Home » Rubriche »Very Important Planet » Dario Vergassola: “Io, militante deluso dall’ambientalismo”:

Dario Vergassola: “Io, militante deluso dall’ambientalismo”

Che Dario Vergassola, comico tra i più brillanti della tv (“Parla con me” con Serena Dandini, ora a La7) sia un affabulatore arguto e tagliente è noto a tutti. Forse non tutti conoscono, però, il suo lato di ambientalista convinto. A cominciare dalla difesa della terra in cui è nato e vive, la Liguria. Zona di battaglie tenaci, per la salvaguardia di una lingua di mare, roccia, assolati borghi di case dipinte e natura tra le più belle del Nord Italia, il tratto che va da lì a ritroso fino alle Cinque Terre. Appena stuzzicato su questi argomenti, ecco che si delinea il Vergassola-pensiero, profondamente ispirato all’ecologia e alla sostenibilità, capace di fondere ironia, utopia e risolutezza d’opinione. E anche di questo parlerà mercoledì 14 marzo, a Serralunga d’Alba, nella splendida cornice della Fondazione Mirafiore, in mezzo ai vigneti di Fontanafredda.

D) Vergassola e l’ambientalismo, un matrimonio recente?

R) Veramente no. Ho condotto moltissime battaglie per la mia città, soprattutto contro la centrale termoelettrica dell’Enel. Avevo parecchi compagni di cordata, che poi si sono infilati in politica e me li sono ritrovati tutti assessori. Da qui si deduce che le battaglie di lotta erano belle che finite. Ricordo 25 anni fa: eravamo sulle coste a pulire le spiagge dai rifiuti con il retino. L’allora presidente di Legambiente è diventato poi uno dei vertici della già citata Enel, e allora ci passò la voglia e ogni fantasia. Lo stesso capitò quando ci impegnammo a ostacolare un’operazione di dragaggio delle coste: eravamo gli uni contro gli altri, e alla fine il progetto si dovette portare avanti perché erano arrivati i soldi dall’Europa, la campanella con cui si ricattano tutte le grandi opere.

D) A proposito di questo, come vive l’escalation di tensioni che si sta creando attorno alla Tav in Piemonte?

R) Sono confuso al riguardo. Non è cosa che tocca direttamente il mio territorio, ma non per questo non devo sforzarmi di avere un’opinione. Ho visto, qualche tempo fa, una trasmissione in cui erano invitati Travaglio e Bersani. Ne ho tratto qualche semplice dato: stando ai potenziali risultati numerici, il Tav sembra inutile. C’è già una ferrovia in quel tratto, che potrebbe essere notevolmente implementata. Se si bucano le montagne, bisogna poi fare molta attenzione alle falde acquifere. Insomma, a mio giudizio si può migliorare un Paese senza compiere operazioni di banditismo su di esso.

D) Se anche lei, che è sensibile al problema, non ha le idee chiare, non è forse mancata l’informazione?

R) Credo proprio di sì. E non è la prima volta che i nostri governi sembrano interessati a tenerci all’oscuro, piuttosto che renderci edotti. In generale, Tav o non Tav, non mi fido delle decisioni prese dai politici nostrani. Pensiamo al nucleare: per fortuna c’è stato un referendum, perché se la sicurezza dei siti è scappata di mano ai giapponesi, figuriamoci cosa avremmo combinato noi italiani…

D) Non si sente rappresentato dalla politica?

R) No.

D) Scendendo nel concreto, come i cittadini potrebbero contribuire a un modello di sostenibilità maggiore?

R) Non si riesce a capire da che parte andare. Credo che se a livello governativo, per fare un caso, imponessero per legge il cambio di tutte le caldaie con apparecchi a norma, e la sostituzione del metano con il solare per la maggior parte dei condomini, la gente non avrebbe resistenza ad adeguarsi. Chiaramente bisognerebbe indagare sulle speculazioni del fotovoltaico e dei pannelli eolici, prevenire infiltrazioni mafiose o simili. Ma questo potrebbe essere un aiuto massiccio a una politica ambientale ben fatta. Oppure, ho un’idea…

D) Ci dica.

R) Potremmo dichiarare in massa guerra alla Scandinavia o alla Danimarca!

D) Prego?

R) Sì. Poi arrenderci prima di combattere, così, a tavolino. Ci facciamo venire a conquistare e vedremo come si può rigare dritto! Non c’è altro modo…

D) Se fosse un politico al governo, quali decreti adotterebbe in difesa dell’ambiente?

R) Farei subito un tavolo per la Tav, per capire se è un intervento davvero necessario. Impedirei l’imbarbarimento di tutti i centri storici, dove sta sparendo la pietra arenaria, sostituita da una strana pietra indiana low cost che si distrugge alle piogge e al passaggio dell’auto. Darei impulso all’auto elettrica.

D) Che macchina guida?

R) Adesso un’Audi A4. Ho avuto per una vita mezzi a gas, quando ancora questo sistema di alimentazione non era diffuso.

D) E in casa, a quanti gradi è impostato il riscaldamento?

R) A La Spezia vivo in un appartamento a nord, per cui è impossibile risparmiare. Ma a Volastra ho una mini locanda, dove sto impiantando il solare. Sto cercando in ogni modo questi pannelli speciali di pietra, di cui  tutto il mondo parla, ma che in Italia non sono diffusi, per dare un senso estetico all’ambiente.

D) Domanda surrealista, se in un’altra vita si reincarnasse in un animale, cosa desidererebbe essere?

R) Un pesce, perché amo il mare. E’ pur vero che sono anche un pescatore, per cui sarebbe un insopportabile contrappasso: mi ritroverei sulla mia tavola, e sarebbe odioso! Forse è bene se impariamo a fare meglio gli umani, vivendo in modo più ecologico, senza rinunciare alle comodità.

D) Sembra complicato, viste le sue premesse e la grande sfiducia per la politica. Non ha mai pensato di fondare un partito?

R) No, per carità. Tutti gli amici che sono entrati in politica sono rincoglioniti dopo un anno, a furia di compromessi. E poi, non mi accontenterei: o imperatore della galassia o niente.

Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

agosto 9, 2018

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

E’ salpato sabato 21 luglio il primo Corso di Navigazione, Ambiente e Cultura del Centro Velico Caprera. Un’assoluta novità per la più prestigiosa scuola di vela del Mediterraneo che ha pensato di unire i contenuti di un classico corso di cabinato ad un’esperienza formativa dal punto di vista culturale e naturalistico, grazie alla presenza di un esperto [...]

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende