Home » Rubriche »Very Important Planet » Dario Ballantini, un sorriso (plastificato) per raccontare l’Earth Hour:

Dario Ballantini, un sorriso (plastificato) per raccontare l’Earth Hour

Non è Dario Ballantini, è Valentino in persona che parla. Bocca stretta e sguardo ammiccante, voce snob che più snob non si può: “Io anziché disperdere la gomma nell’ambiente, me la sono sparsa tutta sul corpo. Son tutto di plastica”. E’ l’umorismo pungente del comico di Striscia La Notizia e dell’Ottovolante di Radio2 a fare da ironico intrattenimento alla sesta edizione dell’Ora della Terra, la manifestazione promossa dal Wwf, che si svolgerà domani, sabato 23 marzo, in 7000 città del mondo e 152 paesi. Un appuntamento per lanciare un segnale ai governi contro il surriscaldamento del globo e le politiche che distruggono e deturpano la natura e l’ecosistema.

Lui e le altre voci della trasmissione radiofonica, accompagneranno il pubblico dalle 19 alle 20,30 in piazza di Spagna a Roma, verso il conto alla rovescia che conduce al momento clou: quello in cui in tutto il mondo (da noi appunto alle 20,30) si spegnerà per un’ora la luce. Come spinta al cambiamento, anche nelle abitudini di ciascuno di noi.

D) Ballantini, è la prima volta che presta il volto per quest’iniziativa?

R) Sì, hanno chiesto all’Ottovolante di animare la serata. Non ci siamo tirati indietro, anche perché ci sembra che il sorriso sia un bel modo per veicolare questo messaggio al pubblico più ampio possibile. Ci alterneremo sul palco con sketch ironici, in modo che la piazza stia lì fino all’ora X.

D) Sarà uno spettacolo all’insegna dei temi ambientali?

R) Non tutto in realtà. Ciascuno di noi proporrà i suoi personaggi, poi ci saranno alcuni passaggi mirati sull’argomento.

D) Ma lei, al di là della campagna, è un “verde”? Quali sono i suoi gesti ecologisti quotidiani, ammesso che li compia?

R) Abbastanza verde, diciamo. Per esempio, apprezzo molto la differenziata, sarà perché abito spesso a Milano. Lì c’è da tempo, se è fatta bene è un bel modo di dimostrare che tutto è trasformabile. E poi, che dire, non è che io sprechi così tanto… Aspetti, la mia sarta qui mi fa segno di no… Spreco!? Ah, dice che faccio le battute in trasmissione sulle manie del fotovoltaico, ma sono convinto che sia un’energia gratuita e pulita, dunque molto buona.

D) Lei che è anche un esteta ed artista, che ne pensa delle battaglie contro l’eolico. C’è chi non lo vuole perché, dicono, deturpa il paesaggio?

R) Lo dico da pittore: non ho mai capito quelli lì! Sono tanto belli i mulini in Olanda, son tanto una bella cosa. Non sono per niente d’accordo che le pale bianche dell’eolico siano una bruttura, son vicini ai paesaggi di lassù. Piuttosto parliamo degli obbrobri architettonici che ci ritroviamo nelle nostre città!

D) Lei dove vive?

R) Tra Milano, Livorno dove ho 3 figli e Roma. Sono un pendolare, viaggio sempre in treno perché l’aereo mi fa un po’ paura. Cioè lo prendo, ma poi non riesco a guardar giù, penso sempre che vorrei si atterrasse subito, e non tutto insieme, che poi si fa il botto…

D) Com’è l’Italia vista dal treno?

R) Bella e varia. Ma quando arrivi in prossimità delle città, però, ti imbatti sempre in quelle periferie così abbandonate e brutte. Noi italiani siamo speciali per deturpare le città, sciuparle. Tutto ciò che è stato edificato negli anni del dopoguerra e del boom edilizio mi fa rabbrividire. Non hanno tenuto conto dell’estetica, per assurdo nell’architettura fascista c’era ancora uno sforzo teso al gusto. Dopo solo roba bulgara. Case brutte anonime, che non invecchiano bene. Anche le case hanno le rughe, ma quelle brutte, non quelle belle degli anziani. Poi ora, con questa mania della tinteggiatura al quarzo…

D) Ci spieghi…

R) Quell’orrendo colore brillante che danno ora fa sembrare tutto di plastica. Anziché amalgamarsi, nel processo di invecchiamento, diventa tutto sporco, come la neve con lo smog. Stesso effetto di un cazzotto in un occhio. Lo ha detto anche Sgarbi, sembrano meringhe, non c’entrano nulla con i muri, con la struttura.

D) E un posto che le piace?

R) Sono nato al mare, lo adoro. Però, forse forse, sceglierei la Garfagnana, nell’Appennino Tosco Emiliano. Ci andavo spesso da bambino, è una zona ancora poco deturpata…

D) Si immedesimi in uno dei suoi personaggi, diciamo il presidente della Repubblica Napolitano. Che messaggio lancerebbe ai cittadini il Capo dello Stato, per invitarli a non sprecare, ad adottare comportamenti “green”?

R) (Voce impostata e cadenzata, sembra di avere il Presidente all’altro capo del telefono, NdR) Per quanto riguarda il mancato riciclo dei rifiuti, in politica non siamo stati da meno.

D) E Renzi?

R) (Parte il verace tono fiorentino, con tanto di difetti di pronuncia del sindaco di Firenze, NdR) Che ve devo dire? Io ho rottamato tutto, ora bisognerebbe pure bruciarlo questo rifiuto. Ma non son biodegradabili questi politici del passato! Son di titanio, maremma riciclata!

Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

dicembre 10, 2019

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

Mercoledì 4 dicembre, al Museo Nazionale della Montagna ”Duca degli Abruzzi” di Torino, ha preso il via il progetto Urban Forest, un’iniziativa che costituisce il nucleo centrale della mostra “Tree Time”, a cura di Daniela Berta e Andrea Lerda. Il bosco che circonda il Museo è infatti un vero e proprio bosco urbano nel centro della [...]

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

dicembre 10, 2019

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

La multinazionale svedese Essity – leader mondiale nei settori dell’igiene e della salute con brand come TENA, Nuvenia e Tempo – ha annuncia ieri un nuovo progetto di economia circolare che vede coinvolto lo stabilimento produttivo di Porcari (LU), in Toscana. Grazie ad un processo di riutilizzo degli scarti di cartiera, originariamente destinati alla discarica, [...]

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

dicembre 9, 2019

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

Ford Motor Company e McDonald’s USA hanno annunciato che presto daranno avvio ad un processo di trasformazione degli scarti dei chicchi di caffè, in componenti per le automobili, come l’alloggiamento dei fari. Ogni anno, durante la lavorazione di milioni di chicchi di caffè, l’involucro si stacca naturalmente durante il processo di tostatura. Oggi è tecnologicamente [...]

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

dicembre 5, 2019

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

Un racconto per immagini su un mondo surriscaldato dalle emissioni nocive,  invaso dalla plastica e dalla sporcizia, dove l’habitat naturale di animali e piante viene bruciato ed annientato.  Una storia che prende il nome di “De Ruina Terrae. L’impatto dell’uomo sulla natura” e che sarà possibile ripercorrere dal 5 (inaugurazione alle ore 19,00) al 7 [...]

Green Jobs: in libreria la nuova guida di Tessa Gelisio e Marco Gisotti

dicembre 5, 2019

Green Jobs: in libreria la nuova guida di Tessa Gelisio e Marco Gisotti

Quali sono le 100 professioni più richieste, oggi, in Italia? La risposta è nella nuovissima guida “100 green jobs per trovare lavoro”, firmata da Tessa Gelisio e Marco Gisotti – già autori nel 2008 della “Guida ai Green Jobs” – per Edizioni Ambiente (384 pagg. 18 euro), disponibile nelle librerie fisiche e digitali dal 21 novembre 2019: un vademecum per [...]

Ricerca AXA: cambiamento climatico prima preoccupazione per tre italiani su quattro

novembre 26, 2019

Ricerca AXA: cambiamento climatico prima preoccupazione per tre italiani su quattro

Il cambiamento climatico irrompe al primo posto in cima alla lista dei temi prioritari per gli italiani. È “il problema” per tre italiani su quattro, che pensano che abbia un impatto diretto sulla propria salute e che si tratti di una sfida collettiva con impatti sulla loro vita, a livello personale. Sono alcune delle principali evidenze [...]

Canapa Expo: una vetrina a 360° su un settore in crescita costante

novembre 21, 2019

Canapa Expo: una vetrina a 360° su un settore in crescita costante

Al via venerdì 22 novembre la seconda edizione di Canapa Expo presso il Parco Esposizioni Novegro a Milano. Centinaia di espositori e professionisti da Italia, Spagna, Germania, Danimarca, Svizzera e Paesi Bassi saranno a disposizione di famiglie, appassionati, curiosi, addetti ai lavori, medici e scienziati con migliaia di prodotti, sevizi e informazione per raccontare a 360° un settore che, complessivamente, si stima in crescita, al 2025, a 146 miliardi di dollari di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende