Home » Bollettino Europa »Rubriche » Dazi sui pannelli solari cinesi, l’UE sceglie di giocare duro:

Dazi sui pannelli solari cinesi, l’UE sceglie di giocare duro

giugno 10, 2013 Bollettino Europa, Rubriche

L’aumento dei dazi doganali sui pannelli solari cinesi è diventato realtà. Il caso di dumping che ha tenuto banco per mesi sembra archiviato, nonostante la contrarietà e i dubbi di alcuni Stati membri. A seguito di un’indagine che ha tenuto occupata la Commissione Europea per nove mesi, l’UE ha deciso di imporre misure antidumping sulle importazioni di pannelli, celle e wafer solari dalla Cina.

Secondo l’Esecutivo di Bruxelles le aziende cinesi stanno infatti violando la legge sul commercio internazionale vendendo moduli fotovoltaici sul mercato europeo al di sotto del loro normale valore di mercato, provocando un significativo effetto distorsivo sulla performance finanziaria e operativa degli operatori europei. Soprattutto su quelle aziende altamente innovative e sui produttori locali.

Si stima che in tre anni abbiano chiuso 60 aziende europee delle quali 30 solo in Germania. L’approccio sarà graduale, per evitare di perturbare il mercato delle importazioni. Dazi al 11,8% fino al 6 agosto 2013, al fine di dare alla Cina un termine ultimo per le negoziazioni. Qualora non si raggiunga nessun accordo, verrà applicato l’intero dazio. La tassa sarà, cioè, fissata al 47,6%, livello necessario per eliminare la distorsione causata dal dumping. Nel complesso, il dazio provvisorio sarà applicato per un massimo di sei mesi. Il livello della tassa non è punitivo, ma viene fissato al minimo necessario per ristabilire condizioni di parità per l’industria europea. Questo perché l’UE applica la cosiddetta “regola del dazio inferiore”. Il valore reale di un pannello cinese venduto in Europa dovrebbe essere dell’88% superiore al prezzo a cui sono effettivamente vendute. Tuttavia, i dazi provvisori sono assai inferiori a questo tasso corrispondente al dumping a cui sono soggetti i pannelli prodotti nel Vecchio Continente.

Senza contare che le imprese orientali dominano l’80% del mercato con una capacità di produzione del 150% del consumo globale. Inoltre, la Commissione ha respinto le paure che le misure possano rallentare il mercato dei pannelli solari oppure danneggiare gli installatori o fornitori europei. Al contrario, l’UE prevede il ripristino di una concorrenza leale, e quindi una maggiore varietà di produttori ed una crescita, sulla lunga distanza, in termini di impiego nel settore solare europeo. La misura fiscale, sostiene la Commissione, salvaguarderebbe, infatti, venticinquemila posti di lavoro esistenti in questo settore produttivo oltre a crearne di nuovi. Come avvenuto, lo scorso anno, negli Stati Uniti. Effetti certamente benefici per l’industria europea delle energie rinnovabili.

Milan Nitzschke, Presidente di EU ProSun, ha commentato con durezza: “Gli argomenti delle lobby sostenute dai cinesi sono assurdi ed un insulto alle reali capacità tecnologiche europee. Dire che uno spostamento verso l’energia solare è possibile solo con beni soggetti a dumping equivale a dire che le prestazioni sportive sono possibili solo con il doping. Dumping significa frode“.

I rapporti con il gigante asiatico si fanno quindi tesi, anche alla luce degli interessi che ci sono in gioco. La Cina, dal canto suo, si oppone fermamente al protezionismo e si dice disposta a trovare una soluzione, accettabile per entrambe le parti, nel quadro dei dispositivi commerciali bilaterali e per promuovere lo sviluppo della partnership economica tra la Cina e l’UE. La decisione europea aveva già provocato minacce di rappresaglie commerciali preventive da parte del governo di Pechino, ma la Commissione ha di fatto ignorato il monito cinese. Tuttavia, si conferma disponibile a dialogare con gli esportatori e con la Camera di Commercio cinese per trovare una soluzione in linea con l’articolo 8 del Basic Anti-Dumping Regulation, augurandosi che i dazi possano essere sospesi a seguito di un negoziato positivo. A questo proposito nelle prossime settimane dovrebbe riunirsi l’Eu-China Joint Committee proprio per discutere i rapporti commerciali tra i due contendenti. Nessuno, infatti, uscirebbe vincitore da una guerra commerciale. La Cina dovrà ora fare proposte importanti, inclusa la cessazione definitiva del dumping distruttivo. In caso contrario, saranno applicate automaticamente le tariffe più alte. Anche l’UE dovrà però rimboccarsi le maniche. È, infatti, fondamentale che per dicembre gli Stati membri riflettano sull’adozione di misure definitive in tema di difesa commerciale anche perché entro il 5 dicembre l’UE dovrà decidere se istituire dazi antidumping definitivi per cinque anni. Il rebus cinese potrebbe, tuttavia, non essere così facile da risolvere. Come già accennato, infatti, non sono pochi gli scettici nei confronti della misura adottata dalla Commissione.

L’Associazione AFASE (Alleanza per un’Energia Solare Accessibile) è contrariata dalla decisione della Commissione, che ha di fatto ignorato le posizioni espresse da 18 dei 27 Stati Membri (tra cui la Germania), che hanno votato contro l’adozione dei dazi. Il timore è quello che, anche se il livello di tassazione fissato per i primi due mesi è inferiore a quello atteso, verrà comunque danneggiata seriamente l’industria solare europea. Gli attuali sviluppi del mercato non lasciano spazio ad un aumento dei prezzi. Perciò, anche dazi all’11,8% bloccheranno la realizzazione della gran parte dei progetti fotovoltaici nell’Unione Europea, causando gravi danni alla catena di valore del solare europeo. Secondo l’istituto indipendente di ricerca economica Prognos, dazi del 20% potrebbero costare all’economia europea fino a 175.500 posti di lavoro e 18 miliardi di Euro in valore aggiunto, nell’arco dei prossimi tre anni. L’appello a entrambe le parti è quindi quello di raggiungere, entro i prossimi due mesi, un accordo che eviti l’aumento dei costi, tenendo in considerazione gli interessi dei settori europei a monte e a valle dell’industria solare.

Beatrice Credi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende