Home » Bollettino Europa »Rubriche » Dieselgate: l’industria dell’automobile ci riprova, con una fantasiosa “strategia per il clima”:

Dieselgate: l’industria dell’automobile ci riprova, con una fantasiosa “strategia per il clima”

febbraio 22, 2016 Bollettino Europa, Rubriche

 

Dopo la scandalosa decisione del Parlamento Europeo riguardo ai limiti di emissione e il Dieselgate rimasto sostanzialmente impunito, l’industria europea dell’automobile (Acea) sente improvvisamente il bisogno di presentarsi sotto una nuova veste. E lo fa rendendo noto in anteprima – la versione definitiva vedrà la luce solo a marzo – alcuni dettagli della sua strategia per il clima la Joining forces Initiative, che avrebbe come fine il taglio delle emissioni nel settore trasporti entro il 2030. Un piano che coinvolge oltre 50 soggetti del settore trasporti su gomma.

Nel documento le proposte oscillano da alcune ovvietà, ad affermazioni false fino a soluzioni impraticabili.

Nella prima categoria rientrano principalmente tre azioni. La promozione di carburanti alternativi a partire dall’uso di veicoli elettrici (-15% delle emissioni del settore nel 2030 rispetto al 2015 secondo Eurelectric), biocarburanti (-15% emissioni secondo European Biodiesel Board) e gas naturale (-3% emissioni secondo l’industria europea, la NGVA). A questa si aggiunge l’implementazione di auto dotate di tecnologie ‘intelligenti’, che forniscono, cioè, informazioni al conducente su traffico, parcheggi e altro. Queste porterebbero a ulteriori tagli di CO2. Tuttavia, i costosi Intelligent Transport Systems potrebbero far risparmiare solo l’1% delle emissioni. Così come la terza soluzione, una guida ‘ecologica’, che dovrebbe valere un taglio del 10% di emissioni del settore dei trasporti su strada, secondo quanto riportato nella bozza di documento Acea, contro una stima di meno del 2%presente in uno studio indipendente commissionato dalla European Climate Foundation.

Ci si avvicina così alla seconda categoria, quella dei dati puntualmente smentiti. Acea afferma, per esempio, che gli investimenti porteranno le nuove auto nel 2021 a emettere il 42% in meno di CO2 rispetto al 2005. Diversa la stima dell’associazione europea Transport & Environment, secondo cui i miglioramenti “reali”, quelli dei veicoli su strada e non in laboratorio, si fermeranno a una riduzione di circa il 20%.

Ma eccoci, infine, alla terza categoria delle soluzioni impraticabili: il maxi-piano di ripavimentazione di tutta la rete stradale europea con una superficie a bassa resistenza. Secondo Acea porterebbe ad un taglio fino al 5% delle emissioni del settore trasporto su gomma per il 2035 rispetto al 2015. Il tutto alla “modica” cifra di 500 miliardi di euro, in altre parole, fra i 26 e i 39 miliardi l’anno per 20 anni. Con il rischio che gli investimenti necessari in realtà possano lievitare fino a 780 miliardi. I finanziamenti, si dice, potrebbero derivare dal piano Juncker, con la creazione di un un nuovo fondo europeo per gli investimenti strategici che possa agire da volano per catalizzare 315 miliardi di euro. Un evidente follia dal punto di vista costi-benefici.

Non sono ovviamente mancate le critiche: Greg Archer di Transport & Environment ha dichiarato che: “Il piano di rivestire le strade con una sorta di ‘red carpet’ sarebbe realizzato ad un costo astronomico. Un rapido calcolo porta a valutare un costo di 1.000 euro per tonnellata di Carbonio non immesso nell’atmosfera quando il prezzo attuale degli ETS è di 5 euro per tonnellata“. Conclusione di Archer: “l’industria non sembra aver imparato nulla dallo scandalo delle emissioni truccate delle Volkswagen”…

Dalla stessa associazione William Todts afferma che, in sostanza, “il piano dell’industria europea dell’auto non si assume responsabilità per la riduzione delle emissioni di carbonio” e ne scarica il costo sulla collettività. Aggiungendo che “non abbiamo bisogno di piani incredibilmente costosi per riasfaltare le strade d’Europa. Quello di cui abbiamo bisogno sono auto e mezzi pesanti più efficienti, non solo sulla carta ma anche su strada!“.

E intanto nell’ultimo mese le immatricolazioni di vettore nuove - di un settore che produce  il 20% del totale delle emissioni UEsono aumentate di oltre il 6%.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

A Torino i veicoli elettrici ora entrano gratis nella ZTL

giugno 29, 2017

A Torino i veicoli elettrici ora entrano gratis nella ZTL

A Torino, i possessori di veicoli dotati di alimentazione elettrica pura potranno richiedere e ottenere il permesso ZTL Blu-A a titolo gratuito, anche se non rientrano nelle categorie attualmente autorizzate. Sono i frutti di un “provvedimento ponte” approvato martedì 27 giugno dalla giunta di Chiara Appendino, nel quadro di una revisione generale delle modalità di accesso alla ZTL [...]

Ecotessitrici della Sardegna, un filo che arriva fino all’arcipelago giapponese di Okinawa

giugno 28, 2017

Ecotessitrici della Sardegna, un filo che arriva fino all’arcipelago giapponese di Okinawa

Un legame stretto, nonostante 10 mila chilometri di distanza, tra la Sardegna e l’arcipelago di Okinawa in Giappone. Isole che condividono la lunga aspettativa di vita, sono tra le popolazioni  più longeve del mondo. Merito di uno stile di vita semplice e sano. Ma un altro filo che unisce  è la custodia di antiche tradizioni, come  la [...]

TrenoBus delle Dolomiti: per tutta l’estate un servizio intermodale per ciclisti e trekker

giugno 27, 2017

TrenoBus delle Dolomiti: per tutta l’estate un servizio intermodale per ciclisti e trekker

Bellezze naturali e attrazioni turistiche: sono numerosi i punti di interesse che anche quest’anno cicloturisti e trekker potranno raggiungere grazie al TrenoBus delle Dolomiti, il servizio intermodale che offre ai ciclisti e agli amanti del trekking la possibilità di percorrere le piste ciclabili dell’intero anello dolomitico e di passeggiare nel cuore dei numerosi punti di [...]

Ricerca UniBZ sul Gewürztraminer: l’uso del glifosato può alterare il mosto

giugno 26, 2017

Ricerca UniBZ sul Gewürztraminer: l’uso del glifosato può alterare il mosto

Cattive notizie per i viticoltori che usano glifosato. Il principio attivo, molto usato per il controllo delle malerbe sulle file, potrebbe alterare la qualità del mosto prodotto. È la conclusione a cui sono giunti ricercatori della Libera Università di Bolzano dopo uno studio sulla fermentabilità di uve di Gewürztraminer. La ricerca è stata effettuata dal gruppo [...]

Siccità e deserficazione: l’allarme dei Geologi sulla gestione delle risorse idriche

giugno 26, 2017

Siccità e deserficazione: l’allarme dei Geologi sulla gestione delle risorse idriche

“La perdurante scarsezza delle precipitazioni, nella primavera appena trascorsa, ha causato un abbassamento dei livelli d’acqua in fiumi, negli invasi e nelle falde sotterranee”. Lo afferma Fabio Tortorici, Presidente della Fondazione Centro Studi del Consiglio Nazionale dei Geologi. “A grande scala – continua Tortorici – stiamo assistendo a cambiamenti climatici che ci stanno portando verso [...]

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

giugno 19, 2017

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

La Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, in collaborazione con Ecomondo, organizza anche per il 2017 il “Premio per lo Sviluppo Sostenibile“, che ha avuto nelle otto edizioni precedenti l’adesione del Presidente della Repubblica, richiesta anche per quest’anno. Il Premio ha lo scopo di promuovere le buone pratiche e le migliori tecniche delle imprese italiane che [...]

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

giugno 19, 2017

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

Intesa Sanpaolo ha collocato con successo un green bond da 500 milioni di euro, titolo legato a progetti di sostenibilità ambientale e climatica, raccogliendo ordini per circa 2 miliardi di euro e acquisendo il primato, ad oggi, di unica banca italiana a debuttare quale emittente “green”. L’importo raccolto tramite il green bond verrà utilizzato per il [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende