Home » Rubriche »Very Important Planet » Daniele Sepe: “Consumiamo troppo, ma non credo nella decrescita”:

Daniele Sepe: “Consumiamo troppo, ma non credo nella decrescita”

aprile 18, 2014 Rubriche, Very Important Planet

Sulle scene ormai da 15 anni, Daniele Sepe è un sassofonista e compositore che ama spaziare. La sua musica, infatti, parte da una orgogliosa radice partenopea per abbinarsi poi a elementi reggae, folk, world, jazz, rock, fusion, blues, con uno sguardo anche alla musica classica. Proprio per l’eclettismo che lo caratterizza, Sepe parteciperà al Torino Jazz Festival (in programma dal 25 aprile al primo maggio) con il concerto di apertura. Non è un caso che l’inizio del Festival coincida con la Festa della Liberazione. Da musica clandestina sotto il regime fascista, il jazz è divenuto, dopo il 25 aprile, sinonimo di libertà. A partire dal tema della Liberazione, il primo giorno di concerti offrirà un percorso storico e musicale che immergerà il pubblico nell’atmosfera degli anni Quaranta e della musica swing: dagli appuntamenti pomeridiani con Trovesi & Filarmonica Mousiké a quello serale di Daniele Sepe. Ci saranno omaggi a figure di musicisti a loro modo “resistenti”, come Matteo Salvatore, Frank Zappa, Charles Mingus, Victor Jara.

D) Il jazz festival come omaggio alla resistenza. Come ti inserisci in questo contesto?

R) La celebrazione della Resistenza rimane un concetto vuoto se non si ammette che siamo ben lontani dall’ideale di società per il quale i nostri nonni combatterono. Oggi le distanze tra ricchi e poveri sono le stesse di allora, e sopratutto la distanza tra potere reale, economico, culturale da un lato e reale e semplice democrazia virtuale dall’altro è lampante. Si resiste ancora oggi, poco, ma necessariamente.

D) La tua musica ha tanti agganci con il folk e la world music. Che valenza hanno per te le tradizioni e il legame con il territorio?

R) La tradizione non è nostalgia del passato. È qualcosa che cambia e muta in continuazione. L’identità col territorio, legata alla tradizione, è utile quando non diventa un mezzo di esclusione degli altri, ma quando segna le differenze e ne apprezza i distinguo come ricchezza e non come identità e superiorità rispetto all’altro.

D) Qual è il tuo rapporto con l’ambiente?

R) Oggi si parla molto di green dimenticando spesso che sono la produzione e il consumo di massa a deteriorare l’ambiente e a indirizzare la gente verso il consumo e l’acquisto senza criterio. In realtà è il sistema produttivo a fare danni all’ambiente e al cervello della gente.

D) Quali sono le azioni quotidiane che compi per rispettarlo, dalla differenziata, alla spesa, ai consumi?

R) Metto in pratica tutto quel poco che il singolo può fare, che resta un po’ una foglia di fico rispetto al fatto che se non si affronta il problema alla radice nulla può mutare.

D) Sul tuo sito è molto divertente il riferimento al rapporto con le tue automobili: come vivi la mobilità sostenibile e cosa ne pensi del rispetto ambientale anche in questo ambito?

R) Io ho una moto euro 1 di 22 anni che certo inquina non c’è male, ma non sono del tutto convinto che passare a una euro 4 sia proprio una grande conquista dell’umanità. Di certo è un buon affare per l’industria pesante.

D) Credi nelle potenzialità delle tre R: reduce ricycle reuse?

R) Certo, ma non credo nel pauperismo e nella decrescita. Cominciassero a consumare meno quelli che hanno di più. A Napoli c’è un proverbio: la monnezza è lo specchio della ricchezza.

D) Come pensi che la musica possa aiutare a formare una coscienza ambientale?

R) Come in tutto la musica può aiutare a riflettere, ma di certo Imagine non ha fermato la guerra in Vietnam o in Iraq.

D) Hai mai pensato di tenere concerti a zero impatto ambientale?

R) Sì ci ho pensato, ma penso pure al problema dell’impatto ambientale dell’energia eolica o al problema della rimozione dei pannelli solari. A volte le soluzioni creano più problemi di quanti ne vogliano risolvere. Di certo consumiamo più di quanto ci serva per essere felici.

D) Ho letto che ti è capitato di autoprodurti: cosa ne pensi del crowdfunding?

R) È una cosa a cui ho pensato, ma mi sembra un po’ una truffa vendere qualcosa che non puoi già valutare se ti è utile o no.

D) Hai scritto tante colonne sonore negli anni: che musica sceglieresti per raccontare la tua visione dell’ambiente?

R) La Pastorale di Beethoven.

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Air-gun, gli spari che danneggiano fauna marina, pesca e turismo. Consegnata la petizione per ricorso al TAR

gennaio 20, 2017

Air-gun, gli spari che danneggiano fauna marina, pesca e turismo. Consegnata la petizione per ricorso al TAR

Ieri a Roma, presso la sede di rappresentanza della Regione Puglia, la Presidente di Marevivo Rosalba Giugni e il Presidente della Fondazione Univerde Alfonso Pecoraro Scanio, hanno consegnato ufficialmente, al Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, il testo della petizione lanciata a dicembre da Marevivo e che ha già raccolto, sulla piattaforma Change.org, 45 mila firme nel [...]

P&G annuncia il primo flacone di shampoo con plastica riciclata raccolta sulle spiagge

gennaio 20, 2017

P&G annuncia il primo flacone di shampoo con plastica riciclata raccolta sulle spiagge

La multinazionale Procter & Gamble ha annunciato ieri che Head & Shoulders, il proprio brand n. 1 al mondo per lo shampoo, produrrà il primo flacone riciclabile al mondo, nel settore hair care, realizzato con una percentuale fino al 25& di plastica proveniente dalla raccolta sulle spiagge. In partnership con gli esperti di TerraCycle – [...]

A Rimini tornano i “Giardini d’Autore”

gennaio 17, 2017

A Rimini tornano i “Giardini d’Autore”

“Giardini d’Autore“, la mostra di giardinaggio che accoglie i migliori vivaisti italiani rinnova l’appuntamento a Rimini, presso il Parco Federico Fellini, location dal fascino intramontabile, per l’edizione di primavera 2017, in programma dal 17 al 19 marzo. La manifestazione giunge al suo ottavo anno aprendo la stagione delle mostre di giardinaggio in Italia. Un appuntamento [...]

Italia Nostra su Parco Alpi Apuane: “Bisogna tutelare un ecosistema unico al mondo”

gennaio 17, 2017

Italia Nostra su Parco Alpi Apuane: “Bisogna tutelare un ecosistema unico al mondo”

Il Parco Regionale delle Alpi Apuane, in Toscana, è nato nel 1985 in seguito a una proposta di legge di iniziativa popolare per tutelare dagli scempi estrattivi una catena montuosa unica al mondo, impervia e affacciata sul mare, con una biodiversità eccezionale (vede la presenza del 50% delle specie vegetali riconosciute in Italia, 28 habitat [...]

“Presidente Trump, ci sorprenda!”. La campagna ambientalista per sensibilizzare il nuovo inquilino della Casa Bianca

gennaio 16, 2017

“Presidente Trump, ci sorprenda!”. La campagna ambientalista per sensibilizzare il nuovo inquilino della Casa Bianca

Venerdì 20 gennaio, in concomitanza con l’insediamento alla Casa Bianca del nuovo presidente eletto degli Stati Uniti, Donald Trump, i presidenti di alcune associazioni ambientaliste italiane si ritroveranno in Piazza Barberini a Roma, per presentare la campagna “Surprise us, President Trump!”. La Campagna nasce, come azione “preventiva”, a seguito delle preoccupazioni destate, tra gli ambientalisti di [...]

AAA Provvedimenti Attuativi Cercasi. Il ritardometro di Assorinnovabili per pungolare la politica

gennaio 13, 2017

AAA Provvedimenti Attuativi Cercasi. Il ritardometro di Assorinnovabili per pungolare la politica

La normativa c’è ma non è applicabile. Questa è oggi la situazione nel settore delle energie rinnovabili in Italia. Risultato? Se ne parla tanto, i politici si riempono la bocca di “green”, ma lo stallo rischia di danneggiare gravemente l’intero comparto delle rinnovabili e dell’efficienza energetica. Le regole, spiega Assorinnovabili, dunque ci sono, ma mancano [...]

A Klimahouse 2017 tornano gli Enertour e arriva il modulo Biosphera 2.0

gennaio 12, 2017

A Klimahouse 2017 tornano gli Enertour e arriva il modulo Biosphera 2.0

Un’edizione “ad alto grado di innovazione” per Klimahouse 2017, fiera di riferimento internazionale per l’efficienza energetica e il risanamento in edilizia, in programma a Fiera Bolzano dal 26 al 29 gennaio. Formula vincente di Klimahouse è l’ormai calibrato mix tra uno spazio espositivo, dedicato alle novità di prodotto proposte da 450 selezionate aziende di settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende