Home » Rubriche »Very Important Planet » Davide Carrera: l’apneista dei mari con il desiderio di terra:

Davide Carrera: l’apneista dei mari con il desiderio di terra

giugno 12, 2015 Rubriche, Very Important Planet

Più volte campione del mondo, più volte recordman mondiale  di apnea. E’ il torinese Davide Carrera, che ha regalato all’Italia  numerose soddisfazioni sportive internazionali. Ha iniziato a vent’anni, nel 1996 a Nizza, con la vittoria al campionato del mondo di apnea a squadre e da allora non si è più fermato:  nel 2001 ha conquistato  il record mondiale in immersione libera a Capri toccando – 91 metri,  l’ultimo successo è arrivato l’anno scorso nel mare di Santa Marina Salina, isole Eolie, dove ha  raggiunto  i – 94. Quando lo contattiamo per l’intervista, ci risponde dal suo orto: nonostante di lavoro faccia l’apneista, “ho un  desiderio profondissimo di terra e vado in crisi di astinenza quando ne sono lontano per troppo tempo”, impegnato  ad allenarsi per la partecipazione, tra settembre e ottobre, a due campionati mondiali.

D) Davide, lei ha dedicato la sua vita al mare, ma  è nato in una città industriale.  Come è iniziata la sua  immersione professionale  nel mondo liquido?

R)  Sono nato a Torino ma, per fortuna,  i miei nonni mi portavano spesso in Liguria. Il mio primo contatto con il mare è stato con loro. Da bambino sei più aperto a recepire le emozioni, a godere delle sensazioni che ti regala la vista dell’orizzonte. Un desiderio di entrare in stretto contatto con la natura che è rimasto sempre vivo anche se  da bambino piemontese, non vedendo un futuro a contatto con il mare,  sognavo di  fare il contadino. Anima di terra ben viva in me,  in questo momento ho le mani sporche di terra perché  sto piantando il prezzemolo nell’orto di casa.

D)  Quando è arrivata la svolta, quando ha capito che il suo futuro era il mare?

R)  La voce del mare negli inverni liguri, quando i nonni mi portavano a prendere l’aria buona, mi è entrata  in profondità.  Poi il  mare è uguale vacanza, uguale  libertà rispetto a Torino, anche se d’inverno praticavo nuoto in piscina. A 18 anni, terminate  le superiori,  ho iniziato a pormi delle domande  e paradossalmente mi sono iscritto alla Facoltà di Agraria.

D) Piedi ben piantati nella terra, ma con il mare come orizzonte…

R) Si, infatti, ho cercato di percorrere questa via. Ho conseguito il brevetto di  istruttore di apnea, preso  la patente nautica e iniziato a  lavorare in mare facendo lo skipper sulle barche a vela e  l’istruttore. Attività che mi piacevano e mi piacciono ancora tantissimo.  La svolta è arrivata quando ho conosciuto il mio idolo: Umberto Pelizzari (apneista di fama mondiale, ndr). Sono entrato a far parte  della sua squadra, ho imparato in sicurezza le regole di questo sport  e visto che la cosa che mi piaceva  il passo successivo sono state le  gare e i  record.

D) Quando si pensa ai campioni mondiali corre subito il pensiero ad una preparazione da laboratorio, incentrata soprattutto  sugli aspetti fisici mentre lei dedica grandi risorse alla meditazione?

R) Ho sempre alternato la preparazione fisica alla ricerca interiore, mi piace fare yoga e capire più a fondo me stessoalla ricerca di quella libertà interiore e di quel silenzio che ti regala la natura. Lo yoga  ti offre più serenità fuori dal mare, ti permette di trovare quel  silenzio che nella natura trovi in modo naturale. Una ricerca difficile in una  società  frenetica,  colma di ansie e paure.  Lo yoga è utile  per approfondire la tua consapevolezza, per me è importante quando devo affrontare una perfomance estrema perché mi aiuta a  trovare la pace in quella determinata situazione di stress. Una condizione  non naturale, l’animale non cerca il record, non cerca la prova estrema ma molto semplicemente si immerge

D) Lei pesca, ma non è in contraddizione con la sua filosofia?

R) Non sono vegano, non sono vegetariano,  eppure  la mia dieta  è quasi praticamente vegana perché si basa su frutta, verdura, semi e cereali; però mi capita di mangiare pesce, carne, uova e vedo questo mio approccio come  gli Indiani d’America, un rapporto intenso con Madre Terra. Il fatto di nutrirti di un pesce è accettare un  dono della natura, senza l’arroganza e la prepotenza umana, anche noi siamo parte di un mondo animale e bisogna accettare questo stato. Mi sembra sostenibile pescare quando mi trovo in mezzo al mare e  prego per l’ anima del pesce – sono cristiano –  ringrazio la natura, il mare, il pesce stesso mentre lo sto mangiando. Non lo arraffo. Penso sia più ecologico pescare che comprare un prodotto che viene dall’altra parte del mondo solo per dimostrare di essere più ligio ai miei ideali ambientali.  Una alimentazione prevalentemente  vegetale mi dà tutte le energie di cui ho bisogno, ma  cerco di sentirmi libero  in tutto e alterno agricoltura e pesca, amo entrambe le cose. Ho un  desiderio profondissimo di terra e vado in crisi di astinenza quando ne sono lontano per troppo tempo.  Mi piace ritornare a casa, seminare l’insalata , bagnarla, raccoglierla e  mangiarla.

D)  Registra i suoni delle balene, anzi il canto delle balene. Come mai?

D)  Sentire questi suoni è come un mantra, come le canzoni indiane  che si ripetono continuamente, creano  vibrazioni terapeutiche che ti rilassano in profondità, dei veri e propri stati meditativi. Mi piace appoggiarmi sul fondo, naturalmente in profondità agili dove posso stare per un po’ di tempo, e ricevere queste  vibrazioni forti sul  cuore che  rallentano il pensiero.

D Ha viaggiato tanto per mare, quale ama di più?

D Ho ricordi bellissimi di tanti posti diversi del Mediterraneo che ha un solo difetto: è  freddo d’inverno. Mi sono innamorato delle  Hawaii  soprattutto perché sono rimasto incantato dai canti delle balene, ho bellissimi  ricordi del mare  giapponese, del  Mar Rosso, delle Maldive. Voglio ricordare, durante una traversata oceanica in barca a vela, un tuffo in profondità  in Atlantico dove ho avuto la sensazione di entrare in un mare vergine. Magari sono stato il primo uomo a immergermi in quel tratto, a 60 metri con un silenzio totale, ed è stato come salire sulla vetta di una montagna altissima, dove nessuno o in pochi sono stati.

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

maggio 13, 2019

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

Per la comunità scientifica italiana, in particolare quella che studia i Poli, si tratta di un grande risultato, che aprirà la strada a nuovi studi. L’OGS, Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – grazie ad un finanziamento di 12 milioni di euro ricevuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – ha acquistato dalla norvegese Rieber [...]

Clean Cliff Project: il progetto di salvaguardia delle scogliere nato da due tuffatori estremi

maggio 4, 2019

Clean Cliff Project: il progetto di salvaguardia delle scogliere nato da due tuffatori estremi

Per la prima volta dalla nascita di questa competizione sportiva, uno speciale progetto di salvaguardia ambientale, accompagnerà la Red Bull Cliff Diving World Series, il campionato mondiale di tuffo da scogliere naturali, per lanciare un forte messaggio in difesa degli oceani, grazie alla volontà e tenacia di due giovanissimi campioni: Eleanor Townsend Smart, high diver americana, e Owen Weymouth, [...]

Amianto: sono ancora 125 milioni i lavoratori esposti al “killer silenzioso”

aprile 29, 2019

Amianto: sono ancora 125 milioni i lavoratori esposti al “killer silenzioso”

Domenica 28 aprile si è celebrata la “Giornata Mondiale delle Vittime dell’Amianto”, una ricorrenza per ricordare che, ancora oggi, sono circa 125 milioni i lavoratori esposti alla fibra killer, che provoca non meno di 107.000 decessi ogni anno (secondo le stime OMS), di cui circa 6.000 solo in Italia. Una guerra al “killer silenzioso” che non può essere vinta [...]

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

aprile 15, 2019

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

Il neozelandese Mitch Evans, del team Panasonic Jaguar, si è aggiudicato sabato 13 aprile il Gran Premio di Roma, settima tappa del campionato mondiale ABB FIA Formula E, “la formula 1 delle auto elettriche”. Al secondo posto Andrè Lotterer su DS Techeetah e al terzo Stoffel Vandoorne del team HWA Racelab. Secondo le stime degli organizzatori la gara è stata seguita [...]

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

marzo 29, 2019

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

Dall’11 al 13 aprile la città di Catania si prepara a ospitare ECOMED, la prima “green expo” siciliana dedicata ai temi della green economy e dell’economia circolare, riletti in prospettiva mediterranea (e non solo nazionale). Per tre giorni il più grande centro fieristico ai piedi dell’Etna – le suggestive “Ciminiere” – sarà la casa di [...]

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

marzo 15, 2019

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

Come sarà la viticoltura in Trentino nel 2099? A causa dei cambiamenti climatici tra 80 anni si vendemmierà con un anticipo fino alle 4 settimane. A calcolarlo è uno studio interdisciplinare condotto da Fondazione Edmund Mach e Centro C3A con l’Università di Trento e Fondazione Bruno Kessler. Lo studio indaga l’impatto dei cambiamenti climatici sulle fasi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende