Home » Rubriche »Very Important Planet » Davide Longo: camminare tra letteratura e paesaggio:

Davide Longo: camminare tra letteratura e paesaggio

settembre 7, 2012 Rubriche, Very Important Planet

Davide Longo è scrittore, regista di documentari, autore di testi teatrali e autore radiofonico. Nei suoi libri, la montagna è una presenza quasi costante: un ambiente “selvatico, spopolato, poco frequentato”, che proprio da queste caratteristiche trae il suo fascino. Ha esordito nel 2001 con il romanzo “Un mattino a Irgalem“, con il quale ha vinto il Premio Grinzane opera prima e il Premio Via Po. Nel 2004 è uscito il suo secondo romanzo “Il Mangiatore di Pietre“, Premio Città di Bergamo e Premio Viadana. Per Einaudi l’antologia “Racconti di Montagna” (2007). Vive a Torino dove insegna scrittura presso la Scuola Holden. Nella sua casa in Val Varaita (Cuneo) organizza residenze letterarie, in cui piccoli gruppi di persone vengono ospitati per due o tre giorni di scrittura e trekking. Oggi e domani sarà al Festivaletteratura di Mantova, dove reinterpreterà l’Ariosto nelle stanze di Palazzo Te.

D) Longo, nei suoi libri è quasi sempre presente la montagna. Qual è il suo rapporto con l’ambiente in quota?

R) È un rapporto molto stretto. Ho una casa sulla montagna cuneese, in Val Varaita, vado in montagna da quando avevo quattro anni. È però una montagna molto diversa da quella turistica di Trentino e Valle d’Aosta. Selvatica, spopolata, poco frequentata, ma proprio per questo mi affascina. In montagna vado a scrivere, a lavorare, e nella mia casa organizzo anche corsi di scrittura abbinati a trekking letterari: mi piace mescolare letteratura e paesaggio.

D) A proposito di trekking, lei terrà anche una camminata spirituale in occasione di Torino Spiritualità. Cosa le piace del camminare?

R) Camminare è una forma di meditazione molto semplice e accessibile a tutti. Mi piace portare le persone a camminare per rapportarsi con il paesaggio a una velocità diversa, più lenta . Ogni paesaggio è come una persona diversa: così la montagna, per esempio, ha un’infinità di sfumature.

D) Spesso però siamo abituati a usare solo la parola montagna per indicare quel tipo di paesaggio. Perché secondo lei?

R) Perché gli italiani non sono un popolo molto legato alla montagna, che associano principalmente a sentimenti come la solitudine, la noia, la fatica. I popoli nordici, al contrario, che non hanno molta montagna sul loro territorio, la amano. Quando vado a camminare, sui sentieri incontro sempre tanti tedeschi e olandesi e pochi italiani.

D) Ha mai raccontato questi trekking in un racconto o un romanzo?

R) No, non ho mai raccontato questi trekking lunghi in un libro. Bisognerebbe trovare un modo appropriato, letterario, per farlo, e per il momento non mi è ancora venuto in mente.

D) Lei è nato a Carmagnola, un paese originariamente agricolo. Che rapporto ha con quel mondo?

R) Come gran parte delle famiglie di Carmagnola, anche la mia famiglia è per tradizione una famiglia contadina. Carmagnola è stata fino agli anni Sessanta un piccolo centro dedito all’agricoltura e al piccolo artigianato. Poi, quando è arrivata la fonderia Fiat le cose sono cambiate. Prima era un posto in cui uscendo di casa si trovavano subito i campi e in parte è ancora così. Il paesaggio in cui sono cresciuto è una campagna molto piatta, molto calda in estate, umida e nebbiosa in inverno.  Ma non ho mai parlato di questo paesaggio nei miei romanzi, preferendo la montagna e la collina: Carmagnola è anche vicina alle Langhe e al Roero, dove c’erano i miei miti Fenoglio e Pavese, che hanno raccontato quel territorio.

D) In passato ha collaborato anche con Slow Food. Che rapporto c’era tra l’associazione e i luoghi in cui è nata?

R) Io ho fatto il liceo a Bra, e molti miei compagni di scuola lavorano adesso in Slow Food. Pur non avendo partecipato al movimento da cui poi nacque l’associazione, ricordo che per quei luoghi fu un fenomeno esaltante. E’ stata una delle poche organizzazioni in Italia in cui i giovani hanno rivestito ruoli anche molto importanti. Penso che anche questa sia stata la sua forza.

Veronica Ulivieri

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

settembre 1, 2020

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

Il gas naturale è da tempo una delle principali fonti energetiche del mondo e potrebbe ulteriormente acquisire un ruolo chiave nella “transizione energetica”, come recentemente evidenziato dal Global Gas Report 2020 di International Gas Union (IGU), BloombergNEF (BNEF) e Snam e, sul fronte italiano, dalle proiezioni dello Studio Confindustria – Nomisma Energia “Sistema gas naturale [...]

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

giugno 26, 2020

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

Circularity, start up innovativa fondata nel 2018 con l’obiettivo di rivoluzionare il mondo dei rifiuti in Italia, ha lanciato il primo motore di ricerca per raccogliere informazioni e concludere transazioni che consentano alle imprese industriali di attivare processi di economia circolare e gestire i rifiuti come una risorsa e non soltanto come un costo e [...]

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

giugno 4, 2020

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

L’uso del condizionatore gonfia notevolmente le bollette elettriche delle famiglie, con importanti conseguenze sulla loro “povertà energetica”. Lo rivela uno studio condotto da un gruppo di ricerca dell’Università Ca’ Foscari Venezia e del Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC), appena pubblicato sulla rivista scientifica Economic Modeling. Studi precedenti realizzati negli Stati Uniti stimano un incremento [...]

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

giugno 4, 2020

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

E’ in fase di partenza l’edizione 2020 del progetto Green Jobs, nato per promuovere la crescita di competenze e sensibilità nel settore dell’economia circolare attraverso attività formative sul territorio: CONAI e l’Università degli Studi della Basilicata daranno, anche quest’anno, la possibilità a ottanta laureati della Regione di partecipare gratuitamente a un iter didattico per facilitare [...]

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

maggio 27, 2020

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

Quanto la second hand economy sia ormai rilevante nell’economia nazionale italiana lo conferma la sesta edizione dell’Osservatorio Second Hand Economy condotto da BVA Doxa per Subito, piattaforma leader in Italia per la compravendita di oggetti usati, con oltre 13 milioni di utenti unici mensili, che ha evidenziato come il valore generato da questa forma di “economia [...]

Möves: a Milano al lavoro in eBike

maggio 20, 2020

Möves: a Milano al lavoro in eBike

Anche a Milano finisce il lockdown e nasce Möves (dal gergo dialettale milanese: “muoviamoci“), un progetto dedicato alle aziende del capoluogo lombardo che vogliono agevolare la mobilità in sicurezza dei propri dipendenti. In base ai dati emersi da un censimento, il numero di residenti milanesi che si sposta quotidianamente per recarsi al luogo di lavoro [...]

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

maggio 15, 2020

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

Tra i provvedimenti varati dal Governo il nuovo “Decreto Rilancio” prevede l’innalzamento delle detrazioni dell’Ecobonus e del Sismabonus al 110% a partire dal 1° luglio 2020, aprendo importanti opportunità di rilancio per il settore immobiliare nel dopo emergenza Covid. “Grazie al ‘Decreto Rilancio’ e al Superbonus al 110% sarà possibile intervenire sulle nostre città con [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende