Home » Rubriche »Very Important Planet » Damiano Lenzi: pronto per “Alpago Piancavallo 2017″, i mondiali di sci alpinismo:

Damiano Lenzi: pronto per “Alpago Piancavallo 2017″, i mondiali di sci alpinismo

febbraio 10, 2017 Rubriche, Very Important Planet

Nato con gli sci ai piedi ha scalato, non troppo metaforicamente, i più prestigiosi podi mondiali di sci di fondo e scialpinismo. Un vero uomo di montagna Damiano Lenzi, 28 anni, nato a Domodossola, sci alpinista professionista grazie alla divisa del Centro Sportivo Esercito di Courmayeur e ai tanti titoli mondiali conquistati. Un campione cresciuto in Valle Anzasca – paradiso naturale alle pendici della parete Est del Monte Rosa – che a soli 22  anni non ha esitato a fare il gran salto: dallo sci di fondo (dove militava nelle file della nazionale), allo sci alpinismo (diventato disciplina olimpica), nel quale ha conquistato la Coppa del Mondo e altri importanti successi. Oltre lo sci alpinismo pedala, per passione ma sempre con successo, in mountain bike. Sport impegnativi, difficili, ma anche molto “green”, all’aria aperta e a bassissimo impatto ambientale, come ci racconta in questa intervista…

D) Damiano mancano  pochi giorni  ai mondiali di sci alpinismo di Alpago Piancavallo, che si disputano dal 23 febbraio al 2 marzo, tra Veneto e Friuli Venezia Giulia. Sei pronto?

R) Quest’anno, non lo nascondo, nutro alte ambizioni: voglio vincere. Ho rinunciato alla Coppa del Mondo in Turchia per preparare al meglio questo importante appuntamento. Due anni fa ero in testa al mondiale, poi, a causa di una sfortunata caduta, avevo rotto uno sci e non avevo potuto giocare al meglio le mie carte. Mi voglio riscattare…

D) In bocca al lupo! Ci racconti i tuoi primi passi nello sci? La tua carriera è stata movimentata, con cambi di disciplina anche rischiosi….

R) Nasco come fondista, allenato da mio papà, maestro di sci di fondo. Ho militato da giovane nello sci club locale in Valle Anzasca. Questa la mia esperienza fino a 22 anni: indossavo la maglia azzurra con la Nazionale B, poi la svolta: sono passato allo sci alpinismo. Una conseguenza della mia storia, della mia identità: dalla finestra di casa  vedo la parete Est del Monte Rosa, un grande amore. Un richiamo verso la montagna e mi sono buttato a tempo pieno nello sci alpinismo. Sia chiaro, non ero un neofinita. Sin da giovane l’ho praticato, ma era quasi un hobby per la fine stagione, quando gli altri impegni erano meno stringenti. Ad un certo punto mi sono chiesto cosa volessi fare “da grande” e ho preso questa decisione. I risultati sono arrivati. Ho superato le pressioni di parenti ed amici che mi sconsigliavano e mi dicevano “non fare cavolate”. Lo sci alpinismo era agli albori ma ho preso questa strada. Era quello che volevo fare.

D) Come ti prepari fisicamente e psicologicamente alle gare?

R) Molta concentrazione sull’obiettivo  e tanta preparazione fisica. Il secondo è l’aspetto più semplice da raggiungere. Oggi la scienza è arrivata ad un punto tale che sai cosa devi fare. C’è un metodo e delle tabelle  da seguire. L’aspetto mentale però  è fondamentale. Bisogna saper convivere con la fatica, avere una grande motivazione ed evitare di cadere malati. Faccio un esempio: nel 2014 ho vinto la Coppa del Mondo e anche nel 2015,  l’anno scorso, invece, le prestazioni sono calate perché non c’era neve nel mio comprensorio, poi una caduta in bici e mi sono ammalato. Una serie di fattori che hanno influito sulla motivazione.

D) Come si riconquista la voglia di vincere?

R) Quest’anno la neve è arrivata presto e sono tornato sui miei livelli. La motivazione ti spinge ad allenarti bene, a far fatica e superarla. Si tratta di una questione mentale. Ancora un esempio: se arrivi insieme al tuo avversario a 5 minuti dal traguardo significa che il livello di preparazione è uguale. In caso contrario lo avresti già staccato o viceversa. In questi frangenti, “all’ultimo metro” è fondamentale la parte mentale. Vince chi è più tenace, lucido, furbo, concentrato. Vince chi ha voglia di soffrire di più e sta sul pezzoC’è una grossa differenza tra staccare per primo il traguardo e arrivare terzo o quinto. A certi livelli siamo tutti preparati, ma vince solo uno.

D) Quanto conta una sana alimentazione sul rendimento. Fai una dieta particolare, magari a base di prodotti biologici e naturali?

R) Sono equilibrato, ma prediligo i cibi biologici. In particolare durante l’estate quando posso mangiare quelli del mio orto che coltiva mia mamma. Noi siamo quello che mangiamo. Un motivo in più, specialmente per un atleta, per curare questo aspetto. Ma non sono rigido e ogni tanto lo strappo alla regola ci sta…

D) Grazie al tuo lavoro hai la possibilità di passare moltissimo tempo in montagna. Secondo te è rispettata, difesa, tutelata a sufficienza?

R) Posso parlare del mio ambiente e del mio sport: lo sci alpinismo è una disciplina green perché saliamo con le nostre gambe, non abbiamo bisogno di impianti. Questo è un aspetto molto bello, ti offre tanta libertà di muoverti dove vuoi, naturalmente considerando i pericoli oggettivi della montagna. Ma ho constatato negli ultimi anni che  è diventata accessibile a tutti. Lo sci alpinismo era di nicchia, ora è una moda che porta grandi folle. In certi luoghi ti puoi ritrovare con mille persone che salgono e non tutti rispettano l’ambiente! Succede anche in altri sport. Per esempio il ciclismo, quando vai a correre è facile trovare per terra le carte delle barrette che quello davanti a te ha buttato via. Sono comportamenti da evitare.

D) Giusto… Ma il tuo impegno nella vita quotidiana è coerente con questa difesa dell’ambiente?

R) Cerco di rispettarlo il più possibile. Mi danno fastidio gli imballaggi, in particolare quelli di plastica che trovo inutili e cerco di comportarmi di conseguenza nelle mie scelte d’ acquisto. La nostra società è quello che è. Purtroppo…

D) Un messaggio per i lettori di Greenews.info?

R) Meglio un appello: è  bello andare in montagna, bello lo sci alpinismo. Uno sport sicuramente “green”, per questo  teniamo pulito!

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

dicembre 11, 2018

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

GBC Italia con UNESCO e il Comune di Ferrara organizzano dall’11 al 13 dicembre 2018 “Heritage & Sustainability“, un workshop internazionale incentrato sugli strumenti energetico-ambientali per la governance sostenibile del patrimonio architettonico esistente. L’evento, in collaborazione con la fiera RemTech Expo, si svolgerà tra due dei più prestigiosi edifici storici della città di Ferrara, il Castello Estense e il Palazzo Ducale. [...]

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

dicembre 7, 2018

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

Dopo la positiva esperienza del 2017, anche nel 2018, la Fondazione CRC (Cassa di Risparmio di Cuneo) prosegue e rafforza il suo impegno a favore del contesto ambientale e paesaggistico della provincia di Cuneo promuovendo il “Bando Distruzione“, con il duplice obiettivo di distruggere le brutture e ripristinare la bellezza di un contesto paesaggistico e [...]

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

dicembre 6, 2018

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

I “muretti a secco” sono  stati inseriti, nei giorni scorsi, nel Patrimonio immateriale dell’Umanità dall’UNESCO, confermando le motivazioni dei Paesi europei che congiuntamente ne avevano presentato la candidatura - Italia, Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Slovenia, Spagna e Svizzera – facendo leva sulla “relazione armoniosa tra l’uomo e la natura”. L’arte dei muretti a secco, come si [...]

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

dicembre 3, 2018

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

Dopo il successo della prima edizione torna mercoledì 5 dicembre 2018, all’Environment Park di Torino, l’EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte, un momento di confronto e dibattito sulla gestione virtuosa dei rifiuti con i principali operatori locali del settore (aziende, pubblica amministrazione, consorzi), per concentrarsi sulle criticità del ciclo dei rifiuti e sulle soluzioni per minimizzare lo smaltimento [...]

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

novembre 30, 2018

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

MOTUS-E, l’associazione costituita da operatori industriali, mondo accademico e associazionismo ambientale e consumeristico con l’obiettivo di accelerare lo sviluppo della mobilità elettrica in Italia attraverso il dialogo con le Istituzioni, il coinvolgimento del pubblico e programmi di formazione e informazione, ha rilasciato un comunicato stampa in cui rileva che la manovra finanziaria arrivata in Parlamento [...]

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

novembre 30, 2018

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

Ieri a Bruxelles è stata ufficialmente lanciata l’ICE (Iniziativa dei Cittadini Europei) EAToriginal, la campagna di Coldiretti e altre associazioni europee per chiedere alla Commissione Europea di introdurre un’etichettatura obbligatoria sull’origine del cibo. La contraffazione e l’adulterazione di prodotti alimentari rappresentano infatti un grave rischio per la salute dei consumatori, soprattutto quando vengono utilizzati ingredienti di bassa [...]

Dissalatori, soluzione alla carenza d’acqua? Ma serve una normativa sugli scarichi

novembre 28, 2018

Dissalatori, soluzione alla carenza d’acqua? Ma serve una normativa sugli scarichi

Con la siccità che, ogni anno, coinvolge anche il nostro Paese, a causa dei cambiamenti climatici, il mare potrebbe diventare la principale risorsa idrica disponibile. La dissalazione dell’acqua marina può dunque rappresentare una valida soluzione alla crisi idrica che quasi sicuramente ci troveremo ad affrontare. Serve però una normativa specifica sul funzionamento degli impianti e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende