Home » Rubriche »Very Important Planet » Davide Odore: “Conoscere le materie prime vuol dire far attenzione ai luoghi e non sprecare”:

Davide Odore: “Conoscere le materie prime vuol dire far attenzione ai luoghi e non sprecare”

dicembre 5, 2014 Rubriche, Very Important Planet

Poco più che trentenne, lo chef Davide Odore ha già una lunga esperienza alle spalle in Roero e in Langa, con un occhio alla cultura culinaria italiana, francese e perfino anglosassone, attraverso la rockstar dei fornelli Marco Pierre White. Ha iniziato al Vicoletto di Alba, uno dei primi ristoranti stellati, per proseguire alle Clivie a Piobesi di Alba, dove ha lavorato fino ai 24 anni. Con Giacoma, conosciuta alle Clivie, apre successivamente Io e Luna, nella frazione Montebello. Mentre oggi dirige la cucina del rinato Castello di Guarene. Considerato tra i migliori chef emergenti, Davide Odore si racconta oggi a Greenews.

D) Davide, tre aggettivi per definire la sua cucina…

R) Autentica, passionale e primordiale. Primordiale perché l’ispirazione mi arriva da dentro, nelle mie scelte non seguo mode come la “cucina molecolare”, né amo fare spettacolo per la tv. Mi piacciono le cose semplici. Cerco di abbinare il tutto in un modo naturale, con passione.

D) Quanto la sua cucina è influenzata dalle sue origini e dal suo territorio?

R) È fondamentale. Credo molto nella tradizione, sono profondamente legato alle mie radici. Cerco poi di rielaborarle con abbinamenti attuali, realizzati con le nuove tecniche di cucina, ma l’ispirazione nasce dalla tradizione contadina. Cerco di riprodurre oggi la stessa atmosfera di semplicità e condivisione della tavola di una volta, anche se dietro ogni mio piatto c’è una grande ricerca.

D) Qual è il suo concetto di ambiente come chef e come uomo?

R) L’ambiente è parte fondamentale del nostro modo di vivere e di essere. Non si può avere una certa sensibilità nei confronti di una materia prima se non si ha la stessa sensibilità per il suo luogo di origine. Il tipo di territorio, il modo di allevare gli animali e produrre le verdure sono criteri cui faccio attenzione per scegliere i miei fornitori. Siamo come mangiamo, ma anche come viviamo. Se siamo maleducati nei confronti dell’ambiente non sapremo nemmeno apprezzare il valore di ciò che troviamo nel piatto

D) Quali sono gli alimenti che preferisce raccontare quando cucina?

R) Vado a periodi. Non ho un alimento preferito. Amo tutta la cucina, dal pane alla pasta, la pasticceria, la carne, il pesce, le verdure. A seconda del mio stato d’animo o del periodo in cui mi trovo, mi appassiono di più a uno o all’altro.

D) Pensa che l’Italia abbia ancora un vantaggio nella qualità delle materie prime?

R) Certo. Forse non siamo bravi a valorizzarle, ma qualitativamente abbiamo delle materie prime meravigliose, siamo molto avanti rispetto ad altri paesi.

D) Che tipo di sensibilità ambientale trova nei suoi fornitori?

R) Come dicevo prima, per me è un criterio fondamentale di scelta. I miei fornitori sono pochi, selezionati in anni di lavoro, sono persone che credono nell’ambiente, gli allevatori sono sensibili alla qualità della vita dei loro animali, tanto da produrre loro stessi il cibo per nutrirli. Per le verdure abbiamo diversi contadini che seguono standard molto alti di produzione. Hanno tutti, in un modo o nell’altro, lo stesso stile di vita, condividono il nostro punto di vista, proprio come nell’amicizia si condividono valori affini.

D) A livello personale, quali sono le piccole cose che fa ogni giorno per rispettare l’ambiente?

R) Cerco la parsimonia negli sprechi: risparmio sui rubinetti aperti, organizzo il lavoro in modo da ottimizzare i volumi di energia e di gas utilizzati.

D) Cosa ne pensa della filosofia a “Km 0” e quanto crede sia applicabile in cucina di alto livello?

R) È possibile, ma non lo ritengo necessario. Trovo che la selezione dei fornitori in base a certi valori sia più importante, ma non necessariamente questi valori devono appartenere al vicino di casa…

D) Quali sono i suoi consigli pratici per la spesa quotidiana?

R) Conoscere bene l’alimento che si acquista. Conoscere le materie prime e saperle lavorare permette di usarle in vari modi, anche quando non sono più freschissime. Un pomodoro di qualche giorno non lo consumi più a crudo, ma per la salsa va benissimo. Se si conosce si risparmia, si riducono gli sprechi.

D) Cosa ne pensa dell’esplosione vegetariana e vegana?

R) Dipende. Se ci sono motivi fondati alla base, rispetto la scelta. Se invece è solo stare dietro alle diete o ai falsi stili di vita senza coerenza, trovo sia semplicemente una moda. Io penso sia stata la globalizzazione ad avere rovinato la produzione di carne. Ma i piccoli allevatori funzionano e sono affidabili. Credo siano loro la risposta, piuttosto che condurre false battaglie per privare il mondo della carne.

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Camerlenghi, nuovo presidente AIGAE: “Il turismo ambientale è in grande crescita”

dicembre 20, 2017

Camerlenghi, nuovo presidente AIGAE: “Il turismo ambientale è in grande crescita”

Filippo Camerlenghi, coordinatore delle Guide Ambientali Escursionistiche (GAE) della Lombardia è il nuovo Presidente Nazionale di AIGAE. Camerlenghi, 52 anni, laureato in Scienze della Terra presso l’Università Statale di Milano, è ideatore e promotore di importanti progetti di educazione ambientale e divulgazione scientifica e opera anche come guida europea in Francia, Spagna, Germania, Svizzera, Islanda, in [...]

AccorHotels e l’agricoltura verticale: debutta al Novotel Milano il “Living Farming Tree”

dicembre 18, 2017

AccorHotels e l’agricoltura verticale: debutta al Novotel Milano il “Living Farming Tree”

Debutta a Milano con AccorHotels la prima installazione del Living Farming Tree, l’innovativo orto verticale indoor firmato Hexagro Urban Farming, startup italiana composta da un team internazionale di ingegneri, designer industriali e gastronomi. In linea con gli obiettivi del proprio programma di sviluppo sostenibile Planet21 volto a promuovere un’ospitalità positiva e virtuosa, il gruppo leader mondiale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende