Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Dalla Campania una strategia per hotel e ristoranti a “Rifiuti Zero”:

Dalla Campania una strategia per hotel e ristoranti a “Rifiuti Zero”

ottobre 1, 2014 Campioni d'Italia, Rubriche

Tutto, per usare le parole di Mariella Russo, che con la famiglia gestisce a Sorrento l’Hotel Conca Park da anni, “è cominciato dalla desolazione per la tassa rifiuti troppo alta. Poi, dall’incontro con Antonino Esposito, che aveva dato il via al progetto “Hotel e ristoranti Rifiuti Zero“, è venuta l’idea di essere la prima struttura alberghiera campana ad accettare la sfida della riduzione dei rifiuti”.

Dalla Campania, terra dove convivono emergenze spazzatura e buone pratiche, arriva un’esperienza che può essere di esempio per tutto il settore ricettivo. Per la sua efficacia a capacità di impatto: “In un anno abbiamo visto diminuire i rifiuti prodotti di 12 tonnellate e raggiunto l’80% di raccolta differenziata. E grazie al nostro impegno, il Comune di Sorrento ha introdotto uno sconto sulla tassa per chi dimostra di mettere in atto pratiche sostenibili. Potremmo dire di aver veramente raggiunto il nostro obiettivo quando entrerà in vigore anche da noi la tariffa puntuale, in modo da poter pagare in base agli scarti realmente prodotti”.

Ma partiamo dall’inizio della storia. “Ho cominciato a lavorare a una strategia di riduzione per alberghi e ristoranti un paio di anni fa. All’inizio, però, tutti gli imprenditori dicevano di essere interessati, ma poi scappavano e non si facevano più vedere. Perché nel mio progetto, nato dai rapporti con il movimento Zero Waste e Rossano Ercolini, non basta riempire un modulo: servono impegni e azioni concrete”, spiega l’ideatore della strategia, Antonino Esposito.

Al Conca Park Hotel, 4 stelle affacciato sul golfo sorrentino, 204 camere per almeno 65.000 ospiti annuali, 70 dipendenti, racconta Mariella Russo, “l’investimento è stato di volontà più che di soldi, perché ha richiesto un’analisi puntuale di tutto il nostro lavoro”. Un monitoraggio metodico di ogni abitudine e attività che genera rifiuti, dai set di cortesia nelle camere alla cucina, dai prodotti per la colazione alle bottiglie d’acqua in PET acquistate dagli ospiti.

Così, partendo dagli imballaggi in plastica, si è scelto di privilegiare i prodotti sfusi.  Grazie ai detersivi alla spina, si risparmiano 30.000 flaconi, che equivalgono a 600 chili di imballaggi in plastica. Bottiglie e barattoli in vetro, provenienti soprattutto dalla cucina, sono stati ridotti del 20% grazie a sistemi di vuoto a rendere. Per diminuire i rifiuti in carta, l’azione si è indirizzata soprattutto verso l’eliminazione di brochure, cartelline e guide cartacee nelle camere, mentre negli uffici amministrativi dell’hotel i documenti vengono stampati solo quando necessario. Anche per l’indifferenziato, la strategia è stata quella di eliminare confezioni piccole e non riciclabili. Sostituendo le marmellatine monodose con la marmellata sfusa, per esempio, si evitano 400 chili di rifiuti indifferenziati. Usando le zuccheriere, si risparmiano 80.000 bustine di zucchero. E i bidoncini della raccolta differenziata collocati ad ogni piano dovrebbero dimezzare gli scarti indifferenziati raccolti nelle camere.

Gli interventi più interessanti e creativi sono però stati fatti nel campo dei rifiuti organici. “Ogni ospite della struttura produce in media dai 600 agli 800 grammi di rifiuto al giorno ed il 50% è costituito da umido”, spiegano dall’hotel. In questo caso, aggiunge Mariella Russo, “si è trattato di ripensare il menù. Le bucce di melone, anguria e ananas, per esempio, sono pesantissime: alternandoli con altri tipi di frutta, otteniamo facilmente una riduzione di 20-30 chili per ogni pasto. L’umido che viene prodotto finisce invece in una macchina per il compostaggio dell’hotel. Proprio in questi giorni stiamo valutando di sostituirla con una più grande”.

Alla riduzione dei rifiuti, si è accompagnato il lavoro per aumentare l’efficienza: i consumi idrici sono stati ridotti del 20% e quelli energetici del 15%. “L’irrigazione delle aree verdi oggi avviene con l’acqua piovana raccolta in un pozzo che abbiamo rimesso in funzione. Per il risparmio energetico, stiamo intanto installando luci a LED. L’ottimizzazione dei consumi rappresenta però un campo su cui vogliamo lavorare di più nei prossimi mesi”. Secondo Esposito, nei prossimi anni “l’85% dei turisti sceglierà strutture con una certificazione ambientale. Al Conca Park Hotel gli ospiti vengono informati sui risultati raggiunti e sensibilizzati sul tema dei rifiuti. Ogni giovedì, per esempio, è prevista la proiezione gratuita del film Trashed, con Jeremy Irons”. Dopo l’esperienza positiva dell’hotel sorrentino, altre strutture si sono fatte avanti. “Entro fine ottobre – spiega Esposito – le adesioni saranno 12. Tra gli alberghi coinvolti, ci saranno anche famosi 5 stelle di Sorrento, Capri e Ravello”.

Grazie all’impegno dell’albergo, racconta Mariella Russo, “il Comune di Sorrento ha introdotto dal prossimo anno uno sconto del 30% sulla componente variabile della tariffa rifiuti per coloro che mettono in atto pratiche di riduzione monitorate  e verificate dalla società di raccolta. È un primo passo: tutti continueranno comunque a pagare in base alla superficie, un metodo che penalizza chi come noi è sensibile, ma ha una struttura molto grande. Il nostro obiettivo è invece l’attuazione della tariffazione puntuale e l’estensione a tutto il territorio del modello Rifiuti Zero”. Il grosso, sintetizza Esposito, “devono farlo hotel e ristoranti. L’Anci Campania appoggia il nostro progetto, il lavoro viene portato avanti insieme ai Comuni, ma non si deve aspettare che a muoversi siano gli enti pubblici”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

dicembre 13, 2019

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

Con 261 voti a favore, 178 contrari e 5 astenuti, la Camera dei Deputati ha approvato in via definitiva, il 10 dicembre, il disegno di legge di conversione (A.C. 2267) del D.L. 111/2019 (cosiddetto “Decreto Clima“) nel testo già approvato, con modifiche, dal Senato (A.S. 1547). Il provvedimento, composto originariamente di 9 articoli, a seguito delle modifiche [...]

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

dicembre 10, 2019

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

Mercoledì 4 dicembre, al Museo Nazionale della Montagna ”Duca degli Abruzzi” di Torino, ha preso il via il progetto Urban Forest, un’iniziativa che costituisce il nucleo centrale della mostra “Tree Time”, a cura di Daniela Berta e Andrea Lerda. Il bosco che circonda il Museo è infatti un vero e proprio bosco urbano nel centro della [...]

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

dicembre 10, 2019

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

La multinazionale svedese Essity – leader mondiale nei settori dell’igiene e della salute con brand come TENA, Nuvenia e Tempo – ha annuncia ieri un nuovo progetto di economia circolare che vede coinvolto lo stabilimento produttivo di Porcari (LU), in Toscana. Grazie ad un processo di riutilizzo degli scarti di cartiera, originariamente destinati alla discarica, [...]

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

dicembre 9, 2019

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

Ford Motor Company e McDonald’s USA hanno annunciato che presto daranno avvio ad un processo di trasformazione degli scarti dei chicchi di caffè, in componenti per le automobili, come l’alloggiamento dei fari. Ogni anno, durante la lavorazione di milioni di chicchi di caffè, l’involucro si stacca naturalmente durante il processo di tostatura. Oggi è tecnologicamente [...]

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

dicembre 5, 2019

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

Un racconto per immagini su un mondo surriscaldato dalle emissioni nocive,  invaso dalla plastica e dalla sporcizia, dove l’habitat naturale di animali e piante viene bruciato ed annientato.  Una storia che prende il nome di “De Ruina Terrae. L’impatto dell’uomo sulla natura” e che sarà possibile ripercorrere dal 5 (inaugurazione alle ore 19,00) al 7 [...]

Green Jobs: in libreria la nuova guida di Tessa Gelisio e Marco Gisotti

dicembre 5, 2019

Green Jobs: in libreria la nuova guida di Tessa Gelisio e Marco Gisotti

Quali sono le 100 professioni più richieste, oggi, in Italia? La risposta è nella nuovissima guida “100 green jobs per trovare lavoro”, firmata da Tessa Gelisio e Marco Gisotti – già autori nel 2008 della “Guida ai Green Jobs” – per Edizioni Ambiente (384 pagg. 18 euro), disponibile nelle librerie fisiche e digitali dal 21 novembre 2019: un vademecum per [...]

Ricerca AXA: cambiamento climatico prima preoccupazione per tre italiani su quattro

novembre 26, 2019

Ricerca AXA: cambiamento climatico prima preoccupazione per tre italiani su quattro

Il cambiamento climatico irrompe al primo posto in cima alla lista dei temi prioritari per gli italiani. È “il problema” per tre italiani su quattro, che pensano che abbia un impatto diretto sulla propria salute e che si tratti di una sfida collettiva con impatti sulla loro vita, a livello personale. Sono alcune delle principali evidenze [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende