Home » Rubriche »Very Important Planet » Daniele Sepe: “Consumiamo troppo, ma non credo nella decrescita”:

Daniele Sepe: “Consumiamo troppo, ma non credo nella decrescita”

aprile 18, 2014 Rubriche, Very Important Planet

Sulle scene ormai da 15 anni, Daniele Sepe è un sassofonista e compositore che ama spaziare. La sua musica, infatti, parte da una orgogliosa radice partenopea per abbinarsi poi a elementi reggae, folk, world, jazz, rock, fusion, blues, con uno sguardo anche alla musica classica. Proprio per l’eclettismo che lo caratterizza, Sepe parteciperà al Torino Jazz Festival (in programma dal 25 aprile al primo maggio) con il concerto di apertura. Non è un caso che l’inizio del Festival coincida con la Festa della Liberazione. Da musica clandestina sotto il regime fascista, il jazz è divenuto, dopo il 25 aprile, sinonimo di libertà. A partire dal tema della Liberazione, il primo giorno di concerti offrirà un percorso storico e musicale che immergerà il pubblico nell’atmosfera degli anni Quaranta e della musica swing: dagli appuntamenti pomeridiani con Trovesi & Filarmonica Mousiké a quello serale di Daniele Sepe. Ci saranno omaggi a figure di musicisti a loro modo “resistenti”, come Matteo Salvatore, Frank Zappa, Charles Mingus, Victor Jara.

D) Il jazz festival come omaggio alla resistenza. Come ti inserisci in questo contesto?

R) La celebrazione della Resistenza rimane un concetto vuoto se non si ammette che siamo ben lontani dall’ideale di società per il quale i nostri nonni combatterono. Oggi le distanze tra ricchi e poveri sono le stesse di allora, e sopratutto la distanza tra potere reale, economico, culturale da un lato e reale e semplice democrazia virtuale dall’altro è lampante. Si resiste ancora oggi, poco, ma necessariamente.

D) La tua musica ha tanti agganci con il folk e la world music. Che valenza hanno per te le tradizioni e il legame con il territorio?

R) La tradizione non è nostalgia del passato. È qualcosa che cambia e muta in continuazione. L’identità col territorio, legata alla tradizione, è utile quando non diventa un mezzo di esclusione degli altri, ma quando segna le differenze e ne apprezza i distinguo come ricchezza e non come identità e superiorità rispetto all’altro.

D) Qual è il tuo rapporto con l’ambiente?

R) Oggi si parla molto di green dimenticando spesso che sono la produzione e il consumo di massa a deteriorare l’ambiente e a indirizzare la gente verso il consumo e l’acquisto senza criterio. In realtà è il sistema produttivo a fare danni all’ambiente e al cervello della gente.

D) Quali sono le azioni quotidiane che compi per rispettarlo, dalla differenziata, alla spesa, ai consumi?

R) Metto in pratica tutto quel poco che il singolo può fare, che resta un po’ una foglia di fico rispetto al fatto che se non si affronta il problema alla radice nulla può mutare.

D) Sul tuo sito è molto divertente il riferimento al rapporto con le tue automobili: come vivi la mobilità sostenibile e cosa ne pensi del rispetto ambientale anche in questo ambito?

R) Io ho una moto euro 1 di 22 anni che certo inquina non c’è male, ma non sono del tutto convinto che passare a una euro 4 sia proprio una grande conquista dell’umanità. Di certo è un buon affare per l’industria pesante.

D) Credi nelle potenzialità delle tre R: reduce ricycle reuse?

R) Certo, ma non credo nel pauperismo e nella decrescita. Cominciassero a consumare meno quelli che hanno di più. A Napoli c’è un proverbio: la monnezza è lo specchio della ricchezza.

D) Come pensi che la musica possa aiutare a formare una coscienza ambientale?

R) Come in tutto la musica può aiutare a riflettere, ma di certo Imagine non ha fermato la guerra in Vietnam o in Iraq.

D) Hai mai pensato di tenere concerti a zero impatto ambientale?

R) Sì ci ho pensato, ma penso pure al problema dell’impatto ambientale dell’energia eolica o al problema della rimozione dei pannelli solari. A volte le soluzioni creano più problemi di quanti ne vogliano risolvere. Di certo consumiamo più di quanto ci serva per essere felici.

D) Ho letto che ti è capitato di autoprodurti: cosa ne pensi del crowdfunding?

R) È una cosa a cui ho pensato, ma mi sembra un po’ una truffa vendere qualcosa che non puoi già valutare se ti è utile o no.

D) Hai scritto tante colonne sonore negli anni: che musica sceglieresti per raccontare la tua visione dell’ambiente?

R) La Pastorale di Beethoven.

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

aprile 24, 2017

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

Domenica 23 aprile è partita da Città di Castello in Umbria la 38°Discesa Internazionale del Tevere, per arrivare il 1 maggio a Roma e attraversare la Città Eterna in canoa, in bici e a piedi. Lungo il percorso visite ad ecomusei e borghi, pasti con prodotti biologici locali e anche “la cena di Wolfgang Goethe“, per celebrare, in [...]

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

aprile 24, 2017

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

Adidas ha presentato in occasione dell’Earth Day 2017 le edizioni Parley delle iconiche scarpe running UltraBOOST, UltraBOOST X e UltraBOOST Uncaged, realizzate utilizzando i rifiuti plastici che inquinano gli oceani (simboleggiati dalle tonalità blu e azzurre dei nuovi modelli), disponibili nei negozi e online a partire dal 10 maggio. Ricavando uno speciale filato destinato ai dettagli [...]

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

aprile 21, 2017

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

Salvatore Ferragamo e Orange Fiber, l’azienda che produce innovativi tessuti eco-sostenibili, lanceranno il 22 aprile la prima collezione moda realizzata con tessuti ottenuti dai sottoprodotti della spremitura delle arance. Una data scelta appositamente per la coincidenza con la Giornata della Terra, che ricorda a tutti la necessità della tutela dell’ambiente e della ricerca di fonti [...]

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

aprile 21, 2017

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

Il laboratorio urbano di Veglie, in provincia di Lecce, diventa un cantiere aperto per la trasformazione di rifiuti in nuovi oggetti con BEA – Bottega dell’EcoArredo, il laboratorio partecipato di design ecologico. Creatività, upcycling e life-coaching per un progetto promosso da CulturAmbiente onlus insieme a Urban Lab e Laboratorio Linfa nell’ambito dell’avviso pubblico della Regione Puglia [...]

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

aprile 21, 2017

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

“Futuro al lavoro”: è questo in duplice accezione, il tema scelto per la XII edizione della Fiera4passi, organizzata dalla Cooperativa Pace e Sviluppo di Treviso (prima organizzazione di commercio equo e solidale in Veneto per attività, fatturato e numero di volontari e terza in Italia) al Parco Sant’Artemio di Treviso – sede della Provincia – [...]

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

aprile 20, 2017

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

  I viaggiatori italiani sembrano sempre più attenti all’impatto ambientale delle strutture in cui soggiornano e dei tour e attrazioni che prenotano durante il loro viaggio. È quanto emerge da un’indagine condotta da TripAdvisor, il sito per la pianificazione e prenotazione dei viaggi, su oltre 1.800 viaggiatori italiani in occasione dell’Earth Day del 22 aprile, la [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende