Home » Rubriche »Very Important Planet » Davide Silvestri per Acqua for Life: un giorno con 10 litri:

Davide Silvestri per Acqua for Life: un giorno con 10 litri

giugno 19, 2015 Rubriche, Very Important Planet

Classe 1981, Davide Silvestri è uno dei volti giovani della televisione e del cinema italiano. Membro del cast di Vivere e Squadra Mobile, per citare alcune delle serie TV cui ha preso parte, è stato diretto da Marco Ponti, fra gli altri, e ha recitato in teatro. Green Cross lo ha scelto, insieme ad altri personaggi noti, come testimonial della campagna Acqua for Life organizzata insieme a Giorgio Armani. L’iniziativa, partita il 22 aprile in concomitanza del Giorno della Terra, prosegue fino al 30 giugno e vede i social media protagonisti della diffusione del messaggio a salvaguardia dell’acqua. Ogni testimonial, infatti, posterà foto contraddistinte dall’hashtag #1dayon10Liters.

D) Davide, perché hai scelto di partecipare a questa iniziativa con Green Cross?

R) Ho già collaborato come testimonial di Green Cross in passato, ma li seguo da molti anni prima. Questa iniziativa mi ha subito entusiasmato: da sempre sostengo l’ambiente e sono un animalista convinto, con questa collaborazione ho anche l’opportunità di salvaguardare l’acqua.

D) Qual è la tua azione all’interno di questo progetto?

R) Tutti i testimonial hanno ricevuto delle taniche da 10 litri d’acqua. Dobbiamo riuscire a utilizzare solo 10 litri nell’arco della giornata, senza sprechi, e lo documentiamo con foto postate sui social network. Io vorrei dare un’immagine che colleghi l’acqua a una visione più ampia della natura, che comprenda il verde e gli animali. Per questo ho scelto di fare delle fotografie più che altro simboliche, che comunichino il messaggio della riduzione dello spreco e dell’amore la natura tutta.

D) Qual è il tuo rapporto personale con la natura?

R) Sto bene in mezzo alla natura. È un istinto, mi sento figlio della natura, mi arrabbio quando penso che stiamo distruggendo con le nostre mani questo mondo datoci solo in prestito, è come prestare la casa a qualcuno che poi te la vandalizza. Io ho rispetto per quello che lascerò a chi viene dopo di me. Ed è rispetto anche per me stesso, perché qui ci vivo.

D) Quali sono le azioni quotidiane che compi per rispettare l’ambiente?

R) La raccolta differenziata in primis. Faccio ancora un po’ fatica a metterla in pratica senza errori, ci sono troppe regole e non sempre chiare. Penso che dovrebbe essere semplificata: da un’attività quasi divertente diventa uno stress, perché è tutto troppo complicato. Poi cerco di non sprecare acqua: quando mi lavo i denti o faccio la doccia apro il rubinetto solo per sciacquarmi. Non butto mai carte per terra: a questo proposito rimprovero le grandi città che non attrezzano le strade con abbastanza cestini per raccogliere l’immondizia. A Roma o a Milano devi fare chilometri per buttare un pezzo di carta. Il che un po’ giustifica certi comportamenti. Non c’è aiuto, sembra quasi si voglia penalizzare l’impegno delle persone.

D) Hai scelto di partecipare a un progetto per la salvaguardia dell’acqua: fra i tanti problemi ambientali pensi sia questo il più urgente?

R) Credo che l’acqua sia uno dei problemi fondamentali, l’acqua ci dà la vita, insieme all’ossigeno. Trovo gravissima e tristissima la nostra noncuranza, l’acqua scarseggia e la poca buona che abbiamo la inquiniamo. Ci stiamo facendo male da soli, siamo poco rispettosi della Terra e diventiamo ridicoli nei nostri stessi confronti.

D) Pensi che un personaggio pubblico debba sfruttare la propria notorietà per contribuire a creare una coscienza ambientale?

R) Assolutamente sì. Non dobbiamo sperare di trovarci nei giornali per qualche scoop o gossip, dovremmo usare i giornali per sensibilizzare le altre persone su temi importanti!

D) Hai mai pensato di partecipare a uno spettacolo a tema ambientale?

R) Non mi è mai stato proposto ma spero capiti presto in futuro!

D) Hai raccolto tante esperienze con tanti media diversi, dal cinema al teatro alla televisione: secondo te qual è il più adatto per fare comunicazione ambientale?

R) Ognuno è importante a modo suo, non si può fare un paragone, ma credo che il mezzo a maggior diffusione e più veloce rimanga la televisione. È importante anche il teatro, perché parlare al pubblico di persona ha un’efficacia maggiore.

D) Sei molto attivo sui social: pensi che possano davvero aiutare a raggiungere i più giovani e a sensibilizzarli verso l’ambiente?

R) Assolutamente sì, anzi, credo che ormai si comincino ad abbattere le barriere di età. Anche i social fanno parte del mondo dei media e sono pari alla televisione, non hanno contatto diretto ma riescono a raggiungere un grande numero di persone.

D) Sei un appassionato di cucina: come riempi il tuo carrello della spesa? Fai attenzione alla provenienza e alla qualità del cibo che scegli?

R) Purtroppo quel tipo di attenzione non mi è stato trasmesso, non sono ancora così esperto per capire cosa comprare per sostenere l’ambiente, devo ancora fare esperienza, ma un po’ per volta conto di imparare presto…

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende