Home » Rubriche »Very Important Planet » Devis Bonanni. Una Pecoranera che vive col minimo indispensabile:

Devis Bonanni. Una Pecoranera che vive col minimo indispensabile

luglio 13, 2012 Rubriche, Very Important Planet

Devis Bonanni è una “pecora nera”. Ha 27 anni e un passato da tecnico informatico, ma oggi fa il contadino. Il suo motto è “esci dal gregge!”. Lui per seguirlo ha mollato agi e comodità e vive felice in mezzo alla natura, a Raveo, un comune di 400 abitanti vicino a Udine, in Friuli Venezia Giulia, nutrendosi con i frutti della sua terra.

La bicicletta è la fonte della sua energia. L’abbiamo intervistato mentre stava compiendo una delle sue imprese: “Mi sto trasferendo in Veneto per la presentazione del mio libro per Marsilio. Sono partito alle 8 di mattina, l’incontro è alle 21, ma per fortuna sono quasi arrivato”. Sono le 6 del pomeriggio e Pecoranera ha percorso in sella alla due ruote ben 180 chilometri.

D) Incredibile, ma vero. Nessun fiatone… Come è possibile?

R) E’ una falsa credenza, portata avanti da una campagna di informazione sbagliata, l’idea che noi moderni non abbiamo più la struttura per fare alcunché. Ci diciamo, non hai il fisico. Come se fossimo diventati dei molluschi dopo mezzo secolo di comfort. In realtà, il nostro corpo ci supporterebbe in avventure eroiche, ben al di là della più ottimistica immaginazione. Per esempio, la scorsa estate la mia ragazza era alle prime armi con percorsi lunghi in bicicletta e ha macinato 60 chilometri al giorno come niente.

D) Quando hai maturato la scelta radicale di ritornare a vivere nella natura?

R) Alla fine delle superiori è scattata la scintilla. Ho letto un articolo su Focus che descriveva una fattoria autosufficiente per famiglie. La suggestione si è sposata bene con una certa sensibilità ecologica che nasceva dentro di me. Agli inizi, pensavo di poter fare qualcosa per il pianeta, ero spinto da un grande idealismo, dopo 10 anni ho capito che lo sto facendo principalmente per me, per la mia serenità. Anche se è vero che quando sei felice, riesci a fare qualcosa di buono per tutti.

D) Come funziona la tua fattoria?

R) Coltivo tutto ciò di cui ho bisogno, possiedo circa 200 mq di terreno. Il resto lo vendo per guadagnare un po’ di denaro e mantenermi e pagarmi piccole spese come internet, la luce, gli sfizi. Riscaldo la casa e l’acqua completamente a legna, che taglio io nel bosco. Cucino a legna, ho ridotto i consumi elettrici, non ho pannelli solari, non ho auto, uso solo bici o mezzi pubblici, in generale faccio vita modesta, ma non rinuncio ad acquistare qualche prodotto al supermercato, a uscire con gli amici come tutti i giovani della mia età.

D) Sembra incredibile questa vita di privazioni. Può davvero essere per sempre?

R) Ho capito sulla mia pelle che togliere non significa rinunciare, ma solo arrivre più vicini all’essenza dei nostri bisogni. C’è il titolo di un libro che mi ha sempre ispirato e a cui mi sento vicino: “barboni a casa propria”. Al di là della provocazione, credo sia un traguardo che avvicina alla felicità. E’ stato dimostrato che al di sotto di una certa soglia di reddito, neanche troppo basso, (lui oggi vive con 200 euro al mese, ndr) la serenità si slega dai soldi, non cresce in relazione al denaro. Basta avere una casa, un modo pratico per riscaldarla, del buon cibo, un mezzo per spostarsi e le finanze per viaggiare e voilà, diventi più felice, seguendo i ritmi del tuo corpo e della natura.

D) Ci spieghi la tua giornata tipo? Ti alzerai prestissimo la mattina…

R) Anche questo è un mito da sfatare. E’ molto mattiniero chi deve vedere i frutti della terra al mercato, e chi ha degli animali da mungere. Ma io, essendo vegetariano, con le mie sole galline non ho questa esigenza. Divido l’anno in due, estate e inverno. Nella bella stagione lavoro nei campi anche più di 8 ore, svegliandomi intorno alle 7. D’inverno zappo solo mezza giornata, il resto lo dedico ai miei hobby, cioè la bici e la lettura. Vado in biblioteca e faccio scorpacciate di letteratura, lo scorso dicembre ho letto tutto Hemingway.

D) Che cosa coltivi?

R) Tutti gli ortaggi possibili in un clima da montagna, quindi non i ceci, le lenticchie. Tengo il mais per farina e polenta, fagioli e piselli, patate, ho tre serre per i pomodori, e di questi attivo un piccolo commercio. Sto facendo degli esperimenti sul frumento per il pane, la scorsa primavera ho impiantato un frutteto, ma sono in attesa di frutti. Zappo di mio pugno, ma uso anche motozappa e falciatrice meccaniche.

D) E’ una vita ”da vecchi”?

R) Forse sì, perché gli anziani si muovono di meno, e hanno meno bisogno di status simbol. Confesso che non è semplice sceglierla da giovani.

D) Ti senti però di consigliarla?

R) Io non cambierei per niente al mondo. Ho trovato la mia dimensione perfetta. E’ una scelta economicistica, riciclona per eccellenza, per cui a più basso impatto ambientale. La felicità è data dalle esperienze: se hai qualche soldo da parte per vivere bene, fare sport, in relax, che cosa vuoi di più?

 Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fulgar: crescono le vendite del filato riciclato Q-Nova e del bio-based EVO

maggio 28, 2018

Fulgar: crescono le vendite del filato riciclato Q-Nova e del bio-based EVO

Secondo le più recenti ricerche di mercato cresce sempre più il numero di consumatori a caccia non solo di capi di abbigliamento “fashion” e performanti, ma anche “etici” e soprattutto ecosostenibili. Assicurare la piena tracciabilità dei propri capi e poter contare su partner di filiera affidabili e orientati all’innovazione e alla riduzione degli impatti ambientali, [...]

Sappada, primo Comune d’Italia a certificare la “gestione sostenibile della comunità”

maggio 28, 2018

Sappada, primo Comune d’Italia a certificare la “gestione sostenibile della comunità”

Il 10 maggio scorso al Comune di Sappada, in Friuli, è stata attribuita la prima certificazione ISO 37101 “Gestione sostenibile delle comunità”, uno standard nato per aiutare le Comunità ad attuare una strategia di sviluppo sostenibile includendo il contesto economico, sociale e ambientale. Il protocollo definisce, in sostanza, le azioni che una Comunità deve mettere in campo [...]

Pistaaa! Inaugura il primo tratto della ciclabile tra Monferrato e Torinese

maggio 26, 2018

Pistaaa! Inaugura il primo tratto della ciclabile tra Monferrato e Torinese

Le associazioni CioCheVale, Fiab-MuovitiChieri, Il Tuo Parco e Asset, hanno comunicato che il 27 maggio 2018 alle ore 17.00 a Moriondo Torinese, verrà inaugurato il primo tratto della ciclovia su strade bianche del progetto “Pistaaa: La Blue Way Piemontese“, che permette di collegare i Comuni di Moriondo Torinese e Buttigliera d’Asti. Si tratta di un primo piccolo tratto, ma dal [...]

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

maggio 25, 2018

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

Il Coradia iLint di Alstom, il primo treno regionale del mondo a celle a combustibile idrogeno ha vinto il 4 maggio scorso il premio GreenTec Award 2018 nella categoria Mobility by Schaeffler. Il premio è stato ufficialmente conferito ad Alstom nel sito produttivo di Salzgitter, in Germania, dove si è svolta una cerimonia dedicata, prima [...]

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende