Home » Rubriche »Very Important Planet » Daniele Sepe: “Consumiamo troppo, ma non credo nella decrescita”:

Daniele Sepe: “Consumiamo troppo, ma non credo nella decrescita”

aprile 18, 2014 Rubriche, Very Important Planet

Sulle scene ormai da 15 anni, Daniele Sepe è un sassofonista e compositore che ama spaziare. La sua musica, infatti, parte da una orgogliosa radice partenopea per abbinarsi poi a elementi reggae, folk, world, jazz, rock, fusion, blues, con uno sguardo anche alla musica classica. Proprio per l’eclettismo che lo caratterizza, Sepe parteciperà al Torino Jazz Festival (in programma dal 25 aprile al primo maggio) con il concerto di apertura. Non è un caso che l’inizio del Festival coincida con la Festa della Liberazione. Da musica clandestina sotto il regime fascista, il jazz è divenuto, dopo il 25 aprile, sinonimo di libertà. A partire dal tema della Liberazione, il primo giorno di concerti offrirà un percorso storico e musicale che immergerà il pubblico nell’atmosfera degli anni Quaranta e della musica swing: dagli appuntamenti pomeridiani con Trovesi & Filarmonica Mousiké a quello serale di Daniele Sepe. Ci saranno omaggi a figure di musicisti a loro modo “resistenti”, come Matteo Salvatore, Frank Zappa, Charles Mingus, Victor Jara.

D) Il jazz festival come omaggio alla resistenza. Come ti inserisci in questo contesto?

R) La celebrazione della Resistenza rimane un concetto vuoto se non si ammette che siamo ben lontani dall’ideale di società per il quale i nostri nonni combatterono. Oggi le distanze tra ricchi e poveri sono le stesse di allora, e sopratutto la distanza tra potere reale, economico, culturale da un lato e reale e semplice democrazia virtuale dall’altro è lampante. Si resiste ancora oggi, poco, ma necessariamente.

D) La tua musica ha tanti agganci con il folk e la world music. Che valenza hanno per te le tradizioni e il legame con il territorio?

R) La tradizione non è nostalgia del passato. È qualcosa che cambia e muta in continuazione. L’identità col territorio, legata alla tradizione, è utile quando non diventa un mezzo di esclusione degli altri, ma quando segna le differenze e ne apprezza i distinguo come ricchezza e non come identità e superiorità rispetto all’altro.

D) Qual è il tuo rapporto con l’ambiente?

R) Oggi si parla molto di green dimenticando spesso che sono la produzione e il consumo di massa a deteriorare l’ambiente e a indirizzare la gente verso il consumo e l’acquisto senza criterio. In realtà è il sistema produttivo a fare danni all’ambiente e al cervello della gente.

D) Quali sono le azioni quotidiane che compi per rispettarlo, dalla differenziata, alla spesa, ai consumi?

R) Metto in pratica tutto quel poco che il singolo può fare, che resta un po’ una foglia di fico rispetto al fatto che se non si affronta il problema alla radice nulla può mutare.

D) Sul tuo sito è molto divertente il riferimento al rapporto con le tue automobili: come vivi la mobilità sostenibile e cosa ne pensi del rispetto ambientale anche in questo ambito?

R) Io ho una moto euro 1 di 22 anni che certo inquina non c’è male, ma non sono del tutto convinto che passare a una euro 4 sia proprio una grande conquista dell’umanità. Di certo è un buon affare per l’industria pesante.

D) Credi nelle potenzialità delle tre R: reduce ricycle reuse?

R) Certo, ma non credo nel pauperismo e nella decrescita. Cominciassero a consumare meno quelli che hanno di più. A Napoli c’è un proverbio: la monnezza è lo specchio della ricchezza.

D) Come pensi che la musica possa aiutare a formare una coscienza ambientale?

R) Come in tutto la musica può aiutare a riflettere, ma di certo Imagine non ha fermato la guerra in Vietnam o in Iraq.

D) Hai mai pensato di tenere concerti a zero impatto ambientale?

R) Sì ci ho pensato, ma penso pure al problema dell’impatto ambientale dell’energia eolica o al problema della rimozione dei pannelli solari. A volte le soluzioni creano più problemi di quanti ne vogliano risolvere. Di certo consumiamo più di quanto ci serva per essere felici.

D) Ho letto che ti è capitato di autoprodurti: cosa ne pensi del crowdfunding?

R) È una cosa a cui ho pensato, ma mi sembra un po’ una truffa vendere qualcosa che non puoi già valutare se ti è utile o no.

D) Hai scritto tante colonne sonore negli anni: che musica sceglieresti per raccontare la tua visione dell’ambiente?

R) La Pastorale di Beethoven.

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

giugno 26, 2020

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

Circularity, start up innovativa fondata nel 2018 con l’obiettivo di rivoluzionare il mondo dei rifiuti in Italia, ha lanciato il primo motore di ricerca per raccogliere informazioni e concludere transazioni che consentano alle imprese industriali di attivare processi di economia circolare e gestire i rifiuti come una risorsa e non soltanto come un costo e [...]

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

giugno 4, 2020

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

L’uso del condizionatore gonfia notevolmente le bollette elettriche delle famiglie, con importanti conseguenze sulla loro “povertà energetica”. Lo rivela uno studio condotto da un gruppo di ricerca dell’Università Ca’ Foscari Venezia e del Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC), appena pubblicato sulla rivista scientifica Economic Modeling. Studi precedenti realizzati negli Stati Uniti stimano un incremento [...]

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

giugno 4, 2020

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

E’ in fase di partenza l’edizione 2020 del progetto Green Jobs, nato per promuovere la crescita di competenze e sensibilità nel settore dell’economia circolare attraverso attività formative sul territorio: CONAI e l’Università degli Studi della Basilicata daranno, anche quest’anno, la possibilità a ottanta laureati della Regione di partecipare gratuitamente a un iter didattico per facilitare [...]

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

maggio 27, 2020

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

Quanto la second hand economy sia ormai rilevante nell’economia nazionale italiana lo conferma la sesta edizione dell’Osservatorio Second Hand Economy condotto da BVA Doxa per Subito, piattaforma leader in Italia per la compravendita di oggetti usati, con oltre 13 milioni di utenti unici mensili, che ha evidenziato come il valore generato da questa forma di “economia [...]

Möves: a Milano al lavoro in eBike

maggio 20, 2020

Möves: a Milano al lavoro in eBike

Anche a Milano finisce il lockdown e nasce Möves (dal gergo dialettale milanese: “muoviamoci“), un progetto dedicato alle aziende del capoluogo lombardo che vogliono agevolare la mobilità in sicurezza dei propri dipendenti. In base ai dati emersi da un censimento, il numero di residenti milanesi che si sposta quotidianamente per recarsi al luogo di lavoro [...]

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

maggio 15, 2020

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

Tra i provvedimenti varati dal Governo il nuovo “Decreto Rilancio” prevede l’innalzamento delle detrazioni dell’Ecobonus e del Sismabonus al 110% a partire dal 1° luglio 2020, aprendo importanti opportunità di rilancio per il settore immobiliare nel dopo emergenza Covid. “Grazie al ‘Decreto Rilancio’ e al Superbonus al 110% sarà possibile intervenire sulle nostre città con [...]

Studio Selectra: il 78% delle offerte di energia elettrica sul mercato è “green”

aprile 29, 2020

Studio Selectra: il 78% delle offerte di energia elettrica sul mercato è “green”

Le offerte “verdi” dell’energia elettrica (quelle cioè provenienti da fonti rinnovabili) non possono più essere considerate “alternative”, perché ormai rappresentano la maggior parte di tutte le tariffe disponibili sul mercato. Per il gas, invece, c’è ancora tanta strada da fare. Sono, in sintesi, i risultati dell’analisi che Selectra – azienda che mette a confronto le tariffe [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende