Home » Bollettino Europa »Rubriche » Dieselgate: l’industria dell’automobile ci riprova, con una fantasiosa “strategia per il clima”:

Dieselgate: l’industria dell’automobile ci riprova, con una fantasiosa “strategia per il clima”

febbraio 22, 2016 Bollettino Europa, Rubriche

 

Dopo la scandalosa decisione del Parlamento Europeo riguardo ai limiti di emissione e il Dieselgate rimasto sostanzialmente impunito, l’industria europea dell’automobile (Acea) sente improvvisamente il bisogno di presentarsi sotto una nuova veste. E lo fa rendendo noto in anteprima – la versione definitiva vedrà la luce solo a marzo – alcuni dettagli della sua strategia per il clima la Joining forces Initiative, che avrebbe come fine il taglio delle emissioni nel settore trasporti entro il 2030. Un piano che coinvolge oltre 50 soggetti del settore trasporti su gomma.

Nel documento le proposte oscillano da alcune ovvietà, ad affermazioni false fino a soluzioni impraticabili.

Nella prima categoria rientrano principalmente tre azioni. La promozione di carburanti alternativi a partire dall’uso di veicoli elettrici (-15% delle emissioni del settore nel 2030 rispetto al 2015 secondo Eurelectric), biocarburanti (-15% emissioni secondo European Biodiesel Board) e gas naturale (-3% emissioni secondo l’industria europea, la NGVA). A questa si aggiunge l’implementazione di auto dotate di tecnologie ‘intelligenti’, che forniscono, cioè, informazioni al conducente su traffico, parcheggi e altro. Queste porterebbero a ulteriori tagli di CO2. Tuttavia, i costosi Intelligent Transport Systems potrebbero far risparmiare solo l’1% delle emissioni. Così come la terza soluzione, una guida ‘ecologica’, che dovrebbe valere un taglio del 10% di emissioni del settore dei trasporti su strada, secondo quanto riportato nella bozza di documento Acea, contro una stima di meno del 2%presente in uno studio indipendente commissionato dalla European Climate Foundation.

Ci si avvicina così alla seconda categoria, quella dei dati puntualmente smentiti. Acea afferma, per esempio, che gli investimenti porteranno le nuove auto nel 2021 a emettere il 42% in meno di CO2 rispetto al 2005. Diversa la stima dell’associazione europea Transport & Environment, secondo cui i miglioramenti “reali”, quelli dei veicoli su strada e non in laboratorio, si fermeranno a una riduzione di circa il 20%.

Ma eccoci, infine, alla terza categoria delle soluzioni impraticabili: il maxi-piano di ripavimentazione di tutta la rete stradale europea con una superficie a bassa resistenza. Secondo Acea porterebbe ad un taglio fino al 5% delle emissioni del settore trasporto su gomma per il 2035 rispetto al 2015. Il tutto alla “modica” cifra di 500 miliardi di euro, in altre parole, fra i 26 e i 39 miliardi l’anno per 20 anni. Con il rischio che gli investimenti necessari in realtà possano lievitare fino a 780 miliardi. I finanziamenti, si dice, potrebbero derivare dal piano Juncker, con la creazione di un un nuovo fondo europeo per gli investimenti strategici che possa agire da volano per catalizzare 315 miliardi di euro. Un evidente follia dal punto di vista costi-benefici.

Non sono ovviamente mancate le critiche: Greg Archer di Transport & Environment ha dichiarato che: “Il piano di rivestire le strade con una sorta di ‘red carpet’ sarebbe realizzato ad un costo astronomico. Un rapido calcolo porta a valutare un costo di 1.000 euro per tonnellata di Carbonio non immesso nell’atmosfera quando il prezzo attuale degli ETS è di 5 euro per tonnellata“. Conclusione di Archer: “l’industria non sembra aver imparato nulla dallo scandalo delle emissioni truccate delle Volkswagen”…

Dalla stessa associazione William Todts afferma che, in sostanza, “il piano dell’industria europea dell’auto non si assume responsabilità per la riduzione delle emissioni di carbonio” e ne scarica il costo sulla collettività. Aggiungendo che “non abbiamo bisogno di piani incredibilmente costosi per riasfaltare le strade d’Europa. Quello di cui abbiamo bisogno sono auto e mezzi pesanti più efficienti, non solo sulla carta ma anche su strada!“.

E intanto nell’ultimo mese le immatricolazioni di vettore nuove - di un settore che produce  il 20% del totale delle emissioni UEsono aumentate di oltre il 6%.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Camerlenghi, nuovo presidente AIGAE: “Il turismo ambientale è in grande crescita”

dicembre 20, 2017

Camerlenghi, nuovo presidente AIGAE: “Il turismo ambientale è in grande crescita”

Filippo Camerlenghi, coordinatore delle Guide Ambientali Escursionistiche (GAE) della Lombardia è il nuovo Presidente Nazionale di AIGAE. Camerlenghi, 52 anni, laureato in Scienze della Terra presso l’Università Statale di Milano, è ideatore e promotore di importanti progetti di educazione ambientale e divulgazione scientifica e opera anche come guida europea in Francia, Spagna, Germania, Svizzera, Islanda, in [...]

AccorHotels e l’agricoltura verticale: debutta al Novotel Milano il “Living Farming Tree”

dicembre 18, 2017

AccorHotels e l’agricoltura verticale: debutta al Novotel Milano il “Living Farming Tree”

Debutta a Milano con AccorHotels la prima installazione del Living Farming Tree, l’innovativo orto verticale indoor firmato Hexagro Urban Farming, startup italiana composta da un team internazionale di ingegneri, designer industriali e gastronomi. In linea con gli obiettivi del proprio programma di sviluppo sostenibile Planet21 volto a promuovere un’ospitalità positiva e virtuosa, il gruppo leader mondiale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende