Home » Rubriche »Very Important Planet » Daniele Garozzo e la storia della medaglia d’oro: da Rio al cassonetto di Torino:

Daniele Garozzo e la storia della medaglia d’oro: da Rio al cassonetto di Torino

novembre 25, 2016 Rubriche, Very Important Planet

Daniele Garozzo è cresciuto a pane e scherma ad Acireale, dove è nato il 4 agosto 1992. Sotto la guida del maestro Domenico Patti al Club Scherma Acireale – un vero incubatore di campioni – ha raggiunto le vette mondiali di questa antica disciplina sportiva e alle ultime Olimpiadi di Rio de Janeiro ha regalato all’Italia e alle Fiamme Gialle una luccicante medaglia d’oro. Che però gli viene rubata, nelle scorse settimane, durante un viaggio in treno da Roma a Torino! Ritrovata da una signora (che ha voluto mantenere l’anonimato) in un cassonetto dell’immondizia, la medaglia gli è stata restituita oggi, con una cerimonia ufficiale, nel capoluogo piemontese, dove tornerà in pedana, il 4 dicembre, per il Gran Prix FIE – Trofeo Inalpi al PalaRuffini.

D) Daniele, grande successo a Rio, hai portato l’Italia sul podio più alto. Ma la medaglia d’oro ha avuto una storia incredibile…

R) Tutto è bene quel che finisce bene. Mi avevano rubato la medaglia mentre viaggiavo in treno da Roma a Torino. Il colpevole poi si è pentito e l’ha fatta ritrovare vicino ad un bidone della spazzatura. Oggi in Comune a Torino l’Assessore allo Sport Roberto Finardi mi ha riconsegnato l’oggetto. Lo chiamo oggetto perché il titolo olimpico non sta nella medaglia… Ma sono felice di riportarla a casa perché si tratta per di un ricordo molto bello.

D) Lo sport è una parte determinante della tua vita. A quanti anni hai iniziato?

R) A sette. In un ambiente molto bello, con un bel gruppetto. Eravamo piccoli, ma siamo cresciuti bene visto che tre ragazzi sono arrivati alle Olimpiadi. Un clima familiare che mi ha (e ci ha) aiutato tanto a superare ostacoli e tagliare traguardi.

D) Molti genitori investono tempo, soldi e energie e poi chiedono molto ai loro figli. A volte nasce addirittura un rigetto nei piccoli. Lo sport non dovrebbe essere qualcosa di gioioso e piacevole, sano per il corpo e la mente?

R) Io penso solo che i bambini bisogna lasciarli divertire. Molti mi chiedono se consiglio la scherma, rispondo che tutte le discipline sportive vanno bene. L’importante è praticare lo sport con piacere, poi certo l’impegno deve essere massimo. Non sono importanti i risultati, ma la prestazione. Crederci e cercare di ottenere il massimo, poi i risultati vengono… Lo sport non è solo agonismo. Io ho avuto fortuna perché mi diverto!

D) Sappiamo che vai spesso nelle scuole ad incontrare anche gli adolescenti, cosa racconti a loro? Oggi l’Assessore Finardi ha pubblicato un tweet in cui dice: “Personalmente darei a Daniele un altra medaglia d’oro per educazione, disponibilità, rispetto che ha per gli altri”… Valori importanti da trasmettere ai ragazzi, soprattutto di questi tempi un po’cafoni…

R) Di solito racconto la mia esperienza, non come si vince una medaglia olimpica. Grande spazio all’etica, alle regole che bisogna seguire, al massimo rispetto dell’avversario e dell’arbitro. Sono considerazioni, principi e valori che poi si applicano anche nella vita di tutti i giorni. A breve dovrò incontrare altri studenti di un liceo, all’interno di un progetto della Fondazione Agnelli.

D) A proposito di rispetto, cosa pensi della tutela dell’ambiente e di questo Pianeta trattato così male?

R) Difficile rispondere nello specifico, c’è tanto da dire…Sono però sicuro di una cosa, manca l’educazione civica, non c’è molto rispetto per i comportamenti più elementari, come non buttare le cose per terra, per non parlare delle cicche o differenziare i rifiuti. Viaggiando molto vedo che nei paesi più civili non accade più. Speriamo che anche in Italia si cambi registro…

D) In Brasile si è parlato tanto di inquinamento, tu cosa hai visto e come ti sei trovato?

R) Sinceramente non ho visto grandi problemi né ho trovato disagi…

D) Tu cosa fai nella vita quotidiana per rispettare l’ambiente?

R) Mi ritengo un cittadino per bene, faccio la differenziata, non butto niente per terra. Tutte le iniziative a favore dell’ambiente mi trovano sempre favorevole.

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende