Home » Rubriche »Very Important Planet » “Dai boschi nascono gli Stradivari”. Intervista al maestro Uto Ughi:

“Dai boschi nascono gli Stradivari”. Intervista al maestro Uto Ughi

settembre 16, 2011 Rubriche, Very Important Planet

Uto Ughi, uno dei più grandi violinisti del mondo, ha uno stretto legame con le foreste. Da quelle dell’Amazzonia, che ha visitato durante un viaggio in Brasile, al bosco dolomitico di Paneveggio,  caro a Stradivari. Perché da lì, dai tronchi degli alberi, nascono gli strumenti musicali e i loro suoni sublimi. E perché, spiega, è alla natura che l’arte guarda per l’ispirazione.  «Un violinista non può non essere legato ai boschi», dice il musicista presentando il concerto organizzato dal Wwf per i cinquanta anni dell’associazione, tenutosi lo scorso 14 settembre,  all’Auditorium della Musica di Roma, proprio a favore degli alberi. Il ricavato dell’evento è stato infatti utilizzato per trasformare in un’Oasi Wwf il Bosco dell’Arrone, vicino a Fregene, uno degli ultimi lembi di verde sopravvissuti alla cementificazione del litorale laziale. La musica, spiega il violinista, che ama suonare all’aperto, in splendide cornici naturali, «esprime le emozioni date dal paesaggio e diventa un tutt’uno con l’ambiente circostante».

D) Maestro, perché ha accettato di partecipare a questo concerto? Qual è il significato di questa serata?

R) Il significato è la salvaguardia dell’ambiente, della natura. E il musicista non può non essere affezionato e attaccato alla natura quando pensa che è dai boschi che è stato costruito uno Stradivari. Trovo assolutamente doveroso e indispensabile partecipare e dare la mia adesione a questo concerto del Wwf, prima che come musicista, proprio come cittadino italiano. È un’associazione che cerca di salvare il salvabile, che già è stato ampiamente rovinato. Oggi purtroppo c’è  un consumismo esasperato che ha cancellato il senso di appartenenza al bene comune. Per questo dico grazie al Wwf per quest’opera straordinaria. Grazie a chi si batte contro il degrado, l’incuria e il dilettantismo che oggi imperano nel nostro Paese!

D) Quindi suonerà il suo Stradivari che viene dalla cosiddetta Foresta dei violini, sulle Dolomiti?

R) Sì, suonerò questo violino. Stradivari andava nella foresta di Paneveggio, in Trentino, batteva sui tronchi, sentiva la risposta del legno e sceglieva l’albero giusto. Per me un bosco ha lo stesso valore di un’opera d’arte. In Senegal, per esempio, ho visto un baobab gigante… praticamente una cattedrale!

D) Quali musiche suonerà nel concerto, e sulla base di quali criteri le ha scelte?

R) Farò alcuni brani dalle Stagioni di Vivaldi, che sono il poema della natura. Penso che non si possa fare un concerto per il Wwf senza suonare la musica che è stata scritta per la natura. Quindi alcuni brani delle Stagioni, e poi il concerto di Paganini. Ad accompagnarmi, ci saranno i Filarmonici di Roma.

D) Qual è il suo rapporto con la natura nella vita di tutti i giorni?

R) Io penso che senza natura non ci sarebbe vita, non ci sarebbe la fantasia. Pensi alla bellezza di un albero, di un fiore, di una foglia, che sono dei capolavori artistici già di per sé, nella natura. L’arte non è altro che imitazione della natura, qualche volta sublimandola, addirittura superandola. Ma la natura rimane la fonte di ogni ispirazione artistica. Penso per esempio ai boschi che hanno ispirato i grandi artisti, da Goethe a Beethoven. L’arte più perfetta è la creazione della natura, la perfezione, l’armonia di una pianta.

D) Negli ultimi tempi si è esibito spesso in splendide cornici naturali, dalle Piane di Castelluccio alla Cascata delle Marmore. Un bel paesaggio è un valore aggiunto per un concerto?

R) Il paesaggio è fondamentale. Ho fatto concerti in Birmania e nella Valle dei Templi. Si tratta di paesaggi meravigliosi che mi danno una fortissima emozione, e io suono per trasmettere questa emozione al pubblico.

D) Maestro, lei è molto impegnato per far riscoprire la musica classica ai giovani. Cos’è che la spinge a investire tante energie in questi progetti?

R) I giovani sono il futuro, il pubblico del domani, mi auguro. E sono anche il pubblico del presente, perché ne vedo tanti ai concerti. Quello che manca ai giovani è quel minimo di educazione artistica di base, che in Italia è stata vergognosamente trascurata.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

giugno 20, 2018

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

Come dare nuova vita agli spazi dismessi delle città? Come riempire i vuoti urbani non solo attraverso una riqualificazione fisica ma anche culturale, sociale e ambientale? Quale futuro collettivo immaginare per le aree abbandonate? Come creare rete tra istituzioni e associazioni cittadine per intervenire in modo partecipato nei processi di riattivazione degli immobili inutilizzati, come [...]

Ubeeqo e ICS: la rivoluzione del microcarsharing per aziende e condomini

giugno 20, 2018

Ubeeqo e ICS: la rivoluzione del microcarsharing per aziende e condomini

Ubeeqo, gestore di car sharing parte di Europcar Mobility Group, si è qualificato come operatore certificato di car sharing al bando indetto da ICS Iniziativa Car Sharing, una Convenzione di Comuni e altri Enti locali, sostenuto dal Ministero dell’Ambiente. Obiettivo di ICS è quello di promuovere e sostenere la diffusione del car sharing come strumento di [...]

Ad Affi l’impianto eolico diventa un investimento per i cittadini

giugno 19, 2018

Ad Affi l’impianto eolico diventa un investimento per i cittadini

Le imprese e le famiglie residenti ad Affi, in provincia di Verona, potranno partecipare al finanziamento dell’impianto eolico, della potenza complessiva di 4 MW, realizzato dalla multiutility locale AGSM nel 2017. L’operazione replica uno schema già adottato con successo per il vicino impianto eolico di Rivoli Veronese realizzato dalla stessa società nel 2013, e prevede un’emissione di obbligazioni (“Affi [...]

“Mutui verdi”: tassi d’interesse più bassi per i “green building”

giugno 15, 2018

“Mutui verdi”: tassi d’interesse più bassi per i “green building”

La rete europea del World Green Building Council (WorldGBC) e le principali banche europee hanno lanciato ieri un nuovo schema pilota di mutui per l’efficienza energetica. Un segnale importante da parte degli investitori, che dimostra come “l’edilizia sostenibile” stia diventando un mercato chiave per la crescita dell’Europa. Lo schema pilota è finalizzato alla sperimentazione di [...]

“Microinquinanti emergenti”: il lato oscuro delle sostanze chimiche quotidiane

giugno 14, 2018

“Microinquinanti emergenti”: il lato oscuro delle sostanze chimiche quotidiane

Si sono conclusi con una tavola rotonda al Politecnico di Milano i due giorni di convegno promossi da Lombardy Energy Cleantech Cluster (LE2C) sul tema “Microinquinanti emergenti”, che ha visto un’ampia partecipazione di rappresentanti delle imprese, degli enti pubblici e dell’università, attirati da un tema di grande importanza, ma ancora poco noto al pubblico e poco trattato [...]

Il roadshow sulle rinnovabili di Elettricità Futura parte da Pescara

giugno 14, 2018

Il roadshow sulle rinnovabili di Elettricità Futura parte da Pescara

E’ partita da Pescara la prima tappa del roadshow “Le opportunità di sviluppo delle fonti rinnovabili nel settore elettrico – Incontri con il territorio” organizzato da Elettricità Futura. Un’occasione di confronto tra istituzioni e aziende del settore elettrico con un particolare focus sullo sviluppo delle rinnovabili e le opportunità di finanziamento. Questa prima tappa, organizzata in [...]

“The Milk System”: Legambiente premia il documentario sulle storture della produzione del latte

giugno 6, 2018

“The Milk System”: Legambiente premia il documentario sulle storture della produzione del latte

Si è conclusa ieri, nella Giornata Mondiale dell’Ambiente, la XXI edizione di Cinemambiente, il Festival internazionale di cinema e cultura ambientale organizzato a Torino dall’omonima associazione, in collaborazione con il Museo Nazionale del Cinema. Legambiente, che con i propri educatori ambientali supporta Cinemambiente Junior, la sezione del Festival dedicata ai ragazzi, e che ogni anno assegna un riconoscimento [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende