Home » Rubriche »Very Important Planet » Dalla plastica all’arte. La “Follia in blu” di Graziano Prato:

Dalla plastica all’arte. La “Follia in blu” di Graziano Prato

Graziano Prato, rivoluzionario “artista del riciclo” originario di Cuneo e famoso per aver decorato la città durante le Olimpiadi Invernali di Torino, ha condiviso con noi la sua passione per gli oggetti dimenticati spiegandoci come, anche da una semplice bottiglia di plastica, possa nascere l’arte.

D) Graziano, da dove nasce la tua passione?

R) Penso di avere una sindrome di Peter Pan cronica, realizzare un’opera d’arte per me è come giocare con gli oggetti che ci sono attorno, nel quotidiano di ognuno di noi. Nasco inizialmente come un artista di strada che raccoglie le cose vecche e inutilizzate; le prime che ho iniziato a raccogliere sono state proprio i vecchi giocattoli. É un modo per salvarli e riportarli a nuova vita.

D) Ma come ti è venuta l’idea di recuperare gli oggetti vecchi e trasformarli in opere d’arte?

R) Tutto è cominciato da piccoli pezzettini di legno che ho raccolto al Balun a Torino. La mia attenzione è stata attirata dai copri sedili delle auto, quelli che avevano le palline di legno per capirci; ho pensato che, una volta smontati, quei pallini di legno avrebbero potuto essere riassemblati in collane e ciondoli.  Utilizzando un filo di canapa ho cominciato quindi a creare dei gioielli. Ad oggi ne ho smontati e fatti indossare a diverse persone più di tremila. Una volta mi sono imbattuto in un copri sedile che aveva delle palline blu e ho pensato che sarebbe stato bello aggiungere un nuovo colore ai miei bijoux. La magia di quel colore attraeva le persone, che preferibilmente sceglievano di acquistare gioielli con queste palline. A partire dall’intuizione del blu ho iniziato a sentire l’esigenza di cambiare la forma delle mie creazioni, ma di mantenere questo colore.

D) Qual è stato il passo successivo?

R) Dopo i ciondoli mi sono interessato alle bottiglie di plastica e ho iniziato ad accostare questa forma ai ciondoli di legno. La plastica della bottiglia viene lavorata mediante taglio e fusione, avvicinandola alla fiamma di una candela. Questo permette di ottenere delle sfumature di colore molto belle, sembra quasi vetro di Murano lavorato, pur essendo plastica. Inizialmente pensavo che non avrebbe avuto successo, visto che la plastica non ha la stessa magia del legno, invece le persone che vedevano le mie nuove opere si entusiasmavano e hanno iniziato a definirmi un “artista del riciclo” perché riuscivo a dare poesia anche a una bottiglia di plastica. E così ho iniziato a lavorare la plastica, un materiale a costo zero che può essere riutilizzato. All’inizio ho cominciato a prendere le bottiglie che trovavo vicino ai cassonetti della spazzatura, visto che all’epoca non c’era ancora la raccolta differenziata. In più alcune famiglie che conoscevo e sapevano di questa mia passione me le tenevano da parte. Le prime opere che ho esposto sono state a Palazzo Nuovo, la sede delle facoltà umanistiche a Torino. Lì ho realizzato circa una sessantina di opere utilizzando circa 500 bottiglie di plastica. Le esponevo in un’aula al quarto piano, nel Dipartimento di Storia. Nel corso degli anni alcune opere sono poi state spostate sul lato frontale dell’edificio, davanti alla Mole e ancora oggi ce n’è una esposta nella biblioteca del DAMS al secondo piano.

D) Come hai fatto a farti conoscere?

R) Grazie a pezzettini di puzzle. Ho deciso di regalare a tutte le persone con le quali entravo in contatto dei pezzettini di puzzle dietro i quali scrivevo “Follia in Blu”; ad oggi ne ho regalati circa 186 mila. Le persone si sono incuriosite e hanno iniziato a conoscermi. Ho chiamato quest’opera “Pezzi di Universo

D) Parlaci però della vera “Follia in Blu”, il progetto che realizzi con le bottiglie di plastica…

R) “Follia in blu” nasce come desiderio di creare l’esplosione della bottiglia, dove la bottiglia indica la metafora dello stare tutti imbottigliati nelle regole. Il concetto parte proprio dal colore blu, un colore che spesso viene associato alla razionalità e alle regole (basti pensare alle auto blu, alle divise…) e da cui ho voluto sprigionare un po’ di follia. Dalle bottiglie blu ho cercato di far emergere un po’ di fantasia, questo è il vero significato di “Follia in Blu”: tirare fuori la parte più bizzarra e folle che c’è negli oggetti assemblandoli in una forma diversa dalla loro. Ad oggi ho realizzato circa 400 opere utilizzando più di 10 mila bottiglie di plastica. La mie prime creazioni sono state i cosiddetti frattali, ovvero un insieme di bottiglie assemblate in dodecaedri che a loro volta sono il risultato dell’assemblaggio di più forme pentagonali. La struttura così ottenuta è tridimensionale: partendo da una forma molto più piccola e semplice come il pentagono, si può arrivare ad ottenere delle opere di dimensioni decisamente imponenti.

D) Per te l’arte ha anche un risvolto educativo. Parlaci del tuo lavoro nelle scuole…

R) Oggi tengo dei corsi nelle scuole su come realizzare opere in plastica e ogni bambino porta da casa le bottiglie che ha bevuto per utilizzarle nella realizzazione del proprio progetto. Per questo motivo i colori delle bottiglie che porta ciascun bambino sono diversi, quindi ultimamente stiamo sviluppando progetti che non siano più solo blu. Ad esempio assieme a una scuola media abbiamo allestito la navata di una chiesa con delle opere fatte tutte in bianco, sembravano dei cristalli di neve, cubi di ghiaccio. Anche l’impatto con il bianco è molto bello. I ragazzi portano le bottiglie da casa anche per venire sensibilizzati sulla tematica del riciclo, è pedagogico che imparino l’importanza di riutilizzare i materiali.

Ilaria Burgassi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

agosto 9, 2018

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

E’ salpato sabato 21 luglio il primo Corso di Navigazione, Ambiente e Cultura del Centro Velico Caprera. Un’assoluta novità per la più prestigiosa scuola di vela del Mediterraneo che ha pensato di unire i contenuti di un classico corso di cabinato ad un’esperienza formativa dal punto di vista culturale e naturalistico, grazie alla presenza di un esperto [...]

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende