Home » Rubriche »Very Important Planet » “Siamo macchine fatte per camminare”. Intervista a Daniele Galliano:

“Siamo macchine fatte per camminare”. Intervista a Daniele Galliano

Case di ringhiera, sobborghi di città dimenticati eppure pulsanti. Gente senza volto protagonista di strade in fermento. E’ un bagno di vita e di folla il mondo che palpita dalle tele di Daniele Galliano. Barba da asceta e occhi di ghiaccio, pinerolese, è uno degli artisti italiani più affermati al mondo della generazione nata negli anni ’60.

Tra i suoi soggetti, scorci di metropoli che sprizzano umanità, inquadrature che sembrano istantanee fotografiche. E un gran bisogno di natura, “il luogo ideale per l’uomo”. Tanto da sognare città ciclabili “per davvero” e cortili con le galline. Chissà cosa sarebbero i centri urbani se affidassimo agli artisti “amanti del verde” (che di estetica se ne intendono) la loro rivoluzione d’immagine.

D) Daniele, come artista viaggi spesso per il mondo, per mettere in mostra le tue opere (l’ultima esposizione l’ha inaugurata la scorsa settimana all’Aia, in Olanda, N.d.R.). Non hai mai nostalgia delle montagne in cui sei nato e cresciuto?

R) Moltissima. Ci sono due ambienti in cui posso vivere: la città, approdo necessario per sopravvivere con il lavoro (solo lì coltivi contatti e rapporti professionali) e la natura. Prima di sposarmi riuscivo a conciliare i due luoghi, facevo il pendolare. Metà settimana nel verde, metà nel cemento. Pinerolo, il mio luogo d’origine, vive proiettata nell’800. Torino invece è sperimentale. Facendo su e giù, riuscivo a metabolizzare nel viaggio questi contrasti, ero un po’ paesano, portatore di una mentalità arcaica, un po’ cittadino trapiantato, entusiasta del trambusto metropolitano.

D) La scelta del luogo in cui vivere, per un artista, è legata al genius loci. Qual è il clima di Torino, la tua città d’adozione?

R) La città della Mole è una fanta-città per creativi. Puoi sempre contare sulla frequentazione di persone che sono eccellenze in discipline diverse. Ha tutto un mondo che le ruota attorno, anche di artisti di passaggio. E poi, sprigiona un’energia strana. Peccato per l’inquinamento…

D) Il capoluogo piemontese risulta infatti tra i centri più inquinati d’Europa…

R) Lo so, altro che New York, in cui fai chilometri a piedi e, nonostante i tir su Broadway, sei fresco come una rosa. Faccio un esempio: quest’inverno ho avuto bronchite e raffreddore per 3 mesi. Non è la prima volta che mi succede. Abitando in centro, dove l’inquinamento si sente se ti muovi a piedi o in bici, è facile porsi la domanda se le malattie respiratorie dipendano dalle polveri sottili. Bisognerebbe fare un giro per farmacie per capire se è un’ipotesi azzardata, ma credo di no. Mi sento torinese, ma c’è un però: guardo la metropoli con gli occhi stupiti di chi è “sempre straniero”, come diceva Buzzati.

D) In che quartiere vivi?

R) Porta Palazzo, da sempre approdo naturale degli immigrati di ogni paese. Dal sud Italia 70 anni fa agli extracomunitari oggi. Casa mia è in piazza Emanuele Filiberto, se scendi giù ci trovi tutto il mondo, dai cinesi ai marocchini. Grande ricchezza, nonostante le potenziali problematiche di accoglienza e integrazione.

D) Come soddisfi il tuo bisogno di natura?

R) Amo andare in mountain bike. In generale, la bici è il mio mezzo di trasporto ideale. La condizione naturale dell’uomo è il movimento. Siamo macchine fatte per camminare. E’ come una pratica spirituale, la cosa basilare per l’evoluzione interiore. Io vivo muovendomi, ma su questo fronte Torino ha qualche pecca. Ho inaugurato una mostra in Olanda sabato 12, all’Aia. Ho visto piste ciclabili dappertutto, per ogni senso di marcia, e multe che piovono se infrangi le regole. Da noi, se vuoi sopravvivere, è la regola farsi strada sui marciapiedi, come un pirata. Comunque, il luogo ideale per star bene è la natura. La città è solo un adattamento necessario, un compromesso obbligato per l’uomo, oltre ad essere un posto in cui si trasmettono microbi non proprio benefici per la sua salute.

D) Che ne pensi dei flash mob artistici, tipo le guerriglie urbane “green”, piccoli angoli di verde incolto tra il cemento, come vorrebbe qualche visionario architetto di oggi per ovviare alla carenza di natura?

R) Sono d’accordo. Tempo fa avevo proposto addirittura di ripristinare i cortili con le galline. Occorre umanizzare le città il più possibile, come insegnava Friedensreich Hundertwasser. Tanto la natura vince sempre.

Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende