Home » Rubriche »Very Important Planet » “Siamo macchine fatte per camminare”. Intervista a Daniele Galliano:

“Siamo macchine fatte per camminare”. Intervista a Daniele Galliano

Case di ringhiera, sobborghi di città dimenticati eppure pulsanti. Gente senza volto protagonista di strade in fermento. E’ un bagno di vita e di folla il mondo che palpita dalle tele di Daniele Galliano. Barba da asceta e occhi di ghiaccio, pinerolese, è uno degli artisti italiani più affermati al mondo della generazione nata negli anni ’60.

Tra i suoi soggetti, scorci di metropoli che sprizzano umanità, inquadrature che sembrano istantanee fotografiche. E un gran bisogno di natura, “il luogo ideale per l’uomo”. Tanto da sognare città ciclabili “per davvero” e cortili con le galline. Chissà cosa sarebbero i centri urbani se affidassimo agli artisti “amanti del verde” (che di estetica se ne intendono) la loro rivoluzione d’immagine.

D) Daniele, come artista viaggi spesso per il mondo, per mettere in mostra le tue opere (l’ultima esposizione l’ha inaugurata la scorsa settimana all’Aia, in Olanda, N.d.R.). Non hai mai nostalgia delle montagne in cui sei nato e cresciuto?

R) Moltissima. Ci sono due ambienti in cui posso vivere: la città, approdo necessario per sopravvivere con il lavoro (solo lì coltivi contatti e rapporti professionali) e la natura. Prima di sposarmi riuscivo a conciliare i due luoghi, facevo il pendolare. Metà settimana nel verde, metà nel cemento. Pinerolo, il mio luogo d’origine, vive proiettata nell’800. Torino invece è sperimentale. Facendo su e giù, riuscivo a metabolizzare nel viaggio questi contrasti, ero un po’ paesano, portatore di una mentalità arcaica, un po’ cittadino trapiantato, entusiasta del trambusto metropolitano.

D) La scelta del luogo in cui vivere, per un artista, è legata al genius loci. Qual è il clima di Torino, la tua città d’adozione?

R) La città della Mole è una fanta-città per creativi. Puoi sempre contare sulla frequentazione di persone che sono eccellenze in discipline diverse. Ha tutto un mondo che le ruota attorno, anche di artisti di passaggio. E poi, sprigiona un’energia strana. Peccato per l’inquinamento…

D) Il capoluogo piemontese risulta infatti tra i centri più inquinati d’Europa…

R) Lo so, altro che New York, in cui fai chilometri a piedi e, nonostante i tir su Broadway, sei fresco come una rosa. Faccio un esempio: quest’inverno ho avuto bronchite e raffreddore per 3 mesi. Non è la prima volta che mi succede. Abitando in centro, dove l’inquinamento si sente se ti muovi a piedi o in bici, è facile porsi la domanda se le malattie respiratorie dipendano dalle polveri sottili. Bisognerebbe fare un giro per farmacie per capire se è un’ipotesi azzardata, ma credo di no. Mi sento torinese, ma c’è un però: guardo la metropoli con gli occhi stupiti di chi è “sempre straniero”, come diceva Buzzati.

D) In che quartiere vivi?

R) Porta Palazzo, da sempre approdo naturale degli immigrati di ogni paese. Dal sud Italia 70 anni fa agli extracomunitari oggi. Casa mia è in piazza Emanuele Filiberto, se scendi giù ci trovi tutto il mondo, dai cinesi ai marocchini. Grande ricchezza, nonostante le potenziali problematiche di accoglienza e integrazione.

D) Come soddisfi il tuo bisogno di natura?

R) Amo andare in mountain bike. In generale, la bici è il mio mezzo di trasporto ideale. La condizione naturale dell’uomo è il movimento. Siamo macchine fatte per camminare. E’ come una pratica spirituale, la cosa basilare per l’evoluzione interiore. Io vivo muovendomi, ma su questo fronte Torino ha qualche pecca. Ho inaugurato una mostra in Olanda sabato 12, all’Aia. Ho visto piste ciclabili dappertutto, per ogni senso di marcia, e multe che piovono se infrangi le regole. Da noi, se vuoi sopravvivere, è la regola farsi strada sui marciapiedi, come un pirata. Comunque, il luogo ideale per star bene è la natura. La città è solo un adattamento necessario, un compromesso obbligato per l’uomo, oltre ad essere un posto in cui si trasmettono microbi non proprio benefici per la sua salute.

D) Che ne pensi dei flash mob artistici, tipo le guerriglie urbane “green”, piccoli angoli di verde incolto tra il cemento, come vorrebbe qualche visionario architetto di oggi per ovviare alla carenza di natura?

R) Sono d’accordo. Tempo fa avevo proposto addirittura di ripristinare i cortili con le galline. Occorre umanizzare le città il più possibile, come insegnava Friedensreich Hundertwasser. Tanto la natura vince sempre.

Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

novembre 20, 2017

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

Altromercato, la maggiore organizzazione del Commercio Equo e Solidale in Italia, lancia Ri-capsula, una capsula per caffè riutilizzabile, grazie ad una tecnologia innovativa, proposta in esclusiva da Altromercato sul mercato italiano, che accoppia alluminio e tappo in silicone alimentare. Ricaricabile fino a 250 volte e personalizzabile con il macinato Altromercato che si desidera, Ri-Capsula è compatibile con le macchine per [...]

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende