Home » Rubriche »Very Important Planet » Della Casa: ecologismo, fantascienza e libertà:

Della Casa: ecologismo, fantascienza e libertà

dicembre 14, 2012 Rubriche, Very Important Planet

In versione ragazzo di campagna, come il celebre film di Pozzetto, magari che guida il trattore o semina l’insalata, in pochi lo conoscono. Eppure Steve Della Casa, uno dei più noti e brillanti critici cinematografici italiani, adora il paesaggio agreste e le colline del vino di Gavi, nell’alessandrino, come un amante venera la fidanzata. Il dinamico presidente della Film Commission Piemonte (ruolo in scadenza questo mese) e conduttore del programma radiofonico Hollywood Party su Radiotre, autore di recente di “Il cinema secondo Steve” (Editore Felici), da buon intellettuale engagé ha le idee chiare sui problemi dell’ambiente che, dice, “sono ancora marginali, ma dovrebbero essere centrali nei programmi di governo, perché aria pulita e mobilità sostenibile significano benessere”.

D) Steve, ti ritieni un ecologista?

R) Direi di sì, mi considero un “verde”, per il mio amore per Gavi e le mie attività campagnole. Io e mio fratello abbiamo un cascinale con molta terra intorno, e’ un porto di mare, ci divertiamo moltissimo laggiù, soprattutto in estate. Siamo quasi autosufficienti con la verdura nei mesi caldi, le conserve e la frutta, cuociamo nel potagé a legna, il forno giusto per la mia ricetta preferita, i ravioli. Cena alle 7, a letto alle 9, dopo una giornata faticosissima nei campi.

D) Quasi un contadino mancato…

R) Sì, come Pozzetto. “Scarpe grosse, cervello fino”. A parte gli scherzi, davvero Gavi è il mio paradiso terrestre. Anche se devo dire che la qualità della vita a Torino è migliorata parecchio rispetto a molti anni fa, quando lasciavi il lenzuolo sul balcone e lo tiravi dentro asciutto ma grigio. La metropolitana e le tante biciclette che si vedono in giro hanno abbattuto l’uso dell’auto, per fortuna. Io viaggio soprattutto con la due ruote. Abito in piazza Bernini e da quando c’è la linea interrata della metro finalmente quella zona meravigliosa di Torino è diventata vivibile.

D) Però Torino sembra che sia ancora maglia nera per l’inquinamento. Dove si dovrebbe intervenire, secondo te?

R) Ci sarebbero almeno tre semplici strategie da adottare per renderla una città più vivibile. Fare la seconda linea della metro sostituendo il bus 4, costruire piste ciclabili serie, visto che ora sono concepite per farsi una bella passeggiata, ma non sono realmente fruibili…

D) Perché?

R) Non sono protette, finiscono nel nulla, sono utilizzate come parcheggio delle auto. E il terzo punto è fare in modo che funzionino, secondo una rete organizzata e integrata, oltre a rendere più frequenti i pullman di sera. Mi rendo conto che il conto economico sia salato, ma se guardi quanto costa ai cittadini pagare la benzina e quanti biglietti venderesti, la città ne trarrebbe di sicuro un beneficio.

D) Scelte urbanistiche mal fatte?

R) Se si pensa che in corso Francia c’era una volta un trenino che da piazza Statuto portava fino a Rivoli, che poi è stato smantellato per lasciare il posto esclusivo alle auto, non si può pensare che Torino sia oggi fatta per la mobilità sostenibile.

D) E fuori da Torino (tolta Gavi) dove si sta bene?

R) Non amo più viaggiare, saranno 30 anni che non faccio vacanze. Ogni settimana mi sento una pallina da flipper già così, sempre a far la spola tra Roma e Torino. Da giovane adoravo spostarmi, ora molto meno. Non mi piacciono i check in, mi sembra di entrare in carcere, non ne ho nessun piacere.

D) Da dove partiresti per una rivoluzione ambientalista?

R) Dal cambiamento del misuratore di benessere. Ora lo calcoli col PIL, ma che senso ha? Facciamo un esempio: si rovescia un tir e il traffico resta bloccato. Nessuno si è fatto male, i motori restano accesi per minuti e si aumenta il Prodotto Interno Lordo, perché si consuma benzina a vuoto. E’ benessere l’aumento del Pil? No, è inquinamento. Se il concetto che vogliamo sostenere è che il benessere è dato quando si costruisce e produce, distruggendo, non si cambierà mai il sistema e vivremo in un mondo sempre più povero, brutto e sporco. Perdiamo i campi fertili, ma costruiamo i capannoni: ovvio che si fanno lavorare centinaia di persone, si movimenta l’economia, ma alla lunga l’ecosistema non è più compatibile con le nostre esigenze.

D) C’è una letteratura ecologista, ma nel cinema cosa c’è?

R) I film a sfondo ecologico più belli sono quelli di fantascienza, dove si dipinge un mondo distrutto dalla rapacità dell’uomo. Penso per esempio a “2022. I sopravvissuti”, o ai film degli zombie di Romero, che raccontano di gente che vive in un gigantesco supermercato, ma è come morta. E’ la Fantascienza il genere più ecologico. A questo proposito, però, bisogna stare attenti.

D) A che cosa?

R) All’ecologismo estremo. Il cambiamento dovrebbe prima di tutto partire dagli ecologisti, che secondo me sbagliano completamente approccio. Passano spesso come dei guastafeste, dei fanatici. Ed è vero. Contribuendo a disaffezionare le persone alle cause per cui si battono. Se guidi 8 ore, una sigaretta vorrai fumartela? Loro ti dicono di no. Bisogna creare un giusto mix tra il vivere bene e il non rompere le scatole alla gente. L’immagine e il messaggio dell’ecologismo credo siano profondamente da ripensare.

Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende