Home » Rubriche »Very Important Planet » Dentro le “ghost town”. L’occhio fotografico di Sandro Giordano:

Dentro le “ghost town”. L’occhio fotografico di Sandro Giordano

gennaio 19, 2018 Rubriche, Very Important Planet

Dietro l’obiettivo come fotografo, davanti all’obiettivo come attore. E’ la doppia carriera di Sandro Giordano, classe 1972, romano di Roma, che sul grande schermo si fa notare nel 1996 in “La sindrome di Stendhal” di Diario Argento. Nel 2004 entra poi nel cast di “L’amore è eterno finché dura”, diretto da Carlo Verdone. Sul piccolo schermo recita invece in “Rita da Cascia” (2005), “Questa è la mia terra” (2006) e “Il generale Dalla Chiesa” (2007). Ma la massima espressione del suo talento è negli originali lavori fotografici, come “IN EXTREMIS (bodies with no regret): corpi maltrattati, oggetti, sangue, dissacrazione – anche a sfondo ambientale. Un preludio artistico alla trasmissione di cui, da novembre scorso, è protagonista su Rai 5:Ghost Town“, ovvero otto documentari dedicati alle “città fantasma” dove ci guida dentro case diroccate, monumenti in rovina, vicoli abbandonati, stanze senza più vita. Un altro mondo, tutto da scoprire e da valorizzare, magari riqualificando l’esistente…

D) Sandro, nella puntata di “Ghost Town” dedicata a Poggioreale, in Sicilia, dici “Qui natura e cultura si combattono a colpi di bellezza“. Hai documentato un patrimonio da preservare, ma osservi che per via di problemi sociali ed economici i paesi siciliani rischiano di diventare paesi fantasmi. Una bellezza e una ricchezza che non stiamo valorizzando, per quale motivo?

R) Questa domanda se la pongono – ce la poniamo! – in molti. Ma non è facile trovare una risposta, forse perché gli elementi da considerare e che concorrono a questa situazione sono molti, troppi. Certamente le ragioni vengono da lontano e risiedono, in primis, nell’ormai secolare Questione Meridionale che ha le sue origini ben prima dell’Unità d’Italia. Un problema – una disparità tra Nord e Sud – che sino ad ora nessuno è mai stato in grado di sanare. Come fotografo, io non ho gli strumenti per trovare una risposta efficace alla questione, ma cerco comunque di fare la mia parte: con la mia macchina fotografica posso fermare il presente per sottoporlo agli occhi di tutti e mettere in luce qualcosa che si tende a voler dimenticare… Ci sono paesi che si sono spopolati all’improvviso per eventi naturali, ma il problema sono anche i centri urbani che stanno andando a morire in modo graduale, giorno dopo giorno. Un’agonia sociale quotidiana…

D) Che sensazione provi quando visiti questi luoghi?

R) Quando esploro una Ghost Town non posso fare a meno di immaginare la città, il borgo – grande o piccolo che sia – al tempo in cui la vita scorreva tra le strade e dietro le porte delle case, delle botteghe, degli uffici. E’ facile immaginare queste scene di vita vissuta, ma bisogna fare uno sforzo in più: ricordarsi che le persone che vivevano in queste città oggi abbandonate erano persone come noi, con la loro quotidianità che credevano nulla avrebbe potuto spezzare così profondamente. Che questi luoghi si siano spopolati di colpo o lentamente, un fatto è certo: nessuno pensava che un giorno la propria casa, il paese intero, sarebbe stato inghiottito dal vuoto. Le città fantasma mi ricordano che non si dovrebbe dare nulla per scontato…

D) Quanto la fotografia e i documentari possono incidere nell’opinione pubblica per prendere coscienza dei temi relativi all’ambiente, inteso anche come patrimonio storico ed antropologico?

R) Credo fermamente che i canali di comunicazione che hai citato siano gli unici in grado di arrivare al cuore e alle coscienze delle persone. Come spesso accade, noi esseri umani utilizziamo in modo non corretto i mezzi che abbiamo a disposizione, la televisione in primis. Se le importanti emittenti televisive mondiali proponessero un maggior numero di documentari rivolti al tema dell’ambiente, quantomeno avremmo noi tutti un occhio di riguardo in più.

D) Anche nella tua produzione artistica ci sono temi ambientali e animalisti, trattati in modo inconsueto…

R) Il tema sull’ambiente l’ho affrontato un paio di volte nel mio progetto fotografico _IN EXTREMIS (bodies with no regret). Ho realizzato una foto contro il disboscamento e un’altra – Merry Revolting Christmas – in cui è ritratta una donna borghese, caduta a terra, colpita nel giorno di Natale da un abete addobbato mentre porta a tavola una pietanza contenente la testa di un agnellino. Sul divano c’è una pelliccia di visone e accanto a lei, il tappeto di un orso polare. La giusta vendetta di quattro cadaveri ai danni di un essere (dis)umano…

D) Quali pensi siano le priorità ambientali del nostro tempo?

R) Abbassare assolutamente il livello di anidride carbonica nell’aria e preservare il più possibile boschi e piantagioni. Per non parlare del danno che stiamo recando all’ecosistema marino. Come ripeto serve maggiore sensibilizzazione e i governi dovrebbero concentrarsi molto di più sui temi ambientali.

D) Quali sono i tuoi comportamenti quotidiani legati alla tutela ambientale?

R) Nel mio piccolo faccio quello che posso: raccolta differenziata, risparmio energetico e soprattutto dell’acqua. Quando capita, divento bacchettone nei confronti degli altri. Qualche tempo fa passeggiavo in centro, mentre attraversavo la strada, ho visto un uomo in auto fermo al semaforo lanciare una bottiglia di plastica dal finestrino. L’ho raccolta, sono andato da lui e gli ho detto: “Credo le sia caduta questa”. L’idiota è diventato paonazzo dalla vergogna, ha preso la bottiglia, se l’è rimessa in macchina ed è ripartito senza fiatare. Non so quanto possa essere servito, probabilmente avrà ripetuto la stessa azione poco più avanti ma almeno l’ho fulminato con lo sguardo…

Gian Basilio Nieddu

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

agosto 9, 2018

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

E’ salpato sabato 21 luglio il primo Corso di Navigazione, Ambiente e Cultura del Centro Velico Caprera. Un’assoluta novità per la più prestigiosa scuola di vela del Mediterraneo che ha pensato di unire i contenuti di un classico corso di cabinato ad un’esperienza formativa dal punto di vista culturale e naturalistico, grazie alla presenza di un esperto [...]

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende