Home » Rubriche »Very Important Planet » Davide Odore: “Conoscere le materie prime vuol dire far attenzione ai luoghi e non sprecare”:

Davide Odore: “Conoscere le materie prime vuol dire far attenzione ai luoghi e non sprecare”

dicembre 5, 2014 Rubriche, Very Important Planet

Poco più che trentenne, lo chef Davide Odore ha già una lunga esperienza alle spalle in Roero e in Langa, con un occhio alla cultura culinaria italiana, francese e perfino anglosassone, attraverso la rockstar dei fornelli Marco Pierre White. Ha iniziato al Vicoletto di Alba, uno dei primi ristoranti stellati, per proseguire alle Clivie a Piobesi di Alba, dove ha lavorato fino ai 24 anni. Con Giacoma, conosciuta alle Clivie, apre successivamente Io e Luna, nella frazione Montebello. Mentre oggi dirige la cucina del rinato Castello di Guarene. Considerato tra i migliori chef emergenti, Davide Odore si racconta oggi a Greenews.

D) Davide, tre aggettivi per definire la sua cucina…

R) Autentica, passionale e primordiale. Primordiale perché l’ispirazione mi arriva da dentro, nelle mie scelte non seguo mode come la “cucina molecolare”, né amo fare spettacolo per la tv. Mi piacciono le cose semplici. Cerco di abbinare il tutto in un modo naturale, con passione.

D) Quanto la sua cucina è influenzata dalle sue origini e dal suo territorio?

R) È fondamentale. Credo molto nella tradizione, sono profondamente legato alle mie radici. Cerco poi di rielaborarle con abbinamenti attuali, realizzati con le nuove tecniche di cucina, ma l’ispirazione nasce dalla tradizione contadina. Cerco di riprodurre oggi la stessa atmosfera di semplicità e condivisione della tavola di una volta, anche se dietro ogni mio piatto c’è una grande ricerca.

D) Qual è il suo concetto di ambiente come chef e come uomo?

R) L’ambiente è parte fondamentale del nostro modo di vivere e di essere. Non si può avere una certa sensibilità nei confronti di una materia prima se non si ha la stessa sensibilità per il suo luogo di origine. Il tipo di territorio, il modo di allevare gli animali e produrre le verdure sono criteri cui faccio attenzione per scegliere i miei fornitori. Siamo come mangiamo, ma anche come viviamo. Se siamo maleducati nei confronti dell’ambiente non sapremo nemmeno apprezzare il valore di ciò che troviamo nel piatto

D) Quali sono gli alimenti che preferisce raccontare quando cucina?

R) Vado a periodi. Non ho un alimento preferito. Amo tutta la cucina, dal pane alla pasta, la pasticceria, la carne, il pesce, le verdure. A seconda del mio stato d’animo o del periodo in cui mi trovo, mi appassiono di più a uno o all’altro.

D) Pensa che l’Italia abbia ancora un vantaggio nella qualità delle materie prime?

R) Certo. Forse non siamo bravi a valorizzarle, ma qualitativamente abbiamo delle materie prime meravigliose, siamo molto avanti rispetto ad altri paesi.

D) Che tipo di sensibilità ambientale trova nei suoi fornitori?

R) Come dicevo prima, per me è un criterio fondamentale di scelta. I miei fornitori sono pochi, selezionati in anni di lavoro, sono persone che credono nell’ambiente, gli allevatori sono sensibili alla qualità della vita dei loro animali, tanto da produrre loro stessi il cibo per nutrirli. Per le verdure abbiamo diversi contadini che seguono standard molto alti di produzione. Hanno tutti, in un modo o nell’altro, lo stesso stile di vita, condividono il nostro punto di vista, proprio come nell’amicizia si condividono valori affini.

D) A livello personale, quali sono le piccole cose che fa ogni giorno per rispettare l’ambiente?

R) Cerco la parsimonia negli sprechi: risparmio sui rubinetti aperti, organizzo il lavoro in modo da ottimizzare i volumi di energia e di gas utilizzati.

D) Cosa ne pensa della filosofia a “Km 0” e quanto crede sia applicabile in cucina di alto livello?

R) È possibile, ma non lo ritengo necessario. Trovo che la selezione dei fornitori in base a certi valori sia più importante, ma non necessariamente questi valori devono appartenere al vicino di casa…

D) Quali sono i suoi consigli pratici per la spesa quotidiana?

R) Conoscere bene l’alimento che si acquista. Conoscere le materie prime e saperle lavorare permette di usarle in vari modi, anche quando non sono più freschissime. Un pomodoro di qualche giorno non lo consumi più a crudo, ma per la salsa va benissimo. Se si conosce si risparmia, si riducono gli sprechi.

D) Cosa ne pensa dell’esplosione vegetariana e vegana?

R) Dipende. Se ci sono motivi fondati alla base, rispetto la scelta. Se invece è solo stare dietro alle diete o ai falsi stili di vita senza coerenza, trovo sia semplicemente una moda. Io penso sia stata la globalizzazione ad avere rovinato la produzione di carne. Ma i piccoli allevatori funzionano e sono affidabili. Credo siano loro la risposta, piuttosto che condurre false battaglie per privare il mondo della carne.

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Presidente Trump, ci sorprenda!”. La campagna ambientalista per sensibilizzare il nuovo inquilino della Casa Bianca

gennaio 16, 2017

“Presidente Trump, ci sorprenda!”. La campagna ambientalista per sensibilizzare il nuovo inquilino della Casa Bianca

Venerdì 20 gennaio, in concomitanza con l’insediamento alla Casa Bianca del nuovo presidente eletto degli Stati Uniti, Donald Trump, i presidenti di alcune associazioni ambientaliste italiane si ritroveranno in Piazza Barberini a Roma, per presentare la campagna “Surprise us, President Trump!”. La Campagna nasce, come azione “preventiva”, a seguito delle preoccupazioni destate, tra gli ambientalisti di [...]

AAA Provvedimenti Attuativi Cercasi. Il ritardometro di Assorinnovabili per pungolare la politica

gennaio 13, 2017

AAA Provvedimenti Attuativi Cercasi. Il ritardometro di Assorinnovabili per pungolare la politica

La normativa c’è ma non è applicabile. Questa è oggi la situazione nel settore delle energie rinnovabili in Italia. Risultato? Se ne parla tanto, i politici si riempono la bocca di “green”, ma lo stallo rischia di danneggiare gravemente l’intero comparto delle rinnovabili e dell’efficienza energetica. Le regole, spiega Assorinnovabili, dunque ci sono, ma mancano [...]

A Klimahouse 2017 tornano gli Enertour e arriva il modulo Biosphera 2.0

gennaio 12, 2017

A Klimahouse 2017 tornano gli Enertour e arriva il modulo Biosphera 2.0

Un’edizione “ad alto grado di innovazione” per Klimahouse 2017, fiera di riferimento internazionale per l’efficienza energetica e il risanamento in edilizia, in programma a Fiera Bolzano dal 26 al 29 gennaio. Formula vincente di Klimahouse è l’ormai calibrato mix tra uno spazio espositivo, dedicato alle novità di prodotto proposte da 450 selezionate aziende di settore [...]

Artico, Inuit e cambiamenti climatici. Una mostra fotografica a Venezia

gennaio 12, 2017

Artico, Inuit e cambiamenti climatici. Una mostra fotografica a Venezia

La difesa di uno degli ultimi ambienti naturali non ancora sfruttati dall’uomo, il pericolo imminente del riscaldamento globale, la sensibilizzazione verso i temi della sostenibilità ambientale e del cambiamento climatico, la dialettica tra natura e civiltà. Sono questi gli argomenti attorno cui ruota la mostra “Artico. Ultima frontiera” in programma dal 15 gennaio al 2 aprile 2017 [...]

Energia 100% pulita per le società pubbliche del servizio idrico lombardo

gennaio 11, 2017

Energia 100% pulita per le società pubbliche del servizio idrico lombardo

Dal 1° gennaio 2017 le aziende pubbliche del servizio idrico lombardo, che nei mesi scorsi avevano emesso una gara congiunta per la fornitura di energia elettrica, si riforniscono solo più con energia prodotta da fonti rinnovabili. L’opzione “verde”, che impegna il fornitore a consegnare energia al 100% ottenuta da fonti rinnovabili certificate, consentirà di evitare l’immissione [...]

Dallas, la città dei petrolieri progetta un futuro “green”

gennaio 10, 2017

Dallas, la città dei petrolieri progetta un futuro “green”

“Big things happen here” è il motto con cui la città americana di Dallas punta ad attrarre i turisti internazionali, compresi gli Italiani, ai quali è stato riservato anche l’hashtag #DallasValeUnViaggio. E in questo caso la grandezza degli investimenti in campo tiene sicuramente fede al claim: si parla infatti di progetti mirati ad una rivitalizzazione della [...]

Noxamet: una campagna di equity crowdfunding per abbattere i pesticidi

gennaio 10, 2017

Noxamet: una campagna di equity crowdfunding per abbattere i pesticidi

E’partita il 9 gennaio la campagna nazionale “Fitofarmaci? No grazie” sul portale di equity crowdfunding WeAreStarting, promossa dalla PMI Innovativa Noxamet, spin-off  nata dalla collaborazione tra i team di ricerca delle Università degli Studi di Pavia e di Siena sul progetto “Biotechnology” promosso dal Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR). I due team universitari, il primo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende