Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » “Del comune”: la privatizzazione delle risorse e il movimento dei commons:

“Del comune”: la privatizzazione delle risorse e il movimento dei commons

maggio 5, 2015 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Le battaglie per la «democrazia reale», il «movimento delle piazze», le nuove «primavere» dei popoli, le lotte studentesche contro l’università capitalista, le mobilitazioni per il controllo popolare della distribuzione idrica non sono affatto eventi caotici e aleatori, esplosioni accidentali e passeggere, jacqueries disperse e prive di scopo. Secondo gli studiosi francesi Christian Laval e Pierre Dardot, autori del libro “Del comune o della rivoluzione nel XXI secolo“, da poco pubblicato dalla casa editrice DeriveApprodi, queste lotte politiche rispondono alla razionalità politica del comune, sono ricerche collettive di nuove forme di democrazia. L’obiettivo del volume è identificare nel principio politico del comune il senso dei movimenti, delle lotte e dei discorsi che un po’ ovunque nel mondo, in questi ultimi anni, si sono opposti alla razionalità neoliberista. Per la rubrica “Racconti d’Ambiente“, pubblichiamo oggi un estratto del terzo capitolo, intitolato “La grande appropriazione e il ritorno dei commons“.

Tra la fine degli anni Ottanta e gli anni Novanta del XX secolo, l’enorme trasferimento di beni e di capitali dallo Stato al settore privato – in questo si condensavano le cosiddette «terapie d’urto» o le «transizioni verso l’economia di mercato» negli ex paesi comunisti – è stato uno dei fattori determinanti di questa grande appropriazione. Ma anche alcuni paesi capitalisti del «centro» e della «periferia» hanno aperto al capitale ambiti di attività economica e settori sociali che dalla fine del XIX secolo era sottratti al suo controllo diretto: cessioni al settore privato di aziende ferroviarie pubbliche, imprese nazionali di estrazione mineraria, siderurgia, cantieri navali, produzione e distribuzione dell’acqua, gas ed elettricità, servizi postali e di telecomunicazioni, televisione; parziale privatizzazione degli ammortizzatori sociali, dei sistemi di previdenza, dell’insegnamento superiore, dell’istruzione, della sanità; introduzione di meccanismi concorrenziali e di criteri di redditività nel sistema dei servizi pubblici in genere. Gli effetti sui rapporti sociali sono stati considerevoli. In circa trent’anni sono cresciute enormemente le diseguaglianze, sono esplose le ricchezze dei più ricchi, la speculazione edilizia ha accelerato i processi di segregazione urbana. (…)

Questo movimento generale di enclosure sarebbe diretto dalle grandi imprese multinazionali sostenute dai governi, a loro volta sottomessi alla logica del mercato. (…) Si considerino, a mo’ di esempio di questa espansione, l’espropriazione del controllo sulle sementi, perpetrata ai danni dei contadini indigeni da parte delle grandi multinazionali dell’agroalimentare quali Monsanto; oppure, lo sviluppo di brevetti testati sul mondo vivente sotto la pressione delle imprese biotech; o ancora il monopolio, da parte di giganti dell’informatica, come Microsoft, sui brevetti dei software più diffusi nel mondo.

Denunciare le «nuove enclosures», dunque, significa porre l’accento su un insieme di tendenze inseparabili dall’attuale globalizzazione capitalistica. La parola «recinzione», d’altronde, designa la pratica dell’accaparramento di risorse naturali e di terre che ancora accade, su larga scala, nel mondo. Prendiamo in considerazione due esempi particolarmente eloquenti: quello delle terre e quello dell’acqua. Relativamente al primo, si consideri il fenomeno del land grabbing, che di fatto aggrava gli effetti destrutturanti del libero scambio, dell’agrobusiness e delle biotecnologie sulle agricolture contadine di tutto il mondo. Si tratta di una pratica di accaparramento delle terre coltivabili dei paesi del Sud – Africa subsahariana, Indonesia, Filippine, Brasile, Argentina, Uruguay ecc. – attraverso l’acquisizione e soprattutto l’affitto di terre per lunghi periodi (dai 25 ai 99 anni). Questo accaparramento, che rappresenta già circa il 2% delle terre coltivabili del pianeta, avviene per mano di imprese sia multinazionali sia statali, e specialmente di Stati emergenti del Sud (Cina, India) o di Stati del Nord (Stati Uniti, Gran Bretagna), particolarmente desiderosi di assicurarsi approvvigionamenti alimentari ed energetici e di far crescere i profitti delle proprie imprese e dei propri centri finanziari grazie alla speculazione sulle terre e sui prezzi dei prodotti agricoli. Questa tendenza ha subìto un’impennata a seguito della crisi alimentare del 2007 e si è poi alimentata con la speculazione finanziaria. Nel 2011, l’accaparramento ha riguardato circa 80 milioni di ettari di terreno. Le transazioni, quasi tutte realizzate senza consultare le popolazioni locali, spesso avvengono tra gli Stati che controllano terre e investitori, come accade ad esempio per numerosi paesi africani.

Gli effetti del land grabbing sull’agricoltura contadina, sulla natura dei prodotti coltivati e sull’alimentazione delle popolazioni locali fanno pensare che questa applicazione diretta e brutale del potere del capitale globale sulle terre agricole dei paesi poveri non sia che una riproposizione di quelle stesse dinamiche di mercificazione della terra, avvenute in Europa qualche secolo fa, in grado di sortire conseguenze dello stesso tipo, ma su scala decisamente più vasta. L’innalzamento dei prezzi degli appezzamenti di terreno ancora disponibili, l’interdizione dell’accesso alle terre un tempo comuni, l’accaparramento delle terre più fertili, la scelta delle produzioni destinate all’esportazione, la diffusione degli Ogm e dei relativi erbicidi e pesticidi si traducono ovunque, di fatto, in un’espropriazione nei confronti dei contadini, nel loro esodo verso le bidonville delle megalopoli del Terzo mondo, nell’aumento dei prezzi delle merci per tutta la popolazione. Questa spettacolare appropriazione, quindi, non fa che completare la gamma degli strumenti e delle pratiche che hanno limitato le produzioni alimentari a favore delle colture d’esportazione, accelerando drammaticamente la trasformazione capitalistica dell’agricoltura e la distruzione delle comunità rurali.

L’appropriazione delle terre agricole è intrinsecamente connessa all’accaparramento dell’acqua, anch’essa funzionale alle grandi colture d’esportazione. Il controllo capitalistico dell’acqua, chiaramente, è un altro esempio che presenta significative similitudini con i meccanismi storici di espropriazione dei commons. (…)

Al di là di questi due esempi, appare chiaro come sia in realtà tutto l’«ambiente» umano a essere implicato, in diverse forme, in questa estensione del mercato della proprietà. Beni di prima necessità, come gli alimenti o i medicinali, sono disciplinati in modo sempre più fitto da logiche di mercato imposte dagli oligopoli globali; le città, le strade, le piazze e i trasporti pubblici sono trasformati in spazi commerciali e pubblicitari; le istituzioni culturali, gli impianti sportivi, i luoghi dello svago e del riposo sono sempre meno accessibili a chi non è «cliente»; i servizi pubblici – dagli ospedali alle scuole, passando per le carceri – sono edificati e cogestiti da imprese private; le istituzioni pubbliche della ricerca e le università sono «controllate» al fine di massimizzare la redditività; le foreste, i mari, le spiagge e i sottosuoli sono sottoposti a forme di sfruttamento industriale sempre più intensive; l’intero patrimonio culturale dell’«ambito pubblico» è chiamato a farsi «capitale» che musei o biblioteche devono valorizzare. Questa grande appropriazione, in tutta la pluralità delle sue manifestazioni, determina fenomeni consistenti di esclusione e di disuguaglianza; accelera il disastro ecologico; rende la cultura e la comunicazione prodotti commerciali; intensifica il processo di atomizzazione della società in individui-consumatori indifferenti alle sorti comuni.

Christian Laval* e Pierre Dardot**

* Sociologo, svolge attività di ricerca presso l’università di Parigi X. Dal 2004, anima insieme a Pierre Dardot il gruppo di ricerca «Question Marx».

* Filosofo e docente, è autore, spesso insieme al collega Christian Laval, di saggi su Marx, Hegel e il capitalismo globale. Di recente pubblicazione in francese, la prestigiosa monografia “Marx, prénom Karl” (Gallimard 2012).

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

dicembre 11, 2018

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

GBC Italia con UNESCO e il Comune di Ferrara organizzano dall’11 al 13 dicembre 2018 “Heritage & Sustainability“, un workshop internazionale incentrato sugli strumenti energetico-ambientali per la governance sostenibile del patrimonio architettonico esistente. L’evento, in collaborazione con la fiera RemTech Expo, si svolgerà tra due dei più prestigiosi edifici storici della città di Ferrara, il Castello Estense e il Palazzo Ducale. [...]

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

dicembre 7, 2018

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

Dopo la positiva esperienza del 2017, anche nel 2018, la Fondazione CRC (Cassa di Risparmio di Cuneo) prosegue e rafforza il suo impegno a favore del contesto ambientale e paesaggistico della provincia di Cuneo promuovendo il “Bando Distruzione“, con il duplice obiettivo di distruggere le brutture e ripristinare la bellezza di un contesto paesaggistico e [...]

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

dicembre 6, 2018

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

I “muretti a secco” sono  stati inseriti, nei giorni scorsi, nel Patrimonio immateriale dell’Umanità dall’UNESCO, confermando le motivazioni dei Paesi europei che congiuntamente ne avevano presentato la candidatura - Italia, Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Slovenia, Spagna e Svizzera – facendo leva sulla “relazione armoniosa tra l’uomo e la natura”. L’arte dei muretti a secco, come si [...]

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

dicembre 3, 2018

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

Dopo il successo della prima edizione torna mercoledì 5 dicembre 2018, all’Environment Park di Torino, l’EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte, un momento di confronto e dibattito sulla gestione virtuosa dei rifiuti con i principali operatori locali del settore (aziende, pubblica amministrazione, consorzi), per concentrarsi sulle criticità del ciclo dei rifiuti e sulle soluzioni per minimizzare lo smaltimento [...]

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

novembre 30, 2018

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

MOTUS-E, l’associazione costituita da operatori industriali, mondo accademico e associazionismo ambientale e consumeristico con l’obiettivo di accelerare lo sviluppo della mobilità elettrica in Italia attraverso il dialogo con le Istituzioni, il coinvolgimento del pubblico e programmi di formazione e informazione, ha rilasciato un comunicato stampa in cui rileva che la manovra finanziaria arrivata in Parlamento [...]

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

novembre 30, 2018

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

Ieri a Bruxelles è stata ufficialmente lanciata l’ICE (Iniziativa dei Cittadini Europei) EAToriginal, la campagna di Coldiretti e altre associazioni europee per chiedere alla Commissione Europea di introdurre un’etichettatura obbligatoria sull’origine del cibo. La contraffazione e l’adulterazione di prodotti alimentari rappresentano infatti un grave rischio per la salute dei consumatori, soprattutto quando vengono utilizzati ingredienti di bassa [...]

Dissalatori, soluzione alla carenza d’acqua? Ma serve una normativa sugli scarichi

novembre 28, 2018

Dissalatori, soluzione alla carenza d’acqua? Ma serve una normativa sugli scarichi

Con la siccità che, ogni anno, coinvolge anche il nostro Paese, a causa dei cambiamenti climatici, il mare potrebbe diventare la principale risorsa idrica disponibile. La dissalazione dell’acqua marina può dunque rappresentare una valida soluzione alla crisi idrica che quasi sicuramente ci troveremo ad affrontare. Serve però una normativa specifica sul funzionamento degli impianti e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende