quando ero piccolo vicino a casa mia vivevano molti animali come orangotango e maiali selvatici, ma ora la maggior parte della terra è stata convertita in piantagioni di olio di palma e gomma e la foresta non c’è più; gli orangotango se ne sono dovuti andare.” dice Poli, originario di un villaggio a 4-5 ore da Bukit Lawang. Incontro Poli nel S.O.S. Jungle Shop di Ubud, dove gestisce la sezione balinese della Sumatran Orangutans Society. Il negozio di Ubud è un punto vendita importante per la raccolta fondi dell’organizzazione; per ogni acquisto viene piantato un albero a Sumatra e si finanziano le attività della S.O.S. Inoltre, il Jungle Shop è la sede, fuori Sumatra, della S.O.S., il luogo dove Poli e i suoi colleghi  organizzano le campagne e i percorsi educativi portati avanti in alcune scuole internazionali a Bali e all’hotel Alam Kul Kul, dove ogni settimana si svolgono incontri informativi.

A Sumatra l’organizzazione, in collaborazione con l’Orangutan Information Centre (OIC), lavora principalmente per sensibilizzare abitanti e turisti sulla situazione della foresta e per preservarne l’habitat, promuovendo la figura dell’orangutan quale ambasciatore della foresta tropicale. E’ stata creata una rete di villaggi “modello” che applicano i principi di eco-sostenibilità e diffondono l’educazione ambientale, promuovendo lo sviluppo di attività economiche sostenibili. Oltre ad agevolare la partecipazione degli abitanti locali nel progetto e organizzare corsi di formazione rivolti a guide forestali e abitanti, la S.O.S. finanzia progetti di riforestazione ed eco-turismo, i quali a loro volta generano reddito per la comunità locale. L’eco-turismo ha infatti sia il potenziale di tutelare gli orangotango e le altre specie in via di estinzione, che di soddisfare gli obiettivi di sviluppo locale.

Secondo Poli, lo sviluppo di una consapevolezza comune è fondamentale per la salvaguardia a lungo termine della foresta e dei suoi abitanti. “Lo scopo principale delle nostre attività a Bali, -mi spiega – è di far conoscere agli studenti la situazione della foresta tropicale in Indonesia, il paese in cui vivono.”

La forza della foresta e lo stupore nel saperla in pericolo colpisce maggiormente quando la si vede, la si tocca, la si odora, e non mi stupisce sapere che il coinvolgimento degli studenti è aumentato dopo il campo estivo che li ha portati al Gunung Leuser National Park alla fine del percorso educativo seguito in classe. Durante il corso sono stati introdotti alla questione della deforestazione e delle specie in via d’estinzione e hanno imparato l’importanza di alcuni animali per l’ecosistema di una delle ultime riserve naturali del pianeta, ma è stato andare nella foresta che ha fatto scattare il desiderio di fare di più una volta tornati a casa.

La S.O.S. di Bali ha anche iniziato importanti collaborazioni con agenzie di viaggio che operano a livello nazionale. I turisti apprezzano i percorsi di eco-turismo e allo stesso tempo sono informati rispetto ai problemi di deforestazione causati dalle piantagioni di palme da olio, che si espandono senza il benché minimo rispetto nei confronti dell’ambiente. L’orangotango di Sumatra, ma anche la tigre, il rinoceronte e l’elefante fanno parte di quelle specie che una volta popolavano a grandi numeri la giungla indonesiana e che oggi sono ridotti a pochi esemplari.
Oggi ci sono solo 450 esemplari di tigri a Sumatra; la tigre non riceve tanta attenzione come gli orangotango perché quest’ultimi sono i responsabili dell’equilibrio dell’ecosistema della foresta. Ma anche le tigri sono in grave pericolo e la foresta ha bisogno anche di loro, come ha bisogno di rinoceronti e elefanti.” continua Poli.

La consapevolezza individuale è il motore che fa girare e procedere la lenta macchina verso un futuro sostenibile per la foresta tropicale e i suoi abitanti; dal consumo critico ad un uso moderato di energia elettrica nella vita di tutti i giorni, Poli mi spiega che non è necessario fare chissà cosa per alimentare questa macchina. Si può militare silenziosamente attraverso scelte consapevoli. La spinta che mantiene viva la scintilla è la vita stessa emanata dalla giungla, la stessa che hanno respirato gli studenti al campo estivo e io nella mia passeggiata nella foresta intorno a Bukit Lawang.

Per Poli, la motivazione è ancora più profonda: “Per me questo non è un lavoro, ma un contributo per riparare la mia isola. Vengo da quell’isola e con quello che faccio mi batto per la mia terra. E’ casa mia e tocca a me aggiustarla, riportarla a com’era“, conclude sorridendo.

Marcella Segre

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Maledetto telefonino! L’invadenza degli smartphone nella vita quotidiana secondo il report di Deloitte

gennaio 24, 2017

Maledetto telefonino! L’invadenza degli smartphone nella vita quotidiana secondo il report di Deloitte

La società di consulting e advisory Deloitte ha presentato la Global Mobile Consumers Survey 2016, una ricerca che coinvolge 31 Paesi tra i principali al mondo e delinea le tendenze relative alle abitudini e ai comportamenti degli utenti connessi tramite Smartphone e Tablet. Dai dati della survey emerge che, almeno una volta al mese, quasi [...]

Bardonecchia promuove l’Ecoskipass: treno + sci costa meno!

gennaio 23, 2017

Bardonecchia promuove l’Ecoskipass: treno + sci costa meno!

Dal lunedì al venerdì (escluso il periodo di Pasqua dal 24 al 29 marzo) tutti coloro che si recheranno a sciare nella stazione piemontese di Bardonecchia, utilizzando i treni in partenza da Torino potranno ritirare l’”ecoskipass” al prezzo speciale di 26€, anziché 36€. Sarà sufficiente presentare il biglietto del treno all’ufficio skipass di Piazza Europa (proprio di fronte [...]

Air-gun, gli spari che danneggiano fauna marina, pesca e turismo. Consegnata la petizione per ricorso al TAR

gennaio 20, 2017

Air-gun, gli spari che danneggiano fauna marina, pesca e turismo. Consegnata la petizione per ricorso al TAR

Ieri a Roma, presso la sede di rappresentanza della Regione Puglia, la Presidente di Marevivo Rosalba Giugni e il Presidente della Fondazione Univerde Alfonso Pecoraro Scanio, hanno consegnato ufficialmente, al Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, il testo della petizione lanciata a dicembre da Marevivo e che ha già raccolto, sulla piattaforma Change.org, 45 mila firme nel [...]

P&G annuncia il primo flacone di shampoo con plastica riciclata raccolta sulle spiagge

gennaio 20, 2017

P&G annuncia il primo flacone di shampoo con plastica riciclata raccolta sulle spiagge

La multinazionale Procter & Gamble ha annunciato ieri che Head & Shoulders, il proprio brand n. 1 al mondo per lo shampoo, produrrà il primo flacone riciclabile al mondo, nel settore hair care, realizzato con una percentuale fino al 25& di plastica proveniente dalla raccolta sulle spiagge. In partnership con gli esperti di TerraCycle – [...]

A Rimini tornano i “Giardini d’Autore”

gennaio 17, 2017

A Rimini tornano i “Giardini d’Autore”

“Giardini d’Autore“, la mostra di giardinaggio che accoglie i migliori vivaisti italiani rinnova l’appuntamento a Rimini, presso il Parco Federico Fellini, location dal fascino intramontabile, per l’edizione di primavera 2017, in programma dal 17 al 19 marzo. La manifestazione giunge al suo ottavo anno aprendo la stagione delle mostre di giardinaggio in Italia. Un appuntamento [...]

Italia Nostra su Parco Alpi Apuane: “Bisogna tutelare un ecosistema unico al mondo”

gennaio 17, 2017

Italia Nostra su Parco Alpi Apuane: “Bisogna tutelare un ecosistema unico al mondo”

Il Parco Regionale delle Alpi Apuane, in Toscana, è nato nel 1985 in seguito a una proposta di legge di iniziativa popolare per tutelare dagli scempi estrattivi una catena montuosa unica al mondo, impervia e affacciata sul mare, con una biodiversità eccezionale (vede la presenza del 50% delle specie vegetali riconosciute in Italia, 28 habitat [...]

“Presidente Trump, ci sorprenda!”. La campagna ambientalista per sensibilizzare il nuovo inquilino della Casa Bianca

gennaio 16, 2017

“Presidente Trump, ci sorprenda!”. La campagna ambientalista per sensibilizzare il nuovo inquilino della Casa Bianca

Venerdì 20 gennaio, in concomitanza con l’insediamento alla Casa Bianca del nuovo presidente eletto degli Stati Uniti, Donald Trump, i presidenti di alcune associazioni ambientaliste italiane si ritroveranno in Piazza Barberini a Roma, per presentare la campagna “Surprise us, President Trump!”. La Campagna nasce, come azione “preventiva”, a seguito delle preoccupazioni destate, tra gli ambientalisti di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende