Home » Bollettino Europa »Rubriche » Dai mari europei un messaggio nella bottiglia: salvateci!:

Dai mari europei un messaggio nella bottiglia: salvateci!

febbraio 24, 2014 Bollettino Europa, Rubriche

La scorsa settimana il mare è stato protagonista del nostro “Bollettino Europa” come possibile e preziosa fonte di energia pulita. Una risorsa che potrebbe risolvere, almeno in parte, i problemi di approvvigionamento europeo. Niente però avevamo detto, in quell’occasione, circa lo stato ecologico delle grandi masse d’acqua che bagnano l’UE. Una condizione non può essere di certo taciuta. Specie dopo la pubblicazione dei “Marine messages” il report dell’Agenzia Europea dell’Ambiente (EEA) che suona come un disperato “messaggio nella bottiglia” e affianca il documento della Commissione EuropeaThe first phase of implementation of the Marine Strategy Framework Directive”. Insieme, i due papers, rappresentano una visuale d’insieme mai realizzata sullo stato dei mari e degli oceani del Continente.

La prima ricerca evidenzia il crescente impatto cumulativo di settori industriali come i trasporti, la pesca, l’energia offshore ed il turismo sugli ecosistemi marini, realtà sempre più fragili che rischiano oggi di essere danneggiate in maniera irreversibile. Gli scienziati non fanno sconti. I mari europei contano più di 36 mila specie di animali e vegetali. Il buono stato ecologico può essere applicato a meno di un quinto e ad una proporzione simile di habitat. Nel Baltico e nel Mar Nero, poi, l’eutrofizzazione sta formando “zone morte” prive di ossigeno, mentre la pesca a strascico sta distruggendo i fondali nel Mare del Nord. Il Mediterraneo è invece messo sotto scacco da fattori legati principalmente alla pesca e al turismo.

Dal punto di vista climatico, inoltre, negli ultimi 25 anni, le temperature superficiali delle acque sono aumentate circa 10 volte più velocemente che in altri periodi. Queste alterazioni stanno determinando la migrazione di molti organismi verso nord. Come alcuni tipi di plancton che sembrano essersi spostati di 1.100 km.

Il problema principale, secondo l’Agenzia, è l’effetto combinato di diversi fattori collegati tra loro. Per esempio, le temperature più elevate aumentano la carenza di ossigeno, che interessa la vita marina, alzando al contempo i livelli di CO2 nell’atmosfera che acidificano gli oceani, rendendo difficile la formazione delle conchiglie da parte di alcuni animali. Un problema che sembra isolato – il maggiore calore – innesca una reazione a catena che produce cambiamenti a cascata che perturbano interi ecosistemi.

Il messaggio è quindi chiaro: i mari e gli oceani sono in gravi condizioni. Tuttavia, la pubblicazione evidenzia anche alcuni segnali positivi. Alcuni stock ittici sono risaliti ai limiti biologici di sicurezza, e il carico di nutrienti è stato ridotto nel Baltico e nel Nord Est Atlantico. L’Europa sta compiendo, inoltre, progressi nell’istituzione di una rete di Aree marine protette, che attualmente coprono il 6% dei suoi mari. Timide note incoraggianti che però non bastano. L’EEA raccomanda un duplice approccio. Da un lato gli Stati devono attuare la Direttiva Marine Strategy in maniera più omogenea e coerente. Dall’altro, sul lungo periodo, le pressioni ambientali sugli ambienti marini diminuiranno solo se l’economia del Vecchio Continente andrà verso modi più sostenibili di vivere, produrre e consumare.

Il dubbio amletico rimane quindi sempre lo stesso: come è possibile trarre pienamente beneficio dal potenziale economico di mari ed oceani, creando crescita e posti di lavoro, senza accrescere la pressione antropica che già pesa su questo fragile ambiente?

Il secondo rapporto citato fa infatti il punto sulla salute dell’ambiente marino a 6 anni dall’adozione della Direttiva quadro “Strategia per l’ambiente marino”, un approccio integrato che al fianco della protezione dell’ambiente cercava di promuoverne un utilizzo sostenibile. E i risultati sono spaventosi.

Lo scopo della legislazione comunitaria era fare in modo che le acque marine dell’UE raggiungessero, entro il 2020, un buon livello di salute ecologica. Inoltre, si prefiggeva di proteggere le risorse dalle quali dipendono le attività socio-economiche legate al mare poiché due quinti della popolazione dell’Unione Europea, ben 206 milioni di persone, vive in un’area balneare e su 28 Paesi 23 hanno una uno sbocco costiero. In base alla Direttiva, gli Stati membri erano chiamati ad elaborare strategie per le loro acque marine da aggiornare ogni 6 anni.

Grazie ai rapporti inviati dai Paesi si può constatare come la maggior parte degli indicatori selezionati per definire lo stato ecologico di mari ed oceani siano in rosso. Nel Mar Mediterraneo e nel Mar Nero, per esempio, l’88% delle riserve ittiche sono minacciate.

Nonostante, poi, le attività di cattura siano diventate più sostenibili, il miglioramento in questo campo è troppo lento. L’UE dovrà, quindi, fare sforzi supplementari se vuole raggiungere gli obiettivi prefissati entro il 2020. I dati del rapporto sono accompagnati da raccomandazioni per le quattro regioni marine dell’UE e per i Paesi che si affacciano sui mari e sull’Oceano Atlantico. Tuttavia, l’indicazione chiave individuata dall’Esecutivo di Bruxelles è una su tutte: il coordinamento tra gli Stati. Sino ad ora, infatti, la mancanza di sinergia ha costituito un freno al miglioramento della situazione, una cooperazione rafforzata permetterebbe di pervenire ad un buon stato ecologico più facilmente e con meno costi. L’analisi della Commissione UE verrà presentata alla conferenza Healthy Oceans – Productive Ecosystems (Hope) che si terrà a Bruxelles il 3 e 4 marzo.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

settembre 1, 2020

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

Il gas naturale è da tempo una delle principali fonti energetiche del mondo e potrebbe ulteriormente acquisire un ruolo chiave nella “transizione energetica”, come recentemente evidenziato dal Global Gas Report 2020 di International Gas Union (IGU), BloombergNEF (BNEF) e Snam e, sul fronte italiano, dalle proiezioni dello Studio Confindustria – Nomisma Energia “Sistema gas naturale [...]

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

giugno 26, 2020

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

Circularity, start up innovativa fondata nel 2018 con l’obiettivo di rivoluzionare il mondo dei rifiuti in Italia, ha lanciato il primo motore di ricerca per raccogliere informazioni e concludere transazioni che consentano alle imprese industriali di attivare processi di economia circolare e gestire i rifiuti come una risorsa e non soltanto come un costo e [...]

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

giugno 4, 2020

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

L’uso del condizionatore gonfia notevolmente le bollette elettriche delle famiglie, con importanti conseguenze sulla loro “povertà energetica”. Lo rivela uno studio condotto da un gruppo di ricerca dell’Università Ca’ Foscari Venezia e del Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC), appena pubblicato sulla rivista scientifica Economic Modeling. Studi precedenti realizzati negli Stati Uniti stimano un incremento [...]

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

giugno 4, 2020

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

E’ in fase di partenza l’edizione 2020 del progetto Green Jobs, nato per promuovere la crescita di competenze e sensibilità nel settore dell’economia circolare attraverso attività formative sul territorio: CONAI e l’Università degli Studi della Basilicata daranno, anche quest’anno, la possibilità a ottanta laureati della Regione di partecipare gratuitamente a un iter didattico per facilitare [...]

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

maggio 27, 2020

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

Quanto la second hand economy sia ormai rilevante nell’economia nazionale italiana lo conferma la sesta edizione dell’Osservatorio Second Hand Economy condotto da BVA Doxa per Subito, piattaforma leader in Italia per la compravendita di oggetti usati, con oltre 13 milioni di utenti unici mensili, che ha evidenziato come il valore generato da questa forma di “economia [...]

Möves: a Milano al lavoro in eBike

maggio 20, 2020

Möves: a Milano al lavoro in eBike

Anche a Milano finisce il lockdown e nasce Möves (dal gergo dialettale milanese: “muoviamoci“), un progetto dedicato alle aziende del capoluogo lombardo che vogliono agevolare la mobilità in sicurezza dei propri dipendenti. In base ai dati emersi da un censimento, il numero di residenti milanesi che si sposta quotidianamente per recarsi al luogo di lavoro [...]

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

maggio 15, 2020

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

Tra i provvedimenti varati dal Governo il nuovo “Decreto Rilancio” prevede l’innalzamento delle detrazioni dell’Ecobonus e del Sismabonus al 110% a partire dal 1° luglio 2020, aprendo importanti opportunità di rilancio per il settore immobiliare nel dopo emergenza Covid. “Grazie al ‘Decreto Rilancio’ e al Superbonus al 110% sarà possibile intervenire sulle nostre città con [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende