Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Dalla Campania una strategia per hotel e ristoranti a “Rifiuti Zero”:

Dalla Campania una strategia per hotel e ristoranti a “Rifiuti Zero”

ottobre 1, 2014 Campioni d'Italia, Rubriche

Tutto, per usare le parole di Mariella Russo, che con la famiglia gestisce a Sorrento l’Hotel Conca Park da anni, “è cominciato dalla desolazione per la tassa rifiuti troppo alta. Poi, dall’incontro con Antonino Esposito, che aveva dato il via al progetto “Hotel e ristoranti Rifiuti Zero“, è venuta l’idea di essere la prima struttura alberghiera campana ad accettare la sfida della riduzione dei rifiuti”.

Dalla Campania, terra dove convivono emergenze spazzatura e buone pratiche, arriva un’esperienza che può essere di esempio per tutto il settore ricettivo. Per la sua efficacia a capacità di impatto: “In un anno abbiamo visto diminuire i rifiuti prodotti di 12 tonnellate e raggiunto l’80% di raccolta differenziata. E grazie al nostro impegno, il Comune di Sorrento ha introdotto uno sconto sulla tassa per chi dimostra di mettere in atto pratiche sostenibili. Potremmo dire di aver veramente raggiunto il nostro obiettivo quando entrerà in vigore anche da noi la tariffa puntuale, in modo da poter pagare in base agli scarti realmente prodotti”.

Ma partiamo dall’inizio della storia. “Ho cominciato a lavorare a una strategia di riduzione per alberghi e ristoranti un paio di anni fa. All’inizio, però, tutti gli imprenditori dicevano di essere interessati, ma poi scappavano e non si facevano più vedere. Perché nel mio progetto, nato dai rapporti con il movimento Zero Waste e Rossano Ercolini, non basta riempire un modulo: servono impegni e azioni concrete”, spiega l’ideatore della strategia, Antonino Esposito.

Al Conca Park Hotel, 4 stelle affacciato sul golfo sorrentino, 204 camere per almeno 65.000 ospiti annuali, 70 dipendenti, racconta Mariella Russo, “l’investimento è stato di volontà più che di soldi, perché ha richiesto un’analisi puntuale di tutto il nostro lavoro”. Un monitoraggio metodico di ogni abitudine e attività che genera rifiuti, dai set di cortesia nelle camere alla cucina, dai prodotti per la colazione alle bottiglie d’acqua in PET acquistate dagli ospiti.

Così, partendo dagli imballaggi in plastica, si è scelto di privilegiare i prodotti sfusi.  Grazie ai detersivi alla spina, si risparmiano 30.000 flaconi, che equivalgono a 600 chili di imballaggi in plastica. Bottiglie e barattoli in vetro, provenienti soprattutto dalla cucina, sono stati ridotti del 20% grazie a sistemi di vuoto a rendere. Per diminuire i rifiuti in carta, l’azione si è indirizzata soprattutto verso l’eliminazione di brochure, cartelline e guide cartacee nelle camere, mentre negli uffici amministrativi dell’hotel i documenti vengono stampati solo quando necessario. Anche per l’indifferenziato, la strategia è stata quella di eliminare confezioni piccole e non riciclabili. Sostituendo le marmellatine monodose con la marmellata sfusa, per esempio, si evitano 400 chili di rifiuti indifferenziati. Usando le zuccheriere, si risparmiano 80.000 bustine di zucchero. E i bidoncini della raccolta differenziata collocati ad ogni piano dovrebbero dimezzare gli scarti indifferenziati raccolti nelle camere.

Gli interventi più interessanti e creativi sono però stati fatti nel campo dei rifiuti organici. “Ogni ospite della struttura produce in media dai 600 agli 800 grammi di rifiuto al giorno ed il 50% è costituito da umido”, spiegano dall’hotel. In questo caso, aggiunge Mariella Russo, “si è trattato di ripensare il menù. Le bucce di melone, anguria e ananas, per esempio, sono pesantissime: alternandoli con altri tipi di frutta, otteniamo facilmente una riduzione di 20-30 chili per ogni pasto. L’umido che viene prodotto finisce invece in una macchina per il compostaggio dell’hotel. Proprio in questi giorni stiamo valutando di sostituirla con una più grande”.

Alla riduzione dei rifiuti, si è accompagnato il lavoro per aumentare l’efficienza: i consumi idrici sono stati ridotti del 20% e quelli energetici del 15%. “L’irrigazione delle aree verdi oggi avviene con l’acqua piovana raccolta in un pozzo che abbiamo rimesso in funzione. Per il risparmio energetico, stiamo intanto installando luci a LED. L’ottimizzazione dei consumi rappresenta però un campo su cui vogliamo lavorare di più nei prossimi mesi”. Secondo Esposito, nei prossimi anni “l’85% dei turisti sceglierà strutture con una certificazione ambientale. Al Conca Park Hotel gli ospiti vengono informati sui risultati raggiunti e sensibilizzati sul tema dei rifiuti. Ogni giovedì, per esempio, è prevista la proiezione gratuita del film Trashed, con Jeremy Irons”. Dopo l’esperienza positiva dell’hotel sorrentino, altre strutture si sono fatte avanti. “Entro fine ottobre – spiega Esposito – le adesioni saranno 12. Tra gli alberghi coinvolti, ci saranno anche famosi 5 stelle di Sorrento, Capri e Ravello”.

Grazie all’impegno dell’albergo, racconta Mariella Russo, “il Comune di Sorrento ha introdotto dal prossimo anno uno sconto del 30% sulla componente variabile della tariffa rifiuti per coloro che mettono in atto pratiche di riduzione monitorate  e verificate dalla società di raccolta. È un primo passo: tutti continueranno comunque a pagare in base alla superficie, un metodo che penalizza chi come noi è sensibile, ma ha una struttura molto grande. Il nostro obiettivo è invece l’attuazione della tariffazione puntuale e l’estensione a tutto il territorio del modello Rifiuti Zero”. Il grosso, sintetizza Esposito, “devono farlo hotel e ristoranti. L’Anci Campania appoggia il nostro progetto, il lavoro viene portato avanti insieme ai Comuni, ma non si deve aspettare che a muoversi siano gli enti pubblici”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“M’illumino di Meno” 2018: è ora di cambiare passo per salvare la Terra

febbraio 23, 2018

“M’illumino di Meno” 2018: è ora di cambiare passo per salvare la Terra

Quest’anno Caterpillar e RAI Radio2 dedicano l’iniziativa “M’illumino di Meno“ alla bellezza del camminare e dell’andare a piedi. Perché sotto i nostri piedi, ricordiamocelo, c’è la Terra e per salvarla bisogna cambiare passo. Entro fine giornata del 23 febbraio 2018, la quattordicesima edizione di “M’illumino di Meno” ha dunque l’obiettivo di raggiungere la Luna a piedi con 555 [...]

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

febbraio 20, 2018

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

Il 13 febbraio la Città di Torino ha lanciato “Muoversi a Torino”, il nuovo servizio di infomobilità in linea con le principali città europee: un portale web istituzionale, interamente orientato a fornire indicazioni utili e informazioni sempre aggiornate per muoversi agevolmente in città e nell’area metropolitana. Il nuovo sito – realizzato e gestito dalla partecipata 5T - si [...]

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende