Home » Rubriche »Very Important Planet » Damiano Lenzi: pronto per “Alpago Piancavallo 2017″, i mondiali di sci alpinismo:

Damiano Lenzi: pronto per “Alpago Piancavallo 2017″, i mondiali di sci alpinismo

febbraio 10, 2017 Rubriche, Very Important Planet

Nato con gli sci ai piedi ha scalato, non troppo metaforicamente, i più prestigiosi podi mondiali di sci di fondo e scialpinismo. Un vero uomo di montagna Damiano Lenzi, 28 anni, nato a Domodossola, sci alpinista professionista grazie alla divisa del Centro Sportivo Esercito di Courmayeur e ai tanti titoli mondiali conquistati. Un campione cresciuto in Valle Anzasca – paradiso naturale alle pendici della parete Est del Monte Rosa – che a soli 22  anni non ha esitato a fare il gran salto: dallo sci di fondo (dove militava nelle file della nazionale), allo sci alpinismo (diventato disciplina olimpica), nel quale ha conquistato la Coppa del Mondo e altri importanti successi. Oltre lo sci alpinismo pedala, per passione ma sempre con successo, in mountain bike. Sport impegnativi, difficili, ma anche molto “green”, all’aria aperta e a bassissimo impatto ambientale, come ci racconta in questa intervista…

D) Damiano mancano  pochi giorni  ai mondiali di sci alpinismo di Alpago Piancavallo, che si disputano dal 23 febbraio al 2 marzo, tra Veneto e Friuli Venezia Giulia. Sei pronto?

R) Quest’anno, non lo nascondo, nutro alte ambizioni: voglio vincere. Ho rinunciato alla Coppa del Mondo in Turchia per preparare al meglio questo importante appuntamento. Due anni fa ero in testa al mondiale, poi, a causa di una sfortunata caduta, avevo rotto uno sci e non avevo potuto giocare al meglio le mie carte. Mi voglio riscattare…

D) In bocca al lupo! Ci racconti i tuoi primi passi nello sci? La tua carriera è stata movimentata, con cambi di disciplina anche rischiosi….

R) Nasco come fondista, allenato da mio papà, maestro di sci di fondo. Ho militato da giovane nello sci club locale in Valle Anzasca. Questa la mia esperienza fino a 22 anni: indossavo la maglia azzurra con la Nazionale B, poi la svolta: sono passato allo sci alpinismo. Una conseguenza della mia storia, della mia identità: dalla finestra di casa  vedo la parete Est del Monte Rosa, un grande amore. Un richiamo verso la montagna e mi sono buttato a tempo pieno nello sci alpinismo. Sia chiaro, non ero un neofinita. Sin da giovane l’ho praticato, ma era quasi un hobby per la fine stagione, quando gli altri impegni erano meno stringenti. Ad un certo punto mi sono chiesto cosa volessi fare “da grande” e ho preso questa decisione. I risultati sono arrivati. Ho superato le pressioni di parenti ed amici che mi sconsigliavano e mi dicevano “non fare cavolate”. Lo sci alpinismo era agli albori ma ho preso questa strada. Era quello che volevo fare.

D) Come ti prepari fisicamente e psicologicamente alle gare?

R) Molta concentrazione sull’obiettivo  e tanta preparazione fisica. Il secondo è l’aspetto più semplice da raggiungere. Oggi la scienza è arrivata ad un punto tale che sai cosa devi fare. C’è un metodo e delle tabelle  da seguire. L’aspetto mentale però  è fondamentale. Bisogna saper convivere con la fatica, avere una grande motivazione ed evitare di cadere malati. Faccio un esempio: nel 2014 ho vinto la Coppa del Mondo e anche nel 2015,  l’anno scorso, invece, le prestazioni sono calate perché non c’era neve nel mio comprensorio, poi una caduta in bici e mi sono ammalato. Una serie di fattori che hanno influito sulla motivazione.

D) Come si riconquista la voglia di vincere?

R) Quest’anno la neve è arrivata presto e sono tornato sui miei livelli. La motivazione ti spinge ad allenarti bene, a far fatica e superarla. Si tratta di una questione mentale. Ancora un esempio: se arrivi insieme al tuo avversario a 5 minuti dal traguardo significa che il livello di preparazione è uguale. In caso contrario lo avresti già staccato o viceversa. In questi frangenti, “all’ultimo metro” è fondamentale la parte mentale. Vince chi è più tenace, lucido, furbo, concentrato. Vince chi ha voglia di soffrire di più e sta sul pezzoC’è una grossa differenza tra staccare per primo il traguardo e arrivare terzo o quinto. A certi livelli siamo tutti preparati, ma vince solo uno.

D) Quanto conta una sana alimentazione sul rendimento. Fai una dieta particolare, magari a base di prodotti biologici e naturali?

R) Sono equilibrato, ma prediligo i cibi biologici. In particolare durante l’estate quando posso mangiare quelli del mio orto che coltiva mia mamma. Noi siamo quello che mangiamo. Un motivo in più, specialmente per un atleta, per curare questo aspetto. Ma non sono rigido e ogni tanto lo strappo alla regola ci sta…

D) Grazie al tuo lavoro hai la possibilità di passare moltissimo tempo in montagna. Secondo te è rispettata, difesa, tutelata a sufficienza?

R) Posso parlare del mio ambiente e del mio sport: lo sci alpinismo è una disciplina green perché saliamo con le nostre gambe, non abbiamo bisogno di impianti. Questo è un aspetto molto bello, ti offre tanta libertà di muoverti dove vuoi, naturalmente considerando i pericoli oggettivi della montagna. Ma ho constatato negli ultimi anni che  è diventata accessibile a tutti. Lo sci alpinismo era di nicchia, ora è una moda che porta grandi folle. In certi luoghi ti puoi ritrovare con mille persone che salgono e non tutti rispettano l’ambiente! Succede anche in altri sport. Per esempio il ciclismo, quando vai a correre è facile trovare per terra le carte delle barrette che quello davanti a te ha buttato via. Sono comportamenti da evitare.

D) Giusto… Ma il tuo impegno nella vita quotidiana è coerente con questa difesa dell’ambiente?

R) Cerco di rispettarlo il più possibile. Mi danno fastidio gli imballaggi, in particolare quelli di plastica che trovo inutili e cerco di comportarmi di conseguenza nelle mie scelte d’ acquisto. La nostra società è quello che è. Purtroppo…

D) Un messaggio per i lettori di Greenews.info?

R) Meglio un appello: è  bello andare in montagna, bello lo sci alpinismo. Uno sport sicuramente “green”, per questo  teniamo pulito!

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

ottobre 18, 2018

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

L’associazione Music Theatre International presenta il 26 ottobre 2018, in prima nazionale al Teatro Centrale Preneste di Roma, lo spettacolo “I 4 elementi“, idea artistica di Stefania Toscano, che ne cura la parte coreografica, con drammaturgia e regia di Paola Sarcina, progetto video di Federico Spirito. La teoria dei “4 elementi” della natura costituisce il “pretesto creativo” a cui s’ispira la [...]

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

ottobre 17, 2018

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

Si terrà a Roma, il 19 e il 20 ottobre prossimi, un convegno organizzato dall’Ordine dei Medici di Roma e da ISDE, l’Associazione Medici per l’Ambiente, sul delicato tema ambiente e salute. I “determinanti di salute” e, in particolare, il binomio ambiente-salute sono, infatti, secondo ISDE, scarsamente considerati nei programmi di studio delle facoltà universitarie di [...]

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

ottobre 16, 2018

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

Insieme per lo sviluppo delle “Terre Alte”. Oggi, agli Stati generali della Montagna, convocati a Roma dal Ministro delle Autonomie e degli Affari Regionali Erika Stefani, UNCEM e Confindustria Belluno Dolomiti (coordinatrice della rete nazionale di “Confindustria per la Montagna”), presenteranno un documento che evidenzia la necessità di attivare sui territori sinergie tra pubblico e privato per identificare strategie e politiche coerenti a [...]

Restructura 2018: focus su bioedilizia e recupero dei borghi alpini

ottobre 15, 2018

Restructura 2018: focus su bioedilizia e recupero dei borghi alpini

A Torino dal 15 al 18 novembre 2018 il quartiere espositivo del Lingotto Fiere propone la trentunesima edizione di Restructura, il salone nazionale dedicato a riqualificazione, recupero e ristrutturazione in ambito edilizio allestito all’interno dei 20.000 mq del padiglione Oval. Restructura è la manifestazione fieristica B2B e B2C del Nord Ovest che riunisce annualmente i principali interpreti della filiera [...]

“Bologna Award Food Festival”, il cibo come vettore di sostenibilità

ottobre 13, 2018

“Bologna Award Food Festival”, il cibo come vettore di sostenibilità

Dal 14 al 16 ottobre, negli spazi della Fondazione FICO a Bologna,va in scena il festival che racconta il cibo “sostenibile”: Bologna Award Food Festival propone incontri, dialoghi, eventi e un percorso espositivo firmato da Altan. Fra i protagonisti ci saranno il “giardiniere di Versailles”, Giovanni Delù, che ogni giorno accudisce non solo il verde della Reggia del [...]

La “Biennale della Sostenibilità Territoriale” apre al pubblico. Appuntamento all’EnviPark di Torino

ottobre 12, 2018

La “Biennale della Sostenibilità Territoriale” apre al pubblico. Appuntamento all’EnviPark di Torino

Dopo due giornate di lavori al Castello del Valentino, riservate a studenti e ricercatori, la prima edizione della Biennale della Sostenibilità Territoriale di Torino apre al pubblico, con l’appuntamento di oggi alle ore 16,00 all’Environment Park (“Verso il 2020: sostenibilità territoriale tra bilancio e rilancio”). La nuova Biennale ha l’ambizione di diventare un luogo di [...]

Nasce il “Venetian Green Building Cluster”, rete regionale per l’innovazione nell’edilizia sostenibile

ottobre 2, 2018

Nasce il “Venetian Green Building Cluster”, rete regionale per l’innovazione nell’edilizia sostenibile

Imprese, università e associazioni di categoria del Veneto hanno deciso di unire le proprie forze per creare una rete votata all’innovazione nell’ambito dell’edilizia sostenibile. È questa la missione del neonato Venetian Green Building Cluster che riunisce gli operatori veneti della filiera dell’edilizia e delle costruzioni, nell’intento di accelerare la trasformazione “green” dell’intero settore, sostenendo processi di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende