Home » Rubriche »Very Important Planet » “Dai boschi nascono gli Stradivari”. Intervista al maestro Uto Ughi:

“Dai boschi nascono gli Stradivari”. Intervista al maestro Uto Ughi

settembre 16, 2011 Rubriche, Very Important Planet

Uto Ughi, uno dei più grandi violinisti del mondo, ha uno stretto legame con le foreste. Da quelle dell’Amazzonia, che ha visitato durante un viaggio in Brasile, al bosco dolomitico di Paneveggio,  caro a Stradivari. Perché da lì, dai tronchi degli alberi, nascono gli strumenti musicali e i loro suoni sublimi. E perché, spiega, è alla natura che l’arte guarda per l’ispirazione.  «Un violinista non può non essere legato ai boschi», dice il musicista presentando il concerto organizzato dal Wwf per i cinquanta anni dell’associazione, tenutosi lo scorso 14 settembre,  all’Auditorium della Musica di Roma, proprio a favore degli alberi. Il ricavato dell’evento è stato infatti utilizzato per trasformare in un’Oasi Wwf il Bosco dell’Arrone, vicino a Fregene, uno degli ultimi lembi di verde sopravvissuti alla cementificazione del litorale laziale. La musica, spiega il violinista, che ama suonare all’aperto, in splendide cornici naturali, «esprime le emozioni date dal paesaggio e diventa un tutt’uno con l’ambiente circostante».

D) Maestro, perché ha accettato di partecipare a questo concerto? Qual è il significato di questa serata?

R) Il significato è la salvaguardia dell’ambiente, della natura. E il musicista non può non essere affezionato e attaccato alla natura quando pensa che è dai boschi che è stato costruito uno Stradivari. Trovo assolutamente doveroso e indispensabile partecipare e dare la mia adesione a questo concerto del Wwf, prima che come musicista, proprio come cittadino italiano. È un’associazione che cerca di salvare il salvabile, che già è stato ampiamente rovinato. Oggi purtroppo c’è  un consumismo esasperato che ha cancellato il senso di appartenenza al bene comune. Per questo dico grazie al Wwf per quest’opera straordinaria. Grazie a chi si batte contro il degrado, l’incuria e il dilettantismo che oggi imperano nel nostro Paese!

D) Quindi suonerà il suo Stradivari che viene dalla cosiddetta Foresta dei violini, sulle Dolomiti?

R) Sì, suonerò questo violino. Stradivari andava nella foresta di Paneveggio, in Trentino, batteva sui tronchi, sentiva la risposta del legno e sceglieva l’albero giusto. Per me un bosco ha lo stesso valore di un’opera d’arte. In Senegal, per esempio, ho visto un baobab gigante… praticamente una cattedrale!

D) Quali musiche suonerà nel concerto, e sulla base di quali criteri le ha scelte?

R) Farò alcuni brani dalle Stagioni di Vivaldi, che sono il poema della natura. Penso che non si possa fare un concerto per il Wwf senza suonare la musica che è stata scritta per la natura. Quindi alcuni brani delle Stagioni, e poi il concerto di Paganini. Ad accompagnarmi, ci saranno i Filarmonici di Roma.

D) Qual è il suo rapporto con la natura nella vita di tutti i giorni?

R) Io penso che senza natura non ci sarebbe vita, non ci sarebbe la fantasia. Pensi alla bellezza di un albero, di un fiore, di una foglia, che sono dei capolavori artistici già di per sé, nella natura. L’arte non è altro che imitazione della natura, qualche volta sublimandola, addirittura superandola. Ma la natura rimane la fonte di ogni ispirazione artistica. Penso per esempio ai boschi che hanno ispirato i grandi artisti, da Goethe a Beethoven. L’arte più perfetta è la creazione della natura, la perfezione, l’armonia di una pianta.

D) Negli ultimi tempi si è esibito spesso in splendide cornici naturali, dalle Piane di Castelluccio alla Cascata delle Marmore. Un bel paesaggio è un valore aggiunto per un concerto?

R) Il paesaggio è fondamentale. Ho fatto concerti in Birmania e nella Valle dei Templi. Si tratta di paesaggi meravigliosi che mi danno una fortissima emozione, e io suono per trasmettere questa emozione al pubblico.

D) Maestro, lei è molto impegnato per far riscoprire la musica classica ai giovani. Cos’è che la spinge a investire tante energie in questi progetti?

R) I giovani sono il futuro, il pubblico del domani, mi auguro. E sono anche il pubblico del presente, perché ne vedo tanti ai concerti. Quello che manca ai giovani è quel minimo di educazione artistica di base, che in Italia è stata vergognosamente trascurata.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende