Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Dai ricambi agli elettrodomestici rigenerati. La missione di Astelav contro l’obsolescenza:

Dai ricambi agli elettrodomestici rigenerati. La missione di Astelav contro l’obsolescenza

giugno 21, 2017 Campioni d'Italia, Rubriche

C’è un posto in Italia dove con soli 100 euro si portano a casa una lavatrice perfettamente funzionante e una buona azione di “ecologia reale”. Siamo a Torino, a Porta Palazzo, nel negozio Ri-Generation, una bottega di economia circolare che ha alzato le serrande nel mese di maggio. Un impasto, ben riuscito, tra l’etica sociale del Sermig (Servizio Missionario Giovani) e la capacità imprenditoriale del marchio Astelav. L’azienda che ha permesso di dare gambe e realtà a questo interessante processo antispreco, a favore del riuso e dell’esercito di precari che una lavatrice nuova fiammante non se la può permettere.

In sintesi il progetto è questo: l’Astelav intercetta gli elettrodomestici, anche lavastoviglie e forni, destinati allo smaltimento e li dirotta nel suo laboratorio dove i tecnici li rigenerano – un’operazione che va oltre il rimettere in funzione – per essere venduti nel negozio o via web tramite il sito Ri-Generation. In questo modo invece di smaltire o di ottenere materie prime seconde dal classico riciclo (seppur importante in mancanza di alternative), l’elettrodomestico viene rimesso in circolo.

Questa operazione è possibile grazie all’esperienza di un’azienda leader di mercato come Astelav, che produce ricambi, quindi può fare economie di scala e garantire la sostenibilità di questo circolo produttivo. La storia di questo marchio – sigla di Assistenza Tecnica Lavatrici – affonda paradossalmente le radici proprio negli anni del pieno trionfo del consumismo. Nei Trente Glorieuses, come amano definire il Boom Economico i francesi, quando l’Italia era tra i Paesi al mondo che produceva più frigoriferi, televisioni e lavatrici. “Ho fondato l’azienda nel 1963 e la nostra prima attività era un centro di assistenza tecnica, poi abbiamo scoperto il mondo dei ricambi. All’epoca nessuno se ne occupava e ci siamo creati un nostro spazio di mercato”. E’ la cronologia aziendale nelle parole di Giorgio Bertolino che a 22 anni, a Torino,  iniziò l’attività dove oggi lavorano i figli Riccardo ed Ernesto, con un fatturato da 12 milioni di euro e 50 dipendenti. Ma lui, classe 1941, è sempre in pista e,soprattutto, aperto all’innovazione.

La nuova avventura imprenditoriale ha uno slogan “buonista” (gli “Elettrodomestici che fanno bene”), ma si basa su una chiara governance manageriale che garantisce la sostenibilità economica e, dunque, il futuro dell’iniziativa. “Con la legge 1 contro 1 (il venditore di un elettrodomestico nuovo è tenuto a ritirare e smaltire quello vecchio, NdR) si è creato un sistema dove noi interveniamo. In pratica intercettiamo gli elettrodomestici ovvero i RAEE (Rifiuti da apparecchiature Elettriche ed Elettroniche) ritirati dalle società di logistica e li prendiamo per allungargli la vita. Anche i privati li possono portare nei nostri punti ritiro: a Torino e Vinovo. Da un anno abbiamo creato un laboratorio all’interno dello stabilimento. Ci lavorano 4 tecnici che non si limitano a riparare”, fanno un intervento più profondo perché la macchina deve dare buone prestazioni. Garantiamo un anno di garanzia“, spiega Bertolino.

L’impatto ecologico, tra le altre cose, è dato dal risparmio energetico prodotto dalla rigenerazione. Si eliminano inoltre i costi di smaltimento: “In questo modo si evitano di spendere soldi per la rottamazione. Ci sono dei grossi impianti dove si recuperano le materie prime seconde che poi oggi, con la discesa dei prezzi, presentano dei problemi di mercato. Noi spendiamo meno e diamo nuova vita all’elettrodomestico. Senza dimenticare che solo il 30% dei RAEE viene smaltito in modo corretto, e il resto….. “.

Ri- Generation è un primo passo per limitare l’obsolescenza tecnologica che porta a disfarsi di un elettrodomestico a volte quasi nuovo perché “l‘assistenza è costosa e, dunque, invece di spendere 150 euro per aggiustare un elettrodomestico, ne spendo 300 per uno nuovo. Tanti RAEE che recuperiamo sono quasi nuovi – denuncia Bertolino – la loro età media è di molto inferiore a quella che per cui sono stati costruiti!”.

C’è il laboratorio, c’è il negozio, ma pure il progetto di trasmettere le competenze tecniche necessarie alle persone che vogliono aggiustare da sole i loro elettrodomestici. E qui si apre una parentesi quasi filosofica con l’amministratore delegato, che esprime una saggezza di un Italia d’altri tempi: “Riparare da soli  il proprio apparecchio  permette di entrare in sintonia con l’oggetto“: parafrasando si ottiene: Lo zen e l’ arte della riparazione della lavatrice. “C’è un movimento, a volte supportato da norme di legge, che sta combattendo contro i giganti industriali per ottenere la possibilità di intervenire sugli smartphone. Su You Tube si diffondono dei tutorial che insegnano, per esempio, come cambiare lo schermo dei tablet“. Frammenti di resistenza all’obsolescenza che spesso è più di mercato che tecnologica. L’ approccio circolare di RI-Generation è anche sociale: “abbiamo salvato delle professionalità tecniche con questo progetto” (alcuni operai della ex Indesit di None, ad esempio). Non a caso Bertolino naviga, in questo progetto, sulla stessa barca del teologo Ernesto Olivero.

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

giugno 20, 2018

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

Come dare nuova vita agli spazi dismessi delle città? Come riempire i vuoti urbani non solo attraverso una riqualificazione fisica ma anche culturale, sociale e ambientale? Quale futuro collettivo immaginare per le aree abbandonate? Come creare rete tra istituzioni e associazioni cittadine per intervenire in modo partecipato nei processi di riattivazione degli immobili inutilizzati, come [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende