Home » Rubriche »Very Important Planet » Della Casa: ecologismo, fantascienza e libertà:

Della Casa: ecologismo, fantascienza e libertà

dicembre 14, 2012 Rubriche, Very Important Planet

In versione ragazzo di campagna, come il celebre film di Pozzetto, magari che guida il trattore o semina l’insalata, in pochi lo conoscono. Eppure Steve Della Casa, uno dei più noti e brillanti critici cinematografici italiani, adora il paesaggio agreste e le colline del vino di Gavi, nell’alessandrino, come un amante venera la fidanzata. Il dinamico presidente della Film Commission Piemonte (ruolo in scadenza questo mese) e conduttore del programma radiofonico Hollywood Party su Radiotre, autore di recente di “Il cinema secondo Steve” (Editore Felici), da buon intellettuale engagé ha le idee chiare sui problemi dell’ambiente che, dice, “sono ancora marginali, ma dovrebbero essere centrali nei programmi di governo, perché aria pulita e mobilità sostenibile significano benessere”.

D) Steve, ti ritieni un ecologista?

R) Direi di sì, mi considero un “verde”, per il mio amore per Gavi e le mie attività campagnole. Io e mio fratello abbiamo un cascinale con molta terra intorno, e’ un porto di mare, ci divertiamo moltissimo laggiù, soprattutto in estate. Siamo quasi autosufficienti con la verdura nei mesi caldi, le conserve e la frutta, cuociamo nel potagé a legna, il forno giusto per la mia ricetta preferita, i ravioli. Cena alle 7, a letto alle 9, dopo una giornata faticosissima nei campi.

D) Quasi un contadino mancato…

R) Sì, come Pozzetto. “Scarpe grosse, cervello fino”. A parte gli scherzi, davvero Gavi è il mio paradiso terrestre. Anche se devo dire che la qualità della vita a Torino è migliorata parecchio rispetto a molti anni fa, quando lasciavi il lenzuolo sul balcone e lo tiravi dentro asciutto ma grigio. La metropolitana e le tante biciclette che si vedono in giro hanno abbattuto l’uso dell’auto, per fortuna. Io viaggio soprattutto con la due ruote. Abito in piazza Bernini e da quando c’è la linea interrata della metro finalmente quella zona meravigliosa di Torino è diventata vivibile.

D) Però Torino sembra che sia ancora maglia nera per l’inquinamento. Dove si dovrebbe intervenire, secondo te?

R) Ci sarebbero almeno tre semplici strategie da adottare per renderla una città più vivibile. Fare la seconda linea della metro sostituendo il bus 4, costruire piste ciclabili serie, visto che ora sono concepite per farsi una bella passeggiata, ma non sono realmente fruibili…

D) Perché?

R) Non sono protette, finiscono nel nulla, sono utilizzate come parcheggio delle auto. E il terzo punto è fare in modo che funzionino, secondo una rete organizzata e integrata, oltre a rendere più frequenti i pullman di sera. Mi rendo conto che il conto economico sia salato, ma se guardi quanto costa ai cittadini pagare la benzina e quanti biglietti venderesti, la città ne trarrebbe di sicuro un beneficio.

D) Scelte urbanistiche mal fatte?

R) Se si pensa che in corso Francia c’era una volta un trenino che da piazza Statuto portava fino a Rivoli, che poi è stato smantellato per lasciare il posto esclusivo alle auto, non si può pensare che Torino sia oggi fatta per la mobilità sostenibile.

D) E fuori da Torino (tolta Gavi) dove si sta bene?

R) Non amo più viaggiare, saranno 30 anni che non faccio vacanze. Ogni settimana mi sento una pallina da flipper già così, sempre a far la spola tra Roma e Torino. Da giovane adoravo spostarmi, ora molto meno. Non mi piacciono i check in, mi sembra di entrare in carcere, non ne ho nessun piacere.

D) Da dove partiresti per una rivoluzione ambientalista?

R) Dal cambiamento del misuratore di benessere. Ora lo calcoli col PIL, ma che senso ha? Facciamo un esempio: si rovescia un tir e il traffico resta bloccato. Nessuno si è fatto male, i motori restano accesi per minuti e si aumenta il Prodotto Interno Lordo, perché si consuma benzina a vuoto. E’ benessere l’aumento del Pil? No, è inquinamento. Se il concetto che vogliamo sostenere è che il benessere è dato quando si costruisce e produce, distruggendo, non si cambierà mai il sistema e vivremo in un mondo sempre più povero, brutto e sporco. Perdiamo i campi fertili, ma costruiamo i capannoni: ovvio che si fanno lavorare centinaia di persone, si movimenta l’economia, ma alla lunga l’ecosistema non è più compatibile con le nostre esigenze.

D) C’è una letteratura ecologista, ma nel cinema cosa c’è?

R) I film a sfondo ecologico più belli sono quelli di fantascienza, dove si dipinge un mondo distrutto dalla rapacità dell’uomo. Penso per esempio a “2022. I sopravvissuti”, o ai film degli zombie di Romero, che raccontano di gente che vive in un gigantesco supermercato, ma è come morta. E’ la Fantascienza il genere più ecologico. A questo proposito, però, bisogna stare attenti.

D) A che cosa?

R) All’ecologismo estremo. Il cambiamento dovrebbe prima di tutto partire dagli ecologisti, che secondo me sbagliano completamente approccio. Passano spesso come dei guastafeste, dei fanatici. Ed è vero. Contribuendo a disaffezionare le persone alle cause per cui si battono. Se guidi 8 ore, una sigaretta vorrai fumartela? Loro ti dicono di no. Bisogna creare un giusto mix tra il vivere bene e il non rompere le scatole alla gente. L’immagine e il messaggio dell’ecologismo credo siano profondamente da ripensare.

Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

maggio 8, 2017

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

Edilizia off-site è il concetto chiave del cambiamento proposto negli appuntamenti 2017 di REbuild, l’evento dedicato al settore delle costruzioni e riqualificazioni, in programma a Riva del Garda il 22 e 23 giugno prossimi. La produzione tende infatti a spostarsi in fabbrica, mentre il cantiere diviene il luogo dell’assemblaggio di parti prodotte industrialmente. Già in [...]

ANARF e Federforeste: un protocollo per rilanciare la filiera bosco-legno tra pubblico e privato

maggio 5, 2017

ANARF e Federforeste: un protocollo per rilanciare la filiera bosco-legno tra pubblico e privato

ANARF (Associazione Nazionale delle Attività Regionali Forestali), presieduta da Alberto Negro, Direttore di Veneto Agricoltura, e FederForeste, con a capo il trentino Gabriele Calliari, hanno siglato nei giorni scorsi a Mestre, presso la sede di Coldiretti Veneto, un protocollo per la gestione del patrimonio forestale improntato, tra l’altro, al dialogo tra realtà pubbliche e private. [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende