Home » Rubriche »Very Important Planet » Dentro le “ghost town”. L’occhio fotografico di Sandro Giordano:

Dentro le “ghost town”. L’occhio fotografico di Sandro Giordano

gennaio 19, 2018 Rubriche, Very Important Planet

Dietro l’obiettivo come fotografo, davanti all’obiettivo come attore. E’ la doppia carriera di Sandro Giordano, classe 1972, romano di Roma, che sul grande schermo si fa notare nel 1996 in “La sindrome di Stendhal” di Diario Argento. Nel 2004 entra poi nel cast di “L’amore è eterno finché dura”, diretto da Carlo Verdone. Sul piccolo schermo recita invece in “Rita da Cascia” (2005), “Questa è la mia terra” (2006) e “Il generale Dalla Chiesa” (2007). Ma la massima espressione del suo talento è negli originali lavori fotografici, come “IN EXTREMIS (bodies with no regret): corpi maltrattati, oggetti, sangue, dissacrazione – anche a sfondo ambientale. Un preludio artistico alla trasmissione di cui, da novembre scorso, è protagonista su Rai 5:Ghost Town“, ovvero otto documentari dedicati alle “città fantasma” dove ci guida dentro case diroccate, monumenti in rovina, vicoli abbandonati, stanze senza più vita. Un altro mondo, tutto da scoprire e da valorizzare, magari riqualificando l’esistente…

D) Sandro, nella puntata di “Ghost Town” dedicata a Poggioreale, in Sicilia, dici “Qui natura e cultura si combattono a colpi di bellezza“. Hai documentato un patrimonio da preservare, ma osservi che per via di problemi sociali ed economici i paesi siciliani rischiano di diventare paesi fantasmi. Una bellezza e una ricchezza che non stiamo valorizzando, per quale motivo?

R) Questa domanda se la pongono – ce la poniamo! – in molti. Ma non è facile trovare una risposta, forse perché gli elementi da considerare e che concorrono a questa situazione sono molti, troppi. Certamente le ragioni vengono da lontano e risiedono, in primis, nell’ormai secolare Questione Meridionale che ha le sue origini ben prima dell’Unità d’Italia. Un problema – una disparità tra Nord e Sud – che sino ad ora nessuno è mai stato in grado di sanare. Come fotografo, io non ho gli strumenti per trovare una risposta efficace alla questione, ma cerco comunque di fare la mia parte: con la mia macchina fotografica posso fermare il presente per sottoporlo agli occhi di tutti e mettere in luce qualcosa che si tende a voler dimenticare… Ci sono paesi che si sono spopolati all’improvviso per eventi naturali, ma il problema sono anche i centri urbani che stanno andando a morire in modo graduale, giorno dopo giorno. Un’agonia sociale quotidiana…

D) Che sensazione provi quando visiti questi luoghi?

R) Quando esploro una Ghost Town non posso fare a meno di immaginare la città, il borgo – grande o piccolo che sia – al tempo in cui la vita scorreva tra le strade e dietro le porte delle case, delle botteghe, degli uffici. E’ facile immaginare queste scene di vita vissuta, ma bisogna fare uno sforzo in più: ricordarsi che le persone che vivevano in queste città oggi abbandonate erano persone come noi, con la loro quotidianità che credevano nulla avrebbe potuto spezzare così profondamente. Che questi luoghi si siano spopolati di colpo o lentamente, un fatto è certo: nessuno pensava che un giorno la propria casa, il paese intero, sarebbe stato inghiottito dal vuoto. Le città fantasma mi ricordano che non si dovrebbe dare nulla per scontato…

D) Quanto la fotografia e i documentari possono incidere nell’opinione pubblica per prendere coscienza dei temi relativi all’ambiente, inteso anche come patrimonio storico ed antropologico?

R) Credo fermamente che i canali di comunicazione che hai citato siano gli unici in grado di arrivare al cuore e alle coscienze delle persone. Come spesso accade, noi esseri umani utilizziamo in modo non corretto i mezzi che abbiamo a disposizione, la televisione in primis. Se le importanti emittenti televisive mondiali proponessero un maggior numero di documentari rivolti al tema dell’ambiente, quantomeno avremmo noi tutti un occhio di riguardo in più.

D) Anche nella tua produzione artistica ci sono temi ambientali e animalisti, trattati in modo inconsueto…

R) Il tema sull’ambiente l’ho affrontato un paio di volte nel mio progetto fotografico _IN EXTREMIS (bodies with no regret). Ho realizzato una foto contro il disboscamento e un’altra – Merry Revolting Christmas – in cui è ritratta una donna borghese, caduta a terra, colpita nel giorno di Natale da un abete addobbato mentre porta a tavola una pietanza contenente la testa di un agnellino. Sul divano c’è una pelliccia di visone e accanto a lei, il tappeto di un orso polare. La giusta vendetta di quattro cadaveri ai danni di un essere (dis)umano…

D) Quali pensi siano le priorità ambientali del nostro tempo?

R) Abbassare assolutamente il livello di anidride carbonica nell’aria e preservare il più possibile boschi e piantagioni. Per non parlare del danno che stiamo recando all’ecosistema marino. Come ripeto serve maggiore sensibilizzazione e i governi dovrebbero concentrarsi molto di più sui temi ambientali.

D) Quali sono i tuoi comportamenti quotidiani legati alla tutela ambientale?

R) Nel mio piccolo faccio quello che posso: raccolta differenziata, risparmio energetico e soprattutto dell’acqua. Quando capita, divento bacchettone nei confronti degli altri. Qualche tempo fa passeggiavo in centro, mentre attraversavo la strada, ho visto un uomo in auto fermo al semaforo lanciare una bottiglia di plastica dal finestrino. L’ho raccolta, sono andato da lui e gli ho detto: “Credo le sia caduta questa”. L’idiota è diventato paonazzo dalla vergogna, ha preso la bottiglia, se l’è rimessa in macchina ed è ripartito senza fiatare. Non so quanto possa essere servito, probabilmente avrà ripetuto la stessa azione poco più avanti ma almeno l’ho fulminato con lo sguardo…

Gian Basilio Nieddu

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

maggio 13, 2019

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

Per la comunità scientifica italiana, in particolare quella che studia i Poli, si tratta di un grande risultato, che aprirà la strada a nuovi studi. L’OGS, Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – grazie ad un finanziamento di 12 milioni di euro ricevuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – ha acquistato dalla norvegese Rieber [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende