Home » Rubriche »Very Important Planet » Dalla plastica all’arte. La “Follia in blu” di Graziano Prato:

Dalla plastica all’arte. La “Follia in blu” di Graziano Prato

Graziano Prato, rivoluzionario “artista del riciclo” originario di Cuneo e famoso per aver decorato la città durante le Olimpiadi Invernali di Torino, ha condiviso con noi la sua passione per gli oggetti dimenticati spiegandoci come, anche da una semplice bottiglia di plastica, possa nascere l’arte.

D) Graziano, da dove nasce la tua passione?

R) Penso di avere una sindrome di Peter Pan cronica, realizzare un’opera d’arte per me è come giocare con gli oggetti che ci sono attorno, nel quotidiano di ognuno di noi. Nasco inizialmente come un artista di strada che raccoglie le cose vecche e inutilizzate; le prime che ho iniziato a raccogliere sono state proprio i vecchi giocattoli. É un modo per salvarli e riportarli a nuova vita.

D) Ma come ti è venuta l’idea di recuperare gli oggetti vecchi e trasformarli in opere d’arte?

R) Tutto è cominciato da piccoli pezzettini di legno che ho raccolto al Balun a Torino. La mia attenzione è stata attirata dai copri sedili delle auto, quelli che avevano le palline di legno per capirci; ho pensato che, una volta smontati, quei pallini di legno avrebbero potuto essere riassemblati in collane e ciondoli.  Utilizzando un filo di canapa ho cominciato quindi a creare dei gioielli. Ad oggi ne ho smontati e fatti indossare a diverse persone più di tremila. Una volta mi sono imbattuto in un copri sedile che aveva delle palline blu e ho pensato che sarebbe stato bello aggiungere un nuovo colore ai miei bijoux. La magia di quel colore attraeva le persone, che preferibilmente sceglievano di acquistare gioielli con queste palline. A partire dall’intuizione del blu ho iniziato a sentire l’esigenza di cambiare la forma delle mie creazioni, ma di mantenere questo colore.

D) Qual è stato il passo successivo?

R) Dopo i ciondoli mi sono interessato alle bottiglie di plastica e ho iniziato ad accostare questa forma ai ciondoli di legno. La plastica della bottiglia viene lavorata mediante taglio e fusione, avvicinandola alla fiamma di una candela. Questo permette di ottenere delle sfumature di colore molto belle, sembra quasi vetro di Murano lavorato, pur essendo plastica. Inizialmente pensavo che non avrebbe avuto successo, visto che la plastica non ha la stessa magia del legno, invece le persone che vedevano le mie nuove opere si entusiasmavano e hanno iniziato a definirmi un “artista del riciclo” perché riuscivo a dare poesia anche a una bottiglia di plastica. E così ho iniziato a lavorare la plastica, un materiale a costo zero che può essere riutilizzato. All’inizio ho cominciato a prendere le bottiglie che trovavo vicino ai cassonetti della spazzatura, visto che all’epoca non c’era ancora la raccolta differenziata. In più alcune famiglie che conoscevo e sapevano di questa mia passione me le tenevano da parte. Le prime opere che ho esposto sono state a Palazzo Nuovo, la sede delle facoltà umanistiche a Torino. Lì ho realizzato circa una sessantina di opere utilizzando circa 500 bottiglie di plastica. Le esponevo in un’aula al quarto piano, nel Dipartimento di Storia. Nel corso degli anni alcune opere sono poi state spostate sul lato frontale dell’edificio, davanti alla Mole e ancora oggi ce n’è una esposta nella biblioteca del DAMS al secondo piano.

D) Come hai fatto a farti conoscere?

R) Grazie a pezzettini di puzzle. Ho deciso di regalare a tutte le persone con le quali entravo in contatto dei pezzettini di puzzle dietro i quali scrivevo “Follia in Blu”; ad oggi ne ho regalati circa 186 mila. Le persone si sono incuriosite e hanno iniziato a conoscermi. Ho chiamato quest’opera “Pezzi di Universo

D) Parlaci però della vera “Follia in Blu”, il progetto che realizzi con le bottiglie di plastica…

R) “Follia in blu” nasce come desiderio di creare l’esplosione della bottiglia, dove la bottiglia indica la metafora dello stare tutti imbottigliati nelle regole. Il concetto parte proprio dal colore blu, un colore che spesso viene associato alla razionalità e alle regole (basti pensare alle auto blu, alle divise…) e da cui ho voluto sprigionare un po’ di follia. Dalle bottiglie blu ho cercato di far emergere un po’ di fantasia, questo è il vero significato di “Follia in Blu”: tirare fuori la parte più bizzarra e folle che c’è negli oggetti assemblandoli in una forma diversa dalla loro. Ad oggi ho realizzato circa 400 opere utilizzando più di 10 mila bottiglie di plastica. La mie prime creazioni sono state i cosiddetti frattali, ovvero un insieme di bottiglie assemblate in dodecaedri che a loro volta sono il risultato dell’assemblaggio di più forme pentagonali. La struttura così ottenuta è tridimensionale: partendo da una forma molto più piccola e semplice come il pentagono, si può arrivare ad ottenere delle opere di dimensioni decisamente imponenti.

D) Per te l’arte ha anche un risvolto educativo. Parlaci del tuo lavoro nelle scuole…

R) Oggi tengo dei corsi nelle scuole su come realizzare opere in plastica e ogni bambino porta da casa le bottiglie che ha bevuto per utilizzarle nella realizzazione del proprio progetto. Per questo motivo i colori delle bottiglie che porta ciascun bambino sono diversi, quindi ultimamente stiamo sviluppando progetti che non siano più solo blu. Ad esempio assieme a una scuola media abbiamo allestito la navata di una chiesa con delle opere fatte tutte in bianco, sembravano dei cristalli di neve, cubi di ghiaccio. Anche l’impatto con il bianco è molto bello. I ragazzi portano le bottiglie da casa anche per venire sensibilizzati sulla tematica del riciclo, è pedagogico che imparino l’importanza di riutilizzare i materiali.

Ilaria Burgassi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Camerlenghi, nuovo presidente AIGAE: “Il turismo ambientale è in grande crescita”

dicembre 20, 2017

Camerlenghi, nuovo presidente AIGAE: “Il turismo ambientale è in grande crescita”

Filippo Camerlenghi, coordinatore delle Guide Ambientali Escursionistiche (GAE) della Lombardia è il nuovo Presidente Nazionale di AIGAE. Camerlenghi, 52 anni, laureato in Scienze della Terra presso l’Università Statale di Milano, è ideatore e promotore di importanti progetti di educazione ambientale e divulgazione scientifica e opera anche come guida europea in Francia, Spagna, Germania, Svizzera, Islanda, in [...]

AccorHotels e l’agricoltura verticale: debutta al Novotel Milano il “Living Farming Tree”

dicembre 18, 2017

AccorHotels e l’agricoltura verticale: debutta al Novotel Milano il “Living Farming Tree”

Debutta a Milano con AccorHotels la prima installazione del Living Farming Tree, l’innovativo orto verticale indoor firmato Hexagro Urban Farming, startup italiana composta da un team internazionale di ingegneri, designer industriali e gastronomi. In linea con gli obiettivi del proprio programma di sviluppo sostenibile Planet21 volto a promuovere un’ospitalità positiva e virtuosa, il gruppo leader mondiale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende