Home » Bollettino Europa »Rubriche » Dai mari europei un messaggio nella bottiglia: salvateci!:

Dai mari europei un messaggio nella bottiglia: salvateci!

febbraio 24, 2014 Bollettino Europa, Rubriche

La scorsa settimana il mare è stato protagonista del nostro “Bollettino Europa” come possibile e preziosa fonte di energia pulita. Una risorsa che potrebbe risolvere, almeno in parte, i problemi di approvvigionamento europeo. Niente però avevamo detto, in quell’occasione, circa lo stato ecologico delle grandi masse d’acqua che bagnano l’UE. Una condizione non può essere di certo taciuta. Specie dopo la pubblicazione dei “Marine messages” il report dell’Agenzia Europea dell’Ambiente (EEA) che suona come un disperato “messaggio nella bottiglia” e affianca il documento della Commissione EuropeaThe first phase of implementation of the Marine Strategy Framework Directive”. Insieme, i due papers, rappresentano una visuale d’insieme mai realizzata sullo stato dei mari e degli oceani del Continente.

La prima ricerca evidenzia il crescente impatto cumulativo di settori industriali come i trasporti, la pesca, l’energia offshore ed il turismo sugli ecosistemi marini, realtà sempre più fragili che rischiano oggi di essere danneggiate in maniera irreversibile. Gli scienziati non fanno sconti. I mari europei contano più di 36 mila specie di animali e vegetali. Il buono stato ecologico può essere applicato a meno di un quinto e ad una proporzione simile di habitat. Nel Baltico e nel Mar Nero, poi, l’eutrofizzazione sta formando “zone morte” prive di ossigeno, mentre la pesca a strascico sta distruggendo i fondali nel Mare del Nord. Il Mediterraneo è invece messo sotto scacco da fattori legati principalmente alla pesca e al turismo.

Dal punto di vista climatico, inoltre, negli ultimi 25 anni, le temperature superficiali delle acque sono aumentate circa 10 volte più velocemente che in altri periodi. Queste alterazioni stanno determinando la migrazione di molti organismi verso nord. Come alcuni tipi di plancton che sembrano essersi spostati di 1.100 km.

Il problema principale, secondo l’Agenzia, è l’effetto combinato di diversi fattori collegati tra loro. Per esempio, le temperature più elevate aumentano la carenza di ossigeno, che interessa la vita marina, alzando al contempo i livelli di CO2 nell’atmosfera che acidificano gli oceani, rendendo difficile la formazione delle conchiglie da parte di alcuni animali. Un problema che sembra isolato – il maggiore calore – innesca una reazione a catena che produce cambiamenti a cascata che perturbano interi ecosistemi.

Il messaggio è quindi chiaro: i mari e gli oceani sono in gravi condizioni. Tuttavia, la pubblicazione evidenzia anche alcuni segnali positivi. Alcuni stock ittici sono risaliti ai limiti biologici di sicurezza, e il carico di nutrienti è stato ridotto nel Baltico e nel Nord Est Atlantico. L’Europa sta compiendo, inoltre, progressi nell’istituzione di una rete di Aree marine protette, che attualmente coprono il 6% dei suoi mari. Timide note incoraggianti che però non bastano. L’EEA raccomanda un duplice approccio. Da un lato gli Stati devono attuare la Direttiva Marine Strategy in maniera più omogenea e coerente. Dall’altro, sul lungo periodo, le pressioni ambientali sugli ambienti marini diminuiranno solo se l’economia del Vecchio Continente andrà verso modi più sostenibili di vivere, produrre e consumare.

Il dubbio amletico rimane quindi sempre lo stesso: come è possibile trarre pienamente beneficio dal potenziale economico di mari ed oceani, creando crescita e posti di lavoro, senza accrescere la pressione antropica che già pesa su questo fragile ambiente?

Il secondo rapporto citato fa infatti il punto sulla salute dell’ambiente marino a 6 anni dall’adozione della Direttiva quadro “Strategia per l’ambiente marino”, un approccio integrato che al fianco della protezione dell’ambiente cercava di promuoverne un utilizzo sostenibile. E i risultati sono spaventosi.

Lo scopo della legislazione comunitaria era fare in modo che le acque marine dell’UE raggiungessero, entro il 2020, un buon livello di salute ecologica. Inoltre, si prefiggeva di proteggere le risorse dalle quali dipendono le attività socio-economiche legate al mare poiché due quinti della popolazione dell’Unione Europea, ben 206 milioni di persone, vive in un’area balneare e su 28 Paesi 23 hanno una uno sbocco costiero. In base alla Direttiva, gli Stati membri erano chiamati ad elaborare strategie per le loro acque marine da aggiornare ogni 6 anni.

Grazie ai rapporti inviati dai Paesi si può constatare come la maggior parte degli indicatori selezionati per definire lo stato ecologico di mari ed oceani siano in rosso. Nel Mar Mediterraneo e nel Mar Nero, per esempio, l’88% delle riserve ittiche sono minacciate.

Nonostante, poi, le attività di cattura siano diventate più sostenibili, il miglioramento in questo campo è troppo lento. L’UE dovrà, quindi, fare sforzi supplementari se vuole raggiungere gli obiettivi prefissati entro il 2020. I dati del rapporto sono accompagnati da raccomandazioni per le quattro regioni marine dell’UE e per i Paesi che si affacciano sui mari e sull’Oceano Atlantico. Tuttavia, l’indicazione chiave individuata dall’Esecutivo di Bruxelles è una su tutte: il coordinamento tra gli Stati. Sino ad ora, infatti, la mancanza di sinergia ha costituito un freno al miglioramento della situazione, una cooperazione rafforzata permetterebbe di pervenire ad un buon stato ecologico più facilmente e con meno costi. L’analisi della Commissione UE verrà presentata alla conferenza Healthy Oceans – Productive Ecosystems (Hope) che si terrà a Bruxelles il 3 e 4 marzo.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende